Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

...e il primo maggio può essere la festa di tutti gli italiani?

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
...visto che la repubblica è fondata sul lavoro?

Il 25 aprile abbiamo visto che non è di tutti gli italiani perchè ancora oggi c'è chi festeggia l'antifascismo e chi lo condanna... ma condannare l'antifascismo non è come esaltare il fascismo? Boh, comunque questo è un altro discorso, si parla di lavoro, tutti dovrebbero esaltare il lavoro ed i lavoratori, vediamo il primo maggio da cosa deriva:

Festa del lavoro



Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vai a: navigazione, cerca

Disambiguazione – "Primo maggio" rimanda qui. Se stai cercando il concerto annuale che si tiene in piazza San Giovanni a Roma, vedi Concerto del Primo Maggio.
Festa del lavoro e dei lavoratoriDataCelebrata inAvvenimento celebratoFeste correlateData d'istituzione
1º maggio
Italia Francia Regno Unito Spagna Cile Cina Germania Russia Ucraina Grecia Unione europea Slovenia Svizzera Messico Romania Brasile
festa dei lavoratori
Labor Day
In Italia: istituita nel 1891, soppressa nel 1925 e reistituita nel 1945

Questo box: vedi disc. mod.
La Festa del lavoro o Festa dei lavoratori è una festività mondiale celebrata il 1º maggio di ogni anno che intende ricordare l'impegno del movimento sindacale ed i traguardi raggiunti in campo economico e sociale dai lavoratori. La festa del lavoro è riconosciuta in molte nazioni del mondo ma non in tutte.



Indice

[nascondi]
Origini internazionali [modifica]


La festa ricorda le battaglie operaie, in particolare quelle volte alla conquista di un diritto ben preciso: l'orario di lavoro quotidiano fissato in otto ore (in Italia con il r.d.l. n. 692/1923). Tali battaglie portarono alla promulgazione di una legge che fu approvata nel 1867[1] nell'Illinois (USA). La Prima Internazionale richiese poi che legislazioni simili fossero introdotte anche in Europa.

L'origine della festa risale ad una manifestazione organizzata negli Stati Uniti dai Cavalieri del lavoro (Knights of Labor, associazione fondata nel 1869) a New York il 5 settembre 1882. Due anni dopo, nel 1884, in un'analoga manifestazione i Cavalieri del lavoro approvarono una risoluzione affinché l'evento avesse una cadenza annuale. Altre organizzazioni sindacali affiliate all'Internazionale dei lavoratori - vicine ai movimenti socialisti ed anarchici - suggerirono come data della festività il primo maggio.




Il Quarto Stato, di Giuseppe Pellizza da Volpedo
Ma a far cadere definitivamente la scelta su questa data furono i gravi incidenti accaduti nei primi giorni di maggio del 1886 a Chicago (USA) e conosciuti come rivolta di Haymarket. Il 3 maggio i lavoratori in sciopero di Chicago si ritrovarono all'ingresso della fabbrica di macchine agricole McCormick. La polizia, chiamata a reprimere l'assembramento sparò sui manifestanti uccidendone due e ferendone diversi altri. Per protestare contro la brutalità delle forze dell'ordine gli anarchici locali organizzarono una manifestazione da tenersi nell'Haymarket square, la piazza che normalmente ospitava il mercato delle macchine agricole. Questi fatti ebbero il loro culmine il 4 maggio quando la polizia sparò nuovamente sui manifestanti provocando numerose vittime, anche tra i suoi.

L'11 novembre del 1887 a Chicago (USA), quattro operai, quattro organizzatori sindacali e quattro anarchici furono impiccati per aver organizzato il 1º maggio dell'anno precedente lo sciopero e una manifestazione per le otto ore di lavoro.

Il 20 agosto fu emessa la sentenza del tribunale: August Spies, Michael Schwab, Samuel Fielden, Albert R. Parsons, Adolph Fischer, George Engel e Louis Lingg furono condannati a morte; Oscar W. Neebe a reclusione per 15 anni. Otto uomini condannati per essere anarchici, e sette di loro condannati a morte. Le ultime parole pronunciate furono: Spies: "Salute, verrà il giorno in cui il nostro silenzio sarà più forte delle voci che oggi soffocate con la morte!" Fischer: "Hoch die Anarchie! (Viva l’anarchia!)" Engel: "Urrà per l’anarchia!" Parsons, la cui agonia fu terribile, riuscì appena a parlare, perché il boia strinse immediatamente il laccio e fece cadere la trappola. Le sue ultime parole furono queste: "Lasciate che si senta la voce del popolo!"

L'allora presidente Grover Cleveland ritenne che la festa del primo maggio avrebbe potuto costituire un'opportunità per commemorare questi episodi. Successivamente, temendo che la commemorazione potesse risultare troppo a favore del nascente socialismo, stornò l'oggetto della festività sull'antica organizzazione dei Cavalieri del lavoro. Pochi giorni dopo il sacrificio dei Martiri di Chicago, i lavoratori di Chicago tennero un’imponente manifestazione di lutto, a prova che le idee socialiste non erano affatto morte.

La data del primo maggio fu adottata in Canada nel 1894 sebbene il concetto di festa del lavoro sia in questo caso riferito a precedenti marce di lavoratori tenute a Toronto e Ottawa nel 1872.

In Europa la festività del primo maggio fu ufficializzata dai delegati socialisti della Seconda Internazionale riuniti a Parigi nel 1889 e ratificata in Italia due anni dopo. La rivista La Rivendicazione, pubblicata a Forlì, cominciava così l'articolo Pel primo Maggio, uscito il 26 aprile 1890: "Il primo maggio è come parola magica che corre di bocca in bocca, che rallegra gli animi di tutti i lavoratori del mondo, è parola d’ordine che si scambia fra quanti si interessano al proprio miglioramento"[2].

La Festa dei Lavoratori in Italia [modifica]





Concerto del primo maggio a Roma nel 2007. I presenti erano circa 700.000[3]
Appena si diffuse la notizia dell'assassinio degli esponenti anarchici di Chicago, nel 1888, il popolo livornese si rivolse prima contro le navi statunitensi ancorate nel porto, e poi contro la Questura, dove si diceva che si fosse rifugiato il console USA.

Tra le prime documentazioni filmate della festa in Italia, il produttore cinematografico Cataldo Balducci presenta il documentario “Grandiosa manifestazione per il primo maggio 1913 ad Andria" (indetta dalle classi operaie) che riprende la festa in sette quadri, e si può - così - vedere il corteo che percorre le strade affollate della Città: gli uomini, tutti con il cappello, seguono la banda che suona, con alcune bandiere.

In Italia la festività fu soppressa durante il ventennio fascista - che preferì festeggiare la Festa del lavoro italiano il 21 aprile in coincidenza con il Natale di Roma - ma fu ripristinata subito dopo la fine del conflitto mondiale, nel 1945.

Nel 1947 la ricorrenza venne funestata a Portella della Ginestra (PA), quando la banda di Salvatore Giuliano sparò su un corteo di circa duemila lavoratori in festa, uccidendone undici e ferendone una cinquantina.

Dall'anno 1990 i sindacati italiani CGIL, CISL e UIL in collaborazione con il comune di Roma organizzano annualmente un concerto per celebrare il primo maggio a cui partecipano ogni anno centinaia di migliaia di persone.

Vedi il profilo dell'utente
2
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Condannare CERTO antifascismo non significa condannare l'antifascismo: attento a non fare confusione.

Vedi il profilo dell'utente
3
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
mi spiace ma le parole hanno un significato, a volte due, ma non è che chiamando una carota: "mela" lo diventa, l'antifascismo è la lotta contro il fascismo, una lotta è fatta di sangue e ammazzamenti, se ci sono volgari delinquenti che si sono nascosti sotto le vesti degli antifascisti ce ne sono anche nascosti sotto le vesti dei fascisti, se si parla di delinquenti si parla di delinquenti e non si dica antifascismo, se si parla di fascisti si parla di persone che potevano anche non essere singolarmente dei delinquenti ma che si sono unite sotto una bandiera ed un credo criminale, infatti gli uni (partigiani) hanno dato vita ad una democrazia, per quanto scartolata, i fascisti hanno sostenuto una dittatura... direi che c'è abbastanza materiale per i dovuti distinguo, in realtà questo discorso è OT

ps: solo per completezza di informazione (anche se sicuramente lei sig.ra pazza lo conoscerà di sicuro) il brano del discorso di mussolini in seguito all'omicidio di Matteotti:

« Ma poi, o signori, quali farfalle andiamo a cercare sotto l'arco di Tito? Ebbene, dichiaro qui, al cospetto di questa Assemblea e al cospetto di tutto il popolo italiano, che io assumo, io solo, la responsabilità politica, morale, storica di tutto quanto è avvenuto. Se le frasi più o meno storpiate bastano per impiccare un uomo, fuori il palo e fuori la corda! Se il fascismo non è stato che olio di ricino e manganello, e non invece una passione superba della migliore gioventù italiana, a me la colpa! Se il fascismo è stato un'associazione a delinquere, io sono il capo di questa associazione a delinquere! Se tutte le violenze sono state il risultato di un determinato clima storico, politico e morale, ebbene a me la responsabilità di questo, perché questo clima storico, politico e morale io l'ho creato con una propaganda che va dall'intervento ad oggi. »

(Benito Mussolini, discorso alla Camera, 3 gennaio 1925)

Vedi il profilo dell'utente
4
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:mi spiace ma le parole hanno un significato, a volte due, ma non è che chiamando una carota: "mela" lo diventa, l'antifascismo è la lotta contro il fascismo, una lotta è fatta di sangue e ammazzamenti, se ci sono volgari delinquenti che si sono nascosti sotto le vesti degli antifascisti ce ne sono anche nascosti sotto le vesti dei fascisti, se si parla di delinquenti si parla di delinquenti e non si dica antifascismo, se si parla di fascisti si parla di persone che potevano anche non essere singolarmente dei delinquenti ma che si sono unite sotto una bandiera ed un credo criminale, infatti gli uni (partigiani) hanno dato vita ad una democrazia, per quanto scartolata, i fascisti hanno sostenuto una dittatura... direi che c'è abbastanza materiale per i dovuti distinguo, in realtà questo discorso è OT

Ma anche all'interno del movimento antifascista c'è abbastanza materiale per i dovuti distinguo. Però ha ragione lei: siamo OT.

Vedi il profilo dell'utente
5
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
tornando a bomba sul tema direi che proprio per quello che è la storia di questa data io sono sempre più dell'idea che i sindacati abbia tradito la loro missione ossia la difesa dei lavoro e dei lavoratori, il primo maggio dovrebbe essere la partenza per rifondare questi enti parassiti che non compiono più il loro dovere.

Vedi il profilo dell'utente
6
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Quoto e straquoto. Vedere accostate le parole Sindacato e Bonanni suscita quanto meno perplessità, ma anche sul resto non c'è da stare allegri.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum