Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Falsa circonvenzione amorosa

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Mi pare che questo nuovo thread, dovrebbe richiamare l'attenzione in particolar modo delle donne femministe e dovrebbe far riflettere tutti gli uomini. Secondo me' e' necessario rivolgere l'interesse al tipo di atteggiamento che e' indicato nel titolo, per constatare che quel tipo di atteggiamento, e vedremo adesso di che cosa si tratti, dovrebbe essere considerato come un vero e proprio abuso della persona uomo o donna che sia e come tale passibile di iniziative giuridiche.Ma che cosa sarebbe in pratica questa falsa circonvenzione amorosa.Attenzione, poiche' si tratta del velo di un pericolosissimo danno che verrebbe secondo me' inferto all'altra persona. E che sempre secondo me' viene omesso, sottovalutato od addirittura diventerebbe oggetto di vanto. La falsa circonvenzione amorosa, sarebbe semplicemente un atteggiamento volontariamente equivoco che mirerebbe a far equivocamente nascere nell'altra persona l'idea che l'agente desidererebbe intraprendere una relazione amorosa con lei, quando questo non fosse vero. Lo dico apertamente e senza nessun tentativo di alimentare un flame polemico si tratta , secondo me,di un atteggiamento odioso e deprecabile, poiche' pone il soggetto mirato in una condizione da una parte di potenziale gratificazione, nel caso che il soggetto mirato aspirasse ad una vera relazione, ma dall'altra, ,lo danneggerebbe poiche' carpirebbe le dimensioni intime del soggetto ricevente e quindi ne farebbe un oggetto, parola qui azzeccata che avrebbe messo la propria vita nelle mani di un ingannatore o di una ingannatrice.Mica tanto bello.......... Vorrei ancora richiamare l'attenzione degli amici -colleghi su alcuni dettagli. Qui non si starebbe parlando di potenziali performances sessuali, poiche' quando un uomo od una donna decidono di farsi mettere reciprocamente le mani addosso uno dall'altro ebbene hanno reciprocamente accettato un codice comportamentale di cui loro sono auto responsabili. Cosi' come per il tema della prostituzione, ma su questo punto passo oltre, poiche' gia' in adeguata sede ho espresso considerazioni. Cosi' come, nulla da dire ,ci mancherebbe altro su giochi erotici o pulsionali sempre accettati da uomo-donna, cosi' come sempre niente da eccepire se due soggetti decidano di coltivare una legittima relazione:ufficializzata o no. Ribadisco che alla base di una simpatia uomo-donna e viceversa, ci sia, per quanto mi riguardi, sempre una molla sessuale, e va bene: ma qualora un soggetto facesse insorgere falsamente nell'altro soggetto l'idea di un desiderio di relazione quando non ci fosse l'effettiva volonta' ed il soggetto ricevente queste manifestazioni dovesse sentirsi leso od importuato, ebbene questo atteggiamento sarebbe oggetto di indagine penale.Si' non e' una provocazione, ma una difesa per chi si sentisse ingannato-a da un atteggiamento che poi emergesse come falso. Cosa ne dite?

scratch :§§§§: scratch sad

Vedi il profilo dell'utente
2
PorceDi
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Che se così fosse i tempi medi dei processi penali in Italia si allungherebbero a 100 anni.
Può bastare il solito "occhio per occhio, dente per dente", io lo applico con successo in casi come questi.

Vedi il profilo dell'utente
3
beautiful stranger
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Mmh...Nel thread sulle ossessioni amorose ad un certo punto è stato sollevato il tema delle "erotomanie", da cui sarebbe affetto chi crede di riconoscere nell'altro - magari semplicemente cordiale - i segni di un innamoramento incipiente. Mica ne sarai affetto anche tu, Royal?
A me è successo almeno in due casi di trovarmi in una situazione difficile con uomini che mi erano sessualmente del tutto indifferenti, ma per i quali provavo umana simpatia ed un certo grado di stima, che quelli equivocarono completamente. E qui ci colleghiamo ad altri argomenti, come l'amicizia tra uomo e donna ed anche ai limiti comportamentali che sono imposti ad una donna dalle culture maschiliste, perchè c'è chi si ritiene legittimato ad invitarti in albergo solo perchè hai riso alle sue battute o hai accettato un caffè. Io con gli anni sono diventata una sfinge, perchè quando mi comporto con naturalezza con un uomo (sopratutto meridionale, come me), poi mi tocca mettere le mani avanti per bloccare l'approccio.
Ti ho offerto un diverso punto di vista della questione? Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
4
Gèca

Viandante Storico
Viandante Storico
The Royal, direi proprio di "no" alla domanda che poni alla fine.
Gli inganni peggiori non ci vengono dagli altri, a volte ci raccontiamo balle cosmiche e restiamo fregati da noi stessi.
Ma ti pare che la legge debba occuparsi anche di questi problemi?!

Ci sono ingannatori e ingannati, a volte non si capisce chi sia il primo ad agire male nei confronti dell'altro. Nella vita può succedere anche questo, visto che accade di molto peggio, e ci resta solo da fare i conti con noi stessi se abbiamo creduto a qualcuno, e provare a capire perché in quel momento l'altro è riuscito ad ingannarci e capire cosa ci è mancato, quale fosse la debolezza del momento.

Vedi il profilo dell'utente
5
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
The Royal ha scritto: La falsa circonvenzione amorosa, sarebbe semplicemente un atteggiamento volontariamente equivoco che mirerebbe a far equivocamente nascere nell'altra persona l'idea che l'agente desidererebbe intraprendere una relazione amorosa con lei, quando questo non fosse vero.

mhhhh.... sapresti tu distinguere oh Divin Royal quanto è autoprodotto e quanto ricevuto in un fraintendimento amoroso?

Vedi il profilo dell'utente
6
Sogno_infranto
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Forse Royal si riferiva a quel tipo di situazioni come il padre di John Locke di Lost,che raggira la vedova per rubargli soldi.
In casi del genere ovviamente interviene la legge,perchè si tratta di frode e danni morali annessi.

In situazioni normali invece non c`è nulla da fare. Quella persona s`è divertita un pò a prenderti in giro?
Bè la colpa è tua,che ti sei fidato troppo facilmente e sei partito in 5°con l'immaginazione.

Royal, i segnali che una ragazza ti da quando ti desidera sono espliciti ed evidenti.
Ti cerca,ti si avvicina o ti chiama,si apparta con te,tenta di baciarti. Se questo non c'è lei è già impegnata e seppur ha un interesse non muoverà un dito. Però se tu vuoi capire devi buttarla sull'attrazione fisica,perchè è l'unica via. Se la butti sul sentimentale con una così ti bruci tutte le tue carte e chance in partenza.

Vedi il profilo dell'utente
7
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Se guardo al principio che hai esposto e lo analizzo da un punto di vista puramente teorico, sono d'accordo. Cioè concordo sul fatto che la "falsa circonvenzione amorosa" - oltre al fatto che esiste realmente - è - obiettivamente - un abuso.

Da un punto di vista pratico, però, non credo che la società possa codificarlo come "reato". Per il semplice fatto che ci sono persone che impiegano anni di analisi per comprendere le reali motivazioni dei propri comportamenti. La psiche umana è spesso un labirinto. E percorrerlo per determinare le "vere" motivazioni che sono alla base di un comportamento non è mai facile e nemmeno breve. Con questo voglio dire che sarebbe praticamente molto difficile stabilire le vere motivazioni e quindi capire se siamo davanti a un reale caso di "circonvenzione amorosa". Obiettivamente c'è chi la pratica senza neppure esserne razionalmente consapevole. E c'è chi pensa di averla subita quando invece non esiste affatto.

Il problema andrebbe risolto con la maturità e la consapevolezza personale. Nel dire le cose per quelle che sono. E usare certe parole solo quando contengono ciò che evocano.

Vedi il profilo dell'utente
8
Gèca

Viandante Storico
Viandante Storico
xmanx ha scritto:Se guardo al principio che hai esposto e lo analizzo da un punto di vista puramente teorico, sono d'accordo. Cioè concordo sul fatto che la "falsa circonvenzione amorosa" - oltre al fatto che esiste realmente - è - obiettivamente - un abuso.

Ma intendi come nel caso di una truffa?
In quel caso, lo capisco certo.

Ma credo Royal si riferisse ai "giochini di ruolo" che spesso alcuni ( uomini e donne ) fanno come esercizio per il proprio ego.

Almeno io ho capito questo. scratch

Vedi il profilo dell'utente
9
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Uhm...in effetti giocare con i sentimenti altrui come lo possiamo chiamare? In effetti la famosa frase "mi hai usata/mi hai usato" ha una sua dignità. C'è dietro un principio sacrosanto.

Il problema è capire davvero chi ha usato chi. E la cosa è assai meno banale di quanto possa apparire.

Vedi il profilo dell'utente
10
Gèca

Viandante Storico
Viandante Storico
xmanx ha scritto:Uhm...in effetti giocare con i sentimenti altrui come lo possiamo chiamare? In effetti la famosa frase "mi hai usata/mi hai usato" ha una sua dignità. C'è dietro un principio sacrosanto.

Il problema è capire davvero chi ha usato chi. E la cosa è assai meno banale di quanto possa apparire.


Mah, io credo di scrivere in italiano, ma se si deve interpretare quello che dico e per altro male, allora sto zitta.

Diciamo che ho esaurito le scorte sull'argomento.

Vedi il profilo dell'utente
11
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ussignur Geca, stavo solo rispondendo alla tua domanda.
Tu hai chiesto: ma come nel caso di una truffa?
E io ho risposto: in effetti giocare coi sentimenti altrui come lo possiamo chiamare? ecc..ecc.. (intendendo con questo che è equiparabile a una truffa).

Stavo semplicemente parlando dell'argomento in questione rispondendo alla tua domanda. Non ho interpretato nulla. Cioè...se fai una domanda, possibilmente rispondo. A meno che tu non stessi parlando tra te e te.

Vedi il profilo dell'utente
12
falansterio
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ho ben poco da aggiungere a quanto già espresso dai colleghi.
Mi limito ad osservare che una siffatta legge, quand'anche ci fosse, si presterebbe ad abusi più o meno tendenziosi da ambo le parti, che potrebbero portare a situazioni paradossali. Basti vedere cosa succede quando s'invoca l'incapacità di qualcuno, per circonvenzione o interdizione: mica sempre le perizie psichiatriche cono concordi. Inoltre su fenomeni quali lo stalking, e perfino la violenza sessuale e/o sui minori, siamo passati in breve dal mettere la testa sotto la sabbia al mandare in gattabuia anche gli innocenti, per una sorta di ipergarantismo assoluto del dante causa.
Ecco perché, per casi come quello considerato in questo thread, ritengo che una legge farebbe più danni che altro. Come spesso succede quando questa pretende di sostituirsi al buonsenso.

Vedi il profilo dell'utente
13
Gèca

Viandante Storico
Viandante Storico
xmanx ha scritto:ussignur Geca, stavo solo rispondendo alla tua domanda.
Tu hai chiesto: ma come nel caso di una truffa?
E io ho risposto: in effetti giocare coi sentimenti altrui come lo possiamo chiamare? ecc..ecc.. (intendendo con questo che è equiparabile a una truffa).

Ma la truffa con tanto di tornaconto personale, è una cosa.
Mica posso pensare che Tizio, pur non corrispondendomi nei sentimenti e pur avendomi fatto pensare che invece fosse così, abbia perpetrato una truffa nei mie confronti.
Mi ha ingannata, ma in parte gliel'ho permesso io quando non ho dubitato a sufficienza o quando non ho dato retta all'istinto che mi diceva di lasciar perdere.
O no?


Stavo semplicemente parlando dell'argomento in questione rispondendo alla tua domanda. Non ho interpretato nulla. Cioè...se fai una domanda, possibilmente rispondo. A meno che tu non stessi parlando tra te e te.

Sì, scusa.
E' che certe volte ho l'impressione di capire fischio per fiasco e non so se sia colpa mia che non mi faccio capire oppure se i discorsi degli altri prendano strade che non capisco.
Scusa.

Vedi il profilo dell'utente
14
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Salute a tutti voi, scusate se non vi ho risposto subito, ma ero fuori per lavoro. Grazie di cuore per i vostri interventi ed interessamenti

beautiful stranger ha scritto:

Mica ne sarai affetto anche tu, Royal?

Ciao Beautiful. Ti dico subito che io non mi pongo il problema di esserne affetto o meno. Io guardo semplicemente ai comportamenti fattuali e valuto le circostanxze di conseguenza. Mi muovo secondo i miei parametri e da qui le considerazioni conseguenti.

beautiful stranger ha scritto: E qui ci colleghiamo ad altri argomenti, come l'amicizia tra uomo e donna ed anche ai limiti comportamentali che sono imposti ad una donna dalle culture maschiliste,

hai accettato un caffè.

Ed e' proprio questo, Beautiful , l'embrione del discorso.Quando una donna accetta un invito in un locale da un uomo, dovrebbe essere consapevole che l'accettazione rappresenta l'innesco di una bomba atomica, poiche' quando un uomo rivolge l'invito di un drink ad una donna, molto probabilmente e' sempre mosso nei suoi confronti da una fortissima componente emotiva a valenza corteggiatrice ed una donna, appunto dovrebbe percepire l'imminente bordata che l'uomo stiaper muoverle. Non e' maschilismo: e' realta'.

beautiful stranger ha scritto: Io con gli anni sono diventata una sfinge, perchè quando mi comporto con naturalezza con un uomo (sopratutto meridionale, come me), poi mi tocca mettere le mani avanti per bloccare l'approccio.
Ti ho offerto un diverso punto di vista della questione? Sorriso Scemo

Appunto, me lo hai confermato; e' innato nell'uomo l'agire conquistativo. Se trova interessante una donna. Mi hai offerto un sacco di punti di vista e mi aspetto che tu ritorni dialetticamente alla carica.

Gèca ha scritto:The Royal, direi proprio di "no" alla domanda che poni alla fine.
Gli inganni peggiori non ci vengono dagli altri, a volte ci raccontiamo balle cosmiche e restiamo fregati da noi stessi.
Ma ti pare che la legge debba occuparsi anche di questi problemi?!

Purtoppo, Geca devo pacatamente dissentire e contraddirti. Esattamente: la legge dovrebbe occuparsi di un atteggiamento cosi' deprecabile. Io comprendo una moglie che tradisca il marito per fare sesso con un'altro ma trovo odioso che una donna illuda volutamente senza volonta' effettiva.Dicasi lo stesso per l'uomo.

NinfaEco ha scritto:

mhhhh.... sapresti tu distinguere oh Divin Royal quanto è autoprodotto e quanto ricevuto in un fraintendimento amoroso?


Senza volerti avversare, NinfaEco direi proprio di si' e la risposta sarebbe palese. L'auto- produzione illusiva, avviene quando una donna faccia ad un uomo il sorrisino di compatimento tenero romantico e poi al momento di accettare un invito lo rifiuti. Ma quando una donna ti sbraccia a dieci metri di distanza, ti accetta l'invito, ti dice speriamo di rivederci presto e poi scappa, credo proprio che quello sia un palese caso di falsa circonvenzione amorosa.
Sogno_infranto ha scritto:

In situazioni normali invece non c`è nulla da fare. Quella persona s`è divertita un pò a prenderti in giro?
Bè la colpa è tua,che ti sei fidato troppo facilmente e sei partito in 5°con l'immaginazione.

No,no, scusa ma in casi normali intanto la ragazza che non incominci a fare quanto sopra per non illudere falsamente, poi vedremo.

xmanx ha scritto:Se guardo al principio che hai esposto e lo analizzo da un punto di vista puramente teorico, sono d'accordo. Cioè concordo sul fatto che la "falsa circonvenzione amorosa" - oltre al fatto che esiste realmente - è - obiettivamente - un abuso.

Esattamente, xmanx, vedo che sei entrato nella dinamica. Sulla reatizzazione, vediamo.

Gèca ha scritto:

Ma credo Royal si riferisse ai "giochini di ruolo" che spesso alcuni ( uomini e donne ) fanno come esercizio per il proprio ego.

Almeno io ho capito questo. scratch

Ed hai capito per il verso giusto. Tieni presente che questi giochini di ruolo dovrebbero essre evitati se in malafede per non portare taluni ad un brutto esaurimento nervoso. Sono involuzioni pericolosissime

xmanx ha scritto:Uhm...in effetti giocare con i sentimenti altrui come lo possiamo chiamare? In effetti la famosa frase "mi hai usata/mi hai usato" ha una sua dignità. C'è dietro un principio sacrosanto.

Il problema è capire davvero chi ha usato chi. E la cosa è assai meno banale di quanto possa apparire.

Bravissimo

falansterio ha scritto:Ho ben poco da aggiungere .........


Ciao Falansterio.Non so perche' ma mi stai diventando simpatico. E quello che mi piace di piu' e' pensare che tu sia un progressista freddo ed analista,mentre io sono un retrogado dei tempi del big- bang e noi due siamo in complementare dissenso. E' un andazzo che mi piace.

Vedi il profilo dell'utente
15
Gèca

Viandante Storico
Viandante Storico
The Royal ha scritto:
Purtoppo, Geca devo pacatamente dissentire e contraddirti. Esattamente: la legge dovrebbe occuparsi di un atteggiamento cosi' deprecabile. Io comprendo una moglie che tradisca il marito per fare sesso con un'altro ma trovo odioso che una donna illuda volutamente senza volonta' effettiva.Dicasi lo stesso per l'uomo.


Eh???
Abbiamo parametri diversi.
Per me la legge deve occuparsi di cose davvero importanti, non di "rancori emotivi" che capitano a tutti nella vita.

[justify]Ed hai capito per il verso giusto. Tieni presente che questi giochini di ruolo dovrebbero essre evitati se in malafede per non portare taluni ad un brutto esaurimento nervoso. Sono involuzioni pericolosissime

Dovrebbero essere evitati perché non c'è bisogno d'ingannare nessuno e perché basta un "no", ma di certo non possiamo chiedere i danni o mandare in galera uno/una che si comporta con leggerezza e menefreghismo. Suspect

Vedi il profilo dell'utente
16
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Gèca ha scritto:

Eh???
Abbiamo parametri diversi.
Per me la legge deve occuparsi di cose davvero importanti, non di "rancori emotivi" che capitano a tutti nella vita.

Dovrebbero essere evitati perché non c'è bisogno d'ingannare nessuno e perché basta un "no", ma di certo non possiamo chiedere i danni o mandare in galera uno/una che si comporta con leggerezza e menefreghismo. Suspect

Vedi che allora e giustamente cominci a riconoscere i concetti di leggerezza e di menefreghismo......e poi scusa, mi pare che esista il reato di molestie sessuali, e giustamente......e poi sarebbe una norma a difesa anche della donna, direi, la norma che perseguisse la falsa circonvenzione amorosa. BeautyfulSuina

Vedi il profilo dell'utente
17
Gèca

Viandante Storico
Viandante Storico
The Royal ha scritto:
Gèca ha scritto:

Eh???
Abbiamo parametri diversi.
Per me la legge deve occuparsi di cose davvero importanti, non di "rancori emotivi" che capitano a tutti nella vita.

Dovrebbero essere evitati perché non c'è bisogno d'ingannare nessuno e perché basta un "no", ma di certo non possiamo chiedere i danni o mandare in galera uno/una che si comporta con leggerezza e menefreghismo. Suspect

Vedi che allora e giustamente cominci a riconoscere i concetti di leggerezza e di menefreghismo......e poi scusa, mi pare che esista il reato di molestie sessuali, e giustamente......e poi sarebbe una norma a difesa anche della donna, direi, la norma che perseguisse la falsa circonvenzione amorosa. BeautyfulSuina

Per me son cose proprio diverse l'una dall'altra.

Non mi risulta che essere menefreghisti o leggeri nelle scelte e nei comportamenti possa essere un ragionevole motivo di una causa legale.
Ma si vede che vivo in un altro mondo.

Vedi il profilo dell'utente
18
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Gèca ha scritto:

Non mi risulta che essere menefreghisti o leggeri nelle scelte e nei comportamenti possa essere un ragionevole motivo di una causa legale.
Ma si vede che vivo in un altro mondo.


Non e' questione di vivere in un'altro mondo. Sono i paramteri a cui culturalmente diamo valore. Il problema sarebbe che questi parametri non dovrebbero danneggiare l'altra persona. Quando una persona non intenda beninteso niente da dire, coltivare una relazione con un'altra, trovo che non dovrebbe ingenerare dubbi o brecce nell'altra. E se questi dubbi nascono, dovrebbero ,dalla parte della persona agente essere subito tolti.

Vedi il profilo dell'utente
19
PorceDi
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
The Royal ha scritto:
Ciao Falansterio.Non so perche' ma mi stai diventando simpatico.
Cerca di capirlo subito, e di cambiare idea quanto prima.
Ma puoi anche cambiare idea senza sapere perché.
L'importante è che cambi idea.

Vedi il profilo dell'utente
20
beautiful stranger
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
The Royal ha scritto:

Ed e' proprio questo, Beautiful , l'embrione del discorso.Quando una donna accetta un invito in un locale da un uomo, dovrebbe essere consapevole che l'accettazione rappresenta l'innesco di una bomba atomica, poiche' quando un uomo rivolge l'invito di un drink ad una donna, molto probabilmente e' sempre mosso nei suoi confronti da una fortissima componente emotiva a valenza corteggiatrice ed una donna, appunto dovrebbe percepire l'imminente bordata che l'uomo stiaper muoverle. Non e' maschilismo: e' realta'.

beautiful stranger ha scritto: Io con gli anni sono diventata una sfinge, perchè quando mi comporto con naturalezza con un uomo (sopratutto meridionale, come me), poi mi tocca mettere le mani avanti per bloccare l'approccio.
Ti ho offerto un diverso punto di vista della questione? Sorriso Scemo

Appunto, me lo hai confermato; e' innato nell'uomo l'agire conquistativo. Se trova interessante una donna. Mi hai offerto un sacco di punti di vista e mi aspetto che tu ritorni dialetticamente alla carica.


Ma le azioni di una donna vanno valutate nel contesto socio-culturale in cui si svolgono: nei paesi dell'entroterra dell'Aspromonte, quando entravo in un bar con mio padre, lo facevo tenendo gli occhi bassi, e badando bene di non guardare negli occhi nessuno dei presenti, perchè sapevo bene che in quel contesto, negli anni '80, quello era ancora interpretato come un approccio o un segno di interesse sessuale. Ma se oggi, in una città del Nord, con il trans alle trasmissioni del pomeriggio, io accetto un caffè da un collega di lavoro in pieno giorno, o discuto con lui di psicologia, come fai a sostenere che innesco la bomba? Suspect
Diverso il caso in cui lui mi dica a notte fonda: "Vieni a bere qualcosa da me" o simili, o mi inviti a cena...

Vedi il profilo dell'utente
21
falansterio
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
The Royal ha scritto:
Ciao Falansterio.Non so perche' ma mi stai diventando simpatico. E quello che mi piace di piu' e' pensare che tu sia un progressista freddo ed analista,mentre io sono un retrogado dei tempi del big- bang e noi due siamo in complementare dissenso. E' un andazzo che mi piace.
Nemmeno io so perché. Spero almeno che la definizione che ti sei attribuito ti si confaccia, perché prima di te "progressista freddo ed analista" non mi aveva chiamato nessuno.

PorceDi ha scritto:Cerca di capirlo subito, e di cambiare idea quanto prima.
Ma puoi anche cambiare idea senza sapere perché.
L'importante è che cambi idea.
Ricordati di chi ha insistito perché tu continuassi gli studi, se n'è fatto carico economicamente, e infine ha avuto modo di pentirsene.

Vedi il profilo dell'utente
22
Lostboy
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Il segreto sta nel captare la "falsa circonvenzione", continuare la pantomima, farsela mollare una volta e poi sparire nell'ombra

Vedi il profilo dell'utente
23
Il_Soldatino_di_Stagno
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
[mention]falansterio
"PorceDi[/mention] ha scritto:
Cerca di capirlo subito, e di cambiare idea quanto prima.
Ma puoi anche cambiare idea senza sapere perché.
L'importante è che cambi idea.
Ricordati di chi ha insistito perché tu continuassi gli studi, se n'è fatto carico economicamente, e infine ha avuto modo di pentirsene.

Vedi il profilo dell'utente
24
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
beautiful stranger ha scritto:
io accetto un caffè da un collega di lavoro in pieno giorno, o discuto con lui di psicologia, come fai a sostenere che innesco la bomba? Suspect
Diverso il caso in cui lui mi dica a notte fonda: "Vieni a bere qualcosa da me" o simili, o mi inviti a cena...

Tieni presente, Beautiful, che per esempio, nel mio caso, anche se quanto ti sto' per dire ti sembrera' orrendo e spaventoso io non offro mai consumazioni o cene o drink ad una signora se io non ritenga di fare con lei successivi passi. Non e' che necessariamente io vada subito sul piano erotico, ma quella consumaziome rappresenta un pretesto iniziale, salvo che le cose possano evolversi. E' un atteggiamento tipico un 'po' di molti uomini, che magari agiscono sotto questo punto di vista con una elasticita' maggiore della mia.Voglio dirti che il fatto che una donna accetti e' un fatto che si presta molto facilemente a congetture conseguenziali.In ogni caso, nel caso e non e' un gioco di parole che la signora accetti, sarebbe opportuno, secondo me' che se non interessata non fomentasse silenziosamente la circostanza. Ho avuto io personalmente un esempio su di me' in cui una tizia mi proponeva di salire in casa sua per un aperitivo e nello stesso tempo scappava e sapeva che io avevo interesse per lei.......ma allora perche' un invito cosi' pronunciato .........(?)
imbarazzo BeautyfulSuina pietra scratch sadness

Vedi il profilo dell'utente
25
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum