Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Ricette Estive e Veloci

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Con il caldo mangiare è difficile quindi propongo di scambiarci qui ricettine fresche, facili e golose per affrontare il caldo senza rinunciare al piacere della tavola. Io ne ho trovata qualcuna davvero interessante.


Ika confused

Vedi il profilo dell'utente
2
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Bocconcini alla quinoa

Ingredienti per 30 bocconcini
Quinoa 150 gr
Zucchine 2 piccole
Limoni l scorza grattugiata di 1
Uova 1
Parmigiano Reggiano grattugiato 50 gr
Zenzero fresco grattugiato q.b.
Sale
Pepe


Per preparare i bocconcini di quinoa, iniziate ponendo la quinoa in una ciotola e sciacquandola sotto l'acqua fredda fino a che l’acqua non risulterà limpida. In questo modo, infatti, andrete a rimuovere le tracce di saponine (il sottile strato di resina esterna) presenti sui suoi chicchi, che le conferiscono un sapore amaro (1). Lessate, quindi, la quinoa in una padella antiaderente con acqua salata per i minuti indicati sulla confezione (circa 15-20 minuti) (2), fino a che i chicchi non avranno assorbito gran parte dell'acqua di cottura ammorbidendosi e ingrossandosi (3).
Procedete scolando la quinoa e passandola sotto l’acqua fredda per interrompere la cottura (4). A questo punto lavate con cura le zucchine e mondatele (5). Dopodichè sbucciate e mondate anche lo zenzero fresco (6).
Grattugiate le zucchine e ponetele in un largo recipiente (7), dove aggiungerete la scorza di limone grattugiata (8) e lo zenzero fresco grattugiato (9).
Unite la quinoa lessata alle zucchine grattugiate, lo zenzero e la scorza di limone (10), aggiungete anche il parmigiano grattugiato (11) e l'uovo (12). Aggiustate di sale e pepe a piacere e amalgamate gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.


Procedete disponendo i pirottini mignon di carta (dal diametro di circa 4/5 cm e alti circa 3 cm) su una teglia da forno e riempiteli con il composto (13); potete usare anche uno stampo antiaderente per mini muffin. Tenete presente che ogni pirottino in foto ne contiene all'incirca 20 gr. Compattate il composto all'interno dei pirottini aiutandovi con il dorso di un cucchiaio, in modo da definire meglio la forma dei bocconcini (14). Non vi resta che infornarli in forno già caldo modalità statica a 180° per 25 minuti (se usate un forno ventilato cuoceteli a 160° per 20 minuti), fino a quando la superficie non raggiungerà una piacevole doratura (15). A questo punto i bocconcini di quinoa sono pronti per essere impiattati e serviti tiepidi!
 



http://ricette.giallozafferano.it



Ika confused

Vedi il profilo dell'utente
3
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Ceviche di Pesce



San Pietro, carpaccio 200 gr
gamberetti 200 gr
Peperoncino
Pomodori ]medi 2
Cipolle 1
carpaccio 200 gr salmone
Limoni succo di 3
Lime succo di 2
Sale
Pepe Bianco


Preparate la marinata mescolando il succo dei limoni e dei lime, regolate di sale e pepe e tenete da parte.
Tagliate a fettine di circa 5cm x 3cm i carpacci (1) sia di salmone che di San Pietro (2); disponete in una ampia pirofila i filetti dei due pesci (3), possibilmente senza sovrapporli troppo così che la marinata poi possa essere ben distribuita;
aggiungete i gamberetti freschi e metà della marinata (4), unite il peperoncino tagliato sottilmente (5) e la cipolla affettata (6), insieme al pomodoro anch’esso ridotto in dadolata.
Irrorate il tutto con il resto della marinata.
Mettete a riposare in frigo per almeno 8 ore, meglio ancora prepararlo la sera per il giorno successivo. Al momento di servire potete spolverare con poco prezzemolo tritato e un filo di olio extravergine a piacere.


http://ricette.giallozafferano.it


Ika  confused

Vedi il profilo dell'utente
4
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Fragole alla panna su letto di capezzoli SGHIGNAZZARE

servite "nature" per una persona

Vedi il profilo dell'utente
5
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Qualcuna aiuti l'uomo x,
ci saranno ancora donne generose a questo mondo... e che diavolo.


Spoiler:
Io no... sono avarissima Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
6
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Altre ricettine sfiziose.
Fico il nuovo modo di postare... mi copia subito le immagini.

Aspic Mille colori


Gelatina
Carote 90 gr
Sedano 90 gr
Cipolle 90 gr
Birra 100 ml
colla di pesce 40 gr
sale


Ripieno


Prosciutto a dadini 100 gr
Carote 70 gr
Piselli 70 gr
Peperone 2 mezzi di colori diversi
16 olive verdi e nere
2 Uova


Per preparare l’aspic millecolori con gelatina alla birra iniziate dal brodo vegetale, che servirà per fare la gelatina. In un pentolino ponete l’acqua e la birra (1) insieme alla carota, al sedano e alla cipolla già lavate e pulite (2), salate e portate a bollore facendo cuocere a fuoco basso per circa 20 minuti. Passato questo tempo, filtrate il brodo e aggiungete tanta acqua quanto basta per portare tutto il liquido a 500 ml. Intanto sbollentate i piselli e le carote tagliate a dadini (3) per un paio di minuti in acqua bollente.
Preparate le verdure: tagliate i peperoni ricavando 24 listarelle (4) dal peperone giallo e 24 listarelle da quello rosso e tagliate le parti restanti in cubetti (5). Tagliate le olive a rondelle (6)
e le uova sode, ricavando 8 fette (7). Intanto mettete in ammollo la colla di pesce in acqua fredda (8) e quando si sarà ammorbidita, strizzatela bene e fatela sciogliere in 3-4 mestoli di brodo ben caldo (che potrete anche mettere sul fuoco) (9). Unite poi questo liquido al restante brodo vegetale e fate raffreddare il composto a temperatura ambiente.
Ora passate alla composizione dell’aspic: predisponete 8 stampini d’acciaio della capacità di 165 ml e tenete presente che ogni strato di gelatina alla birra, che comporrà l’aspic millecolori, sarà di 15 gr e avrà bisogno di 15-20 minuti in frigo per rassodare (oppure 10 minuti in freezer). Partite dal fondo versando uno strato di gelatina pari a 15 gr (10) (per essere sicuri ponete lo stampino su una bilancia, fate la tara e pesate esattamente la gelatina mentre la versate). Quando il fondo sarà rassodato ponete una fetta di uovo sodo al centro, ricopritelo con la gelatina (11) e lasciate rassodare. Continuate con il prosciutto cotto a dadini, facendo attenzione a disporre bene a raggiera il prosciutto per tutto il perimetro dello stampino (12), per ottenere un effetto finale molto ordinato, e completate con altri cubetti al centro.
Versate sopra un altro strato di gelatina alla birra (13) e fate rassodare. Proseguite con uno strato di piselli, avendo cura di disporli sempre in modo armonioso (14), coprite con la gelatina e fate rassodare (15).
Passate poi ai peperoni: disponete 3 listarelle di peperone rosso alternate a 3 listarelle di peperone giallo lungo il perimetro dello stampino (16) e riempite al centro con in cubetti di peperone (17). Ricoprite sempre con gelatina e fate rassodare. Infine lo strato finale: disponete i cerchi di oliva alternando i colori intorno allo stampino (18)
e completate lo strato con i cubetti di carota (19). Ricoprite con l’ultimo strato di gelatina (20) e fate rassodare il tutto per 2-3 ore in frigorifero. Quando sarà ben compatto sformate il vostro aspic immergendolo velocemente in acqua calda e staccando i bordi dallo stampino con l’aiuto di un coltellino a lama liscia (21). Il vostro aspic millecolori con gelatina alla birra sarà pronto per essere servito.


http://ricette.giallozafferano.it



Ika confused

Vedi il profilo dell'utente
7
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Burghul al Pesto

10 gr di erba cipollina
10 gr di menta
30 gr di basilico
50 gr noso
20 gr lamelle mandorle
300  gr burghul
aglio
olio
sale



Portate a ebollizione 600ml di acqua, salatela e tuffateci il bulgur; fatelo cuocere per circa 15-20 minuti e poi scolatelo e passatelo sotto abbondante acqua fredda così da fermare la cottura e raffreddarlo;
tenetelo da parte in una terrina (1).
Preparate il pesto mettendo le erbe fresche nel mixer (2) insieme alle noci (3) l'aglio e due cucchiai di olio evo;
azionate il mixer e aggiungete a filo, sempre quando il mixer è in azione, altro olio extravergine di oliva quanto basta per ottenere un composto quasi vellutato (4); regolate di sale (5) e trasferite il pesto in una ciotolina (6).
Versate il pesto nella terrina (7) con il bulgur; amalgamate (8) molto bene con un cucchiaio e a piacere aggiungete le mandorle a lamelle leggermente tostate (9) in una padella antiaderente senza altri grassi.
Servite freddo.



Giallozafferano.it



Ika 

Vedi il profilo dell'utente
8
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
A te ti mangerei tutta....cruda....così come sei nell'avatar...al naturale come il tonno in scatola rotolarsi dal ridere

ahahahah....e suvvia, un po' di humor. Eccheccazzo pietra

Vedi il profilo dell'utente
9
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Contribuisco. Me la sono fatta ieri ( l'insalata) ed era buona.
 
Insalata di tacchino, ingredienti per quattro persone

  • 600 grammi di fesa di tacchino;
  • 150 grammi di cavolo cappuccio;
  • 1 gambo di sedano;
  • 1 cetriolo;
  • un cucchiaio di olive nere snocciolate;
  • un cucchiaio di senape;
  • una manciata di timo e alloro;
  • scorza di un limone;
  • un cucchiaio di olio extravergine di oliva;
  • pepe q.b.

Insalata di tacchino, preparazione

  • Facciamo bollire un litro di acqua salata con dentro la scorza di limone, il timo e l’alloro, quindi immergiamo il tacchino al suo interno e facciamolo cuocere;
  • Non appena il tacchino sarà pronto lasciamolo immerso nell’acqua di cottura finchè tutto non si sarà freddato bene, quindi tagliamolo in pezzi e mettiamolo dentro a una terrina dai bordi alti;
  • Mentre aspettiamo che il tacchino si freddi tagliamo il cetriolo in pezzi non troppo piccoli e trituriamo finemente il sedano e il cavolo cappuccio;
  • Mescoliamo olive, sedano, cavolo cappuccio e parte del cetriolo con la carne e amalgamiamo il tutto con la senape;
  • Infine decoriamo l’insalata con i pezzetti di cetriolo rimasti e cospargiamola con un pizzico di pepe

Vedi il profilo dell'utente
10
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Esultare2 polpettine di merluzzo e tonno

lessare filetti di merluzzo, liberarli dalle spine , passarli al setaccio, aggiungere due scatoline di tonno al naturale, aggiungere con 1 uovointero, sale pepe e un cucchiaio di latte e del prezzemolo.
Formare delle popettine ,infarinarle e friggerle in padella oppure metterle nel forno caldo 160 ° per 20 minuti...sono buonissime anche fredde e come aperitivi
accompagnati da un prosecco

Vedi il profilo dell'utente
11
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Wow ! Grazie, credevo di essere l'unica a cui interessassero le ricettine light Esultare : festA festa abbraccio di gruppo



Caprese Finger Food


Per crema alle zucchine e basilico
200 gr zucchine
4 gr basilico
colla di pesce
olio
sale

per la crema di pomodoro
300 gr pomodori cigliegini
10 gr basilico
colla di pesce
olio
sale
 
Per la caprese
Burrata 250 gr
Pinoliq.b. [/list]


