Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

È possibile definire un pedofilo eterosessuale o omosessuale?

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 5]

26
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
laura18 ha scritto:Credo sia vera questa storia,che gran parte di loro alla loro volta abbiano subito delle violenze durante l'infanzia,ma non giustifica assolutamente il loro comportamento..Imparino a gestire le proprie emozioni e pulsioni..se no sono solo degli animali senza coscienza e senza ragione..

In tal caso, colpe assai più grandi avrebbero tutti quelli che non si sono presi cura di loro, quando avrebbero dovuto. Come se oggi un bambino che ha subito violenza non ricevesse tutto l'aiuto psicologico e soprattutto affettivo di cui ha bisogno. Sappiamo che purtroppo una volta certi crimini venivano alla luce assai di rado, spesso per non creare "scandalo" e per proteggere alcuni famigliari. Una cosa orrenda.

Vedi il profilo dell'utente
27
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
SergioAD ha scritto:
NinfaEco ha scritto:
Domanda per gli psicologi, psichiatri, psicoanalisti  del forum

Sento il bisogno di scusarmi per essere intervenuto, forse sono stato sviato da qualche intervento antecedente al mio che non mi sembrava contenere l'opinione di un esperto.

Scusami Ninfa!


Ma va là... sei troppo gentile per questo mondo sior Sergio hug tenderly 
Tutte le risposte sono utili.
Il titoletto voleva sollecitare un apporto specialistico, mica escludere le altre risposte

Vedi il profilo dell'utente
28
il pilota
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
I miei due soldi: anzitutto, anche i bambini possono essere distinti in maschi e femmine (i caratteri sessuali primari ci sono), quindi si può distinguere i pedofili fra etero e omo.
Non so per che motivi la maggioranza sono omosessuali ma nella cronaca giudiziaria saltano fuori anche casi di molestie a bambini del sesso opposto.
Ci sarebbe da distinguere ancora una cosa: la pedofilia, come detto è un malattia mentale, l'omosessualità non lo è più, è un orientamento sessuale, che può essere lecito o illecito ma questo è un altro fatto: una cosa non esclude quindi l'altra e non è causa dell'altra.

Vedi il profilo dell'utente
29
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico
Candido ha scritto:
laura18 ha scritto:Credo sia vera questa storia,che gran parte di loro alla loro volta abbiano subito delle violenze durante l'infanzia,ma non giustifica assolutamente il loro comportamento..Imparino a gestire le proprie emozioni e pulsioni..se no sono solo degli animali senza coscienza e senza ragione..

In tal caso, colpe assai più grandi avrebbero tutti quelli che non si sono presi cura di loro, quando avrebbero dovuto. Come se oggi un bambino che ha subito violenza non ricevesse tutto l'aiuto psicologico e soprattutto affettivo di cui ha bisogno. Sappiamo che purtroppo una volta certi crimini venivano alla luce assai di rado, spesso per non creare "scandalo"  e per proteggere alcuni famigliari. Una cosa orrenda.
In primis..la colpa e di tutti coloro che hanno girato la testa quando i supplizi accadevano..tantissime volte in famiglia,e molto spesso nessuno a dire nulla per paura di non sfigurare davanti alla gente di paese,o per non rompere l'equilibrio familiare,come ben hai scritto tu.Secondo..se nessuno sa,o fa finta di non sapere,non c'è nulla da guarire.Ma io come individuo con una coscienza e una ragione, mi rendo conto che invece un problema c'è ,quando inizio a guardare i bambini in una maniera diversa.E so anche che il problema è molto più a monte, e che va risolto.Allora che faccio?O vado sotto terapia,o provo a gestire tali pulsioni(anche abbandonandosi al sesso estremo consenziente se si vuole),o faccio tutte e due.Ma secondo me l'abbandonarsi a tali pulsioni,sapendo di provocare disagio e dolore(a un bambino) e uno schifo che schifo non si può,e non va assolutamente ammesso come una scusa.

Vedi il profilo dell'utente
30
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Di fatto non ci si può limitare alla condanna, se non si va a vedere la radice del male per intervenire e prevenire, il problema non si risolverà mai.

Vedi il profilo dell'utente
31
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico
Candido ha scritto:Di fatto non ci si può limitare alla condanna, se non si va a vedere la radice del male per intervenire e prevenire, il problema non si risolverà mai.
..Invece si che si può...come no..Hai sbagliato(alla grande)..devi pagare (alla grande)..Come dicevo prima..se uno si rende conto di aver bisogno di aiuto deve assumersi la responsabilità di cercare aiuto.Se non lo fa,e si abbandona a tali pratiche(pedofilia)per colmare il suo di disagio creandone altro..allora deve pagare(tanto).

Vedi il profilo dell'utente
32
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
NinfaEco ha scritto:
Domanda per gli psicologi, psichiatri, psicoanalisti  del forum


Tecnicamente, si può definire un pedofilo eterosessuale o omosessuale?


Si puo' essere omo-etero e pedofili,
oppure omo e pedofili o etero e pedofili
oppure pedofili e basta.

Il cervello è un labirinto dove non sai mai cosa ci trovi dentro.

Vedi il profilo dell'utente
33
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
doctor faust ha scritto:Il cervello è un labirinto dove non sai mai cosa ci trovi dentro.

Non essere così categorico: esistono anche dei cervelli molto semplici.

Vedi il profilo dell'utente
34
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
laura18 ha scritto:Solo malato...e purtroppo incurabile.

laura18 ha scritto:Imparino a gestire le proprie emozioni e pulsioni..se no sono solo degli animali senza coscienza e senza ragione..

laura18 ha scritto:
In primis..la colpa e di tutti coloro che hanno girato la testa quando i supplizi accadevano..tantissime volte in famiglia,e molto spesso nessuno a dire nulla per paura di non sfigurare davanti alla gente di paese,o per non rompere l'equilibrio familiare,come ben hai scritto tu.Secondo..se nessuno sa,o fa finta di non sapere,non c'è nulla da guarire.Ma io come individuo con una coscienza e una ragione, mi rendo conto che invece un problema c'è ,quando inizio a guardare i bambini in una maniera diversa.E so anche che il problema è molto più a monte, e che va risolto.Allora che faccio?O vado sotto terapia,o provo a gestire tali pulsioni(anche abbandonandosi al sesso estremo consenziente se si vuole),o faccio tutte e due.Ma secondo me l'abbandonarsi a tali pulsioni,sapendo di provocare disagio e dolore(a un bambino) e uno schifo che schifo non si può,e non va assolutamente ammesso come una scusa.

laura18 ha scritto:..Invece si che si può...come no..Hai sbagliato(alla grande)..devi pagare (alla grande)..Come dicevo prima..se uno si rende conto di aver bisogno di aiuto deve assumersi la responsabilità di cercare aiuto.Se non lo fa,e si abbandona a tali pratiche(pedofilia)per colmare il suo di disagio creandone altro..allora deve pagare(tanto).

Laura, scusa, ma da dove derivano tutte queste tue certezze sull'incurabilità e le origini del disturbo?
Senza contare che prima definisci la pedofilia "incurabile", e poi parli di "problema che va risolto", suggerendo anche delle soluzioni alquanto strambe (cito: "anche abbandonandosi al sesso estremo consenziente se si vuole") ma che nulla c'azzeccano con la problematica in questione. Come dire "se piove ricordati gli occhiali da sole".
Le stoccate di demagogia, poi, io le lascerei ai politici.

Vedi il profilo dell'utente
35
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico

Non possono guarire...secondo te si?Ma possono provare e tenere tali "desideri"sotto controllo..psicologico volendo(ma tanti non vogliono per non essere schedati)..e si sessuale..(il bdsm serve anche a canalizzare i disaggi sfogandoli diversamente)

Vedi il profilo dell'utente
36
FUCKTOTUM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
laura18 ha scritto:
(il bdsm serve anche a canalizzare i disaggi sfogandoli diversamente)

Parliamone... cool 

Vedi il profilo dell'utente
37
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico
FUCKTOTUM ha scritto:
laura18 ha scritto:
(il bdsm serve anche a canalizzare i disaggi sfogandoli diversamente)

Parliamone... cool 
Con lei me la vedo dopo..

Vedi il profilo dell'utente
38
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
E' come invitare i mafiosi (ad esempio) che sparano ed uccidono a tenere sotto controllo i loro impulsi omicidi, senza organizzare un controllo serrato e spietato del fenomeno mafioso, cominciando a intervenire per quanto possibile sul problema della disoccupazione, che alimenta e ingrassa la mafia.
Non è che la tendenza alla pedofilia nasca dal nulla, che non si possano riconoscere in tempo certi squilibri psicofisici sui quali intervenire...Spesso sono gli stessi pedofili a chiedere aiuto senza risultato.



Ultima modifica di Candido il Lun 10 Feb - 21:21:03, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
39
FUCKTOTUM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Vedi il profilo dell'utente
40
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
laura18 ha scritto:
Non possono guarire...secondo te si?Ma possono provare e tenere tali "desideri"sotto controllo..psicologico volendo(ma tanti non vogliono per non essere schedati)..e si sessuale..(il bdsm serve anche a canalizzare i disaggi sfogandoli diversamente)

A mio parere fai un po' di confusione.
Il BDSM non è mica una forma di terapia! E non canalizza nessun disagio: è solo una delle tante pratiche relazionali/sessuali possibili.
Condivisibile o meno, certo, ma non necessariamente legata ad un disagio.
E soprattutto non ha nessuna attinenza con la pedofilia: il pedofilo ha una "pulsione" (come dici tu) ben precisa, e usare un frustino non gliela risolverebbe di certo.
La difficoltà della terapia, infine, non è legata alla paura di essere schedati (da chi, poi?), quanto ad un'iniziale difficoltà a prendere coscienza del proprio disturbo. Senza contare che "provare a tenere tali desideri sotto controllo" non è esattamente una passeggiata.

Vedi il profilo dell'utente
41
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Anche perché una pulsione, per quanto distorta e "malata" è sempre una pulsione quindi fa parte dell'istinto. Modificare una pulsione implica un lavoro enorme, è come se volessi fare di una persona assai aggressiva un placido agnellino.

Vedi il profilo dell'utente
42
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico
Implica si un lavoro enorme,ma non corregere tale pulsione perche poco probabile ,bensi prendere coscienza del fatto che tale disagio ce' e va appianatto in qualche maniera.Poi la mia e un'oppinione..giusta o sbagliata che sia..

Vedi il profilo dell'utente
43
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Pedofili si nasce? http://www.associazionelatorre.com/2013/05/ricercatori-shock-la-pedofilia-non-e-devianza-ma-orientamento-sessuale/

Vedi il profilo dell'utente
44
nextlife
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
NinfaEco ha scritto:  
Next, non volevo assolutamente ipotizzare un nesso tra omosessualità e pedofilia... semmai il contrario ( essendo impossibile definire un pedofilo etero o omo).
Mi parleresti di quello che hai solo accennato alla fine, ovvero della diversità tra «oggetto sessuale unico» e oggetto «sessuale preferenziale/preminente» applicandola a questo discorso?

Eppure vi è chi lo fa, ma non è questo che rilevavo.
Mi riferivo al fatto che è stata accostata - ad una definizione di rilevanza clinica - altre che tali non sono e che, in quel contesto, non vengono impiegate.
Bisogna poi non dimenticare che al netto di critiche ed aspetti da calibrare, ci troviamo in un momento particolare: quello del mutamento di uno dei sistemi nosografici di riferimento.
Certi aspetti sono rimasti immutati, ma altri no, ed infatti ti chiedo: in quali contesti, come e perché si parla di pedofilia? In presenza della parafilia in sé , oppure quando si evidenzia il disturbo parafiliaco?
Tu mi chiedi di sviscerare, ma io credo in realtà di aver fornito uno spunto di riflessione quando citavo le tipologie di classificazione.
Se nel tipo differenziato/indifferenziato viene rappresentato l’interesse (sessuale) verso individui (giovani individui) dello stesso sesso o meno, nella tipologia esclusiva/non esclusiva ci si riferisce – anche – alla presenza di interessi (evidentemente secondari/non prevalenti) nei confronti degli adulti e quindi, ugualmente, con possibili orientamenti etero/omo/bisessuali.

Leggendoti, poi, mi si è meglio chiarito il tuo quesito, ma il postulare che per il soggetto affetto da quel tipo di disturbo, sia sistematicamente irrilevante il sesso della vittima, mi pare una forzatura, che poi – senza farla particolarmente lunga - è smentita da quelle casistiche dove la differenziazione  è una costante.

@ Candido
No, ne avevamo già parlato, si tratta di speculazioni frutto di un fraintendimento; la pedofilia non è un orientamento sessuale, è un disturbo (parafilia) di rilevanza clinica; fermo restando: un crimine e blablabla.

Vedi il profilo dell'utente
45
FUCKTOTUM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Candido ha scritto:Pedofili si nasce?  http://www.associazionelatorre.com/2013/05/ricercatori-shock-la-pedofilia-non-e-devianza-ma-orientamento-sessuale/

Stronzate. Anzi stronzate su e/o da stronzate.
L'omosessualitá non è un'orientamento sessuale anzi meglio, è la favola dell'orientamento sessuale che è una stronzata grossa come una casa.
La politca condiziona la scienza e questo è uno dei tanti corto circuiti che ne derivano.
Il sesso è fisiologia quindi riproduzione; quello che devia dalla fisiologia non attiene alla programmazione genetica; viene quindi dall'ambiente ovvero il vissuto e la cultura.

Poi ci sono i nextcoma e le yale che ti farannno una capa tanta di stronzate girraffocorrect ma la sostanza è questa.



Ultima modifica di FUCKTOTUM il Lun 10 Feb - 23:09:33, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
46
nextlife
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Fiuuuu…..
Tu amico Fottitutto, migliori costantemente; complimenti.
Ora, scusa un istante…

Vedi il profilo dell'utente
47
FUCKTOTUM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ecco appunto "mutamento del sistema noseografico di riferimento". Tradotto : le stronzate che abbiamo raccontato fin ora non vanno più bene, ne abbiamo sfornate di nuove e adesso ve le infilamo su per il culo.

Vedi il profilo dell'utente
48
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
FUCKTOTUM ha scritto:Il sesso è fisiologia quindi riproduzione; quello che devia dalla fisiologia non attiene alla programmazione genetica; viene quindi dall'ambiente ovvero il vissuto e la cultura.
fai attenzione, perché maneggi esplosivo che si attiva anche in modi che non conosci:

la "cultura" fa parte della natura umana, a tutti gli effetti;
e anche la fisiologia e la genetica potrebbero riservarti parecchie sorprese;

il fatto che la riproduzione richieda il sesso non attesta affatto che il sesso sia geneticamente "programmato" per l'esclusiva riproduzione; anzi, sarebbe abbastanza dimostrato il contrario, proprio in relazione a diverse peculiarità umane nell'accoppiamento;

in generale, la pretesa di definire cosa sia "naturale" è stata abbandonata da moltissimo tempo, perché si tratta di uno dei concetti più ambigui e sfuggevoli della storia della filosofia;

se provi a definire le cose, i principi, in termini di generalità e astrattezza ti accorgi subito che l'applicazione del criterio astratto di valore che hai definito comporta esiti che non avevi previsto.

Vedi il profilo dell'utente
49
FUCKTOTUM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Magonzo ha scritto:
FUCKTOTUM ha scritto:Il sesso è fisiologia quindi riproduzione; quello che devia dalla fisiologia non attiene alla programmazione genetica; viene quindi dall'ambiente ovvero il vissuto e la cultura.
fai attenzione, perché maneggi esplosivo che si attiva anche in modi che non conosci:

la "cultura" fa parte della natura umana, a tutti gli effetti;
e anche la fisiologia e la genetica potrebbero riservarti parecchie sorprese;

il fatto che la riproduzione richieda il sesso non attesta affatto che il sesso sia geneticamente "programmato" per l'esclusiva riproduzione; anzi, sarebbe abbastanza dimostrato il contrario, proprio in relazione a diverse peculiarità umane nell'accoppiamento;

in generale, la pretesa di definire cosa sia "naturale" è stata abbandonata da moltissimo tempo, perché si tratta di uno dei concetti più ambigui e sfuggevoli della storia della filosofia;

se provi a definire le cose, i principi, in termini di generalità e astrattezza ti accorgi subito che l'applicazione del criterio astratto di valore che hai definito comporta esiti che non avevi previsto.

Si lo so, le scimmie bonobo cazzi e mazzi, la masturbazione, la sodomia, il sesso extra-specie e  via dicendo.
Preferisco saltare per aria con i miei  Improvised Explosive Devices che ammosciarmi il socio con  le puttanate sesquipedali che propinano gli amici fritz del menga ecumenico

Vedi il profilo dell'utente
50
Vento
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

Socrate chiede rispettosamente di essere inquadrato nel sistema noseografico di riferimento.

Vedi il profilo dell'utente
51
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 5]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum