Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Lo Straniero (Albert Camus): riflessioni intorno all'uomo, alla vita, alla verità e alla normalità

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Lo Straniero (Albert Camus): riflessioni intorno all'uomo, alla vita, alla verità e alla normalità Albert_camus

"Oggi la mamma è morta. O forse ieri, non so”. Meursault,l'impiegato grigio, affronta con questa indifferenza tutta la catena di eventi che lo condurrà ad un finale che sarebbe tragico, se non fosse vissuto con lo stesso animo attonito. Quasi indifferente assiste al funerale della madre, capita in grembo alla donna che aveva amato anni prima e accoglie la di lei proposta di matrimonio. E' tutto uguale, indifferente. Nello stesso modo arriva quasi per caso ad uccidere un uomo e si consegna alle autorità in attesa della punizione per il suo gesto.
La sua indifferenza alla sua stessa vita turbano perché si tratta della persona NORMALE per antonomasia, e proprio questa persona NORMALE è completamente vuota emotivamente. E tutta questa indifferenza rimane rigorosamente senza spiegazioni, senza ragioni e tanto meno soluzioni.

E di questo personaggio, Camus parla in questi termini

«Non ci si sbaglierebbe molto leggendo ne Lo straniero la storia di un uomo che, senza alcun atteggiamento eroico, accetta di morire per la verità. Meursault per me non è dunque un relitto, ma un uomo povero e nudo, innamorato di un sole che non fa ombra. Lungi dall'esser privo di qualsiasi sensibilità, è attanagliato da una passione profonda: la passione dell'assoluto e della verità. Mi è accaduto di dire anche, e sempre paradossalmente, che avevo provato a raffigurare nel mio personaggio l'unico Cristo che meritiamo»


Cosa può farci capire tutto questo?
Cos'è l'indifferenza e il vuoto che tanto turbano in questo personaggio? cos'è la sua normalità?
Perchè sarebbe l'unico Cristo che noi meritiamo?
Davvero è il Cristo che noi meritiamo? oppure no?


Ve lo siete voluto voi... e non ditemi che sto luogo si abbassa di livello o potrei triturarvi le pallette con "L'uomo in Rivolta" e "La Peste".... Sorriso Scemo ... e non è escluso che lo faccia, intanto che chiaccherate .... VVVVB A TUTTI :§§§§: ......... rotolarsi dal ridere

2
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Lo Straniero (Albert Camus): riflessioni intorno all'uomo, alla vita, alla verità e alla normalità 467488 E , fra parentesi, capperi quanto era bello Camus.....

Lo Straniero (Albert Camus): riflessioni intorno all'uomo, alla vita, alla verità e alla normalità 383281 ops... non è d'uopo andare o.t. nel proprio thread...

Scusate... Lo Straniero (Albert Camus): riflessioni intorno all'uomo, alla vita, alla verità e alla normalità 700819

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.