Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

L'Animale che dunque sono (Jacques Derrida)

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
L'Animale che dunque sono (Jacques Derrida) Bacipets-294x220

Derrida si è occupato del mondo animale a partire da uno studio della lingua, ricomponendo poi i pezzi della decostruzione operata in idee generalizzabili sul significato assegnato a questo insieme di viventi.
La prima cosa che balza all’occhio è che la parola “animale” è una e funge da insieme contenente a prescindere dalla biodiversità delle varie specie. Il senso di questo appiattimento è da ricercarsi nel rapporto di contrapposizione tra tale insieme, ovvero la parola “animale”, e la parola “uomo”. L’opposizione è necessaria alla consistenza della parola uomo in quanto essa si definisce per differenza di caratteristiche, qualità e abilità rispetto all’insieme precedente.

In altre parole, il termine “animale” verrebbe coniato a prezzo di una brutale riduzione, e tale riduzione inficerebbe poi tutti i ragionamenti successivi che si sviluppano poi utilizzando tale concetto e la sua area semantica.
E a questo punto mi permetto di attaccare a questo ragionamento le mie nebulose riflessioni.

Il linguaggio appartiene a chi lo inventa , diventa capace di condividerlo ed utilizzarlo. Il linguaggio è potere perché attribuisce significato alle cose e le destituisce di significato. Nel momento in cui questa capacità di significazione diviene astraibile dalle situazioni contingenti il linguaggio diviene sempre più versatile e potente. Il suo potere viene istituzionalizzato in un codice che contribuisce a definire i parametri di realtà del mondo che lo utilizza. A questo livello il linguaggio non ha soltanto una valenza espressiva ma ha quasi un potere “ontologico”, se mi passate il temine, perché sostiene ragionamenti che educano a percepire la realtà in un certo modo. Questo tipo di linguaggio non compete agli animali se non in minima misura. Questo linguaggio può togliere la capacità di rispondere ed anche il diritto linguistico di farlo ad un certo insieme di enti raggruppati in un certo tipo di insieme. Ciò accade per esempio a chi è raggruppato sotto la parola animale, perché l’uomo, che si definisce per opposizione a tale insieme si qualifica come “ l’animale dotato di logos ( ovvero ragione, linguaggio e anche ordine delle cose). Ma ciò che si chiama uomo, ha il diritto di attribuirsi ciò che rifiuta all’animale? E rispondere a questa domanda non è poi cosi semplice, visto che nella lingua esistono molti e molti “insiemi negati” che raggruppano altrettante cose e persone.

Se venisse a cadere la contrapposizione linguistica tra uomo e animale, cosa sapremmo in più di noi e di loro?
Quali ragionamenti migliori potremo fare?
E quali e quanti comportamenti negativi, si reggono infondo su ragionamenti sbagliati fondati su parole malmesse?





Lo so... non devo spolverare la libreri di notte, che poi manco ci vedo.



2
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
l'uomo è un animale che si autodefinisce uomo e si autonomina superiore al resto del regno animnale mentre il regno vegetale secondo me ci batte una sequoia vive 1000 anni nessun uomo riesce a vivere mille anni per cui sequoia batte uomo 1000 a 100

3
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La superiorità di qualcuno su qualcun altro è un fatto di parametri ( in base a cosa) e di potere, Capo.

4
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.