Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Perché la scienza non può conoscere Dio

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 3 di 3]

51
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La scienza è una grande opportunità moderna di indagare il mondo che ci circonda, sia esso micro che macro, ma se la scienza volesse fare appello anche alla filosofia e alla spiritualità, troverebbe sicuramente risposte superiori, che porterebbero davvero su quella strada percorribile attraverso modalità non convenzionali e scoprirebbe infine, Dio.

Vedi il profilo dell'utente
52
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico
Ma l'umanità sarà pronta per questa scoperta?E se Dio non esistesse?

Vedi il profilo dell'utente
53
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
L'umanità potrà scoprire Dio soltanto se sarà pronta.
Sicuramente un certo dio, di cui abbiamo sentito parlare, non esiste, non nella forma che ce lo aspettiamo. Io sono convinto che quello che avvalora l'esistenza di un sovrano, sia soprattutto la corte che circonda questo stesso sovrano. E se anche per assurdo egli fosse lontano dal suo regno, la sfarzo della sua corte renderebbe bene l'idea di cosa potremmo aspettarci. Lo stesso varrebbe per Dio, anche se lui in persona non fosse possibile incontrarlo, il suo governo ci renderebbe edotti di tutto quello che lo riguarda. E poi, Dio come puro spirito, sarebbe pur sempre invisibile a chiunque volesse vederlo con gli occhi dela materia. Ma sarebbe visibile a chi fosse arrivato a certi traguardi tutti spirituali, per il discorso che facevo all'inizio.

Se Dio non esistesse, allora vivremmo in un mondo meccanico, ma per assurdo, noi esseri meccanici non potremmo mai contemplare l'idea di Dio.

Vedi il profilo dell'utente
54
kohkarunagi
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Top-man ha scritto:L'umanità potrà scoprire Dio soltanto se sarà pronta.
Sicuramente un certo dio, di cui abbiamo sentito parlare, non esiste, non nella forma che ce lo aspettiamo. Io sono convinto che quello che avvalora l'esistenza di un sovrano, sia soprattutto la corte che circonda questo stesso sovrano. E se anche per assurdo egli fosse lontano dal suo regno, la sfarzo della sua corte renderebbe bene l'idea di cosa potremmo aspettarci. Lo stesso varrebbe per Dio, anche se lui in persona non fosse possibile incontrarlo, il suo governo ci renderebbe edotti di tutto quello che lo riguarda. E poi, Dio come puro spirito, sarebbe pur sempre invisibile a chiunque volesse vederlo con gli occhi dela materia. Ma sarebbe visibile a chi fosse arrivato a certi traguardi tutti spirituali, per il discorso che facevo all'inizio.

Se Dio non esistesse, allora vivremmo in un mondo meccanico, ma per assurdo, noi esseri meccanici non potremmo mai contemplare l'idea di Dio.
Essendo dotati di pollice opponibile, raziocinio e capacità di percepire la ns stessa esistenza arriveremmo al punto in cui siamo ora: creeremmo la divinità per paura. Esattamente come adesso.

Vedi il profilo dell'utente
55
SergioAD

Viandante Storico
Viandante Storico
Non so se e quanto sia fuori tema, per quello che è ma in realtà mi va per rendervi partecipi di qualche mio pensiero più o meno serio. Si tratta di una chiacchierata tra un ateo, una agnostica fatto in un nuovo ambiente - va be' -

@SergioAD ha scritto:Esistono conflitti e controversie sui termini, purezza e umanizzazione da cui non si scappa e per i quali non siamo mai riusciti a discuterne per ingerenze di varia natura - che invece qui forse con una corretta moderazione (anche dell'utenza) potremo almeno avere quei saldi punti in comune che non siamo mai riusciti ad ottenere.

Si tratta del tema "conflitti e controversie della Religione" - da cui sono nati tutti i termini delle nostre discussioni.

Esistono fatte da me delle relazioni di correlazione sulla costruzione del sapere partendo dal complesso sensoriale ed il raggiungimento della saggezza, dico sulla base del nostro stato di coscienza/consapevolezza.

Esistono dei paragoni sulle cose di destra e di sinistra (aldilà della politica), delle correlazioni tra l'immaginazione di Dio e del Futuro - insomma nel nostro vecchio sito è tutto correlato per lo stesso ragionamento - anche la musica inascoltabile che ha avuto un po' più di successo in UAAR dove personalmente mi trovo bene anche se apparentemente poco seguito come di norma, però anche li sento un po' di calore che mi piace certamente (non posso dirvi i nomi di quelli che mi piacciono tanto per fare un torto agli altri, ah ah, ma penso che lo sanno essi ed esse - hmmm, si che lo sanno).

Diva ha scritto:
@SergioAD ha scritto:Non discuto il tema ma solo questo pezzo.
Diva ha scritto:Tutti nasciamo atei...

Vorrei cambiarlo in modo che invece di negare Dio lo ignorasse, se possibile.

Nasciamo senza la percezione di Dio, ma con quella dell'istinto di conservazione (fame e sesso).

Per essere ateo io non vorrei non conoscere ma conoscere per negare il concetto di divinità e del relativo corredo.

Se l'umanità fosse restata senza la percezione di Dio non sarebbe potuta essere atea.

In quel caso parlando con un umano credente dei nostri tempi avrebbe potuto essere agnostico se la mancanza del sapere avesse fatto sospendere il giudizio. Ma ci sarebbero state delle difficoltà a capire la definizione di Dio che in fondo è umanizzata ed anche irrazionale.

Concordo, hai fatto bene a precisare. Infatti ho usato la parola "atei" per riprendere il titolo del thread, ma e' assolutamente vero quel che dici.
Ad essere sinceri la parola "ateo" a me non garba piu' di tanto dato che, nonostante sia usata per comodita' e perche' "tutti sappiamo cosa significa", spesso il percorso che porta una persona verso la non-credenza non e' limitato alla sola esclusione di dio dal proprio sistema di riferimento. Quindi il rimando all'idea di dio e' impreciso e riduttivo.
Sul fatto che l'umanita' avesse avuto la possibilita' di rimanere senza la percezione di dio non mi trovo del tutto d'accordo. Una sorta di religione, che sia un piu' blando animismo piuttosto che un politeismo o un monoteismo, si e' sviluppata pressoche' in tutte le civilta'... penso che la presa di coscienza della non-necessita' di postulare dio/gli dei venga solo successivamente, con l'acquisizione di consapevolezza e la possibilita' di spiegare le esperienze di mondo attraverso le conoscenze scientifiche.

La percezione di Dio che dici tu dovrebbe essere una costruzione virtuale proveniente dalla confusione tra i sogni e la realtà che per forza c'è stata, dall'essere stati delle prede che sono divenute predatori.

Partendo da questa osservazione si giunge allo studio del cervello umano, antropologia, società. Esiste probabilmente un ramo della teologia che confina le divinità in spazi sempre più piccoli relativamente (mentre aumenta la coscienza degli spazi che aumentano) - "l'infinito" transita in "immensità senza perdere valore fisico ma assumendo valori filosofici differenti e pertanto sinonimi e contrari di "teismo" e "scienza" diventano e si confondono tra "ateismo" e "ascienza".

Sono andato troppo avanti, mi serviva solo per considerare l'idea. Le cose che non si sapevano prima erano tutte in un sacco chiamato "religione" e nulla c'era in quello chiamato "scienza", sono ambe due concetti umani e sono ambe due frutto di analisi di verosimiglianza, oggi non più di realtà e ancora peggio da quando esiste la fisica quantistica che sorprende tutti.

Allora queste divinità assumono caratteristiche che variano asseconda dello stato evolutivo che puntualmente consegnano facendo transitare attributi ed elementi dal sacco della religione al sacco della scienza. Finché non ci sarà una sola dimostrazione del contrario, come studiosi/analisti e collaudatori di verifiche di queste verosimiglianze è giusto comportarsi come per tutte le altre evidenze/non evidenze della nostra storia senza concedere privilegi e niente e nessuno, Dio compreso - evidentemente in mancanza di fede non può che essere così.

Il possibilismo religioso certo che va contemplato ma all'interno di un discorso di comodo.

Questo vorrebbe essere l'inizio di un ragionamento puro sapendo che per noi esiste solo e solamente la verosimiglianza e pertanto la conoscenza è relativa per tutto, viva la Probabilità.

sempre io ha scritto:Ah ah!

Fermi! Tanto i miei saranno soliloqui come da norma...

(Ero appena rientrato a Roma...) dice che eran 10 anni che non faceva questo brutto tempo in Irlanda, ammazza quanti Cattolici e son tutti ciucchi! Dalle parti di Temple of Bar avevo letto l'insegna "Queen of Farts", be' entro speranzoso, accidenti al mio astigmatismo era Queen of Tarts! Questi si fanno anche 30 pinte di birra! Io ho confuso i buchi e m'hanno dato da bere.

Devo scegliere tra ateismo e libertà?

Libertà, voglio quella io!

Bene, vi abbraccio...

Vedi il profilo dell'utente
56
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Caro topman....che cosa significa che dio e` spirito  ? Cosa e` lo spirito ? Da cosa e` fatto ? E, soprattutto, tu come fai a saperlo ? Chi te lo ha detto ? Se fai una affermazione dovresti portarci le prove provate che dici il vero...altrimenti dovremmo crederti per fede. E se devo crederti per fede perche` non credere anche che dio ha la barba bianca e guida una slitta con le renne ?

Vedi il profilo dell'utente
57
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@xmanx ha scritto:Caro topman....che cosa significa che dio e` spirito  ? Cosa e` lo spirito ? Da cosa e` fatto ? E, soprattutto, tu come fai a saperlo ? Chi te lo ha detto ? Se fai una affermazione dovresti portarci le prove provate che dici il vero...altrimenti dovremmo crederti per fede. E se devo crederti per fede perche` non credere anche che dio ha la barba bianca e guida una slitta con le renne ?
Io parto da un presupposto, quello di non dover convincere nessuno, e come tale, da solo basterebbe a risolvere qualunque discussione in merito. Non faccio proselitismo, quindi non è obbligo di credermi, anzi tutto il contrario, bisogna avere una nostra personale opinione, anche comprovata - se possibile- da esperienze.

Le domande che poni, sono state risolte già da millenni e quindi la mia opinione in merito, non è che cambi il significato delle risposte, semmai le comprova ancora di più, se fosse possibile ciò.
Che Dio sia essenzialmente, nella sua forma personale, "puro spirito", ce lo dicono molte tradizioni religiose e non. Ma in ultima analisi, ce lo dovrebbe dire, la presenza in noi, di qualcosa che assomiglia a quello che chiamiamo spirito. Altrimenti dovremmo ritornare al discorso materialista meccanicista, dove l'uomo non è altro che una macchina, ma in questo caso non è in grado di porsi quesiti che vadano oltre il limite della stessa macchina. Quindi, è l'uomo stesso, la sua struttura fisica e non fisica, che ci ricorda la preesistenza di "qualcosa" che lo ha pensato, in alcuni tratti a lui simile.
Il perché non ti posso portare le prove provate, sta scritto nel link che ho postato all'inizio, quindi ti deve essere sfuggito qualche particolare. Ho detto che la scienza non è in grado (al momento) di riconoscere Dio, perché sta a livelli molto inferiori e che un livello superiore a quello umano non è possibile indagare, se non in maniera non convenzionale. In quest'ultima espressione sta racchiusa anche la risposta alla tua domanda. Nel momento in cui, un individuo riesce a "connettersi" a questo "modo" non convenzionale, ecco che le risposte fluiscono da sole.

Vedi il profilo dell'utente
58
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@kohkarunagi ha scritto:
@Top-man ha scritto:L'umanità potrà scoprire Dio soltanto se sarà pronta.
Sicuramente un certo dio, di cui abbiamo sentito parlare, non esiste, non nella forma che ce lo aspettiamo. Io sono convinto che quello che avvalora l'esistenza di un sovrano, sia soprattutto la corte che circonda questo stesso sovrano. E se anche per assurdo egli fosse lontano dal suo regno, la sfarzo della sua corte renderebbe bene l'idea di cosa potremmo aspettarci. Lo stesso varrebbe per Dio, anche se lui in persona non fosse possibile incontrarlo, il suo governo ci renderebbe edotti di tutto quello che lo riguarda. E poi, Dio come puro spirito, sarebbe pur sempre invisibile a chiunque volesse vederlo con gli occhi dela materia. Ma sarebbe visibile a chi fosse arrivato a certi traguardi tutti spirituali, per il discorso che facevo all'inizio.

Se Dio non esistesse, allora vivremmo in un mondo meccanico, ma per assurdo, noi esseri meccanici non potremmo mai contemplare l'idea di Dio.
Essendo dotati di pollice opponibile, raziocinio e capacità di percepire la ns stessa esistenza arriveremmo al punto in cui siamo ora: creeremmo la divinità per paura. Esattamente come adesso.

Un essere meccanico non ragiona è come gli animali, va per istinto. Nel momento in cui l'uomo esprime anche altre capacità che non siano tipiche del mondo meccanico, sta rappresentando qualcosa di diverso, si sta domandando cosa fa su questo pianeta e chi lo ha creato. Questo non potrebbe essere tipico di un universo meccanico, dove il tutto si è autocreato.

Vedi il profilo dell'utente
59
Jack lo Smilzo
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
sorriso 
Un Dio conosciuto non è Dio.
"Il Tao di cui si può parlare non è il Tao." (Lao Tzu)
"Io non ho mai parlato con nostro Signore." (Teresa d'Avila al
frate inquisitore.)
  

Vedi il profilo dell'utente
60
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@Jack lo Smilzo ha scritto:sorriso 
Un Dio conosciuto non è Dio.
"Il Tao di cui si può parlare non è il Tao." (Lao Tzu)
"Io non ho mai parlato con nostro Signore."  (Teresa d'Avila al
frate inquisitore.)
  

Fin qui ci siamo, anche se non c'entra nulla con la tematica iniziale sorriso 

Vedi il profilo dell'utente
61
Placelop
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
La scienza fa la persona seria, ma la natura dell'uomo non lo è sempre. Quindi ci si consola,
chi con Dio, chi con la creatività, chi con le tentazioni.

Vedi il profilo dell'utente
62
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La scienza ha dei forti limiti, i quali sono in comune anche con l'uomo. Quindi non c'è da meravigliarsi che essa non arrivi in maniera convenzionale a concepire Dio. L'uomo lo potrebbe fare, dato che ha una personalità (la scienza no), ma non è detto che si sintonizzi su quel canale. Di certo la creatività, le tentazioni, la mistica e tanto altro, non sono dei canali veri.

Vedi il profilo dell'utente
63
Jack lo Smilzo
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
fischio 
State parlando del Dio inventato dall'uomo o di quell'altro?
Perché se intendete quell'altro né la scienza né la religione sono in grado di conoscerlo.
 echeneso 

Vedi il profilo dell'utente
64
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Era di questo che si parlava (da 3 pagine), del Dio vero. E se la scienza da sola non può intendere Dio, aiutata dalla spiritualità e dalla filosofia, ciò diventa naturale. La religione intesa come monopolio dogmatico di un dio, non rappresenta la verità, ma un tratto della storia umana che purtroppo deve far parte dell'uomo non ancora spiritualizzato.

Vedi il profilo dell'utente
65
Jack lo Smilzo
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@xmanx ha scritto:Caro topman....che cosa significa che dio e` spirito  ? Cosa e` lo spirito ? Da cosa e` fatto ? E, soprattutto, tu come fai a saperlo ? Chi te lo ha detto ? Se fai una affermazione dovresti portarci le prove provate che dici il vero...altrimenti dovremmo crederti per fede. E se devo crederti per fede perche` non credere anche che dio ha la barba bianca e guida una slitta con le renne ?
 sadness 
Esiste anche il credere per INTUIZIONE.
Ovvero usando il settimo senso.

Il sesto è la telepatia,detta anche :empatia.

  

Vedi il profilo dell'utente
66
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 3 di 3]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum