Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Cogito ergo sum applicato all'uomo

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Zingara
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Cogito ergo sum ( Penso dunque sono) è una delle massime filosofiche più famose ed abusate.
Pochi in realtà sono in grado di contestualizzarla e sono ancor meno le persone che la metterebbero in dubbio.

Per capirci, Cartesio arriva a questa conclusione utilizzando un metodo d'indagine modellato sul criterio dell'evidenza, ovvero un metodo che valorizza il dubbio e che in baso al peso accordato al dubbio ammette come vero solo ciò che è evidente. In base a questo metodo i sensi si rivelano inaffidabili, il copro con loro e anche molte verità scientifiche. Il pensiero no.
Infatti l'unica cosa che risulta evidente e indubitabile è il fatto stesso di avere dubbi. Se è evidente che dubito , dice Cartesio , è altrettanto evidente che penso , e quindi che esisto come sostanza pensante .

Questo è il contesto.
Ma io mi chiedo una cosa. Concretamente, cioè umanamente, non è proprio il pensare ai propri pensieri a rendere meno evidenti le cose compresa la nostra esistenza? Riflettere o peggio riflettere sui propri pensieri non rompe l'immediatezza del contatto con la realtà? Questo tipo di dubbi in realtà non si auto alimentano?

Vedi il profilo dell'utente
2
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
dubitare dell' esistenza di dio, ai tempi di Cartesio era pericoloso. Spiegare i perché del dubitare, correlato all' esistere dell' uomo, è stata la mossa di un uomo di scienza prudente.

Vedi il profilo dell'utente
3
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cara Zingara, credo proprio che "cogito ergo sum" non volesse significare farsi le pippe mentali o "pensare troppo". Quella è paranoia SGHIGNAZZARE

Penso piuttosto che volesse indicare la capacità di discernere...cioè di osservare, analizzare e decidere. Cosa che gli altri animali non fanno poichè si muovono in base a una identità collettiva dettata dalla appartenenza ad una specie...e non in base a una consapevolezza (quando c'è) "individuale", come avviene per l'homo sapiens.

Vedi il profilo dell'utente
4
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
aspetto
Cogito ergo NON sum !
Allora sì che ci capiamo: se cogito,lo faccio nel tempo cioè nel passato
che non esiste più o nel futuro che non è ancora arrivato.
Ma io credo di essere il pensiero e cioè passato e futuro inesistenti.
Dunque: cogito ergo NON sum.
E se non cogito? Ergo SUM !
Se non cogito allora non arriva nessun pensiero dal passato inesistente e neppure dal futuro che verrà ,nessun pensiero orrizzontale ma la Verità
verticale e nel PRESENTE.
Dunque?
Dunque NON cogito ergo sum.

Paura

Vedi il profilo dell'utente
5
Lostboy
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
All'uomo si applica il Coito Ergo Sum

Vedi il profilo dell'utente
6
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Lostboy ha scritto:All'uomo si applica il Coito Ergo Sum
aspetto
"Si applica?"
Boh!

Vedi il profilo dell'utente
7
Zingara
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@xmanx ha scritto:Cara Zingara, credo proprio che "cogito ergo sum" non volesse significare farsi le pippe mentali o "pensare troppo". Quella è paranoia SGHIGNAZZARE

Penso piuttosto che volesse indicare la capacità di discernere...cioè di osservare, analizzare e decidere. Cosa che gli altri animali non fanno poichè si muovono in base a una identità collettiva dettata dalla appartenenza ad una specie...e non in base a una consapevolezza (quando c'è) "individuale", come avviene per l'homo sapiens.

No, lui intendeva i pensiero in generale. Forse ai suoi tempi c'erano meno certi problemi.
In ogni caso, non credi che anche la paranoia sia un pensiero che analizza? Nasce per questo, solo che è ipertrofica e quindi si perde.

@Hakim
Tu pensi troppo

@Lostboy
E le donne?

Vedi il profilo dell'utente
8
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Sono esattamente 40 anni che non penso.
Ho gettato via il pensiero quando ho letto questi pensieri di Buddha:

"Pensa e agisci aldilà della mente
e la felicità ti seguirà come la ruota del carro
segue il bue che la trascina.

Pensa e agisci dando retta alla mente
e le disgrazie ti seguiranno come la ruota
del carro sgue il bue che la trascina."


E così ho smesso di usare la mente.
E tutto mi va bene.

Shaykh Sanai al Sultan Walad.

sorriso

Vedi il profilo dell'utente
9
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum