Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Perchè Shakespeare è stato ed è così "grande" ?

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
galadriel
galadriel
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Me lo sono chiesta molte volte. Molte volte mi è capitato nel corso dei miei studi trovarlo citato come emblematico esempio di un epoca di transizione. Da un punto di vista filosofico, infatti, Shakespeare
visse nel momento in cui l'antico orizzone tardo medioevale, già permeato di nuove idee andava incontro al suo crollo definitivo. Tale orizzonte, fatto di ruoli, identificazioni e valori, reggeva ancora e quindi ogni persona poteva contare su di esso per essere capita ( e uno scrittore poteva contare per essere capito su un preciso bagaglio di immagini). Tale orizzonte però scricchiolava e dalle fenditure passava il nuovo: la persona ( e lo scrittore) potevano usare in modo personale le vecchie immagini. La novità assoluta era perà la novità del contenuto: l'interiorità a collocazione libera, ovvero il nostro mondo intimo come lo conosciamo oggi. Un altra peculiarità legata al periodo di transizione, sarebbe il conflitto, fomentato dalla doppia appartenenza delle persone dell'epoca al mondo vecchio e al mondo nuovo.
Questa può essere una plausibile spiegazione della sua grandezza dal punto di vista della storia della filosofia.
Trovo degno di nota anche che i contenuti delle sue opere trapassino il tempo e lo spazio, sono sempre attuali ed emozionanti.
Chissà, chissà.....



Oh, ma quale luce irrompe da quella finestra lassù? Essa è l'oriente, e Giulietta è il sole. Sorgi, bel sole, e uccidi l'invidiosa luna già malata e livida di rabbia, perché tu, sua ancella, sei tanto più luminosa di lei. Non servirla, se essa ti invidia; la sua veste virginale e d'un colore verde scialbo che piace solo agli stupidi. Gettala via! Ma è la mia dama, oh, è il mio amore! Se solo sapesse di esserlo! Parla eppure non dice nulla. Come accade? È il suo sguardo a parlare per lei, e a lui io risponderò. No, sono troppo audace, non è a me che parla. Due elle più belle stelle del cielo devono essere state attirate altrove e hanno pregato gli occhi di lei di scintillare nelle loro orbite durante la loro assenza. E se davvero gli occhi di lei, gli occhi del suo volto, fossero stelle? Tanto splendore farebbe scomparire le altre stelle come la luce del giorno fa scomparire la luce di una lampada: in cielo i suoi occhi brillerebbero tanto che gli uccelli si metterebbero a cantare credendo che non fosse più notte.

Romeo e Giulietta

William Shakespeare

2
The Royal
The Royal
Viandante Storico
Viandante Storico

Hai sollevato una questione profonda come la notte........Shakespeare........e la sua grandezza. E' difficilissimo riuscire a spiegare i motivi del prestigio letterario di cui quest'autore ha ammantato le proprie opere. Probabilmente, tu hai fornito la risposta stessa. Per il semplice motivo che la dinamica espressiva e narrativa di Shakespeare si presenta come un alone indefinibile e luminoso che appunto si spinge oltre il tempo. C'e' una sorta di realismo sognante e l'atmosfera che si percepisce considerando tutto il suo patrimonio letterario e' un'atmosfera che da una parte porta i segni della propria collocazione temporale, ma dall'altra sfugge a qualunque tipo di obsoleticita' espressiva e creativa. In altre parole, in Shakespeare risiede una trascendenza letteraria e culturale che poi e' quella che ha fatto si' che egli, fosse semplicemente unico ed irripetibile dal momento che probabilmente, nel corso della cultura umanistica, anche se non lo si potrebbe giurare a priori, mai piu' ci sara' un secondo William Shakespeare. Solo lui ando' oltre il futuro e la modernita' stessa diventando cosi' irraggiungibile e talentuosamente "eterno". Se poi, Shakespeare passa attraverso il genio di Vittorio Gassmann.......


Perchè Shakespeare è stato ed è così "grande" ?  HamletSkullHCSealous

3
Steiner
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Mi ha sempre affascinato. ha esplorato la coscienza dell'uomo, i rapporti familiari, la politica, la psiche.Descrivendo tragedia e commedia del vivere. Ne conosco poco,
più che altro ricordi di scuola. Ancora vivi.

4
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.