Pulite le zucchine, togliete loro le punte e tagliatele a metà, prelevate la parte bianca con i semini (1) e tagliate il resto a tocchetti (2), in totale dovreste avere 200 gr di zucchina pulita e tagliata.
Fate scaldare due cucchiai di olio in una padella antiaderente e fate saltare le zucchine per qualche minuto (3),
fino a farle intenerire; state attenti a non farle disfare (4). Trasferitele nel boccale del frullatore e aggiungete la metà del basilico (5) e un cucchiaio di acqua, frullate il tutto molto bene in modo da ottenere un composto omogeneo (6); pesate il composto ottenuto, dovreste averne circa 180 gr.
Preparate anche la gelatina di pomodori: pulite i ciliegini e tagliateli a metà (7); scaldate altri due cucchiai di olio in un tegame e fatevi cuocere i pomodorini con il resto del basilico (8) fin tanto che non siano ben morbidi, circa 20 minuti; prelevateli dal tegame e passateli al passaverdura (9); pesate la passata ottenuta, dovreste averne circa 180-200 gr (dipende anche dalla maturazione dei pomodori, più sono polposi più densa sarà la salsa).
Mettete in ammollo la colla di pesce dividendola in due ciotole di acqua fredda, in una ne metterete 5 gr (per il pomodoro) e nell'altra i 4 gr per la crema di zucchine.
Eventualmente filtrate la passata di pomodoro per togliere possibili semini rimasti (10).
Nel frattempo fate intiepidire nuovamente in due pentolini separati sia la passata di pomodoro che la crema di zucchine e poi aggiungete le due quantità di colla di pesce facendole sciogliere bene (11-12).
Versate direttamente la crema di pomodoro nei 4 bicchierini prescelti (13) e ponete in frigo a rassodare, oppure in freezer.
Trasferite anche la crema di zucchine in una ciotola, coprite con della pellicola e mettete in frigo anche questa a rassodare.
Una volta che la gelatina di pomodori è ben soda, dividete anche la stracciatella nei 4 bicchierini (14), dopo averla lavorata leggermente con una forchetta in modo da romperne le fibre; versate ora il composto di zucchine e basilico in una sacca da pasticceria minuta di bocchetta stellata di 1 cm e decorate con questa la stracciatella (15).



Fate tostare una manciata di pinoli per qualche istante in una padella antiaderente senza altri grassi (16) e poi disponeteli a piacere nei bicchierini come guarnizione (17-18).



Fate tostare una manciata di pinoli per qualche istante in una padella antiaderente senza altri grassi (16) e poi disponeteli a piacere nei bicchierini come guarnizione (17-18).

http://ricette.giallozafferano.it/





Ika:..: 









 


.

Vedi il profilo dell'utente
12
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
YES  Questa è buonissima


Carpaccio di Pesce spada al pepe


250 ml latte
pepe rosa
pepe
50 ml olio
sale
500 gr pesce spada in fette sottili


Per preparare il carpaccio di pesce spada al pepe verde e rosa iniziate dal taglio delle fette di pesce spada. Con l'aiuto di un'affettatrice, tagliate il trancio di spada in 16 fettine da circa 30 gr l'una e dello spessore di 3-4 mm (1). Per facilitare l'operazione, tenete il trancio di spada per compattarlo in freezer per un'ora prima di affettarlo. Se non avete a disposizione un'affettatrice, comprate lo spada già tagliato in fette per il carpaccio oppure fatelo tagliare nella vostra pescheria di fiducia. Eliminate con un coltello la pelle del pesce spada (2) e disponete le fette in una pirofila (3).
Iniziate a preparare la marinatura: in una ciotola versate il latte (4) e l'olio (5). Unite il pepe verde in grani (6),
il pepe rosa (7)  e il sale rosa dell'Himalaya (8). Emulsionate il composto con una frusta (9) per amalgamare tutti gli ingredienti.
  Versate la marinatura nella pirofila dove avrete sistemato le fette di pesce spada (10-11) e coprite con la pellicola (12). Il carpaccio dovrà marinare in frigorifero per almeno 4 ore.
Trascorso questo tempo togliete il carpaccio di pesce spada dal frigo e, con l’ausilio di una paletta, sollevate ad una ad una le fette di spada (13), scolando un po' la marinatura, e sistematele in una pirofila da forno (14). Infornate a 180 gradi per non oltre 5 minuti, in modo che il pesce rilasci la marinatura assorbita (15). Fate intipiedire il carpaccio di pesce spada al pepe verde e rosa prima di servire in tavola.


http://ricette.giallozafferano.it/



Ika:..: 

Vedi il profilo dell'utente
13
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
aspetto sono in ufficio e non posso andare neppure a prendere il caffè!!!!


ma se al posto del pesce spada metto le alicette

Vedi il profilo dell'utente
14
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
ricettina veloce e poco calorica per ika

fai i peperoni a listarelle e cuocili in padella a fuoco moderato in modo che appassiscano dolcemente , aggiungi un poco di peperoncino e prezzemolo, frulla il tutto e condisci degli spaghetti integrali con la cremina ottenuta spolverizzando con del pecorino romano

Vedi il profilo dell'utente
15
Megara
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@cinzia ha scritto:ricettina veloce e poco calorica per ika

fai i peperoni a listarelle e cuocili in padella a fuoco moderato in modo che appassiscano dolcemente , aggiungi un poco di peperoncino e prezzemolo, frulla il tutto e condisci degli spaghetti integrali con la cremina ottenuta spolverizzando con del pecorino romano

Peperoni e pecorino? Poco calorica e leggera? pat 

Vedi il profilo dell'utente
16
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
pecorino mica una forma intera!! una spolverta e i peperoni sono formati da acqua al 90 % circa
un piatto cosi' di 80 tra pasta e altri ingredienti saranno 500 calorie. quanto una pizza napoletana.
se dopo l'accompagni con delle verdure fresche , in estate si può fare !!!

Vedi il profilo dell'utente
17
Megara
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ma se io mangio un piatto così dopo due giorni ho la digestione ancora in atto!  

Vedi il profilo dell'utente
18
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
oddio ti si "ripropongono i peperoni " come a me succede con zadig..hahahaha
toglici la pelle è la parte meno digeribile.
Invece è un piatto unico molto gradevole se poi ci metti anche qualche fogliolina di menta

Vedi il profilo dell'utente
19
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem


Lumache in umido con polenta: né estiva, né veloce, né digeribile. Perché l'ho postata? Perché son Pazza! SGHIGNAZZARE 

Vedi il profilo dell'utente
20
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Pazza_di_Acerra ha scritto:

 ahhhhhhhhhhhhhhhhh..mo ho capito perchè così cattivella...mangi poco e male , che è quell'intruglio?

Vedi il profilo dell'utente
21
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Lumache in umido con polenta... Altro che intruglio!

Vedi il profilo dell'utente
22
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
la polenta mi piace ..dopo 30 anni di valle d'aosta sono una polentona..
Ma le lumache commosso 

Vedi il profilo dell'utente
23
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Panzanella ai frutti di mare





   Pronto in: 40 minuti
   Ingredienti: 6
   Ricetta: molto facile
   Località: Italia, Toscana

Panzanella ai frutti di mare
Ingredienti della ricetta

   500 gr di pane casereccio raffermo Toscano
   4 cucchiai di aceto di vino bianco
   4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
   1 cipolla rossa di tropea (o 2 cipollotti freschi)
   sale e pepe q.b.
   6 foglie di basilico
   4 pomodori sodi e maturi
   1 costa di sedano
   per il pesce
   4 cucchiai di olio
   1 kg di cozze
   1 kg di vongole
   600 gr di gamberetti o code di gambero
   700 gr di calamari
   1 spicchio di aglio
   1 scalogno
   ½ bicchiere di vino bianco secco




   Lavate le vongole, mettetele in un contenitore con acqua, 3 pugni di sale grosso e lasciatele spurgare per almeno 1 ora. Lavate le cozze, togliete il bisso (il filamento che fuoriesce dalla cozza) e raschiatele con la lama di un coltello per eliminare le incrostazioni esterne.
   Mettete le cozze e le vongole in una padella capiente con due cucchiai di olio e 1 spicchio di aglio, mettete sul fuoco e lasciate cuocere (coperte) per circa 5 minuti fino a quando le conchiglie saranno aperte. Filtrate il liquido di cottura dei molluschi e tenetelo da parte.
   In una padella a parte fate rosolare i calamari tagliati a rondelle con 2 cucchiai di olio e 1 trito finissimo di scalogno, unite i gamberi e continuate la cottura per 15 minuti a fuoco dolce bagnando a metà cottura con il vino.(se la preparazione risultasse troppo asciutta unite del liquido di cottura dei molluschi)

   Aggiustate di sale, pepe, unite le cozze e le vongole e lasciate raffreddare il pesce.
   Nel frattempo tagliate il pane a fette non troppo sottili e mettetelo in ammollo per 20 minuti in contenitore con acqua fredda e 3 cucchiai di aceto.

   Strizzatelo bene, sbriciolatelo in una insalatiera, unite il sedano pulito e tagliato a rondelle non troppo spesse, i pomodori privati dei semi interni e tagliati a spicchi, la cipolla tagliata a rondelle sottili (meglio se rossa altrimenti cipollotti freschi), l'olio, 1 cucchiaio di aceto, sale e pepe macinato fresco, il basilico sminuzzato grossolanamente e i frutti di mare preparati in precedenza.
   Mescolate bene la preparazione e conservate la panzanella ai frutti di mare in frigorifero fino al momento di gustarla.
   Consiglio.. si può diminuire la dose dell'aceto se si vuole ottenere una preparazione più delicata.


Ika confused



Ultima modifica di Ika il Sab 10 Ago 2013 - 7:15, modificato 3 volte

Vedi il profilo dell'utente
24
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Guazzetto piccante di moscardini




   1 kg di moscardini
   1 spicchio di aglio
   1/2 scalogno
   ½ bicchiere di vino bianco
   2 peperoncini
   400 gr di passata di pomodoro
   ½ cucchiaio di prezzemolo tritato
   8 fette di pane tostato
   sale q.b.
   4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
   30 olive nere (denocciolate o cotte al forno)




   In una capiente casseruola fate imbiondire nell'olio un trito finissimo di aglio e cipolla. Unite i peperoncini, i moscardini (precedentemente puliti) e lasciate cuocere a fiamma dolce per 5 minuti.
   Bagnate i moscardini con il vino, lasciatelo evaporare poi unite la salsa di pomodoro, il sale e lasciate cuocere a fuoco moderato per 30 minuti. Verificate la cottura del pesce pungendolo con i rebbi di una forchetta (dovrà risultare morbido), unite le olive, lasciate cuocere ancora per 5 minuti.
   Servite i moscardini con pane tostato (possibilmente agliato, strofinato con aglio) e una spolverata di prezzemolo tritato.

Ika confused



Ultima modifica di Ika il Sab 10 Ago 2013 - 7:15, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
25
Ika
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Pane frattau





Ingredienti della ricetta

   4 fogli di pane carasau
   1 cipolla
   5 foglie di basilico
   700 ml di salsa di pomodoro
   2 cucchiai di aceto
   4 uova
   pecorino sardo grattugiato q.b.
   Sale e pepe q.b.
   3 cucchiai di olio extravergine d'oliva


   In una capiente casseruola fate bollire il brodo (la ricetta originale prevede quello di pecora ma va benissimo quello di carne o di dado)
   In un'altra casseruola fate rosolare dolcemente con l'olio la cipolla tagliata a rondelle sottili, aggiungete la salsa di pomodoro, sale, pepe, basilico e continuate la cottura per 15/20 minuti a fuoco dolce.
   Immergete per pochi secondi i fogli di pane carasau (uno alla volta anche spezzato) nel brodo caldo, tiratelo su con mestolo forato e adagiate su piatti da portata alternando il pane al sugo di pomodoro e pecorino grattugiato.
   Completate il piatto con un uovo in camicia per commensale, un filo d'olio L'uovo in camicia si prepara così: in una ciotola rompete le uova, in un piccola casseruola mettete a bollire dell'acqua con 2 cucchiai di aceto e un pizzico di sale, quando sfiorerà il bollore abbassate il fuoco e versate, uno alla volta, le uova dentro l'acqua e facendole cuocere in camicia per 3 o 4 minuti ottenendo così una chiara solidificata e un tuorlo ancora fluido.


Ika confused

Vedi il profilo dell'utente
26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum