Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

La Casa del Padre

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Leda
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
LA CASA DEL PADRE
O casa solitaria, così gelida nelle tue stanze, così calda di affetti e di
ricordi! Casa che fosti un nido e rifugio nei tempi tristi e lontani, ma
sempre presenti alla memoria, tempi dei bombardamenti e della carestia.
Casa ora silenzionsa, ma risonante un tempo di giochi e di risa e
festosamente traboccante d’amore conuigale e di calore domestico, oasi
di pace, angolo di paradiso immerso nel verde, quasi nascosto al paese
dall’intrico dei rami dei meli, posto ai margini del bosco, ai confini
della valle dei larici! (chi non vi è cresciuto non può capire). Di nuovo
sei rifugio alla mia stanchezza e alla desolta ricerca di affetti che non
trovo in chi mi vive accanto, ma che vivono in chi è morto.
Generazioni di morti, cari miei morti, sempre presenti nell’anima; la
vostra voce, i vostri passi credo di udire talvolta al piano di sopra. Mamma
che rifà i letti, odo aprire una porta e rivedo la nonna entrare al
ritorno dalla stalla; o avverto papà che scende le scale con la legna per
il fuoco acceso.
Ancora la fiamma ha lo stesso sbuffo d’una piccola locomotiva,
intiepidisce l’aria, che si fa pregna di profumi di resina e di profumi di
ricordi; le scarpe chiodate messe ad asciugare per la scuola dell’indomani,
i panni raccolti dal filo sul prato, induriti e rigidi di gelo, ora
come allora sgocciolano con il loro perpetuo sfrigolio sul piano della
cucina economica.
Ancora ritrovo oggetti che accompagnarono la mia infanzia e quella
dei miei fratelli: l’orologio a cucù, che ormai mostra come te e come
me i segni dell’età ed è diventato rifugio di ragni e di vespe, la foto a
grandezza naturale della sorellina defunta, la cui morte segnò e incupì
per sempre il carattere della mamma che da bambina mai vidi sorridere,
la minuscola culla di legno dalle linghissime gambe che ci accolse neonati,
la credenza tarlata che il Toio da Palù fabbricò, le tazzine delicate,
dono di nozze che non si dovevano usare se non per ospiti importanti
(per tutti gli altri c’erano le scodelline di terraglia).
E c’era sempre dietro nascosto qualcosa di buono: la cioccolata fondente
o i dolcetti introvabili a chiunque non fosse papà nostro. E la
madia sempre piena di farina, grazie ai suoi faticosi, disumani viaggi a
12
piedi trascinando un carretto per procurarsi il necessario e, sempre, anche
qualcosa di più, allorché, dopo giorni di cammino rientrando stravolto
dalla fatica esclamava “Era pesante, ma lo fosse stato di più!”.
E la tavola per la pasta col suo mattarello, ove la mamma impastava
con quella farina il bel pane candido e croccante, il solo che fosse commestibile
a quel tempo. E l’enorme caldaia del bucato, ove la cenere
bolliva nell’acqua trasformandola in ranno, così efficace e così necessario
per il bucato mensile che, immacolato, sventolava a lungo, a seconda
delle stagioni, sul prato o in soffitta.
Di nuovo rivivo una serata di legna nella stufa, di silenzio assoluto,
di pace.
Tornare indietro, nel mondo, oh, non per ora!
Per non dimenticare, per avere sempre un occhio al futuro e al nuovo
che avanza, ma il cuore nel passato.
Sì, amo assai di più gli anni trascorsi in una tranquilla incoscienza,
sicuri e paghi all’ombra di mamma e papà, quegli anni che furono miei,
che sono diventati un bagaglio della mia vita che non posso abbandonare,
e che non voglio smarrire. Gli anni a venire mi fanno un po’ paura,
sarà l’età che avanza inesorabile con il suo carico di acciacchi e di disillusioni,
ma i sembrano incerti di affetti, così nebulosi, così poco allettanti!
Ed anche oggi è notte, ormai da sette giorni vivo qui, anzi rinasco in
una dimensione nuova e antica, come già disse un poeta.
Non toglietemi queste serate di pace e di riflessione, non inquinate
la mia serernità ritrovata con progetti angoscianti e faticosi!
Forse questo è un presagio, un preludio di morte, forse gli anni che
passano fanno ripiegare lo spirito sui ricordi, così come si ripiega il
fiore sullo stelo prima di morire.

2
xmanx
xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Credo che il paradiso possa attendere.
La tranquilla incoscienza è sempre un gran bel rifugio. Ma è anche vero che i rifugi sono fatti per una sosta.

3
Leda
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La Sosta che attendo. Che si tramuti in Ultima Fermata.

4
xmanx
xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
uhm...ok.
La scelta di fermarsi o di andare oltre è, pur sempre, una scelta soggettiva.

5
PorceDi
PorceDi
Viandante Storico
Viandante Storico
@Leda ha scritto:La Sosta che attendo. Che si tramuti in Ultima Fermata.
Questo succede a tutti prima o poi.
Sia che si decida di aspettare, sia che si decida di non aspettare.

6
Leda
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Questo racconto che ho postato il 6 settembre, giornata memorabile per me per una serie di motivi, è stato scritto da mia madre mi sembra nel 1993, anno in cui è scappata da casa.
Per dire tutta la verità non l'ho mai letto per intero. Ho solo rilevato delle frasi, dei punti che so bene sottendere altri elementi.
E' tagliente, mia madre, crudele certe volte.
Non ho mai deciso se le voglio bene o mi limito ad accettarla.

7
Sogno_infranto
Sogno_infranto
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Questo racconto è stupendo
Tua madre ha una grande ricchezza e nobiltà d'animo,sei davvero fortunata

8
Leda
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Dici? Sta scrivendo un libro, ma io non ho il coraggio di leggere i suoi racconti. Temo che finirà che lo leggerò postumo. Allora sì che mi prenderanno sensi di colpa e rimorsi. mah....

9
Sogno_infranto
Sogno_infranto
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Se io avessi una madre come la tua vorrei passare tutto il mio tempo libero con lei

hai mai visto questo film?

10
Leda
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
[quote="Sogno_infranto"]Se io avessi una madre come la tua vorrei passare tutto il mio tempo libero con lei

Lascia perdere, non la conosci...

hai mai visto questo film?
il film l'ho visto, e mi è piaciuto.

Tu hai visto Il Principe delle Maree?

11
Sogno_infranto
Sogno_infranto
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
No,cmq cerca di sorvolare il carattere che può avere e pensa a quello che di buono ha fatto per te..

12
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.