Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Tolkien

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Mago_Merlino
Mago_Merlino
Viandante Residente
Viandante Residente
Tolkien ci ricorda con le sue opere che la connessione istituita tra
bambini e fiabe non è che un accidente della nostra storia. Le fiabe,
nel moderno mondo alfabetizzato, sono state relegate alla stanza dei
bambini, così come mobili sciupati o fuori moda vengono relegati nella
stanza dei giochi, soprattutto perché gli adulti non vogliono più
vederseli d’attorno e non si preoccupano se vengono maltrattati. Ci
ricorda che le fiabe non sono necessariamente storie di fate, bensì vicende in cui si narra del mondo fatato. E’ un reame che
contiene molte altre cose accanto a elfi e fate, oltre a gnomi,
streghe, trolls, giganti e draghi: racchiude i mari, il sole, la luna,
il cielo, e la terra e tutte le cose che sono in essa, alberi e
uccelli, acque e sassi, pane e vino, e noi stessi, uomini mortali,
quando siamo vittime di un incantesimo. Egli paragona le fiabe ad un
calderone pieno di minestra nel quale mitologia, storiografia, romance,
agiografia, racconti popolari e creazioni letterarie sono state gettate
assieme e quindi lasciate ribollire nei secoli.Fu solo nel diciannovesimo secolo che letteratura e arte
fantastica furono confinate all’infanzia , poiché ciò
avvenne in un momento in cui l’interesse del pubblico adulto per queste
arti non avrebbe potuto essere maggiore. Prima di allora, i racconti
epici ed i miti antichi occupavano un posto centrale nella letteratura,
mentre i loro cugini, i racconti popolari e le fiabe, venivano
raccontati indifferentemente a giovani ed anziani.
Il Signore Degli Anelli, narra una storia che è universale, come ogni storia di ricerca. La ricerca è un simbolo esistenziale fondamentale. La ricerca ed il siaggio esemplificano il mistero dell'esistenza. La stessa cosa vale per l'anello, simbolo di un legame sempre prezioso, simbolo di potere, e per questo nefasto qual'ora potere e legame implichino un contatto con il male.
Questo autore e questo libro sono riusciti a catturare il mio immaginario per queste ed altre ragioni....  Tolkien 254979
sicuramente non sono il solo...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.