Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Vite alternative, al di fuori del circuito dell'economia: Mark Boyle

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Fenhir
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Vivere senza denaro è possibile. E' l'impresa portata a termine da un ex uomo d'affari che dal novembre 2008 fa a meno di banconote, monetine, carte di credito, assegni.
Mark Boyle, 31 anni vive in un caravan parcheggiato in una fattoria alle porte di Bristol, dove fa volontariato tre volte alla settimana. Il caravan gli è stato fornito da Freecycle, un gruppo di mutuo soccorso  fondato in Inghilterra da persone che si scambiano oggetti gratuitamente. Si nutre delle piante che coltiva, e produce elettricità con un pannello solare. Ha un telefono cellulare che utilizza solo per ricevere chiamate, e un notebook che si alimenta a energia solare.
 
Il denaro non è al nostro servizio. Siamo noi al suo. I soldi hanno conquistato il mondo

Partendo da questa considerazione inizia una sfida con se stesso e con uno stile di vita che è riuscito a vincere grazie a quelle che lui stesso definisce "relazioni reali" con i membri della comunità locale e con l'ambiente naturale e che ha voluto raccontare nel libro "L'Uomo senza soldi".


E’ iniziato tutto in un pub. Ero con un amico e stavamo parlando dei vari problemi del mondo, come lo sfruttamento del lavoro, la distruzione ambientale, i test sugli animali, le guerre, l’impoverimento delle risorse energetiche. Ho capito che tutte queste piaghe erano in qualche modo connesse con il denaro. Così ho deciso di inizare a farne a meno. Ho venduto la mia casa a Bristol e ho lasciato il mio lavoro in un’azienda che produce cibo biologico. Poi - prosegue - ho steso una lista di tutte le cose che generalmente acquistavo e mi sono sforzato di trovare una via alternativa per procurarmi ciò di cui avevo bisogno. Al posto del dentifricio ad esempio uso un misto di ossi di seppia e semi di finocchio. Altre cose, come l’iPod, sono state semplicemente depennate: gli uccelli che vivono sugli alberi vicino al mio caravan sono diventati il mio nuovo iPod

Naturalmente questo nuovo stile di vita richiede più tempo e maggiore sforzo per fare qualunque cosa

Intraprendere il percorso verso uno stile di vita senza soldi è un po' come passeggiare in una foresta vergine a mezzanotte senza una lanterna. Intuisci che potrebbe essere un posto fantastico in cui vivere ma è anche scoraggiante, talvolta scoraggiante in maniera decisiva

 Boyle è riuscito a rendere la sobrietà divertente, a volte anche buffa (fanno sorridere i suoi ingegnosi stratagemmi per la cura dell'igiene personale o quelli per procurarsi gli alimenti), e, mettendo in evidenza gli sprechi esorbitanti del nostro sistema (ancora oggi, nonostante la crisi, buttiamo via un terzo del cibo che produciamo)

L'uomo, che è vegetariano da sei anni, nel 2007 ha fondato la Freeconomy, una comunità online che promuove la condivisione di abilità e proprietà, e che a oggi conta 17.000 iscritti.

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum