Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Cos'è la filosofia?

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Oh che 10 e 10... la filosofia è l'unico tipo di materia che non ti garantisce una qualche abilità dopo aver letto di essa libri e libri... e nemmeno dopo essertici laureato. Uno che fa medicina, dopo che ha finito è medico. Uno che fa filosofia dopo che ha finito può dirsi "un filosofo"? No. Se lo crede è un cretino.
E sai perchè? Perchè la filosofia è di tutti ed è solo di chi si la merita.


Mi cito perchè ripetere due volti la stessa cosa è da rimbambiti.
Ma mi pareva un occasione per parlare di qualcosa, mentre in quella sede sarebbe stato un O.T.


Cosa pensate che sia la filosofia?


Si ringraziano Jester e Lucio Musto per l'ispirazione

Vedi il profilo dell'utente
2
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
[quote="NinfaEco"]
Uno che fa medicina, dopo che ha finito è medico. Uno che fa filosofia dopo che ha finito può dirsi "un filosofo"? No. Se lo crede è un cretino.

Cosa pensate che sia la filosofia?
una cosa utilissima per evitare l'eccedenza di medici, parrebbe
ma in alcuni casi anche il loro strapotere cool

Vedi il profilo dell'utente
3
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
[quote="Magonzo"]
NinfaEco ha scritto:
Uno che fa medicina, dopo che ha finito è medico. Uno che fa filosofia dopo che ha finito può dirsi "un filosofo"? No. Se lo crede è un cretino.

Cosa pensate che sia la filosofia?
una cosa utilissima per evitare l'eccedenza di medici, parrebbe
ma in alcuni casi anche il loro strapotere cool

Perchè? scratch

Vedi il profilo dell'utente
4
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
la filosofia è un punto di vista su ciò che è invisibile e se ti laurei in filosofia di certo verrai a conoscere tanti punti di vista di tanti filosofi
...bene...sai distinguere tra i vari punti di vista qual è sostenuto da retta visione e quale da visione erronea e fantasia?
questa fa la la differenza tra un filosofo e un arrogante

Vedi il profilo dell'utente
5
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaStupore
La filosofia rappresenta l'opinione dei ciechi sui 7 colori dell'iride.

KleanaStupore

Vedi il profilo dell'utente
6
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La Prima Legge della Filosofia dice "Per ogni filosofo ne esiste un altro uguale e contrario". La Seconda Legge della Filosofia dice: "Hanno entrambi torto".

Vedi il profilo dell'utente
7
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La filosofia non esiste, esistono i filosofi ma non mi riferisco soltanto a chi ha studiato.
Ci sono persone che nascono filosofi, poi che studino o meno non è questa la differenza.
Esiste la mente del filosofare o del filosofo.

Vedi il profilo dell'utente
8
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
euvitt ha scritto:la filosofia è un punto di vista su ciò che è invisibile e se ti laurei in filosofia di certo verrai a conoscere tanti punti di vista di tanti filosofi
...bene...sai distinguere tra i vari punti di vista qual è sostenuto da retta visione e quale da visione erronea e fantasia?
questa fa la la differenza tra un filosofo e un arrogante

Anche secondo me la filosofia è un insieme di punti di vista.
Però non credo che il discrimine fra i presuntuosi e i filosofi sia distinguere quelli giusti da quelli sbgliati, perchè non ce n'è di sbagliati. E' un altra caratteristica della filosofia: non essendo nulla dogma o verità oggettiva, niente è vero o falso. Io vedo la differenza tra gli arroganti e i non cretini ( che non significa ancora essere filosofi) nel fatto che i primi si illudono, per il fatto di conoscere questi punti di vista, di possedere qualcosa, come può avvenire per altre discipline o per dei beni materiali, che li rende migliori a prescindere dalla qualità dei loro pensieri.In filosofia non si possiede un bel niente mai. Inoltre gli arroganti credono di avere imparato qualcosa che spiega qualche aspetto della vita. Invece la filosofia non spiega nulla.

P.s.
E' la facoltà con il più alto tasso di arroganti credo... ed è un peccato



hakimsanai43 ha scritto: KleanaStupore
La filosofia rappresenta l'opinione dei ciechi sui 7 colori dell'iride.

KleanaStupore

Stupenda.
Verissima per tutti.
La filosofia è l'inutile lavoro di riflettere su cose a cui non si può arrivare e che forse nemmeno esisyono per il puro piacere di farlo.
E pensa te se quei ciechi sono pure arroganti....


Pazza_di_Acerra ha scritto:La Prima Legge della Filosofia dice "Per ogni filosofo ne esiste un altro uguale e contrario". La Seconda Legge della Filosofia dice: "Hanno entrambi torto".

Se non fosse così il gioco finirebbe subito cool


Top-man ha scritto:La filosofia non esiste, esistono i filosofi ma non mi riferisco soltanto a chi ha studiato.
Ci sono persone che nascono filosofi, poi che studino o meno non è questa la differenza.
Esiste la mente del filosofare o del filosofo.

Condivido.
Però ho anche notato un cosa.
Quel lavoro inutile ma piacevole, se lo riconosci come tale, aiuta la mente a pensare in modo più aperto.
Non so perchè.

Vedi il profilo dell'utente
9
Automaalox
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Per stabilire cos'è la filosofìa dobbiamo per prima cosa analizzarne l'etimologìa.
La parola filosofìa è composta da due termini di origine classica: φιλο + σοφία.
La prima era usata anticamente per indicare un lungo corpo sottile e di sezione cilindrica, la seconda si riferisce alla capitale della Bulgarìa.
Quindi i filosofi, anticamente, erano noti produttori bulgari di spago. Un filosofo era in grado di produrre 10 km/dì di spago, tanto che lo spago divenne la cosa più comune che si potesse trovare in Bulgarìa; causando non pochi problemi (tipo pestilenze, calamità naturali ed epidemie di forfora...a quei tempi - come oggi - le persone avevano difficoltà a porre in relazione due fenomeni distinti secondo un criterio logico). Fu così che con un editto bulgaro lo spago venne bandito e la sua produzione sospesa.

I filosofi quindi divennero ben presto inutili e da allora col termine filosofia si è soliti identificare una qualsiasi attività totalmente superflua.

Vedi il profilo dell'utente
10
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
automaalox ha scritto:Per stabilire cos'è la filosofìa dobbiamo per prima cosa analizzarne l'etimologìa.
La parola filosofìa è composta da due termini di origine classica: φιλο + σοφία.
La prima era usata anticamente per indicare un lungo corpo sottile e di sezione cilindrica, la seconda si riferisce alla capitale della Bulgarìa.
Quindi i filosofi, anticamente, erano noti produttori bulgari di spago. Un filosofo era in grado di produrre 10 km/dì di spago, tanto che lo spago divenne la cosa più comune che si potesse trovare in Bulgarìa; causando non pochi problemi (tipo pestilenze, calamità naturali ed epidemie di forfora...a quei tempi - come oggi - le persone avevano difficoltà a porre in relazione due fenomeni distinti secondo un criterio logico). Fu così che con un editto bulgaro lo spago venne bandito e la sua produzione sospesa.

I filosofi quindi divennero ben presto inutili e da allora col termine filosofia si è soliti identificare una qualsiasi attività totalmente superflua.


Philos = amante.

Sophia = Sapienza.

Ma... la sapienza (Pistis) non è filosofia.

KleanaSaputello

Vedi il profilo dell'utente
11
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
automaalox ha scritto:
Quindi i filosofi, anticamente, erano noti produttori bulgari di spago. Un filosofo era in grado di produrre 10 km/dì di spago, tanto che lo spago divenne la cosa più comune che si potesse trovare in Bulgarìa; causando non pochi problemi (tipo pestilenze, calamità naturali ed epidemie di forfora...a quei tempi - come oggi - le persone avevano difficoltà a porre in relazione due fenomeni distinti secondo un criterio logico). Fu così che con un editto bulgaro lo spago venne bandito e la sua produzione sospesa.




Se lo spago sono le parole non posso che condividere.
Ma non è lo spago il problema ma il suo uso.
In questo caso la fede, che è l'uso più comune che la gente fa dei prodotti del pensiero


hakimsanai43 ha scritto:

Philos = amante.

Sophia = Sapienza.

Ma... la sapienza (Pistis) non è filosofia.

KleanaSaputello

Avrei sempre preferito che consistesse in un amore per l'ignoranza.
Però possiamo perdonare gli antichi.
Tutto il loro sistema di credenze li illudeva che esistesse una verità, che tra le altre cose aveva valore etico ed ontologico.
Li invidio un po'.
E l'evoluzione delle cose mi porta a pensare che il pensiero umano, a meno che non si eserciti con un oggetto concreto ( che so.... il corpo umano...i pianeti....), abbia come inevitabile sviluppo la propria autodistruzione.

Vedi il profilo dell'utente
12
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
NinfaEco ha scritto:


Cosa pensate che sia la filosofia?



La Filosofia e' una dimensione analitica teoretica e contemplativa che ricerca la ragione ultima delle cose. cool

Vedi il profilo dell'utente
13
rebel

Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Filosofia è una domanda.

Chi non ha domande?

Vedi il profilo dell'utente
14
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
rebel ha scritto:Filosofia è una domanda.

Chi non ha domande?
cool
Chi è totalmente sottomesso al Padrone terrestre,a quello Celeste e alla
maggioranza,qualunque essa sia.
E cioè il 99% dell'Umanità.



Vedi il profilo dell'utente
15
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
NinfaEco ha scritto:
Avrei sempre preferito che consistesse in un amore per l'ignoranza.
Però possiamo perdonare gli antichi.
Tutto il loro sistema di credenze li illudeva che esistesse una verità, che tra le altre cose aveva valore etico ed ontologico.
Li invidio un po'.
E l'evoluzione delle cose mi porta a pensare che il pensiero umano, a meno che non si eserciti con un oggetto concreto ( che so.... il corpo umano...i pianeti....), abbia come inevitabile sviluppo la propria autodistruzione.

Gli antichi avevano ragione, pur non essendo riusciti ad individuare quella verità, del resto, li, la filosofia e quindi la logica non poteva da sola bastare.
L'evoluzione del pensiero materialista certamente porterà prima o poi, pochi o molti all'autodistruzione, infatti l'attaccamento alla materia porta inevitabilmente alla morte.

Vedi il profilo dell'utente
16
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
NinfaEco ha scritto:
Oh che 10 e 10... la filosofia è l'unico tipo di materia che non ti garantisce una qualche abilità dopo aver letto di essa libri e libri... e nemmeno dopo essertici laureato. Uno che fa medicina, dopo che ha finito è medico. Uno che fa filosofia dopo che ha finito può dirsi "un filosofo"? No. Se lo crede è un cretino.
E sai perchè? Perchè la filosofia è di tutti ed è solo di chi si la merita.


Veramente la laurea in filosofia, é una laurea in studio della filosofia. l'abilitá che garantisce é la conoscenza della materia.
ecco perché.
anche chi si laurea in lettere, non diventa automaticamente uno scrittore.
chi si laurea in matematica difficilmente risolverá un'equazione di quinto grado, ma sará un conoscitore della matematica.


Vedi il profilo dell'utente
17
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Chi è il filosofo?
Colui che non ha voglia di cercare la verità......dalla quale è terrorizzato.

KleanaStupore

Vedi il profilo dell'utente
18
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
NinfaEco ha scritto:

Cosa pensate che sia la filosofia?

Curiosità e apologia del dubbio metodico.

Pazza_di_Acerra ha scritto:La Prima Legge della Filosofia dice "Per ogni filosofo ne esiste un altro uguale e contrario". La Seconda Legge della Filosofia dice: "Hanno entrambi torto".

E chi lo stabilisce? Di certo non un filosofo.

Top-man ha scritto:La filosofia non esiste, esistono i filosofi ma non mi riferisco soltanto a chi ha studiato.
Ci sono persone che nascono filosofi, poi che studino o meno non è questa la differenza.
Esiste la mente del filosofare o del filosofo.

Esiste una propensione filosofica, un mente curiosa e analitica. Ma per dare forma all'intenzione ci vuole anche un certa abilità, che si affina con l'uso, e con acquisizione di metodi.


La Filosofia e' una dimensione analitica teoretica e contemplativa che ricerca la ragione ultima delle cose. cool

Ogni definizione della filosofia è antifilosofica, perchè il filosofo sa che la verità non esiste. Altrimenti sarebbe un religioso.

Top-man ha scritto:
E l'evoluzione delle cose mi porta a pensare che il pensiero umano, a meno che non si eserciti con un oggetto concreto ( che so.... il corpo umano...i pianeti....), abbia come inevitabile sviluppo la propria autodistruzione.

Ma infatti è filosofo chi ragiona sulla concretezza della vita. Altrimenti farebbe della metafisica, cioè il budda illuminato o il prete.

Gli antichi avevano ragione, pur non essendo riusciti ad individuare quella verità, del resto, li, la filosofia e quindi la logica non poteva da sola bastare.
L'evoluzione del pensiero materialista certamente porterà prima o poi, pochi o molti all'autodistruzione, infatti l'attaccamento alla materia porta inevitabilmente alla morte.

La filosofia vera è materialista. L'idealismo è una religione basato sulla fede, perciò antifilosofica.

hakimsanai43 ha scritto:
Chi è il filosofo?
Colui che non ha voglia di cercare la verità......dalla quale è terrorizzato.

Correggerei con: ..perchè sa che non c'è e si accontenta di trovare spiegazione temporanee e transitorie, che gli rasserenino l'esistenza, e magari lo rendano utile e rasserenare l'esistenza altrui.

In conclusione: Essere filosofo vuol dire osservare la realtà cercando di darle senso, per cui, dopo la rivoluzione scientifica e la rivoluzione tecnologica, essere filosofi vuol dire servire da filo conduttore per riannodare la parcellizzazione del sapere scientifico e tecnologico, ovvero dare visibilità all'alienazione, alla frammentazione, alla parcellizazione dell'uomo contemporaneo.

Il filosofo è l'uomo che vive alla ricerca della sua integrazione in mezzo a persone disgregate. E se può, aiuta qualcuno a ritrovare la propria unità esistenziale.

Da qui anche l'accusa di arroganza da chi questa integrazione non riesce a trovarla e vive nel tormento del quotidiano.

Vedi il profilo dell'utente
19
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Rupa Lauste ha scritto:
NinfaEco ha scritto:
Oh che 10 e 10... la filosofia è l'unico tipo di materia che non ti garantisce una qualche abilità dopo aver letto di essa libri e libri... e nemmeno dopo essertici laureato. Uno che fa medicina, dopo che ha finito è medico. Uno che fa filosofia dopo che ha finito può dirsi "un filosofo"? No. Se lo crede è un cretino.
E sai perchè? Perchè la filosofia è di tutti ed è solo di chi si la merita.


Veramente la laurea in filosofia, é una laurea in studio della filosofia. l'abilitá che garantisce é la conoscenza della materia.
ecco perché.
anche chi si laurea in lettere, non diventa automaticamente uno scrittore.
chi si laurea in matematica difficilmente risolverá un'equazione di quinto grado, ma sará un conoscitore della matematica.



Già

doctor faust ha scritto:
NinfaEco ha scritto:

Cosa pensate che sia la filosofia?

Curiosità e apologia del dubbio metodico.



Non male come definizione.
Sembra quasi una cosa un minimo dignitosa

Vedi il profilo dell'utente
20
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Pazza_di_Acerra ha scritto:La Prima Legge della Filosofia dice "Per ogni filosofo ne esiste un altro uguale e contrario". La Seconda Legge della Filosofia dice: "Hanno entrambi torto".
cool
Sì ma: fra due litiganti il terzo gode.
Ma nessuno crede nella sua esistenza.

gattina

Vedi il profilo dell'utente
21
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Eppure essa venne all'esistenza per un bisogno. Una necessità.

Prima di tutto per occupare il tempo, in modo da non annoiarsi e avere l'impressione di fare qualcosa di interessante e costruttivo. Il che non è poco ed è già una buona giustificazione.

Poi per lo sviluppo di una critica all'affermazione di uomini dei, che si arrogavano il diritto di pensare per tutti, con la scusa che:- Dio lo ha detto!.-

In pratica la filosofia fonda la disobbedienza civile, l'educazione alla critica costruttiva e la formazione di una coscienza individuale.

Tutte cose che fanno dell'occidente la culla delle idee anti-teocratiche, sia di dei in cielo che in terra, sotto forma di assolutismi.

Inoltre, proprio da queste premesse, emergono la tendenza alla ricerca, alla differenziazione e all'affermazione personale, base di ogni propensione a superare i limiti stabiliti da altri.
Cosa che fa della cultura occidentale non giudaico-cristiana, il mezzo di liberazione di popoli e individui.

Oltre a ciò si aggiunga che ogni scienza affonda le radici nella filosofia antica, e che per sua natura è mobile e sfuggente, fluida e frammentata, soggettiva e percio' sempre alla ricerca di un equilibrio stabile e soddisfacente.

Volendo si potrebbe e dire che la filosofia, che è un'idea universale come altre, trova la sua realizzazione nel soggetto esistente e nella sua sofferenza ontologica, legata alla sua vacuità e temporaneità, ricordandoci che dobbiamo morire, per cui e' meglio vivere nel miglior modo possibile.

Non mi pare che sia poca cosa.



Ultima modifica di doctor faust il Gio Ott 18, 2012 9:35 am, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
22
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Faust sei un genio: la filosofia, che è un'idea universale come le altre (tra gli universali non figura la filosofia, e le idee possono essere logos o loghismoi, parlandone al plurale cadi in contraddizione ma ci sei abituato), trova la sua realizzazione (altra contraddizione, la filosofia, per sua stessa costituzione "erotica", può solo tendere ma non giungere a completezza. Rileggiti il ritratto socratico fatto da Alcibiade nel dialogo platonico e la risposta di Diotima a Socrate stesso sulla domanda inerente l'identità del filosofo) nel soggetto esistente e nella sua sofferenza ontologica (bel minestrone tra ontico ed ontologico, e tralasciamo l'indagine sulla presunta esistenza di un soggetto, ti faresti male). Filosoficamente è noto che vivere nel miglior modo possibile è vivere secondo Ragione ( e qui già mi aspetto un altro capitombolo dei tuoi) ma aggiungerei anche secondo grammatica: cos'è la vaquità?...Mitico....

Vedi il profilo dell'utente
23
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Aleister ha scritto:Faust sei un genio: la filosofia, che è un'idea universale come le altre (tra gli universali non figura la filosofia, e le idee possono essere logos o loghismoi, parlandone al plurale cadi in contraddizione ma ci sei abituato), trova la sua realizzazione (altra contraddizione, la filosofia, per sua stessa costituzione "erotica", può solo tendere ma non giungere a completezza.

L'amore per la conoscenza è una forma di amore, per cui rientra negli universali, ma più praticamente nasce dal bisogno istintivo di possedere e controllare il territorio e le creature che ci sono in esso. Sopratutto quelle umane, che sono le piu' pericolose e imprevedibili.
Se viene raffinato, cerca di dare anche un nome agli oggetti e un senso agli atti, invece che subirli e ovviamente, come gia ribatito sopra piu volte, inizia con l' autonomia emotivo-intellettuale e finisce con la morte o la pazzia.

Rileggiti il ritratto socratico fatto da Alcibiade nel dialogo platonico e la risposta di Diotima a Socrate stesso sulla domanda inerente l'identità del filosofo) nel soggetto esistente e nella sua sofferenza ontologica (bel minestrone tra ontico ed ontologico, e tralasciamo l'indagine sulla presunta esistenza di un soggetto, ti faresti male). Filosoficamente è noto che vivere nel miglior modo possibile è vivere secondo Ragione ( e qui già mi aspetto un altro capitombolo dei tuoi) ma aggiungerei anche secondo grammatica: cos'è la vaquità?...Mitico....

Be...alcuni dicevano che il miglior modo di vivere e' secondo Natura, stoici ed epicurei, se non erro. Ma diventa ovvio che la natura umana è spinta ad usare la ragione, bene o male. Per cui mi va bene. Poi saranno i risultati a dire se si è vissuti bene o male.

Ps Correggo il mio errore grammaticale che ti da tanta noia.

Vedi il profilo dell'utente
24
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum