Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Madre e figlio maschio

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
galadriel
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Gli atteggiamenti di trascuratezza o di
iperprotettività
di una madre verso il suo figlio maschio
hanno
conseguenze devastanti sulla sua sessualità
e sul suo sentirsi uomo.

Perchè secondo voi?

Vedi il profilo dell'utente
2
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Perché la mamma (e quella italiana eccelle) ha un effetto svirilizzante a causa dell'iperprotettività o, ancor peggio, dei ricatti affettivi cui sottopone l'ignaro pargolo. I masculi italiani dai quarant'anni in giù dovrebebro imparare a emanciparsi: dopo è troppo tardi.

Vedi il profilo dell'utente
3
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@ Pazza

L'iperprotettività è sempre negativa,
perchè soddisfare i bisogni prima ancora che siano manifestati significa impedire ad una persona di scoprirli e gestirli.
Crescono così persone mancanti, incapaci di rassicurarsi da sole.
Non so in che misura questo sia peggio per un uomo.
Di certo se la madre è iperprotettiva e in più non concede il suo riconoscimento al figlio è un disastro.
Se è ansiosa ancora peggio.
Per questo ce l'ho tanto con la mistica della maternità.
Troppe donne attribuiscono al diventare madri un sinificato così totalizzante che non permettono al figlio di crescere,
perchè perderebbero il loro scopo.

Anche la trascuratezza però è un disastro.
L'assenza di madre fa danni come l'indigestione di madre.

Come diceva Winnicott, una madre deve essere buona ma non troppo.
E per esserlo secondo me, deve essersi prima formata come essere umano a prescindere dalla sua maternità in modo
da dare amore gratuito.
Io credo molto a una cosa che ha detto Gibran: i figli sono frecce vive e noi siamo gli archi, o qualcosa del genere.

Pazza credi che un figlio maschio sia più danneggiabile di una figlia femmina per il fatto di essere di un sesso diverso e di dover poi trasporre da uomo il suo amore ad un altra donna?

Vedi il profilo dell'utente
4
galadriel
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Pazza_di_Acerra ha scritto:Perché la mamma (e quella italiana eccelle) ha un effetto svirilizzante a causa dell'iperprotettività o, ancor peggio, dei ricatti affettivi cui sottopone l'ignaro pargolo. I masculi italiani dai quarant'anni in giù dovrebebro imparare a emanciparsi: dopo è troppo tardi.

Cosa intendi per ricatto affettivo?
Quali sarebbero per te le conseguenze sulla sessualità?

Vedi il profilo dell'utente
5
Shri_Radha
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Secondo me hanno delle conseguenze negative perchè tolgono all'uomo sicurezza in se stesso.
L'uomo deve sentire che vale qualcosa e che ce la può fare, altrimenti non si avvicinerà mai ad una donna per provarci
perchè avrà paura di fallire.
Se poi la madre magari è di quelle che se non sei come dice lei non vali nulla,
è ancora peggio.
Il figlio nella migliore delle ipotesi cercherà donne che lo comandino.
Può anche darsi che tema di legarsi perchè tema di essere fagocitato dalla donna.
Nel campo del sesso questo può voler dire tante cose.
Sicuramente il sesso non è sereno.

Vedi il profilo dell'utente
6
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
NinfaEco ha scritto:

Pazza credi che un figlio maschio sia più danneggiabile di una figlia femmina per il fatto di essere di un sesso diverso e di dover poi trasporre da uomo il suo amore ad un altra donna?


I danni sul piano affettivo credo siano gli stessi per i maschi come per le femmine, ma per il maschio c'è l'aggravante che ciò si riflette (o può riflettersi) anche sulla sfera sessuale, dove diventa fondamentale la fiducia in se stessi.

Vedi il profilo dell'utente
7
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato


Vedi il profilo dell'utente
8
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Pazza_di_Acerra ha scritto:
NinfaEco ha scritto:

Pazza credi che un figlio maschio sia più danneggiabile di una figlia femmina per il fatto di essere di un sesso diverso e di dover poi trasporre da uomo il suo amore ad un altra donna?


I danni sul piano affettivo credo siano gli stessi per i maschi come per le femmine, ma per il maschio c'è l'aggravante che ciò si riflette (o può riflettersi) anche sulla sfera sessuale, dove diventa fondamentale la fiducia in se stessi.

Beh... anche per le donne è fondamentale la fiducia in se stesse in quel campo.
Senza non cè piacere, soltanto nelluomo ciò è visibile e in noi no.

Vedi il profilo dell'utente
9
Peppaccio
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Non sempre ciò che è visibile corrisponde a ciò che si prova...

Vedi il profilo dell'utente
10
Shri_Radha
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Peppaccio ha scritto:Non sempre ciò che è visibile corrisponde a ciò che si prova...

Nella donna certamente.
Ma in voi l'eccitazione e la non eccitazione è ben visibile.
Cosa intendi?

Vedi il profilo dell'utente
11
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum