Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Papiri 45, 46, 47

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

26
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Top-man

La lettera ai Galati 2,1-10

Con questo brano Paolo rievoca il Concilio di Gerusalemme. Ormai dal primo incontro con Pietro, erano trascorsi quattordici anni. Paolo confessa che si è recato al concilio, poiché solo una Chiesa con un'autorità visibile poteva dire ad un suo membro se la sua predicazione era giusta o predicata invano (=se portava frutti di conversione). Paolo espone in privato a Pietro, Giacomo e Giovanni (i maggiorenti della comunità) il Vangelo che predica ai pagani.

Il Concilio riconosce che l'apertura ai Gentili attuata da Paolo proviene da Dio; quindi lui è in comunione con gli Apostoli. Essi, inoltre, lo invitano in segno di solidarietà, ad una colletta nelle varie comunità dei gentili per i poveri di Gerusalemme (aiuto che avverrà puntualmente). Però prima di giungere al risultato previsto, Paolo tratta con i diversi gruppi componenti la comunità, e sono indette riunioni sia pubbliche sia private; le assemblee private sono condivise con quelli più in vista, che erano senza dubbio i supremi dirigenti la comunità. Paolo dunque, approfittando della sua presenza al Concilio, propone ai responsabili di Gerusalemme anche una sua questione personale, la quale però non è estranea all'argomento del Concilio: l'argomento è quello del Vangelo che lui predica fra i Gentili, essendo desiderio di Paolo di ottenere, a questo proposito, la testimonianza esplicita dei maggiorenti per evitare una predicazione infruttuosa.

Le parole di Paolo, ispirate dalla questione dei frutti, non devono essere intese nel senso che lui era in dubbio sulla legittimità e autorità del "suo vangelo": egli ne era assolutamente sicuro, avendolo ricevuto "mediante rivelazione di Gesù cristo". In concreto lui cerca una definitiva ed ufficiale approvazione del suo Vangelo da parte delle somme autorità di Gerusalemme, le quali gli sarebbero servite per ridurre al silenzio i numerosi e accaniti avversari che egli aveva contro fin dal principio. Costoro erano i cristiani-giudaizzanti, i quali amavano far figurare Paolo come Apostolo privo d'autorità e sconfessato dai capi della Chiesa madre di Gerusalemme. Munito invece dell'esplicita approvazione dei maggiorenti, Paolo avrebbe tolto l'arma principale di mano ai suoi avversari. Approvazione che gli fu concessa da Giacomo, Pietro e Giovanni, le colonne della comunità di Gerusalemme. Per cui anche la questione di Tito (doveva circoncidersi?), era stata risolta (mai più richiesta di circoncisione per i cristiani pagani), quindi non più schiavi della legge, ma liberi in Cristo Gesù.

---------------------------------------------------------------------------------------------

Caro Top-man...ciò che hai detto è pura fantasia. Non esiste alcuna "esclusiva di Paolo" nella dottrina cristiana. I documenti in nostro possesso dicono altro.
Dicono che Paolo si recò a Gerusalemme per confrontarsi con Pietro sui contenuti del vangelo che lui stava predicando ai pagani.
Dicono che tra Pietro e Paolo c'era piena comunione di vedute sui contenuti del vangelo predicato.
Dicono che Paolo fu nominato "apostolo dei pagani" e venne riconosciuta l'autorità della sua parola.
Dicono che fu dichiarata infondata la pretesa che per diventare cristiano occorreva prima convertirsi all'ebraismo e farsi circoncidere. Fu sancita la rottura tra ebraismo e cristianesimo...affermando, una volta per tutte, il carattere"universale" del cristianesimo e la sua indipendenza dall'ebraismo.

Come vedi...caro Top-man...i documenti vanno letti, prima di trarre conclusioni affrettate.
Leggere e studiare....diceva mio nonno. Leggere e studiare.
A meno che, caro Top-man, tu non abbia dedotto le tue convinzioni leggendo altri documenti che io non conosco. Bè...se li hai questi documenti, sarò ben lieto di leggerli. Qua non buttiamo via niente

Vedi il profilo dell'utente
27
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Paolo stesso non si convertì mai al cristianesimo, anche se impose le sue idee fisolofiche circa questo preteso cristianesimo che in origine (il termine) era più un dispregiativo che un nome ufficiale. Paolo di Tarso fu il più agguerrito persecutore degli Apostoli e dei Discepoli (così avrebbero dovuto chiamarsi i seguaci del Cristo), poi d'un tratto fu folgorato sulla via di Damasco.
Ripeto, il vero Vangelo non fu mai predicato ne la Paolo nè tanto meno da Pietro o Giacomo ed oggi la Chiesa è diventata quello che è soprattutto per aver tralasciato questo vero messaggio. Paolo non conobbe di persona Yoshùa e basò la sua testimonianza unicamente sul concetto della morte e della resurrezione, cosa che prima di lui avevano fatto le religioni misteriche.



Edit: è ovvio che le conclusioni che traggo sono sia anteriori ad ogni papiro come posteriori ad ogni scritto ma come ho fatto io, lascio l'interlocutore libero di intraprendere la strada della ricerca, quella vera e non quella ritenuta ufficiale da tutti. Poi ci mancherebbe, se hai ragione tu e miliardi di altre persone che bonariamente credono a tutto questo, tanto di cappello, di certo non ho nulla da perderci, però ci ho perso di mio decenni e decenni di vita. Intendo con le k... che si raccontano e si leggono per vere.

Vedi il profilo dell'utente
28
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Da quali documenti trai questi convincimenti?
Ah...top-man...in questo 3d non contano le opinioni. Contano i fatti documentati. E si da il caso che le tue siano solo opinioni e non fatti. A meno che hai dei documenti che dimostrano il contrario....esponiceli

Vedi il profilo dell'utente
29
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
E allora prosegui con i fatti documentati. Secondo me "quando la pera è matura cade da sola", per dire che personalmente sono andato incontro alla scoperta di certi fatti solamente quando già da solo avevo fatto il "passo", insomma ero arrivato a delle conclusioni "interiori". Per me quello che conta non sono i documenti (anche quelli ma non solo) ma l'interiorità.
Quando moriremo non saremo dei documenti ma la nostra interiorità forse si sarà sempre.




Edit: il "forse" l'ho messo unicamente per la libertà altrui, per me non ci sono forse.

Vedi il profilo dell'utente
30
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum