Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Riciclaggio post-bellico dei fascisti in Italia

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La fine della seconda guerra mondiale segnò formalmente la sconfitta dei nazi/fascisti, che dopo i rovesci militari sarebbero dovuti essere allontanati dai pubblici servizi, processati e perseguiti penalmente. Purtroppo le cose andarono molto diversamente, soprattutto in Italia, dato che una “Norimberga italiana” non fu mai celebrata e nessuna epurazione colpì i vari fascisti che lavoravano in settori chiave come la magistratura e l’esercito. Varie nazioni, tra le quali la ex-Jugoslavia, la Grecia, la Libia e l’Etiopia spedirono una lista di circa 1200 italiani responsabili di numerosi ed efferati crimini contro sia le popolazioni civili che i locali gruppi partigiani. Gli alleati posero precise direttive volte alla consegna di tutti i criminali, ma queste furono abilmente evitate dai vari governi repubblicani italiani anche, e soprattutto, grazie all’appoggio degli anglo-americani. Questi ultimi considerarono il riciclo dei criminali fascisti nella vita pubblica italiana come elemento fondamentale per contrastare attivamente il movimento comunista e le masse popolari.
Le decisioni internazionali ebbero infatti importanti ripercussioni nella politica interna italiana post fascista: tutti i fascisti condannati dai tribunali partigiani operanti durante il periodo bellico, grazie a vari provvedimenti tra i quali cito la famosa “amnistia Togliatti”, furono assolti e scarcerati e rimessi in libertà.
Non solo la magistratura vide riciclare i propri funzionari che avevano fatto carriera durante il ventennio fascista e con esso si erano compromessi, ma anche l’esercito e le forze di polizia. Il loro reintegro in questi settori essenziali della neonata Repubblica Italiana segnò negativamente la successiva storia del paese. Infatti il loro operato in chiave anticomunista fu fondamentale per sviluppare la strategia della tensione culminata in varie stragi di stato e vari tentativi di colpo di stato.


L'Italia repubblicana nasce dal crollo del fascismo oppure no?
Come mai sono stati tutti zitti vedendo che gli stessi amministratori e politici del ventennio si riciclavano nella Repubblica?
Quali fascisti si riciclarono dopo il 1945 nel modo più sfacciato? E come fecero?
Perchè ciò avvenne? Davvero ha condizionato tanto la nostra storia?

Visualizza il profilo dell'utente
2
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico
Come mai tutti i criminali di guerra che sono finiti in giro per il mondo con maggioranza in America Latina avevano passaporti dell Vaticano quando sono scappati?Come mai nessuno ha detto nulla?

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum