Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Sottomissione all'autorità: l'esperimento Milgram

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Il video altro non è che una riedizione dell'esperimento Milgram, un esperimento di psicologia sociale condotto nel 1961 dallo psicologo sociale statunitense Stanley Milgram. Lo scopo dell'esperimento era quello di studiare il comportamento di soggetti a cui un'autorità (nel caso specifico uno scienziato) ordina di eseguire delle azioni che confliggono con i valori etici e morali dei soggetti stessi. Non a caso iniziò poco dopo il processo ad Adolf Eichmann.
E purtroppo la risposta alla domanda "come ha potuto fare cose simili solo perchè glielo ordinavano?" sembra immediata e incredibilmente nascosta in persone comuni, come possiamo essere noi.




Nella versione originaria ( ne fecero molti) i soggetti sperimentali, maschi dai 20 ai 50 anni di tutti i ceti culturali, furono reclutati con annunci sui giornali e per posta. Fu loro detto che l’esperimento sarebbe durato un’ora e che avrebbero ricevuto il pagamento di 4,5 dollari, sia che avessero completato il compito sia nel caso contrario.
Messi tutti in una stanza, assieme ad altri finti partecipanti (che erano in realtà altri sperimentatori), furono loro consegnati dei fogli, alcuni dei quali riportavano la scritta “insegnante”, altri la scritta “allievo”. Gli fu fatto dunque credere che l’assegnazione alla categoria degli insegnanti o degli allievi fosse casuale, la verità era che i soggetti sperimentali erano tutti nella categoria degli “insegnanti”.
Le istruzioni per gli “insegnanti” erano pressappoco queste: “ecco una lista di parole appaiate, dovete far apprendere all’allievo il corretto appaiamento. Tutte le volte che l’allievo sbaglia, somministrate una scossa elettrica; se continua a sbagliare il voltaggio della scossa aumenta. Se l’allievo da la risposta esatta passate alla seconda coppia di parole. Stiamo testando gli effetti della punizione sull’apprendimento…”
La persona che impartiva queste istruzioni era un’impassibile sperimentatore in camice.
I soggetti credevano che per ogni risposta sbagliata l’allievo ricevesse concretamente uno shock elettrico, ma naturalmente questo non accadeva, il suono dei vari livelli di shock era preregistrato e gli attori simulavano ad hoc una sofferenza proporzionale.
A un certo punto molte persone esprimevano il loro desiderio di sospendere l’esperimento e accertarsi di come stava l’allievo. Alcuni si fermavano a 135 volts e cominciavano a discutere lo scopo dell’esperimento. Ma la maggiorparte continuava e andava fino in fondo.
Alcuni soggetti cominciavano a ridere nervosamente o ad esibire altri segnali di stress estremo quando ascoltavano le urla di dolore venire dall’allievo.
Se il soggetto indicava il suo desiderio di interrompere l’esperimento, lo sperimentatore dava una successione di indicazioni in questo ordine:
1. Per favore continui
2. L’esperimento richiede che lei continui
3. E’ assolutamente necessario che lei continui
4. Non ha altra scelta, lei deve andare avanti.
Se i soggetti continuavano a desiderare di interrompere l’esperimento dopo la quarta indicazione l’esperimento veniva interrotto. Altrimenti veniva sospeso dopo che il soggetto aveva dato il massimo dello shock a 450 volt, tre volte in successione.
I risultati furono agghiaccianti (consentitemi questo termine).
Il 65% dei partecipanti somministrò il livello finale di shock di 450 volt, sebbene si sentissero molto a disagio nel farlo. Qualcuno si fermò e mise in discussione l’esperimento, qualcun altro si informò sul denaro che avrebbe ricevuto in cambio. Nessuno dei partecipanti rifiutò di dare uno shock prima che questo raggiungesse il livello di 300 volt.

Vedi il profilo dell'utente
2
Miss.Stanislavskij Online
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ho visto qualche anno fa in tv quel documentario realizzato in Francia come finta "puntata pilota" di un programma televisivo, e c'è anche su YT ma solo in francese

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum