Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni....

Condividi 

Vai alla pagina : Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20 ... 27 ... 35  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 19 di 35]

451
Hara2
Hara2
Viandante Storico
Viandante Storico

@Miss.Stanislavskij ha scritto:congiuntivi, condizionali... no no   Sei pieno d'odio!

Ho avuto un'infanzia difficile.

452
Constantin
Constantin
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

@Miss.Stanislavskij ha scritto:
@Constantin ha scritto:è il "condizionale" che frega sempre.

La "condizionale" invece ti salva

bella, Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 214252

453
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11888086_808568162593427_7859948071737015415_n

Siate felici per poter vivere a lungo.

Le preoccupazioni vi fanno ammalare
arrabbiarsi è una cattiva abitudine.

Se colui che è innocente
non si arrabbia, vivrà a lungo.

Colui che ha qualcosa
da rimproverarsi
perderà la sua salute
a causa dei suoi pensieri malvagi.

La felicità non è solo buona
in sé stessa,
è anche fonte di salute.

(Detto Hopi)

454
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11899744_808568445926732_7786380739133896610_n

Quando le tue gambe sono stanche, cammina con il Cuore.....

(Detto dei Nativi Americani)

455
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11949520_808569709259939_2929846103978025804_n

Mentre il fiume scorreva sul letto di ciottoli e Falco Notturno roteava nella luce del crepuscolo, la giovane madre sussurrava al bimbo che le succhiava il seno....
Tu sei la benedizione che è caduta dalle stelle e si è radicata nel mio cuore, piccolo mio. Per nove lune ti ho portato nel mio corpo, mentre riposavi. Ero felice di portare il peso dell'amore... Ho faticato molte ore per farti nascere e finalmente il magnetismo di Madre Terra ti ha attirato sul Sentiero.
Ora che sei qui voglio che tu sappia come canta il mio cuore! L'amore che provo per tuo padre è il contenuto dei sogni. Egli ha percorso il sentiero della forza e ha condiviso con me i suoi sogni e le sue lacrime. Il mio cuore è avvinto al suo. Egli mi ha dato il suo coraggio, ha colmato il mio cuore di desiderio e mi ha sempre rispettata con tutto il suo essere. Assieme, abbiamo seguito molte tracce e affrontato ogni singola sfida cuore a cuore....
In te io vedo il suo coraggio, la sua determinazione, i suoi occhi ridenti e la sua curiosità. In te, io vedo la mia gentilezza, la mia compassione e il mio desiderio di vivere con gioia. Esiste un amore tra i tuoi genitori che colma ogni giorno di canti, rende i nostri passi leggeri ed è duraturo quanto la Montagna Sacra.... Voglio che tu ricordi sempre che sei e sempre sarai un prodotto di quell'Amore.....

Algonchini-Il Prodoto dell'Amore..

Gli Algonchini rappresentano l'insieme di tribù di nativi americani più popolose esistenti tuttora. Gli algonchini vivono nelle riserve indiane canadesi, anche se nel passato occupavano la maggior parte delle regioni canadesi, dall'Atlantico alle Montagne Rocciose. Dato l'elevato numero, gli Algonchini si dividevano in clan e in tribù che a loro volta erano divise in nazioni e confederazioni, la più conosciuta delle quali era quella dei Powhatan. Questa Nazione prendeva il nome dal capo, divenuto celebre per essere il padre di Pocahontas. Gli Algonchini si suddividevano in Abenachi (Confederazione Wabanaki.)Piedi Neri,Cheyenne,Illinois,Mohegani, Mohicani, Cree, Sauk, Fox, Arapaho\e, Kickapoo, Lenape (o Delaware), Passamaquoddy,Miami,Micmac, Narragansett, Ojibway,Ottawa,Pequot,Potawatomi e Shawnee.

456
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 480098_247240952059487_1240473812_n

Non perdere mai la speranza di inseguire i tuoi sogni,
perchè sei te l'unica persona che può farli arrivare alla meta.

457
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 320317_247420608708188_759571585_n

La storia narra che:
Ogni cheyenne conserva il suo acchiappasogni per tutta la vita,
come oggetto sacro portatore di forza e saggezza.

Ancora oggi, a secoli di distanza, ogni volta che nasce un bambino,
gli Indiani costruiscono un dreamcatcher e lo collocano sopra la sua culla.
Con un legno speciale, molto duttile, plasmano un cerchio, che rappresenta l'universo,
e intrecciano al suo interno una rete simile alla tela del ragno.
Alla ragnatela assegnano quindi il compito di catturare e trattenere tutti i sogni che il piccolo farà.
Se si tratterà di sogni positivi, il dream catcher li affiderà al filo delle perline (le forze della natura)
e li farà avverare. Se li giudicherà invece negativi, li consegnerà alle piume di un uccello e li farà
portare via, lontano, disperdendoli nei cieli...

458
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 309351_247435485373367_1758255156_n

Le sette stelle
(Pianure / Piedi neri)

Un tempo c’era una giovane con molti pretendenti che si rifiutava di sposarsi. Aveva sette fratelli e una sorellina. La loro madre era morta da molti anni, non avevano parenti ma vivevano da soli col padre. Tutti i giorni sei fratelli andavano a caccia col padre. Sembrava che la giovane avesse un orso come amante ma, dato che non voleva che si sapesse in giro, soleva incontrarlo quando andava a far legna. Andava sempre a far legna non appena suo padre e i fratelli uscivano per andare a caccia lasciando l'altra sorellina sola in casa. Non appena era fuori dalla vista, nella boscaglia, fuggiva nel luogo in cui abitava l'orso.
Quando la sorellina crebbe cominciò ad incuriosirsi sul perché la sorella maggiore impiegasse così tanto tempo a prendere la legna, così un giorno la seguì. Vide che la giovane incontrava l'orso e vide che erano amanti. Quando lo scoprì corse a casa più velocemente possibile e, non appena il padre tornò a casa, gli raccontò cosa aveva visto. Quando sentì la storia egli disse: "Così la mia figlia maggiore ha un orso per marito. Ora capisco perché non si vuole sposare". Poi andò nell'accampamento a raccontare a tutta la sua gente che avevano un orso per cognato e desiderava che tutti gli uomini andassero con lui a uccidere quell'orso. Così fecero, trovarono l'orso e lo uccisero.
Quando la giovane scoprì cosa era stato fatto a causa della sorellina, andò su tutte le furie. Sgridò severamente la sorellina, poi le ordinò di andare dall'orso morto e portare a casa un po' della carne dalle sue zampe. La piccola cominciò a piangere e disse che aveva paura di uscire di casa perché una cagna con dei cuccioli aveva tentato di morderla. "Oh, non aver paura!" disse la giovane "ti dipingerò il viso in modo che tu possa assomigliare a un orso, con ombre nere lungo gli occhi e agli angoli della bocca e così nessuno ti toccherà." Quindi lei andò a cercare la carne. La sorella maggiore era una donna di medicina molto potente, riusciva a conciare le pelli in un modo nuovo: prendeva in mano una pelle, la colpiva per quattro volte con il raschietto ed era già conciata.
La sorella minore aveva un fratello più piccolo che portava sulla schiena. Dato che la madre era morta lei si prese cura di lui. Un giorno la sorella minore disse alla maggiore: "Adesso tu fai l'orso e andiamo a giocare nella boscaglia". La sorella maggiore fu d'accordo ma disse: "Sorella, non devi toccarmi le reni". Allora la sorella maggiore fece la parte dell'orso e giocarono nella boscaglia. Mentre stavano giocando la piccola sorella dimenticò cosa le era stato detto e toccò la sorella maggiore nel posto sbagliato. All'improvviso questa si trasformò in un vero e proprio orso, corse all'accampamento e uccise molta gente. Dopo che ebbe ucciso un gran numero di persone ritornò alla sua forma iniziale di essere umano. Quando la sorella minore vide quella maggiore correre via come un vero orso si spaventò a morte, prese il fratellino e corse alla sua dimora. Aspettarono lì, tutti impauriti e furono molto felici di vedere la loro sorella maggiore ritornare, dopo un po', alle sue sembianze.
I fratelli maggiori erano a caccia come al solito. Mentre la sorellina andava a prendere l'acqua con il fratellino sulla schiena, incontrò i sei fratelli di ritorno dalla caccia. I fratelli si accorsero di come l'accampamento fosse tranquillo e deserto e chiesero alla sorellina: "Dov'è tutta la nostra gente?". Poi la sorellina spiegò il gioco che lei e la sorella maggiore avevano fatto e come quest'ultima si fosse trasformata in un orso, si fosse messa a correre per tutto l'accampamento e avesse ucciso molte persone. Disse ai suoi fratelli che si trovavano in grande pericolo poiché la sorella di certo li avrebbe uccisi non appena fossero tornati a casa. Allora i sei fratelli decisero di andare nella boscaglia. Uno di loro aveva ucciso una lepre e disse alla sorellina: "Porta a casa questa lepre, quando sarà buio spargeremo fichi d'India tutt'intorno alla tenda tranne che in un punto. Quando uscirai dovrai cercare quel punto e oltrepassarlo".
Quando la sorellina tornò alla tenda la sorella maggiore le domandò: "Dove sei stata tutto questo tempo?". "Oh, il mio piccolo fratello si era sporcato tutto e ho dovuto pulirlo" rispose la sorellina. "Dove hai preso quella lepre?" le chiese. "L'ho uccisa con un bastone appuntito" disse la sorellina. "Questa è una bugia. Fammi vedere come fai" disse la sorella maggiore. Allora la sorellina raccolse un bastone che si trovava vicino a lei e lo lanciò alla lepre e si conficcò nella ferita che già aveva sul corpo. "Allora va bene" disse la sorella maggiore, quindi la sorellina preparò la lepre e la cucinò. Ne offrì un po' alla sorella maggiore ma la rifiutò, allora la sorella minore e il fratellino la mangiarono tutta. Quando la sorella maggiore vide che la lepre era stata tutta mangiata, si arrabbiò moltissimo e disse: "Adesso credo che vi ucciderò". Allora la sorellina si alzò in fretta, prese il fratellino sulla schiena e disse: "Vado fuori a prendere la legna". Come uscì seguì il piccolo sentiero in mezzo ai fichi d'India e incontrò i suoi sei fratelli nella boscaglia. Poi, decisero di andarsene e partirono il più velocemente possibile. Dato che la sorella maggiore era una potente donna di medicina, capì immediatamente cosa avrebbe fatto. Andò su tutte le furie e si trasformò in un'orsa per inseguirli. Stava presto per raggiungerli quando uno dei ragazzi mise alla prova i suoi poteri: prese un po' d'acqua nel palmo della mano e la spruzzò tutt'intorno. Immediatamente si formò un grande lago fra loro e l’orso. Poi i bambini si affrettarono a correre mentre l'orsa li seguiva. Dopo un po' l'orsa li raggiunse di nuovo, ma un altro fratello gettò un aculeo di istrice per terra che divenne un grande bosco folto d'alberi, ma l'orsa riuscì a superarlo districandosi e ancora una volta raggiunse i bambini.
Questa volta salirono tutti su un albero alto. L’orsa giunse ai piedi dell'albero e guardando in alto disse: "Adesso vi ammazzo tutti". Poi prese un bastone da terra, lo tirò sull'albero e fece cadere quattro fratelli. Mentre faceva questo un uccellino volava attorno all'altro gridando ai bambini: "Colpitela alla testa! Colpitela alla testa!". Allora uno dei ragazzi lanciò una freccia alla testa dell'orsa che immediatamente stramazzò al suolo. Poi scesero dall'albero. Quattro fratelli erano morti. Il fratellino prese una freccia, la lanciò dritta nell'aria e quando cadde uno dei fratelli morti tornò di nuovo in vita. Ripeté questo lancio finché tutti resuscitarono, poi tennero un consiglio e dissero l'un l'altro: "Dove andremo ora? La nostra gente è stata tutta uccisa e siamo molto lontani da casa. Non abbiamo nessun parente al mondo". Alla fine decisero che avrebbero preferito vivere in cielo. Allora il fratellino disse: "Chiudete gli occhi". Non appena lo fecero, tutti iniziarono a salire. Ora li possiamo federe tutte le notti. Il fratellino è la Stella Polare. I sei fratelli e la sorellina sono l'Orsa Maggiore. La sorellina e il fratello maggiore sono in linea con la Stella Polare, la sorellina è più vicina perché portava il fratellino sulla schiena. Gli altri fratelli sono disposti a seconda dell'età, cominciando dal più grande. Ecco come sono nate le sette stelle dell'Orsa Maggiore.

459
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 10801644_1561438567402214_8262718483656961050_n

Non è la “diversità” che rende difficile la convivenza.
E’ la paura, l’ignoranza, l’arroganza, la cattiveria, la diffidenza.
La diversità, se c’è reciproco rispetto, è bella e positiva.
Perché incuriosisce, affascina ed arricchisce tutti.

( Agostino Degas )

460
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico

461
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11951911_10153266260619143_5423214612388779019_n

462
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11900062_1019159471468479_4452077871404692098_n

Grande Totò!

463
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11947503_1226901477335745_4833446424953873458_n

464
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico

465
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 Mamma

Un giorno, all’improvviso
mentre ti starai pettinando, in silenzio
o mentre ti infilerai una calza
ti verrà in mente un mio gesto
e ti ritroverai a sorridere pensandomi

Un giorno, all’improvviso
pedalando veloce sotto le prime gocce
di una calda pioggia di settembre
sentirai un odore arrivarti al naso
e risvegliare un ricordo di mestoli e tegami
e mi vedrai davanti al fuoco, per un attimo

Un giorno, all’improvviso
farai qualcosa che facevo anch’io
proprio allo stesso modo in cui la facevo io
e te ne meraviglierai moltissimo
perché non avresti mai pensato
di potermi somigliare così tanto

Un giorno, all’improvviso
ti guarderai il dorso delle mani
e con il pollice e l’indice
ti pizzicherai la pelle , sollevandola
e conterai il tempo che impiega a stendersi
pensando a quando lo facevi alle mie mani

Un giorno, all’improvviso
ti ritroverai stanca ,ad abbracciare un figlio
mi chiederai scusa per le volte che ho pianto
sapendo già che ti son state tutte perdonate
E ti mancherò da fare male

Ma sarò con te in ogni gesto
o nel muoversi delle foglie
nel frusciare di un gatto nel giardino
o nelle orme di un pettirosso sulla neve
come solo l’eterna presenza di una madre
lo può.


Carolina Turroni 2014

466
Constantin
Constantin
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

@Raggiodiluna ha scritto:Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11888086_808568162593427_7859948071737015415_n

Siate felici per poter vivere a lungo.

Le preoccupazioni vi fanno ammalare
arrabbiarsi è una cattiva abitudine.

Se colui che è innocente
non si arrabbia, vivrà a lungo.

Colui che ha qualcosa
da rimproverarsi
perderà la sua salute
a causa dei suoi pensieri malvagi.

La felicità non è solo buona
in sé stessa,
è anche fonte di salute.

(Detto Hopi)


se trovo una Hopi così mi trasferisco in Arizona.

467
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11745790_1081978568493933_8274351967214460446_n

468
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 10995567_1020281701333443_5215310295778210139_n

Non c'è niente da fare in Amore il pensare è niente, il sentire è tutto.

(Giorgio Gaber)

469
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 10993418_1020291487999131_447795650521467002_n

La maggior parte delle persone non sa amare né lasciarsi amare,
perché è vigliacca o superba, perché teme il fallimento.
Si vergogna a concedersi a un’altra persona,
e ancor più ad aprirsi davanti a lei,
poiché teme di svelare il proprio segreto…
Il triste segreto di ogni essere umano:
un gran bisogno di tenerezza,
senza la quale non si può esistere.

(Sándor Márai)

470
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 10409590_1020607284634218_3913745974799335432_n

La vera forza non si misura da chi hai sconfitto, ma da cosa hai protetto.

471
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 10347094_1020663841295229_3178097452841913016_n

Nelle mie parole, ciò che penso.
Nei miei silenzi, ciò che sento.

472
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 11219020_10153277951324143_8237701057240773690_n

473
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
In India insegnano "le quattro leggi della spiritualità"
La prima dice:
"La persona che arriva è la persona giusta", cioè nessuno entra nella nostra vita per caso, tutte le persone intorno a noi, tutte quelle che interagiscono con noi, sono lì per un motivo, per farci imparare e progredire in ogni situazione.
La seconda legge dice:
"Quello che succede è l'unica cosa che sarebbe potuta accadere." Niente, ma niente, assolutamente nulla di ciò che accade nella nostra vita avrebbe potuto essere altrimenti. Anche il più piccolo dettaglio. Non c'è un "se avessi fatto quello sarebbe accaduto quell'altro...". No. Quello che è successo era l'unica cosa che sarebbe potuta succedere, ed è stato così perché noi imparassimo la lezione e andassimo avanti. Ognuna delle situazioni che accadono nella nostra vita sono l'ideale, anche se la nostra mente e il nostro ego siano riluttanti e non disposti ad accettarlo.
La terza dice:
"Il momento in cui avviene è il momento giusto." Tutto inizia al momento giusto, non prima non dopo. Quando siamo pronti ad iniziare un qualcosa di nuovo nella nostra vita, e allora che avverrà.
La quarta ed ultima:
"Quando qualcosa finisce, finisce." Proprio così. Se qualcosa è conclusa nella nostra vita è per la nostra evoluzione, quindi è meglio lasciarlo, andare avanti e continuare ormai arricchiti dall'esperienza. Penso che non sia un caso che stai leggendo questo, se questo testo è entrato nelle nostre vite oggi; è perché siamo pronti a capire che nessun fiocco di neve cade mai nel posto sbagliato."

474
Raggiodiluna
Raggiodiluna
Viandante Storico
Viandante Storico
Pensieri, Sentimenti, Poesie e Riflessioni.... - Pagina 19 10991195_1022352677793012_2049885567951106717_n

DEVI ATTRAVERSARE LA TEMPESTA- di Haruki Murakami

Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l'andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. l'unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia. Attraversarlo, un passo dopo l'altro. Non troverai sole né luna, nessuna direzione, e forse nemmeno il tempo. Poi, quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi è entrato.

475
Constantin
Constantin
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Stupenda la foto.
E' vero la vita (tempesta) ti modella, come una statua di cera.

476
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 19 di 35]

Vai alla pagina : Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20 ... 27 ... 35  Seguente

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.