Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Satana: chi è e a cosa serve?

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Chi è Satana?
Quanto è necessario alla chiesa?

Non credo che rispondere a questa domanda sia così semplice. Bisogna indagare a fondo gli uomini, e la storia della religione.

Innanzitutto, in molte religioni, non solo in quella cristiana il male è personificato in una certa figura. La caratteristica de monoteismi è quela di identificarlo con il male assoluto. In particolare, nel ceppo ebraico cristiano questa personificazione del male assoluto si configura come "avversario", cioè Satana appunto.
Questo fa pensare che il monoteismo del ceppo ebraico cristiano si fondi su una dicotomia, i cui due poli sono in rapporto di autodefinizione reciproca. Che significa? Che non esiste Dio senza Satana e Satana senza Dio e che ciò non costituisce un elemento accessorio del nostro credo, ma al contrario un elemento fondante.

Ferme restando le sue caratteristiche, Satana ( Satanael) svolgeva nella tradizione ebraica un ruolo di mediazione tra uomo e dio in quanto incaricato dal creatore di riferirgli i peccati dell'uomo in vista del loro perdono e della loro espiazione. Nel cristianesimo invece Satana ( Lucifero) viene connotato in modo ancor più negativo. Infatti parte dal rango elevato di prediletto per poi decadere, a causa della sua presunzione che lo portò a credere di essere più potente di Dio. Raduna addirittura intorno a se un terzo delle schiere angeliche e muove guerra contro Dio, suo Creatore, che lo vince e lo precipita dal Cielo insieme ai suoi angeli devoti.
Nel Cristianesimo quindi Satana, incarnazione assoluta del male collegato a dio in modo essenziale è anche l'attore di un realtà di lesa maestà, cioè il portatore di una colpa.
Significa quindi che la colpa è essa stessa un elemento essenziale della fede cristiana.

Detto questo, essendo Dio un concetto assoluto, l'esistenza necessaria di Satana è sempre stata un problema.
Questi i principali:
- Se esiste Satana Male assoluto allora il Bene ( Dio) non può essere assoluto
- Se esiste Satana che è male, e tutto ciò che esiste è creato da Dio, allora Dio sarebbe autore del Male.
Ovviamente si sono trovate molte ed ingegnose soluzioni, un po' "scolastiche" forse... ma ingegnose.

Poi, staccandoci un attimo dalla fede ci sarebbe da ragionare sugli uomini e sulla loro tendenza da ipostatizzare il male interno a loro stessi in oggetti esterni ( veri e propri feticci) reali o immaginari. Satana sarebbe il feticcio dell'uomo che astrae il male da se e lo proietta all'esterno. Satana sarebbe il mostro sotto il lettino della vostra cameretta.
Questa è la cosa più banale, la prima che mi viene in mente.

Per voi chi è Satana?
Perchè l'uomo lo ha concepito?
A che gli serve?
Chi è Satana per la chiesa?
A cosa serve alla chiesa?
Quali sono gli efetti della sua presenza nel nostro immaginario?

Vedi il profilo dell'utente
2
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Satana non é il male cosí come dio non é il bene.

Vedi il profilo dell'utente
3
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
fa parte della natura umana - e del suo cervello - personificare (cioè identificare con una persona e con un volto) le energie che muovono l'universo.

Nel mio lungo 3d sulla evoluzione della vita sulla terra e sul cervello dell'homo sapiens come strumento di percezione della realtà, ho parlato ampiamente di questo.

Esistono energie nell'universo che in parte riusciamo a percepire (ma solo in parte). E il nostro cervello immediatamente le identifica con una "persona". Così è per dio e anche per satana.

Ciò non significa ovviamente che queste energie siano effettivamente delle "persone" così come le intende il nostro cervello.....e nemmeno che queste energie non esistano. Semplicemente il nostro cervello le percepisce ma non riuscendo a comprenderle per quello che sono (perchè sono oltre la capacità di comprensione dello strumento cervello) le identifica con le forme che lo strumento cervello è in grado di esprimere.

L'universo è una continua lotta tra la luce e la vita....e il buio, la morte e il nulla. E' in questo scontro tra energia e anti-energia che, secondo me, vanno lette tutte le vicende e certi "personaggi".

Vedi il profilo dell'utente
4
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
scratch
la risposta esatta viene solamente da Oscar Wilde:

"Satana è colui che crede nell'esistenza di Satana."

E un mio amico mi ha risposto:"Anche don Giovanni? "(noto qui in paese per la sua bontà)

E io ho risposto:"Eh...sì"

Capito qualcosa?


scratch

Vedi il profilo dell'utente
5
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Satana è la mente, cioè il libero arbitrio dell'uomo. Necessaria limitazione, fonte di sofferenza che porta nell'eterno al superamento ed all'unione con l'Assoluto.

Vedi il profilo dell'utente
6
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Satana è colui che crede in Satana.
E Satana è considerato il male assoluto che bisogna uccidere,annientare.
Ma Satana non esiste e allora devi uccidere i figli di Satana e cioè tutti coloro che non sono Italiani,tutti coloro che non sono Cattolici Romani,
in sintesi tutti quelli che non appartengono alla tua Nazione o alla tua tribù.
E così scoppiano le guerre mondiali.
Anche quel balordo di Obama è riuscito a capire questo fatto e pochi
giorni fa,durante la sua campagna contro il Satana Romney,ha detto:

"America ed Europa non hanno ancora eliminato le cause di due guerre mondiali..."

E cioè non hanno ancora eliminato il Satana America da parte degli Europei e il Satana Europa da parte americana.

Morale della favola? Satana è colui che crede in Satana.

KleanaSaputello

Vedi il profilo dell'utente
7
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
per una volta concordo con te (e la cosa non mi impensierisce ero convinto che prima o poi avresti detto qualcosa di sensato) il male assoluto serve a chi si spaccia come bene assoluto per fare guerre sante...santo stocazzo!

Vedi il profilo dell'utente
8
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La figura diabolica è rappresentativa di una modalità di pensiero oppositrice, separatrice (dia-ballein) di contro alla modalità di un pensare unitivo, simbolico (syn-ballein), capace di rinvenire i nessi, i legami, il Logos in cui ciascuna cosa è interrelata a ciascun altra (non più altra), ev-enti relazionali e mai enti (men che mai ut-enti).

Non c’è soluzione al problema del male finchè si rimane prigionieri di una concezione idolatrica di Dio come oggetto – altro, connotato biblicamente nell’ordine della forza, e della parallela concezione di un soggetto determinato, centro di affermatività – piccola forza rispetto a quella grande di Dio.
Il pensiero del male è radicato nell’io, ovvero in ciò che ti pone come altro rispetto agli altri ed a Dio.

Ma questo io tutto condizionato dall’alterità, dal sociale, dall’accidentale, non è il vero io. Nel distacco, quando termina il piccolo io de-terminato, compare l’uno – tutto, in cui tutto è bene – Dio in tutti i luoghi e in tutte le cose, in quanto essere. Pensare il male è dunque pensare male. Significa infatti pensare che qualcosa non abbia una causa, e quindi a un pensiero assurdo. L’uomo pensa il male perchè è egli stesso malus – malvagio/malato – ossia perchè ingiusto, legato al determinato ed incapace di riconoscere nella necessità la voce stessa di Dio....

Vedi il profilo dell'utente
9
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaStupore
A cosa serve?
A far soldi,montagne di soldi.

KleanaStupore

Vedi il profilo dell'utente
10
MagicLight
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@BigBossStigazzi ha scritto:per una volta concordo con te (e la cosa non mi impensierisce ero convinto che prima o poi avresti detto qualcosa di sensato) il male assoluto serve a chi si spaccia come bene assoluto per fare guerre sante...santo stocazzo!

Parole "sante"

Vedi il profilo dell'utente
11
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Rupa Lauste ha scritto:Satana non é il male cosí come dio non é il bene.

E allora cosa sono il bene ed il male per te Rupa? sorriso

@xmanx ha scritto:fa parte della natura umana - e del suo cervello - personificare (cioè identificare con una persona e con un volto) le energie che muovono l'universo. (...)

Esistono energie nell'universo che in parte riusciamo a percepire (ma solo in parte). E il nostro cervello immediatamente le identifica con una "persona". (...)
L'universo è una continua lotta tra la luce e la vita....e il buio, la morte e il nulla. E' in questo scontro tra energia e anti-energia che, secondo me, vanno lette tutte le vicende e certi "personaggi".

La nostra mente funziona secondo il principio d'economia "minimizzare i costi e massimizzare i risultati".
Personificare significa:
1- utilizzare una forma di comprensione spontanea che poggia sul nostro essere uomini
2- condensare obiettivi e bersagli in modo che siano circoscritti e quindi meglio gestibili
Quindi su questo sono d'accordo con te. Non lo sono su un punto, e cioè sul fatto che queste forze in conflitto siano davvero presenti. Credo che, piuttosto, sulla base dello stesso principio di economia l'uomo le ravvisi nella realtà laddove qualcosa si sottrae al suo bisogno di controllo e semplificazione. Non c'è conflitto senza chi lo percepisce.


@hakimsanai43 ha scritto: scratch
la risposta esatta viene solamente da Oscar Wilde:

"Satana è colui che crede nell'esistenza di Satana."


Standing ovation per Hakim olè

Satana è creato da chi ha bisogno che esista.
Chi ha questo bisogno sono i cosidetti buoni ( in genere è un titolo auto certificato) che si definiscono rispetto ad esso in modo sottrattivo e reciproco.
Senza un dito puntato, non c'è Satana....
... e qui il mio discorso in risposta a te si intreccia con la risposta a Candido.
Quindi proseguo sotto.

@Candido ha scritto:Satana è la mente, cioè il libero arbitrio dell'uomo. Necessaria limitazione, fonte di sofferenza che porta nell'eterno al superamento ed all'unione con l'Assoluto.

Il dito puntato pone in essere Satana per una ragione minima fondamentale: la paura dell'aggressività in se e negli altri.
La paura chiama norme, ed esige sanzioni. La paura e la conseguente richiesta di essere difesi con norme e sanzioni nega la libertò, che essendo la condizione in cui l'aggressività svincolata può manifestarsi, è Satana, per i Buoni Autocertificati.

@Aleister ha scritto:La figura diabolica è rappresentativa di una modalità di pensiero oppositrice, separatrice (dia-ballein) di contro alla modalità di un pensare unitivo, simbolico (syn-ballein), capace di rinvenire i nessi, i legami, il Logos in cui ciascuna cosa è interrelata a ciascun altra (non più altra), ev-enti relazionali e mai enti (men che mai ut-enti).



Ne parlano in tanti.
In sintesi quello che dicono molte persone, partendo da vari approccvi, è che l'uomo tende a perceopire la realtà attraverso regolarità che percepisce al suo interno. Sulla base di queste regolarità crea raggruppamenti di cose simili, che sono in rapporto di autodefinizione reciproca tra loro. Questo sistema è un sistema differenziale, cioè l'identità di ciascun insieme poggia sul fatto di essere differente dagli altri. Lo scopo è facilitare l'azione e orientarla, consentendo così all'insieme di azioni chiamato vita di avere una direzione.
Le differenze fondamentali concernono il significato. Tra esse spiccano l'idea di bene e di male.

Vedi il profilo dell'utente
12
musicante di brema
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Il mondo vive sulla logica del "due" e dunque ognuno dei due termini serve affinchè si possa concepire ed apprezzare (nel senso di dare un peso) l'altro.

Così è per Satana. Ma non dimentichiamo la sua origine: esso era un angelo caduto, il più luminoso e insieme protervo. La sua caduta fu funzionale all'universo che doveva crearsi.

Ma alla fine delle cose il due non potrà essere e il termine che è inferiore ontologicamente all'altro nell'altro si riassorbirà annullandosi.

Dunque...la sua è una verità relativa e temporale. Funzionale al gioco. Al termine del gioco esso scompare per lasciare luogo all'assolutezza dell'Uno.

Vedi il profilo dell'utente
13
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Lucifero=Portatore di luce. Se non ci fosse il buio, non potremmo capire né arrivare alla luce.

Vedi il profilo dell'utente
14
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Candido ha scritto:Lucifero=Portatore di luce. Se non ci fosse il buio, non potremmo capire né arrivare alla luce.
Noi Sikh non abbiamo nessun bisogno nè di Dio nè di Satana in quanto noi crediamo non in Dio ma
nel "Divino" che non ha nulla a che fare con nessun Dio.
Noi tentiamo di vivere la "Vita divina".

Guru Nanak 2 il ritorno.

nonvolevo

Vedi il profilo dell'utente
15
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Sikh? Sic!

Vedi il profilo dell'utente
16
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Candido ha scritto:Sikh? Sic!
SGHIGNAZZARE

I Sikh dovrebbero essere i discepoli di Guru Nanak (XVI secolo) invece sono dei comuni fanatici Indù che vaneggiano con Guru Nanak.
Come gli Italiani sono dei Pagani Romani che vaneggiano con Gesù.

Siri Granth Sahib!

Jack lo Smilzo, Guru Indoamericano.

Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
17
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@NinfaEco ha scritto:
@Rupa Lauste ha scritto:Satana non é il male cosí come dio non é il bene.

E allora cosa sono il bene ed il male per te Rupa? sorriso


dei semplici punti di vista! rotolarsi dal ridere

Vedi il profilo dell'utente
18
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Rupa Lauste ha scritto:
@NinfaEco ha scritto:
@Rupa Lauste ha scritto:Satana non é il male cosí come dio non é il bene.

E allora cosa sono il bene ed il male per te Rupa? sorriso


dei semplici punti di vista! rotolarsi dal ridere
sadness
Il ragionamento inconscio che bisognerebbe far salire alla mente conscia:"Il bene sono io e il male qualunque altro,
ma specialmente se è extracomunitario,nero,Ebreo,fascista,comunista o Nativo Americano."

pat

Vedi il profilo dell'utente
19
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaSaputello
Ma Satana esisteva davvero !!
Fino a 1000 anni fa circa,nei processi nei tribunali ebrei Shaytan non
era altro che il Pubblico Ministero.
ma,dal momento che il Pubblico Ministero è l'avvocato dell'accusa,ne venne fuori
che Shytan,diventato poi Satana ,era l'accusatore,colui che giudica e poi manda all'Inferno .

Ho letto in "Storia dell'Ebraismo" ma non ricordo l'autore.

Jack lo Smilzo.

KleanaSaputello

Vedi il profilo dell'utente
20
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Credo che satana, che Gesu' cita per riprendere Pietro quando tenta di dissuaderlo dal consegnarsi al patibolo, sia più da riferirsi a chi si oppone.
Ovvero chi non è d'accordo con noi, è un Satana. Se poi dice bugie per avvalorare la sua tesi allora diventa anche Diavolo.

Penso che non sia altro che l'estensione di credenze sumeriche e babilonesi, che poi si diffondono in tutta l'area.
Il manicheismo ne sara' la sintesi.

Diversa invece la figura del demone, del daimon, che presenta aspetti positivi nella cultura greca, mentre in quelle mediorientali sembra sempre negativa.
Socrate diceva di avere un daimon che lo ispirava.

L'analogia con l'angelo custode è spontanea. Ma gli angeli custodi sono due, o almeno con due facce, come Giano.
L'una benevola e protettiva e l'altra perfida e distruttiva.

Ma anche questa e' una proiezione di qualcosa che accade dentro di noi.

L'inconscio caotico e portatore di pulsioni e istinti ferini viene percepito come distruttivo, satanico e demoniaco, mentre il desiderio per sentimenti e legami solidali e costruttivi viene percepita come angelica e divina.

Direi perciò che è la nostranatura, sempre in conflitto con se stessa, che crea fantasie, miti e corollari culturali a ciò che invece rappresenta semplicemente la nostra identità contraddittoria.

Vedi il profilo dell'utente
21
Finalitario
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@NinfaEco ha scritto:
Per voi chi è Satana?
Perchè l'uomo lo ha concepito?
A che gli serve?
Chi è Satana per la chiesa?
A cosa serve alla chiesa?
Quali sono gli efetti della sua presenza nel nostro immaginario?


Satana non è frutto del concepimento umano
E in base a questo è del tutto inutile commentare tutto il resto.
Tra l'altro Satana non ha alcuno rapporto con la Terra, nel N. T. viene nominato un personaggio "Il Principe di questo Mondo" che non ha nulla a che vedere con Satana.
Il Principe di questo Mondo (forse scambiato per Satana) ha ancora dei rapporti con la Terra, ma non con la Chiesa in particolare... Ma noto che ne sapete molto poco...

Vedi il profilo dell'utente
22
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ma che è successo all'altro forum (Religione e spiritualità) ?
E' fallito ?

Vedi il profilo dell'utente
23
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum