Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Madame Bovary: eroina o fallita?

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Meer
Meer
Viandante Residente
Viandante Residente
La protagonista sogna il vero amore, intenso e senza compromessi. Sogna un amore talmente forte da sedurla e trascinarla assorbendola del tutto. Per questo la vita coniugale l’annoia, anzi, l'annoia la stabilità.
Io vedo questo in Emma, e quindi la intendo esattamente come l'equivalente femminile dell'eroe maschio che lotta per un ideale, politico magari. Non mi suscita antipatia come a molti. Un mio amico vedeva in lei l'emblema della fallita in amore, ovvero di chi non sa dare valore alle cose e scambia le lucciole per le lanterne.

Come interpretate voi il personaggio di Emma? Cosa voleva esprimere l'autore attraverso questo personaggio?

2
beautiful stranger
beautiful stranger
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
E' un romanzo che ho amato molto, come la protagonista, ma da qui a definirla "eroina" ce ne passa... Io ci vedo le nostre debolezze, le nostre nevrosi, la nostra tendenza a farci, e lasciarci fare, del male. Certo occorre tener conto del fatto che è stato scritto in un'altra epoca, nella quale l'adulterio era probabilmente l'unico atto di autodeterminazione concesso ad una donna. Il marito era scelto da terzi, e lo spazio per la passione, l'attrazione fisica, la ricerca dell'anima gemella, si svolgeva necessariamente fuori dal matrimonio. Ma - mentre l'altra adultera famosa di quel secolo, Anna Karenina, trova effettivamente l'amore e tenta di cambiare la sua vita, sfidando le convenzioni, perdendo l'affidamento del figlio - Emma si fa maltrattare dagli amanti, si abbandona allo shopping compulsivo, fa debiti, viene ricattata, è decisamente autodistruttiva. Emma è quel che noi donne dobbiamo sfuggire: è un romanzo attualissimo, perchè molte donne non hanno ancora imparato il rispetto di sè, il realismo e l'integrità.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.