Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

La storia del Viagra

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Tutto iniziò nel 1986 quando alcuni ricercatori scoprono che l'inibizione di un enzima presente nella muscolatura liscia dei vasi sanguigni diminuisce la resistenza vascolare e riduce l'aggregabilità delle piastrine, gli elementi del sangue che svolgono un compito fondamentale nel processo di coagulazione ma il cui ammassarsi all'interno di vene e arterie ne può procurare l'occlusione, parziale o totale.
Gli studiosi pensano ai possibili, benefici effetti di un farmaco capace di inibire l'enzima PDE5 nell'angina pectoris. Potrebbe impedire la chiusura delle arterie coronarie, la causa dell'infarto del miocardio. Nasce così il sildenafil, con l’obiettivo do valutarne eventuali effetti sull’angina.
La conclusione fu deludente, ma il sildenafil aveva un particolare effetto collaterale: alle persone su cui fù sperimentato procurava prolungate erezioni a 3 giorni dall’assunzione.
Un incidente, insomma, una sostanza che poi, una volta riconfezionata come rimedio contro al disfunzione erettile ha fatto realizzare alla casa farmaceutica incassi milionari.

[url=http://www.minerva.unito.it/Chimica&Industria/Dizionario/Supplementi01/Viagra/Viagra01.htm]Fonte[/url]


Questa mancava SGHIGNAZZARE

Vedi il profilo dell'utente
2
musicante di brema
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
A caso. Un po' come accadde tanti anni fa quando si somministrava pediatricamente uno sciroppo a base di ciproeptadina come stimolatore dell'appetito, effetto collaterale notato nel trattamento del Parkinson....

Siamo messi proprio bene! Che dignità per la medicina occidentale!

Tristezza. Ma grande. facepalm

Vedi il profilo dell'utente
3
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Io vorrei sapere prima cosa si usava

Vedi il profilo dell'utente
4
Automaalox
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@musicante di brema ha scritto: A caso. Un po' come accadde tanti anni fa quando si somministrava pediatricamente uno sciroppo a base di ciproeptadina come stimolatore dell'appetito, effetto collaterale notato nel trattamento del Parkinson....

Siamo messi proprio bene! Che dignità per la medicina occidentale!

Tristezza. Ma grande. facepalm

E' molto più triste leggere ancora oggi giudizi sommari dettati dall'ignoranza (e dall'ingratitudine, aggiungerei).

La scoperta casuale della funzione dei farmaci ( detta serendipity) non rende affatto indegna la medicina occidentale, ma è, piuttosto, la prova che il metodo rigoroso di indagine è così efficace da permettere di cogliere benefici anche non direttamente ricercati. Ovviamente solo le "menti preparate" sono in grado sfruttare il caso a loro favore, a partire da Fleming.

Il considerare tutto ciò come motivo di inefficienza del metodo di studio dei farmaci dimostra solo quanto ci sia nel popolino un'idea assolutamente distorta di questa realtà, veicolata, come sempre, dai pregiudizi e da un'abissale ignoranza.

Vedi il profilo dell'utente
5
musicante di brema
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@Automaalox ha scritto:

E' molto più triste leggere ancora oggi giudizi sommari dettati dall'ignoranza (e dall'ingratitudine, aggiungerei).

La scoperta casuale della funzione dei farmaci ( detta serendipity) non rende affatto indegna la medicina occidentale, ma è, piuttosto, la prova che il metodo rigoroso di indagine è così efficace da permettere di cogliere benefici anche non direttamente ricercati. Ovviamente solo le "menti preparate" sono in grado sfruttare il caso a loro favore, a partire da Fleming.

Il considerare tutto ciò come motivo di inefficienza del metodo di studio dei farmaci dimostra solo quanto ci sia nel popolino un'idea assolutamente distorta di questa realtà, veicolata, come sempre, dai pregiudizi e da un'abissale ignoranza.

Ma l'ignorante abissale sarai tu!

E' dignitoso per una medicina non possedere alcuna scienza delle cause? Procedere a tentoni sperando nella casualità o nelle felici combinazioni? Spezzettare l'indivisibile unità dell'uomo in cento frammenti separati gli uni dagli altri? Ignorare che l'uomo è una sintesi unitaria e che nulla, dico NULLA di ciò che si manifesti è svincolato da tutto il resto che lo compone? E' dignitoso avere una medicina che in numerose sue branche è del tutto impotente e si serve solo di coperture palliative che non curano minimamente?

Chiudi il becco (frena la mano) e rifletti prima di scrivere.

Vedi il profilo dell'utente
6
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Boh...a me sembra che non ci sia nulla di strano. Sempre muscoli so'! (oddio preciso che so che il pene non é un muscolo)
rotolarsi dal ridere
Non so, da ignorante mi sembra che non sia poi cosí scandaloso non é che stavano curando la miopia, il campo se vogliamo é quello.
L'inibizione di un enzima ha dei riscontri nella coagulazione del sangue.
L'erezione ha a che fare con la coagulazione.
Ci sono molti esempi di questo tipo.

Vedi il profilo dell'utente
7
Automaalox
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@musicante di brema ha scritto:Ma l'ignorante abissale sarai tu!

Se avrai il coraggio, la forza e così poca dignità per proseguire questa discussione possiamo dimostrare chi fra noi due è l'ignorante.

E' dignitoso per una medicina non possedere alcuna scienza delle cause?

La scoperta delle proprietà dei farmaci può avvenire casualmente (serendipity, come ho detto) o tramite progettazione.


Procedere a tentoni sperando nella casualità o nelle felici combinazioni?

No, la scoperta casuale avviene appunto casualmente, durante la sperimentazione di un farmaco, non c'è nessuna speranza in gioco.
Esempio: Si è scoperto CASUALMNTE che i sulfamidici PROGETTATI come antibiotici avevano ANCHE proprietà diuretiche e ipoglicemizzanti.
Una volta scoperte tali proprietà (identificazione) il farmaco viene sottoposto all'ottimizzazione (lead optimization), cioé uno studio A TAPPETO di numerose molecole molto simili, allestite con le tecniche della chimica farmaceutica.

Spezzettare l'indivisibile unità dell'uomo in cento frammenti separati gli uni dagli altri?


Non viene spezzettato un bel niente, c'è la perfetta consapevolezza che un organismo biologico non può essere considerato come un insieme di sistemi indipendenti, per questo motivo la sperimentazione è molto lunga, passa dalla ricerca in vitro e su animali (ciao Pazza di Acerra), fino a quella su gruppi selezionati di pazienti, il tutto dura oltre DODICI anni mediamente.


Ignorare che l'uomo è una sintesi unitaria e che nulla, dico NULLA di ciò che si manifesti è svincolato da tutto il resto che lo compone?


Tipico dell'ignorante. Avere un idea distorta della realtà (infantile e superifciale) e proiettarla. Tu stai affermando cose elementari spacciate come incomprensibili e complesse verità che imbarazzano solo a leggerle. Hai iniziato un percorso di autoumiliazione, ti invito a battere in ritirata.


E' dignitoso avere una medicina che in numerose sue branche è del tutto impotente e si serve solo di coperture palliative che non curano minimamente?

Il fatto che esistano malattie ancora oggi incurabili (ma mi dovresti dire quali, giusto per focalizzarsi su un argomento specifico e io, notoriamente, ho la pazienza di approfondire qualsiasi argomento discuta, anche con i muri) non significa che la ricerca in campo medico debba vergognarsi di qualcosa. Significa solo che tu hai un pregiudizio e lo sostieni illogicamente.

Chiudi il becco (frena la mano)

Hai trovato la persona sbagliata.

Vedi il profilo dell'utente
8
aye-aye
avatar
Moderatore
Moderatore
Automaalox e musicante di brema, sono sicuro che avete ottimi argomenti per sostenere le vostre valide posizioni. Usate quelli e non le offese.
Questo vale come avviso, se la discussione degenera dovró passare ai cartellini.
Grazie

Vedi il profilo dell'utente
9
musicante di brema
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@ Automaalox

Non hai capito un ricchissimo cazzo di quanto ho affermato. A fischi hai risposto superfiaschi.

Io contesto l'assenza di una scienza delle cause nella medicina occidentale puramente sperimentale e tu che obietti? Parli d'altro.

Io contesto la mancanza di dignità delle scoperte casuali in medicina (un corollario della mia precedente contestazione di assenza di una scienza delle cause A MONTE) e tu cosa obietti? Altra roba.

Io obietto che l'intero è sfrontatamente spezzettato e che l'uomo è divenuto un insieme di settori a sè stanti e tu cosa rispondi? Svii.

Io assevero (insieme a numerosi altri medici, l'ultimo consultato poco tempo fa) che purtroppo sono troppe le branche della medicina in cui non si sa nulla di nulla, si è impotenti e si va a tentoni e tu cosa mi rispondi? Che ho iniziato IO un percorso di umiliazione? Fammi ridere, va... rotolarsi dal ridere

So perfettamente cosa vuoi da me, ora, ma non ti accontenterò. Perchè si tratterebbe non mai di un discorso serio ma solo di un pretesto per girare invano intorno alle cose solo per il gusto di cazzeggiare coinvolgendomi nel tuo giochino. E la dimostrazione sta proprio nelle tue pseudorisposte qui sopra.

Sei meno furbo di quanto credi.

Vedi il profilo dell'utente
10
Automaalox
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@musicante di brema ha scritto:Non hai capito un ricchissimo cazzo di quanto ho affermato. A fischi hai risposto superfiaschi.


E invece è tutto fin troppo chiaro. Tu non hai idea di quello che stai dicendo, come il più classico dei ciarlatani fai qualche chiacchiera a vanvera evitando accuratamente qualsiasi apporofndimento che sai di non essere in grado di sostenere.

Io contesto l'assenza di una scienza delle cause nella medicina occidentale puramente sperimentale e tu che obietti? Parli d'altro.

Contesti qualcosa che ti sei inventata te e che non è vera. In campo sanitario (medico e farmaceuitico) TUTTO è basato su evidenze sperimentali necessarie per l'approvazione di qualsiasi protocollo.
Dovresti a questo punto illustrare quale bizzarra versione della realtà offusca la tua mente e scendere nel dettaglio, giusto per farsi due risate.

Io contesto la mancanza di dignità delle scoperte casuali in medicina (un corollario della mia precedente contestazione di assenza di una scienza delle cause A MONTE) e tu cosa obietti? Altra roba.

Ma assolutamente no, ti ho spiegato, facendo pure un esempio (se vuoi te ne faccio altri e scendo ancor più nel dettaglio), come si manifesta una scoperta casuale. Il discorso sulla dignità nasce esclusivamente dalla tua assurda pretesa che in un campo estremamente complesso come quello medico e farmaceutico TUTTE le scoperte siano SOLO frutto di progettazione. Questo significa non avere la più pallida idea di quali siano i criteri di indagine.

Io obietto che l'intero è sfrontatamente spezzettato e che l'uomo è divenuto un insieme di settori a sè stanti e tu cosa rispondi? Svii.

Approfondisci allora. Mi auguro che tu non ti riferisca ale specializzazioni.

Io assevero (insieme a numerosi altri medici, l'ultimo consultato poco tempo fa) che purtroppo sono troppe le branche della medicina in cui non si sa nulla di nulla, si è impotenti e si va a tentoni e tu cosa mi rispondi? Che ho iniziato IO un percorso di umiliazione? Fammi ridere, va... rotolarsi dal ridere

Ok, sono tuttocchi. Dimmi quali sono queste "branche della medicina in cui non si sa nulla di nulla", riconsulta pure il medico di poco tempo fa, o altri, o inventati pure altre storie. Considera che con me queste tecniche non attaccano.

So perfettamente cosa vuoi da me, ora, ma non ti accontenterò. Perchè si tratterebbe non mai di un discorso serio ma solo di un pretesto per girare invano intorno alle cose solo per il gusto di cazzeggiare coinvolgendomi nel tuo giochino. E la dimostrazione sta proprio nelle tue pseudorisposte qui sopra.

Sei meno furbo di quanto credi.

Anche qui ti sbagli, io non credo prprio di essere furbo (anzi, sono il nemico numero uno dei furbetti) né cerco di ottenere mai qualcosa che non sia sbugiardare i ciarlatani.

Vedi il profilo dell'utente
11
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Era il 1998 quando il mercato farmaceutico lanciò un nuovo farmaco rivoluzionario per la sessualità maschile: oggi il Viagra compie 15 anni.

Vedi il profilo dell'utente
12
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Siccome il prossimo anno me ne scorderò anticipo adesso

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum