Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Imparare a stare insieme: percorso attraverso i diversi tipi di coppia

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Ogni coppia si forma e struttura sulla base di una dinamica sua propria. Tra le infinite dinamiche si possono generalizzare alcuni tratti comuni che permettono di creare alcune macrocategorie.

Coppia fondata sulla collusione narcisistica → L’amore è inteso come essere uno.L’unione simbiotica è un rapporto sado-masochista dove il più forte fagocita il più debole e in cui va perduta l’identità e la "noità" della coppia (l’essere noi).

Coppia fondata sulla collusione orale -> L amore è concepito come aver cura dell’altro. E’ un amore di tipo materno, che comporta un partner di tipo depressivo.

Coppia fondata sulla collusione sadico-anale -> L' amore è inteso come possesso totale ; l’oggetto dell’amore è considerato proprio dominio e tenuto continuamente sotto il proprio controllo. Questa relazione comporta un partner di tipo ossessivo.

Coppia fondata sulla collusione fallico-edipica -> L’amore è vissuto soprattutto come autoaffermazione antagonista e il partner è vissuto sostanzialmente come rivale e luogo della propria affermazione. Questa relazione contempla un partner di tipo isterico.

L’ amore maturo è caratterizzato invece da solidarietà, compartecipazione, differenziazione e mutua cura.


Chiaramente quella sopra esposta è la “povera” opinione di un certo approccio psicoanalitico alla vita di relazione. Non pretende di essere esaustiva e non va intesa come tale. Però, nella sua parzialità ha il potere di cogliere alcune dinamiche normalmente agite in modo irriflesso e sottoporle alla nostra attenzione. Veniamo quindi a noi.

In quale categoria collocheresti i vostri rapporti?

In una sola o in più categorie?

Ravvisate un evoluzione nel vostro aver vissuto rapporti differenti?

Provate a ricordare le vostre emozioni.



Vedi il profilo dell'utente
2
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
porca vacca m'avete fregato!... sono cinquntadueanni quttromesi ed una manciata di giorni che mia moglie ed io stiamo insieme... e non ci siamo mai accorti di non essere un coppia!...

mo' vado in camera e gliene dico quattro!...

vabbè poverina, diciamo che oggi s'è ammazzata coi nipoti monelli e sarà già crollata dal sonno... ma domattina glielo faccio vedere io!....

Vedi il profilo dell'utente
3
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Rendersi conto di ogni cosa, non è fondamentale in amore.

Dato che vivi un rapporto di così lunga durata, vorrei chiederti di descrivere cos'è il rapporto d'amore duraturo tra due persone, ed in cosa differisce da altri da te vissuti in precedenza. Te ne sarei grato.

Vedi il profilo dell'utente
4
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@victorinox ha scritto:Rendersi conto di ogni cosa, non è fondamentale in amore.

Dato che vivi un rapporto di così lunga durata, vorrei chiederti di descrivere cos'è il rapporto d'amore duraturo tra due persone, ed in cosa differisce da altri da te vissuti in precedenza. Te ne sarei grato.

ecco... io non lo so.

Qualunque cosa ti dico adesso non è una bugia, ma solo un pezzetto di realtà, che tutta intera non ti saprei descrivere.

Forse una cosa importante per noi è stata la determinazione forte di voler stare insieme a qualunque costo, ben sapendo che avremmo avuto mille difficoltà, ostacoli, contrattempo, passioni, scontri, incomprensioni ed ugge reciproche. Sin da sempre abbiamo creduto che ognuna di queste difficoltà, a chiunque fosse capitata, sarebbe stata una difficoltà della famiglia, e non del singolo.
E dico della famiglia e non della coppia perché dopo solo un anno avevamo un figlio e dopo due due e dopo sette eravamo a quattro. ed ogni impatto, era sulla famiglia.

Posso dire che mia moglie non è stato il più grande amore della mia vita, non l mia più grande passione, non la prima né l'ultima. Semplicemente quell'amore che non potevo, che non ero disposto a distruggere o rinnegare.
E fra lacrime e sangue siamo andati avanti sempre.

Oggi, quando ormai sarebbe ridicolo parlarne, parlandone lei afferma che ci sono stati momenti in cui il nostro matrimonio ha rischiato di sfasciarsi, ma io glielo contesto fieramente. So bene, che non lo avrei, non lo avremmo mai permesso. E magari su questa cosa ci litighiamo.
Mbè?... sono cinquant'anni che litighiamo un giorno si e l'altro pure, dovrei turbarmene proprio ora?

Volevi una risposta lapidaria eh?... mo' te la do:
"Nell'essere coppia bisogna crederci".

Vuoi sapere che significa?... eh no, bello!... questa è la risposta lapidaria!... quando mai si spiegano le lapidi?

Vedi il profilo dell'utente
5
riverstone
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
In realtà manca la categoria più importante, quella in cui si colloca la quasi totalità delle coppie...la categoria dove si stà insieme solo per non stare da soli...ma più che altro per i risvolti sociali e spicologici che essere una coppia comporta rispetto al non esserlo. Una scelta di comodo per reciproca consolazione insomma.

Vedi il profilo dell'utente
6
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@riverstone ha scritto:In realtà manca la categoria più importante, quella in cui si colloca la quasi totalità delle coppie...la categoria dove si stà insieme solo per non stare da soli...ma più che altro per i risvolti sociali e spicologici che essere una coppia comporta rispetto al non esserlo. Una scelta di comodo per reciproca consolazione insomma.

beh... forse questo non rientra nemmeno nella tipologia delle coppie... Forse non si sta nemmeno insieme, ma si condivide solo lo stesso tetto, come in un piccolo condominio, una casa di riposo per anziani, il letto in affitto in una casa dello studente... la camera d'ospedale, il sedile in treno...

Vedi il profilo dell'utente
7
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum