Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Silvio Berlusconi, chi è costui? Indagine collettiva su un personaggio politico

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Silvio Berlusconi è un politico e imprenditore italiano, nominato cavaliere del lavoro nel 1977, ha iniziato la sua attività imprenditoriale nel campo dell’edilizia. Nel 1975 ha fondato la società finanziaria Fininvest e nel 1993 la società di produzione multimediale Mediaset.
Sempre nel ’93 ha fondato il movimento politico di centro-destra Forza Italia, confluito poi nel 2008 ne Il Popolo della Libertà.
Eletto alla Camera dei Deputati nelle elezioni politiche dei marzo 1994, viene confermato nelle successive legislature. Ha ottenuto quattro incarichi da Presidente del Consiglio: il primo nella XII legislatura (1994), due consecutivi nella XIV (2001-2005 e 2005-2006) ed infine nella XVI legislatura dal 2008 al 2011.
Secondo Forbes, nel 2012 con un patrimonio personale stimato in 5,9 miliardi di dollari USA Berlusconi è il sesto uomo più ricco d’Italia e il 169º più ricco del mondo.


Fonte



Si... ma chi è? KleanaFurbo
Questa scarna biografia non rende conto della figura di Berlusconi e sopratutto del ruolo che ha avuto in Italia.
Mi piacerebbe costruire con il vostro aiuto la sua storia, puntata per puntata, compresi i retroscena reali e presunti, i processi e tutto ciò che può aiutarci a capire questo personaggio.
Mi appello in particolare a Elendil, che Ninfa mi ha detto essere piuttosto ferrato, ma rivolgo l'invito a tutti.
Allegate articoli, filmati e le vostre riflessioni.

Visualizza il profilo dell'utente
2
Elendil

Viandante Residente
Viandante Residente
Rispondo all’appello di ReLear e ringrazio NinfaEco per la referenza, anche se non sono un «berlusconologo» di professione. Ce ne sono già troppi e molti farebbero bene a cambiare mestiere. Io ho solo letto qualche libro sul personaggio. Negli ultimi dodici anni, ne sono stati scritti a centinaia, ma ben pochi mi sembrano meritevoli di attenzione.
Berlusconi è un tipo che divide: di solito o lo si ama o lo si odia. Ed è per questo che la maggioranza dei giornalisti che se ne sono occupati non è mai stata particolarmente neutrale. Nessuno si pone davanti al Cavaliere per studiarlo come se fosse un politico qualsiasi: i giornalisti tendono ad essere rispettosi, deferenti, diplomatici e cauti; oppure ostili, sarcastici e sprezzanti. È quasi impossibile mantenersi neutrali quando si esamina Berlusconi, anche perché, per molte persone, la neutralità è già una forma di ostilità: «chi non è con noi è contro di noi».

Non considero tanto affidabile il suo biografo più ostile, Marco Travaglio, che lo ha vivisezionato in almeno una ventina di volumi. Sono per lo più mattoni di centinaia di pagine (molte delle quali ripetute quasi identiche da un libro all’altro), che diventano illeggibili quando si riducono a mere trascrizioni di atti processuali e intercettazioni telefoniche.
L’Italia è piena di «guru antisistema» e spesso i loro «seguaci» aderiscono in modo totale, adorante e acritico al loro pensiero. Di solito nessuno – a parte Filippo Facci e pochi altri – si prende la briga di sbugiardare Travaglio, perché tra giornalisti e lettori è diffuso il dogma secondo cui «Travaglio è così documentato che è impossibile smentirlo». Eppure, se si leggono i suoi libri (e articoli) con spirito critico e si va a verificare di persona quello che afferma, ci si accorge degli errori sui fatti, delle analisi di parte o poco rigorose, delle citazioni imprecise o tagliate tendenziosamente… Facci lo liquida su «Libero»: «il problema […] è che smentire puntualmente Travaglio serve a fare il suo gioco vanesio e legittimante, roba che oltretutto fa perdere un sacco di tempo perché la quantità di asserzioni omissive che dice o scrive è talmente clamorosa da rischiar di consumare tempo e articoli che meritano di meglio».

Il professor Paul Ginsborg – che è un critico del Cavaliere, ma non lo odia visceralmente – scriveva che la migliore biografia di Berlusconi è quella di Giuseppe Fiori: «Il venditore. Storia di Silvio Berlusconi e della Fininvest» (Garzanti). Il libro analizza il personaggio da una prospettiva originale; ma ormai si tratta di un’opera datata. Un lavoro più recente, che procede per temi anziché con un criterio cronologico, è «L’ombra del potere» (Laterza), scritto dal giornalista inglese David Lane.
Un altro libro notevole – ma ormai bisognoso di aggiornamenti – è «Citizen Berlusconi. Il Cavalier Miracolo» (Garzanti) dell’americano Alexander Stille, che ha ricevuto elogi da destra e da sinistra: «Non è un libro contro Berlusconi. L’autore non lo odia, né lo sopravvaluta, né lo disprezza, tanto meno si lascia ipnotizzare. Alexander Stille comprende che nessun altro personaggio incarna come il Cavaliere le grandi rivoluzioni della post-modernità, la potenza della comunicazione, l’impeto dei consumi» (Filippo Ceccarelli, «la Repubblica»); «Un libro serio. Che non riduce tutto a macchietta. E che prova a leggere la vicenda come il paradigma di alcune tendenze delle democrazie di oggi e di domani» (Fabrizio Forquet, «Il Sole-24 Ore»); «Dà atto a Berlusconi di aver rivoluzionato la nostra società, svecchiandola e introducendo valori nuovi» (Gaspare Di Sclafani, «Libero»).

Negli ultimi anni, sono stati prodotti anche molti documentari su Berlusconi. Mi vengono in mente, ad esempio, «Quando c’era Silvio. Storia del periodo berlusconiano», realizzato nel 2005 da Beppe Cremagnani e Enrico Deaglio; «Videocracy. Basta apparire» (2009) di Eric Gandini; «Viva Zapatero!» (2005) e «Draquila. L’Italia che trema» (2010) di Sabina Guzzanti.
Si tratta quasi sempre di lavori critici o dichiaratamente ostili a Berlusconi. Non ho mai visto un solo documentario che avesse un approccio neutrale o favorevole al Cavaliere. Ecco perché sullo schermo si ripropone lo stesso problema che c’è sulla carta: la difficoltà di incontrare giudizi sereni ed equilibrati sul personaggio.

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum