Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Quando la normalità sembra una corsa

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Meer
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Come spiegate la persistenza di uno stato d'animo di stanchezza che spinge ad abbandonare gli impegni, a prescindere dalla loro reale gravosità?
Avverto affaticamento, spesso ansia e ho la sensazione quando "vivo" di dovermi fermare, come se non fosse uno stato normale, ma una corsa. Sento di dovermi fermare, di aver bisogno di non far nulla e non averenulla da fare.
Ho avuto forti dispiaceri dovuti ad allontanamenti, anche se in epoca non recente.
Può trattarsi di un lutto non elaborato?

Niente pietismi.
Ma opinioni e strategie.
Grazie.

Vedi il profilo dell'utente
2
LieveMente
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Meer ha scritto:Come spiegate la persistenza di uno stato d'animo di stanchezza che spinge ad abbandonare gli impegni, a prescindere dalla loro reale gravosità?
Avverto affaticamento, spesso ansia e ho la sensazione quando "vivo" di dovermi fermare, come se non fosse uno stato normale, ma una corsa. Sento di dovermi fermare, di aver bisogno di non far nulla e non averenulla da fare. .

Capita anche a me. Di solito significa che non mi piace quello che sto facendo, avverto a livello epidermico che la strada che sto percorrendo è sbagliata e inadatta a me.
Poi un dilatatissimo spazio temporale libero da impegni e pressioni...beh quello è un gran lusso, me lo sogno YES

Per il resto non so, spiace.
Strategie...se ti puoi fermare un pochino....fallo sorriso

Vedi il profilo dell'utente
3
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Scusa ma a me sembra strano che tu sia qui a chiedere strategie a dei comuni utenti. Mi sembra chiaro che si tratta di un problema per cui vale la pena di ascoltare un addetto ai lavori.
Al massimo posso esprimere un'opinione visto che é capitato anche a me e a molti altri.
La depressione puó essere una spiegazione.
L'esaurimento nervoso pure...anzi...magari in passato hai corso troppo, piú del dovuto e ora semplicemente e giustamente non ne puoi piú. Una parte di te é diventata piú vulnerabile
La pigrizia é un'altra ragione. Semplicemente ci sono persone che non sono in grado di stare dietro a questa "normalitá" imposta. Bisogna accettarsi con serenitá sicuri del fatto che abbiamo molti altri pregi e che non siamo tutti uguali.

Vedi il profilo dell'utente
4
An Boum
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
C'è poco da aggiungere a quello che ha detto Rupa.

Quel che è certo che le donne conducono ritmi di vita estenuanti, tanto che si sta invertendo la tendenza secondo la quale la donna vive più a lungo dell'uomo, pare che non sia più così.

Se puoi permetterti di ripostarti, fallo senza sentirti in colpa (e controlla la quantità di Ferro nel sangue).

Vedi il profilo dell'utente
5
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
sì ripostati che noi ci riprostatiamo

Vedi il profilo dell'utente
6
Meer
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Vi ringrazio per avermi risposto. Nei primi giorni nessuno aveva considerato questa discussione e credevo quindi non vi interessasse. Quando mi è arrivata la notifica di risposta mi sono subito collegata.
A Lievemente vorrei dire che non posso fermarmi un pochino perchè se lo facessi mi fermerei sempre. Il punto non è che ho una mole eccessiva di cose da fare, il punto è che ogni cosa è eccessiva.
A Rupa invece voglio precisare che non si tratta di fare cose non piacevoli, o che non sento mie. Anche le cose che mi piacciono mi fanno questo effetto. Per quanto riguarda l'aiuto specialistico, ho fatto una vita a scavare in me stessa attraverso vari psicologi. Vorrei che la soluzione non fosse sempre quella di spaccare il capello in quattro andando in seduta. Altrimenti si ripete sempre la stessa storia.
A Fragolina, oltre ad un grazie che rivolgo anche a voi, vorrei dire nuovamente che non ho ritmi eccessivi.

Ragazzi, so che vi sembro strana e che magari vi irrita sentirmi dire così. Ma irrita anche me. Sembra che tutto sia senza motivo. Mi sento una pappamolla frignona. È come se non potessi più star bene e vivere normalmente.

Vedi il profilo dell'utente
7
Bonnie Parker
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Probabilmente sei un po' stressata. Lo stress può avere diverse cause. Non è detto che sia necessario avere mille cose da fare, il peso di dover fare si può avvertire anche senza grossi impegni.

Probabilmente i questo momento tu non ti senti OK. Cerca di capire perchè. Di solito quando stiamo bene con noi stessi e ci sentiamo OK abbiamo le energie e la forza per affrontare anche le situazioni più toste.
L'atteggiamento di stanchezza e voglia di 'evadere' dai doveri è sintomo di una mancanza di benessere ed equilibrio. Lavora su questo, cerca di capire e, appena ti è possibile, fai cose che reputi piacevoli e soddisfacenti.

So di averti detto delle banalità, ma è tutto quello che mi viene in mente.



Ultima modifica di Bonnie Parker il Mer 20 Feb 2013 - 22:58, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
8
LieveMente
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Meer ha scritto:Vi ringrazio per avermi risposto. Nei primi giorni nessuno aveva considerato questa discussione e credevo quindi non vi interessasse. Quando mi è arrivata la notifica di risposta mi sono subito collegata.
A Lievemente vorrei dire che non posso fermarmi un pochino perchè se lo facessi mi fermerei sempre.


Sei sicura Meer? E credi che andare avanti per inerzia e paura di non ripartire sia utile?
Forse hai ragione. Magari non considerare il problema ci aiuta a pensare che non esista e a forza di continuare a fare le solite cose, pian piano tutto torna alla normalità. Te lo auguro

A volte però...c'è bisogno di un punto di rottura, un'esplosione, qualcosa che ci stremi e ci faccia sentire stanchi davvero. E liberi.... sorriso



Vedi il profilo dell'utente
9
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
In barba al detto "chi si ferma è perduto" io credo che a volte fermarsi sia la strategia migliore. Un po' come quando si perde la strada: ci si ferma, si consulta una cartina, si pianifica il prossimo passo in base alle "risorse" che sono a nostra disposizione.

Vedi il profilo dell'utente
10
Dream memories
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Forza. Vai avanti, e ogni tanto fermati ma poi riparti. Cerca di capirti, ma non dare troppa importanza ai tuoi pensieri.
Le parole sono "sciocche" in questi casi, lo so. Ma prendile come una pacca sulla spalla.

Vedi il profilo dell'utente
11
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
consiglio di iovine : se puoi : iscriviti in palestra, fai nuoto, il fine settimana fai passeggiate all' aria aperta, trekking, bicicletta...insomma : reagisci.

Vedi il profilo dell'utente
12
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@BigBossStigazzi ha scritto:sì ripostati che noi ci riprostatiamo

Tu non parlare di corda in casa dell'impiccato...

Vedi il profilo dell'utente
13
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum