Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Storria d'ammori

Condividi 

Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 4]

1
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Pazza la sciviamo una Storia d'Ammori? Storria d'ammori 274731

2
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Solo se porno, altrimenti non se ne fa nulla... Io sono cresciuta alla scuola di Erika Jong e di un tale Hans che gliene faceva di tutti i colori! cool

3
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Sorriso Scemo oh...beh..nei drammoni in genere quando trombano fanno il botto...
tipo razzi segnaletici nella guerra del golfo...

Mai considerato il valore erotico dell'inibizione?

4
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Titolo:

I dolori del giovane Venter

Il treno sferragliava rombando nella notte; rombava, certo, ma mai come il ventre del giovane Venter, chiuso da tre quarti d'ora nel fetido cesso del vagone 7, mentre un sospettosissimo bigliettario lo aspettava al varco col blocchetto delle multe.
"Sarà stata l'uva bianca dello zio Pasquale" pensava il giovane Venter, mentre goccioline di sudore freddo imprerlavano la sua non troppo ampia fronte.



5
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
I piaceri legati allo sfintere anale erano gli unici godimenti che il giovane Venter poteva concedersi, avendo contratto durante la sua militanza nello schieramento sessuofobico del Regime del Buon Costume una grave forma di misoginia.
I solitari piaceri legati alla costipazioni e all'espulsione del suo gravoso carico di impurità era per lui un piacere primario e imprescindibile, di cui godeva nascostamente, senza però mai esserne pago. Quello era il suo dono all'intero mondo, in attesa che il dio bambino, onnipotente creatore di merlotti forgiasse il mondo intero a somiglianza del suo odoroso parto organico.

6
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Mentre il giovane Venter così faticosamente, ma non senza malcelata voluttà, sganciava il prodotto finale del saper del cuoco sulle rotaie della Genova-Ventimiglia, da un lontano scompartimento partiva l'avvenente signora Tiraboschi in Mercalli che, preda di un'intempestiva quanto lancinante colica, dopo aver deposto il suo odiodo maltese Odoacre sotto il sedile, scivolava veloce e ansante verso l'agognata liberazione. Purtroppo, il destino la spingeva proprio verso il loco ove il giovane Venter, bestemmiando orrendamente il nome dello zio Pasquale, continuava il suo saggio di mirabil chimica sulla trasformazione dell'uva bianca.

7
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Il piccolo Maltese ben comprendendo il rischio in cui la sua padrona stava per incorrere, si divincolò con tutte le forze della fedeltà canina al vincolo di simil cuoio del guinzaglio industriale made in china che lo imbrigliava al sedile.
Nel mentre in cui la signora Tiraboschi spalancava quella che non poteva intuire essere una porta sull'orrore, il piccolo maltese in volo attraversò lo spazio aereo che separava lo sguardo della donna dal fetido cacaro con le braghe calate imboccando la via del finestrino in un ultimo eroico ululato.
Il suo sacrificio fu vano, come spesso accade alle bestie fedeli.
La Signora Tiraboschi in Mercalli e il Giovane Venter Cacaro si trovarono occhi negli occhi.
" I miei sfinteri sono grevi Messere...mi può cedere il posto?" disse lei arrossendo.

8
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Ma tu, caro lettore, sarai forse deluso o costernato che i due autori, per quanto di età indubbiamente avanzata, stiano dando inequivocabili sintomi di quella che quel cialtrone di Freud definiva "fase anale".
E allora dobbiamo ripartire da capo e capire come e perché il giovane Venter si trovasse su quel treno, e saremo quindi costretti a ritornare indietro di molti anni...
Il deludente apparato riproduttivo del marito, aveva costretto Mercedes, la futura mamma del giovane Venter, a spregiudicati e variegati esperimenti sin dai primissimi mesi dopo il matrimonio, dai quali non si era salvato nemmeno il futuro zio Pasquale, da lei concupito nella vigna.

9
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La donna si dedicò al progetto con zelo commovente, e con buona volontà e qualche piccola lezione di idraulica riusci a far germinare nel suo grembo la vita o qualcosa di simile.
La gravidanza trascorse serenamente. Il futuro Giovane Venter si trovava piuttosto bene nell'utero, e non aveva la più pallida intenzione di uscire.
" Che bel posticino caldo e morbido"
pensava nuotando tra un ovaia e l'altra.
" e chi me lo fa fare a me di venir fuori ! Poi c'è da farsi sudate pazzesche per entrare... tra l'altro mi hannno detto pure che l'ingresso è a pagamento... ah no no.... non sono mica fesso"
Purtroppo però per albergare in tale amena vallata occorre sempre il consenso della donna, sia essa madre, madonna o mercenaria e giunse anche per il futuro giovane Venter il momento dello sfratto esecutivo.
Venter si aggrappò disperatamente ai bordi del canale uterino.
" e che è? un terremoto? e statte ferma!"
" e che terremoto e terremoto! il tuo contratto scadeva dopo 9 mesi... era concordato" disse la voce della madre
" lo sapevo che c'era la fregatura.... e io che mi ero fidato"
imprego il giovane Venter mentra annaspava bevendo sorsate di liquido aminiotico.
" e datemi una mano... questo qua vuole occupare... non vuole mica uscire"
urlò la donna.
L'osterica tramortì il neonato con una zappata in testa.
E lo estrasse dal ventre materno.

10
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
"Che ma de venter" disse la mamma. Il marito, che aveva il cervello sviluppato non più dell'apparato riproduttivo, equivocò e iscrisse il figlio all'anagrafe come Venter, mentre lo zio Pasuqle offriva sigari e vino frizzante a tutto il vicinato.
Il giovane Venter crebbe nell'amore per il Signore e nello spionaggio degli esperimenti materni, che non erano cessati nemmeno dopo la sua nascita. Una volta al mare si era anche esibito in un capiriccio colossale perché voleva un salvagente a forma di bagnino, e alla disperazione del padre, che si affannava a giurare che non esisteva, oppose una fredda logica: aveva appena visto la madre che ne stava gonfiando uno dietri gli scogli.

11
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
rotolarsi dal ridere .................

Vedendosi opporre astruse e fantasiose spiegazioni, il giovane Venter sviluppò nel tempo una certa inclinazione al sospetto. Nel contempo non si spegneva in lui il rancoroso ricordo dello sfratto subito.
" così accade con quelle affituarie disoneste! prima di aprono casa.. e poi ti sbattono in strada tutto zozzo e nudo! Che figura di merda!"
Le lacunose spiegazioni ed il rancore serbato lo convinsero che certamente dietro quell'indegna prassi doveva celarsi una cospirazione comsmica che avrebbe inevitabilmente condotto ad un Armageddon finale tra i generi.
" quando avverrà sarò pronto si disse"... ma il solo pensiero risvegliava in lui sospetti moti intestinali.

12
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Un giorno Don Aristide chiese al dodicenne Venter di fermarsi dopo il catechismo che gli doveva parlare, e subito l'intestino iniziò una tarantella che produsse inevitabili effetti collaterali che portarono alla sbiancamento prima, e poi allo svenimento del compagno di banco.
Don Aristide, grasso e calvo, imprecò tra i denti ma approfittò dell'incidente per mandare tutti a casa con mezzora di anticipo e restare solo con Venter.
"Venter" disse mellifluo, ora ti mostrerò il bastone di Mosé e tu dovrai adorarlo, come insegna la bibbia"

13
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Storria d'ammori 214252 ...............................

Venter avvertì un brivido.
La percezione precoce della precarietà legata all'abusivismo abitativo, alle mistificazioni ordite dall' Unione delle Affittuarie Italiane lo avevano sempre fatto sentire insicuro, minacciato.
Per la prima volta di fronte a quel bastone nodoso e canuto, percepì l'intensa forza del potere fallico.
Cadde in ginocchio tra i sussulti di gioia dell'anziano sacerdote.
Subito il parroco corse verso il tabernacolo alla ricerca del viagra che teneva nascosto. Non lo trovò. Frugava tra le particole affannosamente, ma nulla. Di colpo, come colpito dalla folgore divina comprese.
Aveva commesso un errore gravissimo....
inebriandosi più del solito di vin santo aveva confuso le due scatole !!!!!!!!!
Ecco cosa aveva impartito come santa comunione durante la messa del sabato!
un tremito di terrore lo pervase.
Senza por tempo in mezzo, correndo come un lampo ammbandonò la sagrestia e corse in paese, per evitare che il peccato si diffondesse.
Così, mentre tutti in paese ciulavano beati come conigli ed il parroco batteva il record dei 100 metri piani, Venter ebbe da caso salvata la sua virtù.

14
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
...ma solo per miracolo, poiché rientrando a casa, vide lo zio Pasquale balzar fuori dalla vigna con gli occhi spiritati e la bava alla bocca (si era comunicato in mattinata). Per sua fortuna fu intercettato dalla mamma, che sottopose il satiro alla stessa cura che aveva somministrato al bagnino, sotto gli occhi curiosi di Venter, assai stupito che anche lo zio Pasquale avvesse in tasca il bastone di Mosè e che fosse gonfiabile.
Intanto Don Aristide tempestava di pugni la saracinesca della farmacia, col bastone ormai ridotto a un porro lesso

15
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
......... Il giovane Venter si appropinquò così,
ancora illibato per intervento divino a superare il periglioso mare dell'adolescenza. Divenne un uomo, per dirla tutta un discreto tronco di pino...
fatta eccezione per il bozzone che aveva in cima al collo, altrimenti detto "testa".....

16
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
:_-_: basta?

17
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Domani, cara. Stasera la Pazzerella è triste e incazzosa! nascondersi

18
Gèca
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Pazza_di_Acerra ha scritto:Domani, cara. Stasera la Pazzerella è triste e incazzosa! nascondersi

Nun ce pensa'.

19
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
BeautyfulSuina ieri era ieri.
oggi è oggi.... hug tenderly

20
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Così, il giovane Venter arrivò ai vent’anni col fiore dell’innocenza ancora immacolato. Quando spiava lo zio Pasquale e la mamma nella vigna, gli pareva un po’ volgare e molto ridicolo tutto quell’affannarsi della bestia con due schiene, quel volgare ballonzolare di natiche, quei volti conosciuti che in quei momenti parevano estranei. Avrebbe voluto confidare questi pensieri a don Aristide, ma ci arrivava da solo a comprendere che non era il caso, tanto più che, quando ripensava alla mamma e allo zio, sentiva uno strani formicolii al basso ventre e si vergognava,

21
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ignorando che si trattavo soltanto di una fulminante cistite.

22
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Storria d'ammori 2504199820 Si continua?

23
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Tocca a lei. Quella della ciostite non vale, è troppo corta! Storria d'ammori 827538

24
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Pazza_di_Acerra ha scritto:Così, il giovane Venter arrivò ai vent’anni col fiore dell’innocenza ancora immacolato. Quando spiava lo zio Pasquale e la mamma nella vigna, gli pareva un po’ volgare e molto ridicolo tutto quell’affannarsi della bestia con due schiene, quel volgare ballonzolare di natiche, quei volti conosciuti che in quei momenti parevano estranei. Avrebbe voluto confidare questi pensieri a don Aristide, ma ci arrivava da solo a comprendere che non era il caso, tanto più che, quando ripensava alla mamma e allo zio, sentiva uno strani formicolii al basso ventre e si vergognava,

invocando una mano Santa che lo liberasse dai suoi patimenti.

Passarono giorni, stagioni e anni.

Ed alla fine quella mano arrivò,
perchè fa parte della legge del caso il fatto che le preghiere vengano talvolta esaudite.

25
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La mano apparteneva all'infermiera professionale Cesira Fraccapane, di anni 38 e di kg. 122, il giorno in cui, nel dirigere la maestosa attrezzatura di Venter verso il pappagallo, vide la medesima lievitare come pasta di pane sino a dimensioni ragguardevoli. Dopo essersi guardata attorno, Cesira mollò il pappagallo e si concentrò su qualcosa di ben più interessante, mentre Venter,allocchito, non riucivo a spiccirare verbo.

26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 4]

Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4  Seguente

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.