Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

"Er Maestro"

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
carnil_carani
carnil_carani
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
‘Sta poesia, se permettete
io la dedico ar Boemo,
che pe’ Roma ha fatto tanto
più de Romolo e de Remo

E’ pulito, coraggioso,
lui vole cancellà ‘r marcio
er suo unico interesse:
ripulire questo carcio

Pe’ le sue tante battajie
P’esse ‘na persona vera
er sistema l’ha osteggiato
j’ha bloccato la cariera

pe’ la sua grande crociata
contro ’r carcio ‘n farmacia
er sistema l’ha intrarciato
pure in Serbia ed in Turchia

per ave’ attaccato Moggi
e l’ambiente juventino
l’hanno fatto esonera’
anche a Lecce ed Avellino

Per ave’ poi criticato
er sistema dall’interno
l’hanno fatto manna’ via
pure a Napoli e a Salerno

Anche a Roma, tocca dillo,
nun t’avemo rispettato
però cerca de capicce:
er sistema c’ha obbligato

Ma ora ‘r carcio è ripulito
e quer Moggi nun c’è più
quindi è tempo che ritorni
puoi guidacce solo tu!

Ve confesso che ho ’n po’ pianto
alla sua presentazione,
rivede’ Bardini e Zema:
sì, amo fatto er ribartone!

E ora chi ce segna più
co’ Castan, Burdisso e Piris
ed in mezzo sai che lanci
Bradley Pianjc e Tachtsidis?!

E davanti mejo ancora
è arivato Mattia Destro
che ha scartato Real e Barca
pe’ giocare cor Maestro.

E le radio e li giornali
tutti uniti, tutti in coro:
cor Boemo sfonnerete,
quello è ‘na miniera d’oro

Alla prima cor Catania
Io me sento tutto ’n foco
ma ce rubbano ‘n pareggio
co’ du’ go’ in fuoriggioco

A San Siro stravincemo
quindi tiro ‘n fori ‘r petto
è er momento de gridallo:
qui c’è aria de scudetto!

Cor Bologna ar primo tempo
sensazione confermata:
lo scudetto sarà nostro
già alla fine dell’andata.

Popo mentre sto’ a stappa’
co’ l’amici li spumanti
me risvejia Gilardino
oltre ar solito Diamanti

Solo a Cajiari rivedo
la mia Roma ‘n po’ boema
‘n ber tre a zero a tavolino,
ecco la mano de Zema!

C’è Ferara, quer bastardo
tocca daje ‘na lezione
ma poi quanno sono in dieci
nun toccamo più ‘n pallone

Nun importa, me interessa
solamente ‘na partita
dai Boemo, tocca a te
è la sfida della vita

er Maestro se scatena:
Conte, farmaci e scudetti
è la sua grande vendetta
co’ 'sti ladri maledetti

Senza cupola né Moggi
È la tua grande occasione
Daje oggi me lo sento
Sì, je damo ‘na lezione!

Pe’ tre giorni nun ce dormo,
me fomento co’ le radio
je mettemo ‘no striscione:
"sverginamoje ‘lo stadio!"

E’ arivato ‘r grande giorno
Svejia, corsa alla stazione
E poi in treno co’ le cuffie
‘n posso perdeme Marione!

Allo stadio majia, sciarpa
e bandiera giallorossa
perché oggi è ‘r grande giorno
l’attesissima riscossa.

Ecco, se sistema 'n campo
Con er suo quattrotretre
Poi er Maestro ce saluta
Oh, te giuro, nun sto in me

Dai, semo partiti bene!
oh nun faccio ‘n tempo a dirlo
che qua manco è cominciata
e ci ha già purgato Pirlo.

Sai che c’è? Mejo così!
Tanto so che vinceremo
Perché ora nun c’è Moggi
Ad ostacola’ ‘r Boemo

Poi Vidal e pure Matri,
‘na valanga de occasioni
stamo a fa’ come da sempre
la figura dei cojioni.

Poi rigore, e ‘n po’ ce credo
Ma ce purga anche Giovinco
E me viene ‘na domanda:
ma co’ Zema quanno vinco?

Perché poi, a pensacce bene
l’han mannato tutti via
e nun so se era ‘r sistema
ch’arivava anche 'n Turchia...

Sì, in Itajia c’era Moggi
ed er carcio era ‘n degrado
ma nun credo che potesse
comanna’ fino a Bergrado!

Ce potevo pensa’ prima,
so’ arabbiato co’ me stesso
però anche co’i giornali
che me trattan come ‘n fesso

A parlamme der sistema,
der Boemo che ha raggione
poi ogni vorta vengo qui
e ce pijo ‘na lezione

Me dicevano “lui è bravo
ma ha pagato le sue accuse”
Ora che vedo ‘sto schifo
ho capito che so’ scuse

E poi pure quer Moratti
Dice sempre che je piace
Perché ‘n se lo pija lui
O altrimenti se ne tace?

Dai, scusate, juventini,
v'ensurtavo da ‘na vita
ma da oggi ‘n c’ha più senso
la battajia è ormai finita

Ma la corpa, ve l’ho detto,
nun è stata solo mia.
Ora dateme ‘na mano,
Riportamolo ‘n Turchia!

(M. Zampini)

2
nonsidirebbe
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@carnil_carani ha scritto:‘Sta poesia, se permettete
io la dedico ar Boemo,
che pe’ Roma ha fatto tanto
più de Romolo e de Remo

E’ pulito, coraggioso,
lui vole cancellà ‘r marcio
er suo unico interesse:
ripulire questo carcio

Pe’ le sue tante battajie
P’esse ‘na persona vera
er sistema l’ha osteggiato
j’ha bloccato la cariera

pe’ la sua grande crociata
contro ’r carcio ‘n farmacia
er sistema l’ha intrarciato
pure in Serbia ed in Turchia

per ave’ attaccato Moggi
e l’ambiente juventino
l’hanno fatto esonera’
anche a Lecce ed Avellino

Per ave’ poi criticato
er sistema dall’interno
l’hanno fatto manna’ via
pure a Napoli e a Salerno

Anche a Roma, tocca dillo,
nun t’avemo rispettato
però cerca de capicce:
er sistema c’ha obbligato

Ma ora ‘r carcio è ripulito
e quer Moggi nun c’è più
quindi è tempo che ritorni
puoi guidacce solo tu!

Ve confesso che ho ’n po’ pianto
alla sua presentazione,
rivede’ Bardini e Zema:
sì, amo fatto er ribartone!

E ora chi ce segna più
co’ Castan, Burdisso e Piris
ed in mezzo sai che lanci
Bradley Pianjc e Tachtsidis?!

E davanti mejo ancora
è arivato Mattia Destro
che ha scartato Real e Barca
pe’ giocare cor Maestro.

E le radio e li giornali
tutti uniti, tutti in coro:
cor Boemo sfonnerete,
quello è ‘na miniera d’oro

Alla prima cor Catania
Io me sento tutto ’n foco
ma ce rubbano ‘n pareggio
co’ du’ go’ in fuoriggioco

A San Siro stravincemo
quindi tiro ‘n fori ‘r petto
è er momento de gridallo:
qui c’è aria de scudetto!

Cor Bologna ar primo tempo
sensazione confermata:
lo scudetto sarà nostro
già alla fine dell’andata.

Popo mentre sto’ a stappa’
co’ l’amici li spumanti
me risvejia Gilardino
oltre ar solito Diamanti

Solo a Cajiari rivedo
la mia Roma ‘n po’ boema
‘n ber tre a zero a tavolino,
ecco la mano de Zema!

C’è Ferara, quer bastardo
tocca daje ‘na lezione
ma poi quanno sono in dieci
nun toccamo più ‘n pallone

Nun importa, me interessa
solamente ‘na partita
dai Boemo, tocca a te
è la sfida della vita

er Maestro se scatena:
Conte, farmaci e scudetti
è la sua grande vendetta
co’ 'sti ladri maledetti

Senza cupola né Moggi
È la tua grande occasione
Daje oggi me lo sento
Sì, je damo ‘na lezione!

Pe’ tre giorni nun ce dormo,
me fomento co’ le radio
je mettemo ‘no striscione:
"sverginamoje ‘lo stadio!"

E’ arivato ‘r grande giorno
Svejia, corsa alla stazione
E poi in treno co’ le cuffie
‘n posso perdeme Marione!

Allo stadio majia, sciarpa
e bandiera giallorossa
perché oggi è ‘r grande giorno
l’attesissima riscossa.

Ecco, se sistema 'n campo
Con er suo quattrotretre
Poi er Maestro ce saluta
Oh, te giuro, nun sto in me

Dai, semo partiti bene!
oh nun faccio ‘n tempo a dirlo
che qua manco è cominciata
e ci ha già purgato Pirlo.

Sai che c’è? Mejo così!
Tanto so che vinceremo
Perché ora nun c’è Moggi
Ad ostacola’ ‘r Boemo

Poi Vidal e pure Matri,
‘na valanga de occasioni
stamo a fa’ come da sempre
la figura dei cojioni.

Poi rigore, e ‘n po’ ce credo
Ma ce purga anche Giovinco
E me viene ‘na domanda:
ma co’ Zema quanno vinco?

Perché poi, a pensacce bene
l’han mannato tutti via
e nun so se era ‘r sistema
ch’arivava anche 'n Turchia...

Sì, in Itajia c’era Moggi
ed er carcio era ‘n degrado
ma nun credo che potesse
comanna’ fino a Bergrado!

Ce potevo pensa’ prima,
so’ arabbiato co’ me stesso
però anche co’i giornali
che me trattan come ‘n fesso

A parlamme der sistema,
der Boemo che ha raggione
poi ogni vorta vengo qui
e ce pijo ‘na lezione

Me dicevano “lui è bravo
ma ha pagato le sue accuse”
Ora che vedo ‘sto schifo
ho capito che so’ scuse

E poi pure quer Moratti
Dice sempre che je piace
Perché ‘n se lo pija lui
O altrimenti se ne tace?

Dai, scusate, juventini,
v'ensurtavo da ‘na vita
ma da oggi ‘n c’ha più senso
la battajia è ormai finita

Ma la corpa, ve l’ho detto,
nun è stata solo mia.
Ora dateme ‘na mano,
Riportamolo ‘n Turchia!

(M. Zampini)

CAPOLAVORO!!!!!
E lo dico senza motivazioni "ideologiche".... è un pezzo degno di Trilussa!

3
carnil_carani
carnil_carani
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@nonsidirebbe ha scritto:

CAPOLAVORO!!!!!
E lo dico senza motivazioni "ideologiche".... è un pezzo degno di Trilussa!

Massimo Zampini è un avvocato romano tifoso juventino, ha scritto un paio di libri ("Er go' De Turone, diari di uno juventino a Roma e "Il Gol Di Muntari, storia dello scudetto più bello di sempre") e in occasione delle batoste che prende la Roma dalla Juve è solito scrivere poesie come quella che ho postato qui, tutte con lo stesso titolo:
"Er solito complotto".

4
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.