Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Lingua sessista

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Faust
Faust
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato



   "Ze went to hir bedroom". Addio a tutte quelle parole inglesi che contengono delle chiare connotazioni sessiste. Basta con il suffisso man o men.
   Sotto la pressione del movimento femminista nello stato di Washington dal 2013 è entrata in vigore una normativa che bandisce dai testi ufficiali termini come policeman (poliziotto), sportsman (sportivo), freshman (matricola) e fishermen (pescatori). Da ora in poi si usano espressioni più neutre: police officer, sportif, first year student e fisher. Lo scrive dal suo blog Corine Lesnes, corrispondente di Le Monde.
   “Man” è destinato a scomparire dai testi. Uniche eccezioni se manca un adeguato sostituto - ad esempio resta manhole, a passo d’uomo -, oppure quando interviene un organismo supremo. Il Dipartimento della Difesa ha salvato dall’”estinzione” seamen (marinai) e airmen (pilota).
   E lo Stato di Washington sta facendo scuola. Una dozzina di Stati americani si stanno impegnando nella rivoluzione “neutra”. E quindi mai più chairman (presidente) ma president. E quando per spokesman (portavoce) si indica una donna si utilizza spokeswoman, oppure più spesso il neutro spokesperson, né uomo né donna, appunto una persona.
   La scelta del "neutro" nella lingua nei campus universitari sta raggiungendo ulteriori "specializzazioni". E al posto di lui e lei si va verso il pronome neutro "ze". "Hir" sarà il complemento oggetto e "hirs" il pronome possessivo. Invece di dire "She went to her bedroom" (Andò in camera sua), o "He went to his bedroom", si dirà "Ze went to hir bedroom".

   Ma in un momento di forti tendenze androgine, si può anche arrivare al caso limite. In Colorado la commissione dei diritti civili, basandosi sull’esistenza del terzo pronome, ha stabilito che il rifiuto di un datore di lavoro o di un insegnante di utilizzare "ze" potrebbe essere considerato come una forma di molestia sessuale...


Fonte: ANSA.it


Ha senso parlare di sessismo della lingua?

2
Miss.Stanislavskij
Miss.Stanislavskij
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Molto! Se una lingua non ha termini appropriati per indicare una parte della popolazione ,minoranza o maggioranza che sia, tacitamente viene messa in dubbio perfino l'esistenza di quella parte di popolazione, tacitandone l'esistenza, vengono meno, o comunque passano in secondo piano, anche i diritti umani e civili della stessa.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.