Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

E se ce l'avessi 30 centimetri?...

Condividere 

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

quanto, secondo te, in percentuale?

13% 13% [ 1 ]
0% 0% [ 0 ]
0% 0% [ 0 ]
13% 13% [ 1 ]
13% 13% [ 1 ]
13% 13% [ 1 ]
25% 25% [ 2 ]
13% 13% [ 1 ]
13% 13% [ 1 ]
Totale dei voti : 8

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 2]

1
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La ricordate la storiella del topo e di Re Leone?...

l'ho riportata qui, da me volta il frizzanti versi estivi, andatevela a rileggere, se credete.

http://www.lavalledelleco.net/t6300-dubbio-amletico#157961

Ma l'indagine qui vorrebbe essere seria:

secondo voi, nel successo di un persona nella vita, quanta incidenza hanno le virtù di "primo impatto"?
ed incidono significativamente sulle scelte di vita di quell'individuo?
ed ancor più: è consigliabile sforzarsi di fare delle scelte capaci di avvantaggiarsi di quelle virtù?

per virtù di primo impatto intendo la bellezza fisica, la simpatia, la disinvoltura, la capacità di vendersi, la giovialità... insomma tutte quelle virtù che vengono notate ancor prima che si stabilisca un minimo di vera conoscenza.

Cosa vi va di dirci, in proposito?

Vedi il profilo dell'utente
2
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Una cosa è la virtù "meno apparente" alla De Andrè, ben altra cosa doti come la simpatia, disinvoltura, capacità di vendersi...sono direi "essenzialissime" nei rapporti con gli altri, conteranno almeno all'80%...sono stato fuorviato dai 30 centimetri... rolleyss (Oltretutto sono qualità che, se spontanee, non sono affatto superficiali).

Vedi il profilo dell'utente
3
beautiful stranger
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ho votato 70%
Non perchè credo sia giusto, ma perchè credo sia vero, anche per i risvolti che queste virtù hanno sull'autostima.

Vedi il profilo dell'utente
4
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@Lucio Musto ha scritto:

per virtù di primo impatto intendo la bellezza fisica, la simpatia, la disinvoltura, la capacità di vendersi, la giovialità... insomma tutte quelle virtù che vengono notate ancor prima che si stabilisca un minimo di vera conoscenza.

Cosa vi va di dirci, in proposito?

Decisive mi sembrano solo la disinvoltura e la capacità di vendersi, che vanno di pari passo.

Vedi il profilo dell'utente
5
lupo

Viandante Storico
Viandante Storico
io ho studiato tutto il periodo universitario insieme ad un altro.
stessa preparazione ma lui spesso un voto o due più alto di me.
solo negli scritti o nei pochi esami in cui l'orale si protraeva oltre l'ora riuscivo a prendere quanto e più di lui.
non c'èra da arrabbiarsi, sapeva porgersi meglio di me, aveva una maggiore capacità di spendersi di fronte al prof.

Vedi il profilo dell'utente
6
Silentis
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Io ho sempre guardato con sospetto quelli che danno l'impressione di sapersi vendere, perché mi chiedo se non facciano tanto scalpore solo per vendere fumo. E infatti è spesso così. In altre parole, "sapersi vendere", nei miei confronti perde abbastanza di significato. Ma mi rendo conto che la maggior parte delle persone si lascia dominare dalle apparenze e lo chiama carisma, per cui funziona. Dopotutto, quando la gente compra una mela, non sceglie quella sana, sceglie quella bella.

Vedi il profilo dell'utente
7
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
In effetti spesso chi riesce simpatico viene definito "uno che si sa vendere" da parte di chi deve fare un mazzo tanto per ricevere un filino di simpatia...Poi esistono pure molti casi di gente col sorriso dipinto in faccia, ma se non sei stupido te ne accorgi...

Vedi il profilo dell'utente
8
anna85
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
no,non ce la posso fare
il titolo..eh eh
ma come faccio a non essere maliziosa testata contro il mu
uffaaaaaaaaaaaaa
troppo eh he cool











Vedi il profilo dell'utente
9
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@anna85 ha scritto:no,non ce la posso fare
il titolo..eh eh
ma come faccio a non essere maliziosa testata contro il mu
uffaaaaaaaaaaaaa
troppo eh he cool












guarda che non c'è nessuna malizia!... La barzelletta era solo per aprire un discorso molto più ampio sui valori "volatili" rispetto a quelli più profondi... quali alla fine paghino di più, come e perché...

E l'argomentare si farebbe ampio... se non fosse per me questo un dopo-cena particolarmente laborioso...

buonanotte, piccola!

Vedi il profilo dell'utente
10
Coraline
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Silentis ha scritto:Io ho sempre guardato con sospetto quelli che danno l'impressione di sapersi vendere,

Su di me questo tipo di atteggiamento, in genere, non fa presa perchè penso sempre che se si è "costretti" a mostrare di primo acchito quanto si ritiene di avere di meglio da offrire, si hanno bisogni evidenti relativi all'accettazione. Ciò non mi rimanda l'immagine di persona indipendente (molto vaga come espressione, lo so, ma non me ne vengono altre) che invece è quella che invece di solito mi attrae parecchio.


@Lucio Musto ha scritto:

secondo voi, nel successo di un persona nella vita, quanta incidenza hanno le virtù di "primo impatto"?
ed incidono significativamente sulle scelte di vita di quell'individuo?
ed ancor più: è consigliabile sforzarsi di fare delle scelte capaci di avvantaggiarsi di quelle virtù?


Con le virtù di primo impatto si fa la pesca a strascico; è attraverso quelle che spesso non sappiamo neanche di avere che invece costruiamo le relazioni più belle.

Vedi il profilo dell'utente
11
anna85
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
lo so,lo so
in effetti avevo commentato solo il titolo
e' stato piu' forte di me inchino
ma tu mi capisci KleanaOcchiolino
notte nonno puffo

Vedi il profilo dell'utente
12
MagicLight
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
e io che pensavo che fosse un 3d piccante.... uffiiiiiiiiiiiii


vabbè voto 40 %

Vedi il profilo dell'utente
13
SergioAD

Viandante Storico
Viandante Storico
Non vorrai presentarti così? Meglio essere o apparire? - Dissi a mio figlio che a 16 anni per suonare in pubblico si era vestito molto male, secondo me.

Papà è una messa in scena! Si può anche apparire per essere!

Molto contrariato ma è proprio così – il pacchetto (ah ah anche sessuale) è fatto dell'insieme con cui le persone si presentano.

Se nessuno degli uomini avesse seguito le arti del tatuaggio, orecchino, cremette, etc... si poteva continuare a dire che l'uomo è più "naturale" della donna. Inoltre, durante il corteggiamento l'uomo al naturale così ha minori probabilità di avere successo.

Ah ah! Ci s'incontra nei grandi magazzini, seduti nella zona di parcheggio mariti. Con sandali, calzoncini e dopobarba anni 60 (Old Spice) in attesa che le nostre signore acchitate in giro per i negozi finiscano le discussioni sui colori da abbinare e gli acquisti... si notano alcuni giovanotti appariscenti dalla sessualità non proprio definita che evidentemente vivono ancora nell'ambiguità della condizione scapoli/ammogliati.

Se vi sembra un discorso superficiale ebbene non lo è – la mela bella viene scelta per prima e se è buona passa nelle preferenze – se non è buona la sua funzione era solo quella di fare concorrenza agli altri prodotti pilota (le offerte speciali).

Quindi i 30 cm assolvono alla funzione della iniziazione, che a sua vola ha comunque un ciclo di isteresi. Il successo oggi è molto condizionato dalla capacità interdisciplinare – il filosofo non ha scampo contro gli specialisti interdisciplinari.

Un sistemista che analizza un complesso di calcolo per una necessità specifica deve conoscere 1) la tecnologia dei computer, per le risorse e le soluzioni tecniche 2) la fisica di base, per la conoscenza delle aree d'interesse e 3) il dominio operativo, per il comportamento tattico.

Questi sono filosofi in matematica, in fisica ed in ingegneria.

Per concludere, a parità delle capacità restanti, l'introduzione è una capacità addizionale e pertanto vincente nel globale. Ma c'è un secondo messaggio – tutto fumo niente arrosto – bambola oca, etc... Tendenzialmente quelli che non lottano per sopravvivere si indeboliscono. Questo era per definire meglio il ciclo d'isteresi della fase di creazione di una relazione.

Do un numero molto grande - agli attributi addizionali che hanno notevole grandezza.

PS Siate clementi se il mio italiano non è eccezionale in fondo si lotta sempre tra come si è, come si appare e, come si vorrebbe essere.

Vedi il profilo dell'utente
14
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
dopo l'esposizione di SergioAD (a propoosito, bentornato!... mi sa che era un bel po' che non ti si vedeva!) credo di non dover aggiungere altro.

Analisi esaustiva, chiarissima, brillante, elegante!... complimenti ed applausi, oltre ad un grazie davvero sentito.

Vorrei solo sottolineare il commento di Coraline, saggio come un aforisma, bello come una poesia:

"Con le virtù di primo impatto si fa la pesca a strascico; è attraverso quelle che spesso non sappiamo neanche di avere che invece costruiamo le relazioni più belle."

Vedi il profilo dell'utente
15
MagicLight
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@SergioAD ha scritto:Non vorrai presentarti così? Meglio essere o apparire? - Dissi a mio figlio che a 16 anni per suonare in pubblico si era vestito molto male, secondo me.

Papà è una messa in scena! Si può anche apparire per essere!

Molto contrariato ma è proprio così – il pacchetto (ah ah anche sessuale) è fatto dell'insieme con cui le persone si presentano.

Se nessuno degli uomini avesse seguito le arti del tatuaggio, orecchino, cremette, etc... si poteva continuare a dire che l'uomo è più "naturale" della donna. Inoltre, durante il corteggiamento l'uomo al naturale così ha minori probabilità di avere successo.

Ah ah! Ci s'incontra nei grandi magazzini, seduti nella zona di parcheggio mariti. Con sandali, calzoncini e dopobarba anni 60 (Old Spice) in attesa che le nostre signore acchitate in giro per i negozi finiscano le discussioni sui colori da abbinare e gli acquisti... si notano alcuni giovanotti appariscenti dalla sessualità non proprio definita che evidentemente vivono ancora nell'ambiguità della condizione scapoli/ammogliati.

Se vi sembra un discorso superficiale ebbene non lo è – la mela bella viene scelta per prima e se è buona passa nelle preferenze – se non è buona la sua funzione era solo quella di fare concorrenza agli altri prodotti pilota (le offerte speciali).

Quindi i 30 cm assolvono alla funzione della iniziazione, che a sua vola ha comunque un ciclo di isteresi. Il successo oggi è molto condizionato dalla capacità interdisciplinare – il filosofo non ha scampo contro gli specialisti interdisciplinari.

Un sistemista che analizza un complesso di calcolo per una necessità specifica deve conoscere 1) la tecnologia dei computer, per le risorse e le soluzioni tecniche 2) la fisica di base, per la conoscenza delle aree d'interesse e 3) il dominio operativo, per il comportamento tattico.

Questi sono filosofi in matematica, in fisica ed in ingegneria.

Per concludere, a parità delle capacità restanti, l'introduzione è una capacità addizionale e pertanto vincente nel globale. Ma c'è un secondo messaggio – tutto fumo niente arrosto – bambola oca, etc... Tendenzialmente quelli che non lottano per sopravvivere si indeboliscono. Questo era per definire meglio il ciclo d'isteresi della fase di creazione di una relazione.

Do un numero molto grande - agli attributi addizionali che hanno notevole grandezza.

PS Siate clementi se il mio italiano non è eccezionale in fondo si lotta sempre tra come si è, come si appare e, come si vorrebbe essere.

quoto! complimenti! bellissimo post

Vedi il profilo dell'utente
16
SergioAD

Viandante Storico
Viandante Storico
Grazie Lucio!

Grazie per le belle parole.

Bentrovato!

MagicLight, You Illuminate! Magic Thanks!

Vedi il profilo dell'utente
17
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
I 30 centimetri oggi sarebbero di solito costituiti da orrendi tatuaggi da vecchio ergastolano, da piercing nocivi alla salute pure sul pisellino, da calzonacci scesi fino alle caviglie...sai che ti dico? meglio le seghe , allora! Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
18
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
e pure tu hai ragione, Candido!...
le "virtù di primo impatto" soprattutto, ma anche le virtù recondite, sono in larga parte frutto di condizionamenti culturali, variabilissimi nel tempo, soprattutto nell'essere umano così sensibile alle "mode", capricciose sostitute delle necessità ambientali!...
E così il pallore tisico ed ordinato del Gagà d'inizio secolo viene sostituito dal machismo del giovane ardito, dall'intraprendenza del patriota, dal trasandato abito del reazionario figlio dei fiori, all'indifferente informalità del giovane di oggi speranzoso che tutta cambi, indipendentemente da cosa sia quel tutto e cosa significhi cambiamento.

Si, "la sana intimità di una sega" è forse un valore più coriaceo di tanti altri... decisamente più volatili!

Vedi il profilo dell'utente
19
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Lucio Musto ha scritto:
secondo voi, nel successo di un persona nella vita, quanta incidenza hanno le virtù di "primo impatto"?
ed incidono significativamente sulle scelte di vita di quell'individuo?
ed ancor più: è consigliabile sforzarsi di fare delle scelte capaci di avvantaggiarsi di quelle virtù?

per virtù di primo impatto intendo la bellezza fisica, la simpatia, la disinvoltura, la capacità di vendersi, la giovialità... insomma tutte quelle virtù che vengono notate ancor prima che si stabilisca un minimo di vera conoscenza.

Premetto che nessuno mi ha chiesto di pronunciarmi qui, premetto che devo correre via per andare sul Diagramma, ma trovo che il sondaggio messo in atto da Lucio da una parte abbia spunti di interesse, ho votato per il 5O per cento, ma dall'altro rischi di diventare come il sesso degli angeli. Sarebbe lunghissimo vagliare le circostanze in cui il primo impatto pesi oppure no ed in che misura. E poi bisognerebbe vedere se nell'ambito di un rapporto uomo donna, oppure in un ambiente misto professional-lavorativo oppure ancora se nella vita in generale come del resto era nello spirito della domanda. Ma in questo terzo caso le ipotesi e le possibilita' sono cosi' annacquate e dispersive da rendere improponibile , secondo me la questione. Evidentemente l'immagine di una persona sciatta e malandata non e' costruttiva. Ma attenzione, perche'l'abito non fa' il monaco. Come tutti sapete io mi occupo di un topic giornale che presenta fortissimi connotati nazionali ed etnici eppure non ho nessuna difficolta' a dichiarare che io ho avuto a che fare con collaboratori ad esempio albanesi, i quali a vederli a prima vista davano la sensazione di essere appena usciti da un carcere, ma per quanto riguarda il rendimento sul lavoro erano degli autentici Mazinga da dieci e lode. E una. Per quanto riguarda l'immagine dell'uomo d'affari con la valigetta in mano, il telefonino nell'altra e strani discorsi amministrativi che ridotti in parole povere non significano nulla diffiderei al cento per cento. Magari quello e' un ladro. In senso ampio. Io ho un amico che e' un grosso impresario edile, circola con una cinquecento la camicia fuori dai pantaloni ed i blue jeans consumati. Solo che sostiene spese per in personale sui ventimila euro al mese ed ha un giro d'affari di diversi milioni di euro all'anno. E due. Nel caso di impressioni positive nel rapporto uomo donna la questione diventa universale ed infinita. Perche' qui subentrano fenomeni sottopelle personali dovuti a fatti endogeni ed il fatto di avere un armamentario lungo trenta cm non significa di per se efficenza sessuale totale. Se ad una donna va' a genio un uomo, l'armamentario potrebbe essere anche solo di pochi cm solo che magari poi ha capacita' percussive a livello di un martello pneumatico mentre l'arnese americano calibro trenta potrebbe essere come un cotechino inerte ed anonimo. E' difficile, Lucio, e' difficile. Io stesso ho avuto un insegnante di lettere praticamente paraplegico e con l'intelligenza di un asso inarrivabile ed ho conosciuto vigili urbani palestrati e culturisti che piu' quelli meno quelli e' lo stesso. Ma adesso vado Lucio, e' tardi. Ho da fare di la'. Una stretta di mano ed un brano musicale.Ciao. cool

Vedi il profilo dell'utente
20
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ti ringrazio The Royal di aver distratto qualche attimo del tuo preziosissimo tempo per onorarci nel forum che evidentemente consideri cosa "altra" da te, buono soltanto per sfruttarne le strutture e pubblicizzare il tuo Diagramma.
E ti ringrazio anche del contributo che porti al topic "mio" nel senso che ho proposto io l'argomento ma che è di tutti i partecipanti... anche se devo rilevare che non ti sei sforzato molto!... Sorriso Scemo
un non compromettente "ni" al sondaggio, ed alcuni esempi concreti singoli di quelli che chiunque può elencare solo guardandosi in giro per via.

In realtà il topic, ed il sondaggio avevano un fine più sottile e impegnativo.
Si cercava di capire, attraverso la personale esperienza di ognuno, quale fosse l'idea che ci siamo fatti del valore sociale di certe scelte e di certi atteggiamenti o... virtù!.

Che poi ci sia "una" ragazzetta sia capace di arricchirsi in una notte, o che Tina Pica ancorché brutta brutta brutta e racchia, fosse tanto tanto simpatica da scalare la via del successo...
beh diciamo che potevamo dircelo anche senza aprire una discussione... non trovi?

comunque ancora grazie del privilegio del tuo intervento, che so non concedi a molti.

Vedi il profilo dell'utente
21
Stardust
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Lucio Musto ha scritto:La ricordate la storiella del topo e di Re Leone?...

l'ho riportata qui, da me volta il frizzanti versi estivi, andatevela a rileggere, se credete.

http://www.lavalledelleco.net/t6300-dubbio-amletico#157961

Ma l'indagine qui vorrebbe essere seria:

secondo voi, nel successo di un persona nella vita, quanta incidenza hanno le virtù di "primo impatto"?
ed incidono significativamente sulle scelte di vita di quell'individuo?
ed ancor più: è consigliabile sforzarsi di fare delle scelte capaci di avvantaggiarsi di quelle virtù?

per virtù di primo impatto intendo la bellezza fisica, la simpatia, la disinvoltura, la capacità di vendersi, la giovialità... insomma tutte quelle virtù che vengono notate ancor prima che si stabilisca un minimo di vera conoscenza.

Cosa vi va di dirci, in proposito?

anche io voto 70% come beautiful e come beautiful dico perché è vero. Sul giusto mi soffermerei invece a meditare ancora un attimino. Poniamoci la domanda opposta: cioè, che utilità avrebbe una persona che sa tante cose, ma non ha la capacità di esternare o dimostrare per lo meno alcune delle virtù citate? Se uno non ha modalità di porsi, se uno non ha la capacità di trasferire agli altri con la comunicazione, allora anche una sua presunta conoscenza sarebbe sterile! quindi chi può valutare se è gusto o ingiusto? Anche la virtù della bellezza bisogna saperla sfruttare: esistono persone che possiedono bellezze esteriori, ma che non hanno successo e non sono mondane. In questo caso la bellezza da sola non va molto lontano; infatti deve essere accompagnata sempre da altre virtù di primo impatto quali la simpatia, la disinvoltura ecc ecc... già perché la bellezza in sé non è bella, ma bellezza è soprattutto movenza e atteggiamento.

Vedi il profilo dell'utente
22
Stardust
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Silentis ha scritto: Ma mi rendo conto che la maggior parte delle persone si lascia dominare dalle apparenze e lo chiama carisma, per cui funziona. Dopotutto, quando la gente compra una mela, non sceglie quella sana, sceglie quella bella.

quoto!

Vedi il profilo dell'utente
23
Stardust
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@lupo ha scritto:io ho studiato tutto il periodo universitario insieme ad un altro.
stessa preparazione ma lui spesso un voto o due più alto di me.
solo negli scritti o nei pochi esami in cui l'orale si protraeva oltre l'ora riuscivo a prendere quanto e più di lui.
non c'èra da arrabbiarsi, sapeva porgersi meglio di me, aveva una maggiore capacità di spendersi di fronte al prof.

purtroppo o per fortuna è così e non possiamo dire che sia sbagliato. Anche a me succedeva a scuola che altri prendessero voti migliori pur sapendo in realtà meno, perché si vede che quel che sapevano lo ponevano meglio o si ponevano loro con maggior simpatia o disinvoltura. Naturalmente poi c'erano anche quelli che sfruttavano ancora meno la loro "sostanza".

Vedi il profilo dell'utente
24
Actaris
avatar
Viandante Forestiero
Viandante Forestiero
Io farei una debita proporzione:

...

30 cm = 30%
40 cm = 40%

...

e via dicendo...

Vedi il profilo dell'utente
25
anna85
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Sorriso Scemo Sorriso Scemo Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 2]

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum