Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Il Falso Sé : ognuno è vero tanto quanto non lo è

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Per riuscire a comprendere meglio il Falso Sé bisogna andare indietro, molto indietro... fino alle braccia di vostra madre. Winnicott dice che è importante che le sue cure nei confronti del bambino siano costanti, attente ed equilibrate. La madre deve essere “buona ma non troppo”. Non è così quando trascura il figlio, o se ne occupa in modo discontinuo oppure ancora se se ne occupa eccessivamente. In tutti questi casi il bambino si trova in condizione di doversi difendere da un ambiente che invece in quell'età, attraverso la madre che funge da modulatore dovrebbe nutrire la sua illusione d'onnipotenza frustrandola progressivamente.

".........la madre non sufficientemente buona non è in grado di rendere effettiva l’onnipotenza del bambino e non smette
dunque di venirgli meno invece di rispondere al suo gesto. Al suo posto vi sostituisce il proprio, che non
avrà senso se non attraverso la sottomissione del bambino., il bambino viene indotto ad essere
compiacente ed un Falso Sé condiscendente reagisce alle richieste ambientali e l’infante sembra
accettarle....crescendo e diventando bambino, diventa proprio come la madre, la balia,la zia o qualsiasi
persona che in quel momento domini la scena.......


Il falso Sé sorge come costruzione che ha lo scopo di colmare il vuoto aperto dal difetto della risposta dell’altro Il vero Sé non è una struttura, ma è un vissuto interiore che vive in relazione all’esistenza del falso Sé.
Il falso se insomma non è mai del tutto falso: esso rivela qualcosa dell'individuo al prezzo di celare qualcos'altro. Il rapporto tra ciò che esso rivela e ciò che cela determina il grado di falsificazione.


Credo che in quest'ultima frase stia la chiave. Perchè chiederci se siamo veri o siamo falsi? Perchè siamo sempre veri anche nel nostro non esserlo. Riconoscere il proprio Falso Sé significa ripercorrere il cordone ombelicale che lo collega al Sè che lo ha generato, che è vivo e lo nutre senza poter venire alla luce. Noi siamo noi anche nelle bugie che raccontiamo a noi stessi nel profondo. Non c'è bugia che non sia in rapporto con la verità e non c'è verità che non sia tanto saggia da ignorare questa distinzione.
Questa è la chiave della nostra vita, e la chiave della nostra vita con gli altri.

Sapete dirmi qualcosa di questo legame in noi stessi? e nel mondo intorno a voi?

Perchè il Falso Sè è tanto triste nella sua genesi quanto indispensabile nel nostro stare al mondo e per questo diffuso, gratificato e incentivato al discapito del gemello debole che qualcuno ha scelto non potesse vivere al suo posto.

Vedi il profilo dell'utente
2
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
categorizzazioni inutili, se non hanno una applicazione pratica.

Hume diceva che siamo un teatro di sensazioni, percezioni, emozioni e pensieri in movimento. La sua descrizione è ancora valida.

Non c'e' un vero o un falso Se. Ci siamo noi, con le nostre contraddizioni e i nostri bisogni, consci e inconsci.

Il resto serve solo se utile per cambiare qualcosa di scomodo.

Vedi il profilo dell'utente
3
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Si, la si può vedere anche così.
Infatti io partto dal presupposto che verità e falsità siano in rapporto in questo caso. Riengo che siamo veri anche nel nostro non esserlo.
Questo però non esclude il fatto che la falsificazione che abbiamo operato su noi stessi possa farci soffrire, e che essa costituisca un modo per comprendere ciò che siamo ralmente.
Anzi lo presuppone.

Vedi il profilo dell'utente
4
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum