Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

La eventuale esistenza di dio è indipendente dall'uomo ed è a lui preesistente. E successiva.

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 4 di 5]

76
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@xmanx ha scritto: @big
posso anche condividere le tue valutazioni....ma anche qui si evidenzia il tuo limite. Non riesci MAI ad andare oltre un giudizio morale sulle cose...probabilmente davvero pensi di essere un novello messia. Non sei capace di ragionare su niente se non in termini di giudizio morale su chi è nel bene e chi è nel male...il che fa di te un uomo molto peggiore di qualunque pretuncolo di campagna.

Impara a ragionare sulla oggettività delle cose e della realtà e limitarti a fare delle ipotesi. Senza ogni volta dare sfoggio del tuo moralismo alla Savonarola. Che poi....detto fuori dai denti, non ho ancora capito il "tuo paradiso" che hai in testa tu e che vuoi spacciarci come "migliore"...da che cazzo è fatto e da chi è fatto. Una cosa è certa però....tiu ti sei ritagliato il ruolo di San Pietro

E qui mi ricadi! Errore tipico di Xmanx N°4: mancanza di autocritica. Questo commento potrebbe tranquillamente essere destinato a te. Non ti rendi nemmeno conto che fai esattamente tutto quello che accusi gli altri di fare.

Vedi il profilo dell'utente
77
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@xmanx ha scritto:Concordo col pensiero della Hack.

Margherita tirerà un sospiro di sollievo!

Vedi il profilo dell'utente
78
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
post luciomustizzante: dopo questo basta mi hai già fatto ridere fin troppo, nel merito stai parlando di niente senza la capacità di metterti in discussione per cui come al solito non c'è dialogo, un unica precisazione, continui a dire che io avrei una vocazione messianica scusama colcazzo: io non mi faccio mettere in croce per le tue colpe, non volgio salvare il mondo ed ho la certezza come disse il re lucertola che nessuno uscirà vivo di qua, per cui continua a dar aria alla bocca, stimola la salivazione.

Vedi il profilo dell'utente
79
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@big
"perchè io invece immagino (non c'è nulla che mi obblighi ad immaginare quello che immagini tu) che lui sia appartenuto ad una specie estinta che non si è riprodotto e che dopo essere stato ucciso da una specie più violenta e cattiva ma vincente la corsa alla sopravvivenza (nel breve periodo beninteso) uno dei vicoli ciechi dell'evoluzione, che l'universo abbia detto proviamo a mettere al mondo un essere che cerca la pace invece della guerra, cosa succede? Che gli altri se lo mangiano e non contenti ci fanno sopra un businness miliardario adorano lo strumento con cui l'agnello è stato sacrificato, rendendo lo stesso SACRIFICIO oggetto di culto...beh si cazzo per fortuna che si è estinto, meglio john Wayne, meglio, cazzo rambo: IN SUO NOME NE HANNO UCCISI MENO!"

Ussignur, big...ma che c'entra questo attacco alle chiese?

Le chiese sono delle istituzioni....ed esiste un sacco di gente che "ha bisogno" di una istituzione per vivere. Una istituzione che gli dica cosa è bene e cosa è male...poichè c'è un sacco di gente che è disorientata di fronte alla complessità del mondo e alla incertezza della vita. E' disorientata e si rifugia in una istituzione per farsi proteggere psicologicamente e materialmente: chi in una chiesa, chi l'esercito, chi la politica, chi uno stato...una istituzione che gli dia una chiave di lettura sul mondo.
Le istituzioni sono dei gruppi di potere che difendono degli interessi...e nella difesa o affermazioni di questi interessi si sviluppano le guerre.

D'altra parte...caro big, noi abbiamo dentro anche "la scimmia" dalla quale discendiamo. E la scimmia vive proprio di questi meccanismi: il clan che la protegge, il capo clan, le guerre tra clan ecc...ecc...

La cosa davvero sorprendente in te è che tu "ti meravigli" di questa cosa. Cioè...noi siamo appena poco più della scimmia...il 99% del nostro organismo è dominato dagli stessi meccanismi che dominano le scimmie, i topi e i rettili. Solo 1% ci separa dall'essere degli "animali" guidati unicamente dall'istinto. Noi siamo il primo essere vivente dotato di coscienza e autocoscienza, di consapevolezza, di empatia, di compassione...tutte cose che in natura NON sono mai esistite prima di noi. Samo il primo tentativo...siamo un ibrido. Siamo al 99% la "bestia" da cui discendiamo e solo per 1% una entità "altra".

In natura, caro big...il più grosso mangia il più piccolo, il più grosso comanda sul più piccolo, il più grosso si prende le risorse a discapito del più piccolo e si disinteressa del suo destino. Questo è quello che è sempre accaduto in natura. E questo è ciò che noi abbiamo dentro per il 99%. E tu ti sorprendi?

Vedi il profilo dell'utente
80
An Boum
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
x,
credo di aver compreso la tua teoria,
banalizzandola, secondo me, non esprime nulla di nuovo rispetto a quello che gli uomini si chiedono da sempre:
è possibile che tutto questo si sia autoprodotto senza l'esistenza di un demiurgo?

La tua risposta è :un demiurgo c'è, siamo noi che non riusciamo ad afferrarne l'essenza causa limitate capacità cognitive;
l'uomo si evolverà in un essere in grado di avere tutte le risposte.

Io, ad esempio, mi definisco agnostica e non nego a priori che questo possa avvenire, non escludo neanche che l'uomo, attraverso la conoscenza arrivi a vedere cosa c'è al limite dell'universo per scoprire che siamo parte di un giochino di un cucciolo di scimmia cervella supermammifera pietra

Non ci sono risposte per certe domande quindi, se si sente l'esigenza di rasserenarsi perchè il buio risulta inaccettabile, ci si deve affidare solo alla fede ed a quel punto, non essendoci prove concrete su niente, si può scegliere di aver fede in qualsiasi cosa, c'è l'imbarazzo della scelta.

Vedi il profilo dell'utente
81
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
bè...ci sono tre differenze rispetto a quello che è piuttosto comune:
1-questo demiurgo non è un signore con la barba che, magicamente, crea la realtà come un capriccio. Ma è l'energia stessa che muove l'universo e che prende forma attraverso la materia; materia ed energia - di cui anche noi siamo fatti - che cambiano continuamente forma nel dipanarsi dello spazio e del tempo, attraverso il processo evolutivo.
2-"tutto questo" (cioè il creato) non è affatto uomocentrico (e qui mi ricollego al titolo del 3d). Le religioni ci hanno inculcato erroneamente che l'uomo sia al centro "del disegno di dio". Falso. L'uomo è una parte del processo, non è il centro del processo. Nessuno può escludere che la vita abbia preso forma in altre parti dell'universo e abbia seguito un percorso evolutivo che l'ha portata più avanti dell'homo sapiens....verso forme più evolute. Nessuno può escludere che questo capiti in futuro anche qui, sulla Terra.
3-la percezione che noi abbiamo della realtà è vincolata e limitata dal nostro cervello. Oltre a ciò che il nostro cervello ci consente di "vedere", esiste una realtà "altra"...già presente tra noi, ma per noi inconoscibile perchè il nostro strumento...il nostro cervello, non ci consente di "vederla" e di praticarla. Il cervello dell'homo sapiens è uno strumento, anche il cervello della scimmia è uno strumento. Se esistono delle realtà che il cervello della scimmia non percepisce, ma che il nostro cervello, invece, percepisce....perchè escludere che possano esistere delle realtà (forme di energia) più evolute che noi non percepiamo, ma che un cervello più progredito del nostro potrà, invece, percepire e utilizzare? L'idea che il cervello umano possa percepire tutte le forme di energia dell'universo è semplicemente assurda (è una idea che ha origine in una visione uomocentrica dell'universo), perchè esclude alla radice l'ipotesi che il cervello possa essere uno strumento limitato e che ha, quindi, una percezione limitata di tutte le realtà esistenti. Il cervello umano, in quanto contenuto in una quantità di materia finita e definita, è di per se stesso limitato....è intrinsecamente limitato (per dimostrare questa evidenza basta partire da queste domande: perchè quando osserviamo la materia non vediamo gli atomi e le molecole, neutroni ed elettroni? Perchè non sentiamo gli ultrasuoni? Perchè il cervello è fasato per "vedere" e filtrare la realtà all'interno di una certa gamma e in un certo modo...e come ogni strumento funziona solo all'interno di una certa gamma della realtà e ci segnala solo certe vibrazioni....non "tutte" quelle possibili. Immaginiamo come sarebbe la nostra esperienza nella realtà se il nostro cervello vedesse fino agli atomi e le molecole. Esistono....eppure il nostro cervello non li vede. Quindi abbiamo una visione parziale della realtà. Il nostro cervello è ancora troppo animale, cioè è ancora troppo legato al semplice progetto "sopravvivenza", è orientato a farci vedere solo ciò che ci serve ai fini della sopravvivenza fisica: vediamo le forme dei partner per accoppiarci e il cibo per mangiare..e poco di più. Ma le forme di energia presenti nell'universo sono immensamente più numerose e più grandi).

In sostanza gli antichi davano per scontato che la Terra fosse al centro e che l'universo gli ruotasse attorno. Allo stesso modo è scontato per l'uomo immaginare di essere l'apice della vita..."di esistere da sempre e di esistere per sempre". E' scontato per l'uomo essere convinto che la realtà che vede coi suoi occhi sia "tutta" la realtà esistente e "tutta" la realtà possibile. E invece la storia del processo evolutivo ci ha insegnato che non è così. Noi non esistiamo da sempre sulla Terra...e non è assolutamente detto che esisteremo per sempre...cioè che nulla potrà mai nascere "più evoluto di noi" e prendere il nostro posto. Il processo evolutivo ci ha insegnato che noi abbiamo uno strumento (il cervello) che coglie solo una gamma...una fascia di frequenze della realtà. Non tutta la realtà possibile, che è comunque tutta già presente sotto i nostri occhi, anche se non la vediamo e percepiamo.

In realtà, proprio come abbiamo scoperto che è la Terra che gira intorno al Sole e non viceversa...scopriremo che noi, homo sapiens, siamo solo un fotogramma nel grandioso film del processo evolutivo e non, invece, il suo punto di arrivo.



Ultima modifica di xmanx il Mer 18 Lug 2012 - 16:13, modificato 12 volte

Vedi il profilo dell'utente
82
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Ussignur, big...ma che c'entra questo attacco alle chiese?

ecco la tua vocazione al depistaggio...TU hai parlato di J.C. come prototipo di una nuova specie umana, solo per quello ho parlato di J.C., nessun attacco a chiese religioni o istituzioni, solo spostare sempre il discorso per non affrontare il dialogo...


In natura, caro big...il più grosso mangia il più piccolo, il più grosso comanda sul più piccolo, il più grosso si prende le risorse a discapito del più piccolo e si disinteressa del suo destino. Questo è quello che è sempre accaduto in natura. E questo è ciò che noi abbiamo dentro per il 99%. E tu ti sorprendi?[/quote]

in natura, nel regno animale di cui fa parte l'animale uomo esiste la collaborazione, il mutualismo, l'empatia anche intraspecie e NESSUN animale escludendo l'uomo ed il gatto (ma forse l'abbiamo traviato noi dopo millenni di coabitazione) gioca con il cibo o uccide più di quanto non gli serva per mangiare o uccide per sport

Vedi il profilo dell'utente
83
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaStupore
E io non ho mai sentito i cani palestinesi abbaiare ai cani Israeliani.

(Osho Rajneesh)

Vedi il profilo dell'utente
84
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@xmanx ha scritto:

A proposito del "caso": il "caso" non esiste nell'universo, che è regolato da leggi fisiche e matematiche. La Terra ruota intorno al Sole non "per caso". Non c'è nulla di visibile che la tiene incollata al Sole...esiste una "forza gravitazionale"...una legge dell'universo. Nell'universo "il caso" non esiste. Con questo volgio dire che anche la "spinta evoluzionista" non va avanti "a caso", ma segue ed è governata da una legge codificata nell'universo...esattamente come la rotazione della Terra attorno al Sole non aviene "per caso", ma è governata da una legge codificata nell'universo. Nell'universo nulla è "casuale", ma tutto è regolato da "leggi".
Se lasci cadere un sasso..il sasso non cade "per caso" e non segue una traiettoria "a caso". Il suo stato, istante per istante, è governato da leggi...che sono le stesse che governano l'intero universo.

Credere al "caso" è lo stesso meccanismo mentale degli uomini primitivi che vedevano un fulmine e dicevano che era un dio. Credere al "caso" equivale a elevare l'ignoranza a dio.

forse ti sfugge un particolare fondamentale.
una legge che spiega un fenomeno non é conferma del fatto che il fenomeno non avvenga per caso.
Pensaci un po' come concetto non é difficile da elaborare.
La legge causa-effetto non esclude il fatto che questa relazione (causa effetto) possa avvenire per caso.
Non deve necessariamente esserci una ragione perché la terra giri intorno al sole anche se c'é una legge a spiegarne il fenomeno.

Quindi mio caro é probabile che tutto sia avvenuto per caso.



Vedi il profilo dell'utente
85
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ma poi ammettiamo pure che la tua teoria (il fatto che ci siano aspetti della realtá che l'uomo non puó percepire) sia giusta. Mi sfugge il passaggio "logico" e la proprietá transitiva secondo cui necessariamente questi aspetti a noi ignoti siano assimilabili al concetto di "dio".
in che modo ha gesú dimostrato di appartenere ad una specie piú evoluta? me lo spieghi?

Vedi il profilo dell'utente
86
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaStupore
Prima della comparsa dell'Homo Sapiens,su questa terra non esisteva nessun Dio.

E ,dopo che l'umanità scomparirà dalla terra scomparirà anche Dio.

Quale Dio?

Cristo? Allah ? Brahmam ? Shiva ? Wakan Tanka? Ubar Tutu?

KleanaStupore

Vedi il profilo dell'utente
87
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Rupa Lauste ha scritto:Ma poi ammettiamo pure che la tua teoria (il fatto che ci siano aspetti della realtá che l'uomo non puó percepire) sia giusta. Mi sfugge il passaggio "logico" e la proprietá transitiva secondo cui necessariamente questi aspetti a noi ignoti siano assimilabili al concetto di "dio".
in che modo ha gesú dimostrato di appartenere ad una specie piú evoluta? me lo spieghi?
Il concetto di "dio" è solo un concetto...cioè una costruzione mentale. Ed è un concetto un pò abusato.
Io non ho detto quello che affermi tu...e cioè non ho mai detto che "questi aspetti a noi ignoti siano assimilabili al concetto di dio". Ho detto che "questi aspetti a noi ignoti sono particolari forme (o manifestazioni) di energia-materia che il nostro cervello non può cogliere...e che un cervello più evoluto del nostro potrà, invece, cogliere".
Per quanto riguarda il concetto di dio ho detto che, per me, la più corretta rappresentazione di dio è la seguente: E=mc2 (cioè una intricata e intima relazione tra energia-materia che si sviluppa e prende forme sempre nuove nel dipanarsi dello spazio-tempo).
Gesù non ha dimostrato di appartenere a una specie più evoluta... Dico soltanto che, se è vero quanto è riportato nei testi - cioè i suoi straordinari poteri e il suo "modo di vivere" - e se vogliamo escludere magie, trucchi e invenzioni o un alieno provenuto da un altro pianeta....e se vogliamo inquadrare ciò che è successo (ipotizzando che sia vero) in un contesto "reale"....bè, non c'è altra spiegazione se non il fatto che sia stato un prototipo di una specie successiva all'homo sapiens e più evoluta di noi. Non vedo altra spiegazione logica (ripeto...ammettendo che sia vero ciò che ci è stato tramandato e sfrondandolo di tutti i contorni più o meno mistici e improbabili di gente che sale e scende dal cielo come avesse un ascendore, di angeli con le trombe ecc...ecc....)

Vedi il profilo dell'utente
88
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
si ma ti rendi conto che la tua pseudoteoria si fonda sul nulla?

Vedi il profilo dell'utente
89
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Non so, caro Rupa, se tu hai figli o fratelli o genitori. Immaginiamo per un momento che tu abbia un figlio. Domanda: riesci a percepire a occhio nudo il cambiamento fisico di tuo figlio giorno per giorno? La risposta è no, ovviamente. Se invece metti a confronto una foto di quando aveva 5 anni con una di quando ne aveva 15, la differenza si vede.
Cosa voglio dire con questo?
Voglio dire che mettendo a confronto una scimmia con un homo sapiens la differenza si vede (non sempre e non per tutti )... Ma tutti i giorni si è verificato quel cambiamento infinitesimale e impercettibile che ha portato la scimmia a diventare homo sapiens...anche se il cambiamento non era visibile a occhio nudo. E quel cambiamento infinitesimale e impercettibile avviene ancora oggi...sotto i nostri occhi...perchè il motore dell'evoluzione è sempre attivo...ed è il cambiamento che porterà alla nascita di una nuova specie tra 10mila, 50mila o 200 mila anni. pietra

Quindi...è vero che la mia è una teoria. Ma non è del tutto vero che si fonda sul nulla. Si fonda, invece, sulla osservazione della natura per come si è comportata fino ad ora.

Prendiamo due fotogrammi: il primo è quello di una scimmia (fotogramma A), il secondo quello di un homo sapiens (fotogramma B). Se li mettiamo sulla scala del tempo questi due fotogrammi si distanziano tra loro di 200mila anni. Bene! Ora proviamo a immaginare di piazzare anche tutti i fotogrammi, giorno per giorno, che riempiono lo spazio tra il fotogramma A e il fotogramma B. Cosa otterremmo?
Otterremo che a un certo punto abbiamo un essere che è ancora una scimmia, ma che contiene degli aspetti umani...un "prototipo".

Vedi il profilo dell'utente
90
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
andrebbe tutto bene se non ci fosse ...l'anello mancante ....sei tu x?

Vedi il profilo dell'utente
91
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Spiritoso pietra

Vedi il profilo dell'utente
92
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
non volevo esserlo, solo che questa continuità di fotogrammi per cui sul momento non ci si accorge dei cambiamenti, non li vedo, anzi direi che ci sono balzi evolutivi documentati o coopresenza di specie diverse in alcuni siti, , chi ce lo dice che l'evoluzione umana non segua le medisime regole dell'evoluzione degli elettrodomestici o delle automobili?
I prodotti sono studiati per durare meno: ci sono ancora in giro delle fiat 500 fatte nel 1965, vorrei vedere un'auto del 2012 durare per 47 anni!!!
In effetti x ti sei scordato che esiste anche un'altra teoria, che è quella deevolutiva, leggendo poi la bibbia, se adamo visse diverse migliaia di anni e caino un pò meno si vede chiaramente come l'essere umano abbia perso in longevità un bel pò Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
93
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Postulato n.1: affermare che l'interesse di dio si fermi all'Uomo mi sembra un azzardo. L'Uomo infatti è nato all'interno di un processo evolutivo che dura da miliardi di anni e che è tutt'ora in svolgimento e movimento. Associare in modo stretto, quindi, dio all'Uomo - quasi come se con l'Uomo dio avesse finito il "suo" lavoro - è una ipotesi azzardata che non "guarda" a tutto ciò che accadrà nell'Universo e sulla Terra nei prossimi 5 miliardi di anni (tra 5 miliardi di anni, infatti, il Sole esploderà....e noi tutti, come specie, evaporeremo pietra ). D'altra parte che senso avrebbe un dio che fabbrica la "sua" creatura per farla evaporare dopo 5 miliardi di anni?
________________________

In parte questo è vero ma andrebbe detto che anche l'uomo è da sempre facente parte di un progetto con al centro Dio e dove il concetto di creatura è qualcosa che non dovrebbe essere confusa o concentrata soltanto sull'uomo mortale. Il progetto di Dio è molto complesso ma in un certo livello di questo progetto è presente l'uomo, come entità umanoide e non necessariamente con i nostri soli connotati. Un uomo senziente che popola gli Universi. Tra 5 milardi di anni, l'uomo che popola questo settore non esisterà più come lo intendiamo oggi ma sarà diverso, evoluto o semplicemente si sarà spostato in altri settori.

_____________________
Postulato n.2: nell'ipotesi che nasca una specie di un livello evolutivo superiore al nostro, questa sarà dotato di concetti e realtà che vanno oltre la nostra natura e che noi non possiamo nemmeno immaginare, nè concepire. Poichè sarebbero realtà che potrebbero andare oltre i limiti di comprensione della nostra mente. Poichè la mente altro non è che un semplice "stadio evolutivo". E' uno strumento più evoluto di quelli presenti negli stadi precedenti...ma non è affatto escluso che possa essere meno evoluto di strumenti che potrebbero prendere forma in stadi evolutivi successivi al nostro...i quali potrebbero dare accesso a "realtà" già ora esistenti ma che noi non possiamo nè concepire, nè cogliere, nè comprendere perchè vanno oltre la nostra natura e gli strumenti che l'evoluzione ci ha dato non lo consentono.

______________________

L'uomo è il risultato di un certo processo e come tale non potrà cambiare in futuro, potrà soltanto rendersi conto di certe realtà alle quali oggi non pensa affatto. Sta di fatto che l'uomo non è lasciato solo nel suo percorso (anche se sembrerebbe) e prima o poi arriverà ad un processo che lo porterà a scoprire la verità. Non ci sono stadi evolutivi da superare, c'e soltanto da scoprire la verità.
______________________
Postulato n.3: Qualunque cosa, esiste già nell'universo, poichè nell'Universo "nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma". Ciò significa che qualunque "eventuale realtà" soprannaturale o spirituale che noi oggi non riusciamo a cogliere, a vedere, a sperimentare, se esiste è già presente nell'universo. Semplicemente il nostro cervello non ci permette di coglierla, di sperimentarla, di usarla...perchè si trova a uno stadio evolutivo che non lo consente. E' molto probabile che un "cervello più evoluto del nostro" possa dare accesso al mondo "spirituale o soprannaturale" e praticarne e usarne i concetti. Che per noi sono inaccessibili e incomprensibili come è inaccessibile e incomprensibile ad una scimmia la musica o la matematica.
____________________________

Si sente dire che il nostro cervello è utilizzato in una percentuale che non supera il 10%, quindi è chiaro che c'è soltanto da accorgersi e non da sostituire i "pezzi"
_____________________________
l'universo ha già dentro tutto. E=mc2. Cioè massa, energia e spazio/tempo sono interconnessi e intrinsecamente uniti tra loro. L'evoluzione non è altro che il modo attraverso il quale l'universo crea degli esseri (attraverso il dipanarsi dello spazio e del tempo...cioè della Storia) in grado di cogliere e di vivere pienamente tutte le potenzialità latenti nella massa e nella energia.
Una sasso può cogliere un aspetto assai limitato della essenza dell'universo in termini di massa e energia. Una pianta coglie l'essenza dell'universo in un modo più ricco e articolato di un sasso, ma meno ricco e articolato di un homo sapiens. Un homo sapiens può cogliere un aspetto molto più pieno e articolato dell'essenza dell'universo cioè della massa e della energia (considerando il pensiero umano una delle tante manifestazioni possibili dell'energia). Livelli successivi di evoluzione creeranno esseri viventi in grado di cogliere e vivere tutta la gamma di aspetti già contenuti nella massa e nella energia a un livello sempre più ricco, articolato e sofisticato...e che sono sempre tutti presenti sotto i nostri occhi, ma ad uno stato latente...cioè non espresso compiutamente in tutte le sue possibili forme.
__________________________________

Scrivendo frasi come queste: L'evoluzione non è altro che il modo attraverso il quale l'universo crea degli esseri (attraverso il dipanarsi dello spazio e del tempo...cioè della Storia) in grado di cogliere e di vivere pienamente tutte le potenzialità latenti nella massa e nella energia"
.....non si riesce a cogliere una cosa, la più importante, per Universo noi dovremmo intendere anche moltissimi elementi che compongono al di la della sola struttura fisica che oggi neppure riusciamo a percepire con costosi mezzi. Oltre la struttura fisica dell'Universo ci dovrebbero essere gli "Attori" che calcano le scene di tutto quello che avviene. Per attori si può e si deve intendere sia degli esseri impersonali, tipo - energia - potenza - supermente - spirito ect, come pure degli esseri personali.

Vedi il profilo dell'utente
94
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Si sente dire che il nostro cervello è utilizzato in una percentuale che non supera il 10%, quindi è chiaro che c'è soltanto da accorgersi e non da sostituire i "pezzi"

Spiacente é un mito.


Vedi il profilo dell'utente
95
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ammesso che sia un mito, senza voler fare rimandi o link che smentiscano o confermino tale ipotesi, chiediamoci allora chi sono i geni o chi sono quelli che riescono a manipolare il corpo a proprio piacimento (per es.), insomma se il cervello viene da tutti utilizzato al 100%, come mai ci sono così grandi differenze tra gli uomini?
Ma lasciando da parte anche questa evidenza la risposta alla tematica in oggetto può benissimo fare a meno di questo punto.

Vedi il profilo dell'utente
96
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Top-man ha scritto: chi sono i geni o chi sono quelli che riescono a manipolare il corpo a proprio piacimento (per es.), insomma se il cervello viene da tutti utilizzato al 100%, come mai ci sono così grandi differenze tra gli uomini?

in alcuni casi é merito delle circostanze e dell'ambiente in cui si cresce
in altri casi é merito di abilitá che non presuppongono necessariamente un "maggior utilizzo" del cervello... ma semplicemente un modo diverso di utilizzarlo. Del resto questi "geni" a volte non sono in grado di fare le cose piú elementari. tutto qui.


Vedi il profilo dell'utente
97
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Forse, ma secondo me utilizzare in maniera diversa il cervello può già significare utilizzarlo al meglio e maggiormente. Ma in questo discorso mi sembra di andare già OT

Vedi il profilo dell'utente
98
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
capirai. siete andati OT abbondantemente in questo 3d

Vedi il profilo dell'utente
99
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Siete, sono andati OT, l'intenvento che ho fatto è il primo

Vedi il profilo dell'utente
100
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
scratch

"Dio è morto ma non di malattìa e neppure di vecchiaia.
Dio è morto perchè il Superuomo lo ha ammazzato!"

F Nietzsche.

KleanaStupore

Vedi il profilo dell'utente
101
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 4 di 5]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum