Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Reincarnazione

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Sento spesso parlare in ambito di spiritualità orientale di reincarnazione, karma, vita dopo la morte e argomenti del genere. Io credo, a differenza di questa teoria orientale, che l'uomo non sia immortale ma che abbia una vera possibilità di divenirlo nell'unica vita che sta vivendo oggi.

Però vorrei sapere le motivazioni che porterebbero a credere nella reincarnazione. In questa teoria si parla di uno spirito che è immortale e che quanto esce dal corpo si troverebbe in una specie di sapzio senza tempo o insomma di quello che viene teorizzato.

Se non confondo con altre teorie mi sembra che lo spirito in questione sia dimentico di se fino al punto di fare esperienza della materia. Già qui non mi tornano i conti, questo spirito cosa rappresenterebbe in una scala da zero all'infinito?

Seconda domanda, come mai uno spirito decide di reincarnarsi più volte in un umano, dato che ormai ha avuto già occasioni per vedere come si svolge la vita sulla terra, perché non si reincarna in altre forme e pianeti?

Poi ancora, come è possibile che uno spirito possa convivere con un uomo o una donna? Cioè non si tratterebbe di possessione vera e propria?

Come è possibile che uno spirito si reincarni in un albero o in un animale? Cioè se si è comportato male in vita, la prossima gli tocca ricominciare da capo, ma allora chi è che deve evolvere l'uomo che ha incorporato lo spirito o lo spirito stesso?
Se lo spirito non ha cognizione di quanto sta facendo come fa ad essere condannato a livelli inferiori, dato che l'uomo in cui si è introdotto fa delle esperienze a prescindere dallo spirito?

Cioè, come è possibile che a due elementi così scollegati siano poi imputati gli errori dell'altro?
La natura umana è qualcosa di abbastanza prevedibile e se vogliamo, certo. Se un uomo nasce con un istinto criminale è ovvio che lo spirito dentro contenuto partecipi delle azioni di questa natura. Al contrario se uno spirito molto basso si incarna in un uomo di origine o tendente allo spirituale, dove starebbe la sua bravura?
Alla fine di queste interminabili reincarnazioni quale è la sua destinazione?

Vedi il profilo dell'utente
2
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Io penso semplicemente che l'uomo sia un essere eterno, destinato a vivere su UNA terra, un essere che sperimenta e mette da parte, in continua evoluzione.
Altrimenti mi parrebbe assai strano pensare ad un'eternità PRIMA di noi, ad un'altra eternità DOPO di noi, e a questo soffio di tempo sospeso nel nulla nel quale proprio adesso, solo adesso stiamo scambiandoci ideuzze...
Ovviamente è solo una mia sensazione, non chiedetemi la "prova" scientifica di alcunché, non può esistere e non ne ho.

Vedi il profilo dell'utente
3
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Il concetto di uomo eterno è giusto e in un certo senso è anche probabile dato che si tratta di qualcosa di certo, l'uomo diventa eterno attraverso l'Umanità,ognuno contribuisce e fa in modo che il ciclo continui in eterno. Quello a cui invece sto alludendo è qualcosa che riguraderebbe il singolo.
Apparentemente come singoli non siamo eterni ma alquanto finiti.

Se noi pensiamo quante cose non conosciamo e quanto è vasto l'Universo (anche solo quello materiale) ci rendiamo conto che l'uomo non è l'architetto di questo "Sistema" ma è un creatura, nè più nè meno come tante altre. Va da se che una mente come la nostra non possa immaginare l'eternità e neppure capire una supermente infinitamente più evoluta di noi, così come un albero non potrebbe capire un uomo.

Vedi il profilo dell'utente
4
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Candido ha scritto:Io penso semplicemente che l'uomo sia un essere eterno, destinato a vivere su UNA terra, un essere che sperimenta e mette da parte, in continua evoluzione.
Altrimenti mi parrebbe assai strano pensare ad un'eternità PRIMA di noi, ad un'altra eternità DOPO di noi, e a questo soffio di tempo sospeso nel nulla nel quale proprio adesso, solo adesso stiamo scambiandoci ideuzze...
Ovviamente è solo una mia sensazione, non chiedetemi la "prova" scientifica di alcunché, non può esistere e non ne ho.
scratch
Eternità prima di noi?
Nei monasteri zen esiste un gruppo di domande alle quali,se non sai
rispondere, non sei ammesso alla comunità.
Una di queste è:

"Dimmi che faccia avevi prima che nascesse tuo padre."

Se non sai rispondere sei bocciato.

hissfit

Vedi il profilo dell'utente
5
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum