Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Madri infantide: riflessioni

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Quali sono le cause nella nostra società, i motivi profondi ed inconsci per cui questi bambini amati, accuditi, estremamente seguiti si possono trovare in una situazione di annullamento estremo, uccisi dalla propria madre?
La psicoterapeuta Marinopoulos nel libro “Nell’interno delle madri”, frutto di un lungo lavoro con madri in attesa, dice che essere madre non è un dato biologico e che un figlio deve essere pensato, ma sottolinea che non si concepisce un bambino senza un contesto di attesa affettivo e all’interno di una speranza di progetto parentale, dice anche che l’istinto materno non basta.
Anzi aggiungeeri: non esiste.
Ognuno di noi più o meno coltiva la convinzione radicata e rassicurante che l’amore materno sia innato. Ne siamo talmente certi che quando nasce un bambino diamo per scontato che la madre debba essere felice e debba sapere come affrontare il nuovo ruolo a breve e lungo termine.
Al contrario la maternità, pur partendo da dati biologici che la sorreggono, è fondamentalmente un processo di apprendimento che si costruisce nel tempo, all’interno di una relazione che risente dell’ambiente e della cultura di appartenenza.
La nascita di un bimbo è un avvenimento complesso da un punto di vista fisico, psichico e sociale. La madre, oltre all’immagine del figlio, deve costruire dentro di sé anche una propria immagine rinnovata che inglobi la sua nuova condizione, deve dare un nuovo significato alla propria identità. Non è solo un cambiamento organizzativo, è  un cambiamento psichico, che riguarda l’organizzazione delle emozioni e dei processi di pensiero.
Se qualcosa non funziona alla nascita di un figlio possono insorgere paure  dall’esito drammatico. Nel primo sguardo che la madre dà al figlio dopo la nascita c’è il riconoscimento reciproco. A volte però questo riconoscimento non avviene e il bambino appare alla madre come un alieno con cui non si ha interesse a comunicare. Altre volte, al contrario, il riconoscimento è fortissimo, ma intriso di angoscia poiché la madre non tollera emotivamente che il figlio possa ora essere staccato da lei,dopo che per tanto tempo l’aveva sentito totalmente parte di sé. Altre volte ancora la madre viene sopraffatta dal senso di inadeguatezza e inizia il rapporto col figlio all’insegna di gravi ansie depressive.
In tutto ciò giocano un ruolo molto importante il padre e il contesto familiare. Infatti la madre, per poter contenere il bambino nella propria mente, deve a sua volta essere contenuta attraverso l’ascolto empatico e il riconoscimento del suo ruolo: solo così l’esperienza della maternità può essere integrata nella personalità ed acquisire senso.
Purtroppo non sempre l’ambiente è in grado di cogliere i segnali del disagio. La convinzione che una nascita non possa che dare gioia fa vedere tutto in modo stereotipato e impedisce di vedere l’angoscia tenuta per sé o l’anaffettività o l’aggressività più o meno celata. Dietro gli infanticidi c’è sempre l’impossibilità di far conoscere i propri veri sentimenti e un’infinita solitudine, anche se i contesti possono essere i più disparati e perfino la motivazione può cambiare.

Io la vedo così. Voi?
Cosa secondo voi rende una madre assassina?
Come la giudicate?

Vedi il profilo dell'utente
2
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
victorinox ha scritto:.... uccisi dalla propria madre?
La psicoterapeuta Marinopoulos nel libro “Nell’interno delle madri”, frutto di un lungo lavoro con madri in attesa, dice che essere madre non è un dato biologico e che un figlio deve essere pensato, ma sottolinea che non si concepisce un bambino senza un contesto di attesa affettivo e all’interno di una speranza di progetto parentale, dice anche che l’istinto materno non basta.
Anzi aggiungeeri: non esiste.
 Ognuno di noi più o meno coltiva la convinzione radicata e rassicurante che l’amore materno sia innato. Ne siamo talmente certi che quando nasce un bambino diamo per scontato che la madre debba essere felice e debba sapere come affrontare il nuovo ruolo a breve e lungo termine.
Al contrario la maternità, pur partendo da dati biologici che la sorreggono, è fondamentalmente un processo di apprendimento che si costruisce nel tempo, all’interno di una relazione che risente dell’ambiente e della cultura di appartenenza.
..... Altre volte ancora la madre viene sopraffatta dal senso di inadeguatezza e inizia il rapporto col figlio all’insegna di gravi ansie depressive.
In tutto ciò giocano un ruolo molto importante il padre e il contesto familiare.

Cosa secondo voi rende una madre assassina?
Come la giudicate?

Questo articolo è troppo intriso di etica, a mio parere.

I bambini nascono e basta.
Se l'ambiente è buono e datto vivono, e se non lo è muoiono. Questa è la fisica naturale.

Che poi l'istinto materno esista è compreovato. Mica è una cosa spirituale.

E' determinato da una produzione ormonale che scatta alcune ore dopo il parto, per cui per alcune ore o quanche giorno, la madre puo' anche non sentirsi per ninete aterna.
In questo senso avere qualcuno che la fa sentire protetta e si accolla parte della situazione, sicuramente facilita le cose.

La madre assassina è semplicemente una madre che non ha ancora sviluppato il rebound omrnonale, e non ha ancora cambiato il suo quadro di riferimento, per cui il bimbo è ancora una cosa di impaccio, e non una persona in appendice a lei.

Sicuramente questa schifezza di famiglia allargata, non facilita le cose. Invece che una famiglia parentale c'e' una pecie di comune denza un capo e una cose, e senza un centro stabile.

Cosi i figli sopravvivono, ma da disadattati e disturbati mentali.
Mi pare

Vedi il profilo dell'utente
3
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
doctor faust ha scritto:
La madre assassina è semplicemente una madre che non ha ancora sviluppato il rebound omrnonale, e non ha ancora cambiato il suo quadro di riferimento, per cui il bimbo è ancora una cosa di impaccio, e non una persona in appendice a lei.

Sicuramente questa schifezza di famiglia allargata, non facilita le cose. Invece che una famiglia parentale c'e' una pecie di comune denza un capo e una cose, e senza un centro stabile.

Cosi i figli sopravvivono, ma da disadattati e disturbati mentali.
Mi pare

Credo sia importante precisare che questo è semplicemente il pensiero sgrammaticato di un singolo, singolo il cui "mi pare" finale non basta a sollevarlo dalle astrusità scritte.

Vedi il profilo dell'utente
4
Vento
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Non essendo le nostre società primitive, non credo che certe tragedie accadano per carenze etiche, ma piuttosto per cause psichiche difficili da decifrare e così intime da richiedere la massima indulgenza. Mi riferisco a delitti su neonati e in ambienti non degradati. Qui forse la legge dovrebbe fare un passo indietro.

Vedi il profilo dell'utente
5
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum