Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Stigmate e segni tra cielo e terra

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La parola stigmate deriva dal greco stìgma cioè marchio, che indicava il segno impresso con ferro rovente su animali o schiavi.
Nella mistica cattolica per stigmate si intende la riproduzione delle piaghe di Cristo.
Per la medicina le stigmate rientrano nel quadro di una manifestazione vistosa, chiamata porpora psicogenica (o sindrome di Gardner e Diamond), che compare in soggetti affetti da personalità isterica. L’isterico, per la sua suggestionabilità, può creare situazioni teatrali, esibizionistiche, volte ad attirare su di sé l’attenzione.

Ma cosa significano le stigmate per un credente?
E' una domanda che ci si può fare sia riguardo a chi le vede, sia riguardo a chi le porta sul suo corpo.
Infatti, se davvero hanno origine soprannaturale sono un messaggio, ma anche se sono l'esito di una malattia lo sono.



Questo messaggio dice come l'idea che esistano tali segni e la loro connotazione incida sull'emotività delle persone. Che siano soprannaturali o psicosomatiche, non sono di certo cose neutre.
A voi che effetto fanno?
Ci credete?
In che rapporto mettete fede e segni?
Perchè il marchio della santità deve essere così legato al dolore?
Esistono cose simile in altre religioni?

Vedi il profilo dell'utente
2
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ma famme 'o piaciiiire...

Vedi il profilo dell'utente
3
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@ReLear ha scritto:La parola stigmate deriva dal greco stìgma cioè marchio, che indicava il segno impresso con ferro rovente su animali o schiavi.
Nella mistica cattolica per stigmate si intende la riproduzione delle piaghe di Cristo.
Per la medicina le stigmate rientrano nel quadro di una manifestazione vistosa, chiamata porpora psicogenica (o sindrome di Gardner e Diamond), che compare in soggetti affetti da personalità isterica. L’isterico, per la sua suggestionabilità, può creare situazioni teatrali, esibizionistiche, volte ad attirare su di sé l’attenzione.

Ma cosa significano le stigmate per un credente?
E' una domanda che ci si può fare sia riguardo a chi le vede, sia riguardo a chi le porta sul suo corpo.
Infatti, se davvero hanno origine soprannaturale sono un messaggio, ma anche se sono l'esito di una malattia lo sono.



Questo messaggio dice come l'idea che esistano tali segni e la loro connotazione incida sull'emotività delle persone. Che siano soprannaturali o psicosomatiche, non sono di certo cose neutre.
A voi che effetto fanno?
Ci credete?
In che rapporto mettete fede e segni?
Perchè il marchio della santità deve essere così legato al dolore?
Esistono cose simile in altre religioni?

Sono quasi sempre degli squilibri provocati da una predominanza spirituale su tutto il resto. Un disequilibrio. Però non tutte.
La fede generalmente intesa, ovvero il credere a quanto dice una chiesa o un dogma potrebbe anche essere in rapporto con tali segni, non sempre però.
La santità è un parametro tutto terreno e sembra che sia basato sulla privazione, dolore e cose del genere, ricollegato al concetto di peccato originale e di salvezza per mezzo della croce.
Qualcosa di simile dovrebbe esistere anche in altre religioni ma non con questa modalità

Vedi il profilo dell'utente
4
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Top-man ha scritto:
@ReLear ha scritto:La parola stigmate deriva dal greco stìgma cioè marchio, che indicava il segno impresso con ferro rovente su animali o schiavi.
Nella mistica cattolica per stigmate si intende la riproduzione delle piaghe di Cristo.
Per la medicina le stigmate rientrano nel quadro di una manifestazione vistosa, chiamata porpora psicogenica (o sindrome di Gardner e Diamond), che compare in soggetti affetti da personalità isterica. L’isterico, per la sua suggestionabilità, può creare situazioni teatrali, esibizionistiche, volte ad attirare su di sé l’attenzione.

Ma cosa significano le stigmate per un credente?
E' una domanda che ci si può fare sia riguardo a chi le vede, sia riguardo a chi le porta sul suo corpo.
Infatti, se davvero hanno origine soprannaturale sono un messaggio, ma anche se sono l'esito di una malattia lo sono.



Questo messaggio dice come l'idea che esistano tali segni e la loro connotazione incida sull'emotività delle persone. Che siano soprannaturali o psicosomatiche, non sono di certo cose neutre.
A voi che effetto fanno?
Ci credete?
In che rapporto mettete fede e segni?
Perchè il marchio della santità deve essere così legato al dolore?
Esistono cose simile in altre religioni?

Sono quasi sempre degli squilibri provocati da una predominanza spirituale su tutto il resto. Un disequilibrio. Però non tutte.
La fede generalmente intesa, ovvero il credere a quanto dice una chiesa o un dogma potrebbe anche essere in rapporto con tali segni, non sempre però.
La santità è un parametro tutto terreno e sembra che sia basato sulla privazione, dolore e cose del genere, ricollegato al concetto di peccato originale e di salvezza per mezzo della croce.
Qualcosa di simile dovrebbe esistere anche in altre religioni ma non con questa modalità
scratch
Padre Agostino Gemelli si era recato da Padre Pio per spiegargli come,secondo
la medicina psicosomatica,è possibile che compaiano le stimmate in seguito auna ossessiva meditazione sulle piaghe di Cristo.
E quell'intelligentone di Padre Pio ha risposto:" Ah è così ? Allora lei
perchè non si mette a meditare sulle vacche così da farsi crescere le corna?"

Chi aveva ragione?
Quell'intelligentone di Padre Pio o il dott.Agostino Gemelli,fondatore
dell'omonimo ospedale?

scratch

Vedi il profilo dell'utente
5
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Se ti rechi all'ospedale omonimo "Gemelli" capirai da solo che gli eredi non sono stati all'altezza, è già tanto se sopravvivi.

Vedi il profilo dell'utente
6
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@hakimsanai43 ha scritto:
@Top-man ha scritto:
@ReLear ha scritto:La parola stigmate deriva dal greco stìgma cioè marchio, che indicava il segno impresso con ferro rovente su animali o schiavi.
Nella mistica cattolica per stigmate si intende la riproduzione delle piaghe di Cristo.
Per la medicina le stigmate rientrano nel quadro di una manifestazione vistosa, chiamata porpora psicogenica (o sindrome di Gardner e Diamond), che compare in soggetti affetti da personalità isterica. L’isterico, per la sua suggestionabilità, può creare situazioni teatrali, esibizionistiche, volte ad attirare su di sé l’attenzione.

Ma cosa significano le stigmate per un credente?
E' una domanda che ci si può fare sia riguardo a chi le vede, sia riguardo a chi le porta sul suo corpo.
Infatti, se davvero hanno origine soprannaturale sono un messaggio, ma anche se sono l'esito di una malattia lo sono.



Questo messaggio dice come l'idea che esistano tali segni e la loro connotazione incida sull'emotività delle persone. Che siano soprannaturali o psicosomatiche, non sono di certo cose neutre.
A voi che effetto fanno?
Ci credete?
In che rapporto mettete fede e segni?
Perchè il marchio della santità deve essere così legato al dolore?
Esistono cose simile in altre religioni?

Sono quasi sempre degli squilibri provocati da una predominanza spirituale su tutto il resto. Un disequilibrio. Però non tutte.
La fede generalmente intesa, ovvero il credere a quanto dice una chiesa o un dogma potrebbe anche essere in rapporto con tali segni, non sempre però.
La santità è un parametro tutto terreno e sembra che sia basato sulla privazione, dolore e cose del genere, ricollegato al concetto di peccato originale e di salvezza per mezzo della croce.
Qualcosa di simile dovrebbe esistere anche in altre religioni ma non con questa modalità
scratch
Padre Agostino Gemelli si era recato da Padre Pio per spiegargli come,secondo
la medicina psicosomatica,è possibile che compaiano le stimmate in seguito auna ossessiva meditazione sulle piaghe di Cristo.
E quell'intelligentone di Padre Pio ha risposto:" Ah è così ? Allora lei
perchè non si mette a meditare sulle vacche così da farsi crescere le corna?"

Chi aveva ragione?
Quell'intelligentone di Padre Pio o il dott.Agostino Gemelli,fondatore
dell'omonimo ospedale?

scratch

Padre Pio era mooolto intelligente. Per farsi venire le stimmate non perdeva tempo a meditare: usava la tintura di iodio.

Vedi il profilo dell'utente
7
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
sì esistono...il Buddha ha tutta una seie di segni
il motivo? non lo so ma vi dico il mio
stanno a testimoniare che tra noumeno e manifestazione c'è un legame

Vedi il profilo dell'utente
8
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Semplicemente senza chiamare in ballo tante cose,la mente crea quella realtà in cui crede.

Vedi il profilo dell'utente
9
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Pazza_di_Acerra ha scritto:
@hakimsanai43 ha scritto:
@Top-man ha scritto:
@ReLear ha scritto:La parola stigmate deriva dal greco stìgma cioè marchio, che indicava il segno impresso con ferro rovente su animali o schiavi.
Nella mistica cattolica per stigmate si intende la riproduzione delle piaghe di Cristo.
Per la medicina le stigmate rientrano nel quadro di una manifestazione vistosa, chiamata porpora psicogenica (o sindrome di Gardner e Diamond), che compare in soggetti affetti da personalità isterica. L’isterico, per la sua suggestionabilità, può creare situazioni teatrali, esibizionistiche, volte ad attirare su di sé l’attenzione.

Ma cosa significano le stigmate per un credente?
E' una domanda che ci si può fare sia riguardo a chi le vede, sia riguardo a chi le porta sul suo corpo.
Infatti, se davvero hanno origine soprannaturale sono un messaggio, ma anche se sono l'esito di una malattia lo sono.



Questo messaggio dice come l'idea che esistano tali segni e la loro connotazione incida sull'emotività delle persone. Che siano soprannaturali o psicosomatiche, non sono di certo cose neutre.
A voi che effetto fanno?
Ci credete?
In che rapporto mettete fede e segni?
Perchè il marchio della santità deve essere così legato al dolore?
Esistono cose simile in altre religioni?

Sono quasi sempre degli squilibri provocati da una predominanza spirituale su tutto il resto. Un disequilibrio. Però non tutte.
La fede generalmente intesa, ovvero il credere a quanto dice una chiesa o un dogma potrebbe anche essere in rapporto con tali segni, non sempre però.
La santità è un parametro tutto terreno e sembra che sia basato sulla privazione, dolore e cose del genere, ricollegato al concetto di peccato originale e di salvezza per mezzo della croce.
Qualcosa di simile dovrebbe esistere anche in altre religioni ma non con questa modalità
scratch
Padre Agostino Gemelli si era recato da Padre Pio per spiegargli come,secondo
la medicina psicosomatica,è possibile che compaiano le stimmate in seguito auna ossessiva meditazione sulle piaghe di Cristo.
E quell'intelligentone di Padre Pio ha risposto:" Ah è così ? Allora lei
perchè non si mette a meditare sulle vacche così da farsi crescere le corna?"

Chi aveva ragione?
Quell'intelligentone di Padre Pio o il dott.Agostino Gemelli,fondatore
dell'omonimo ospedale?

scratch

Padre Pio era mooolto intelligente. Per farsi venire le stimmate non perdeva tempo a meditare: usava la tintura di iodio.
cool
Sì ma attenta a non fare il solito errore: gettare via l'acqua sporca con dentro il bambino perchè si dimostra che la meditazione sull'organo ammalato
fa sparire la malattìa.

Se hai pazienza di leggere tutto,clicca: "BRUCE LIPTON VIDEO"

commosso

Vedi il profilo dell'utente
10
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Io ho una bellissima lettura da consigliare su questo argomento:

Chiara Frugoni, Francesco e l'invenzione delle stimmate. Una storia per parole e immagini fino a Bonaventura e Giotto (1993)


Francesco d'Assisi fu il primo stimmatizzato della storia, ossia il primo per il quale si parlò di stimmate prodotte da un intervento soprannaturale: i casi precedenti, condannati dalla Chiesa, riguardavano persone che si erano inflitte o fatte infliggere le ferite di Gesù.


Vedi il profilo dell'utente
11
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@ReLear ha scritto:
Perchè il marchio della santità deve essere così legato al dolore?

è un'evoluzione storica, che si coglie molto bene nell'iconografia.
Furono proprio gli ordini mendicanti a diffondere nella cristianità la devozione
per l'umanità sofferente di Cristo, che era invece estranea alla spiritualità alto-medievale.

Vedi il profilo dell'utente
12
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@cenere79 ha scritto:Io ho una bellissima lettura da consigliare su questo argomento:

Chiara Frugoni, Francesco e l'invenzione delle stimmate. Una storia per parole e immagini fino a Bonaventura e Giotto (1993)


Francesco d'Assisi fu il primo stimmatizzato della storia, ossia il primo per il quale si parlò di stimmate prodotte da un intervento soprannaturale: i casi precedenti, condannati dalla Chiesa, riguardavano persone che si erano inflitte o fatte infliggere le ferite di Gesù.


cool
Nel XIV secolo,al Capitolo di Parigi,il Papa ha dato ordine di bruciare
tutti gli scritti che parlavano di S.Francesco e pertanto di lui oggi
non possiamo sapere nulla.Perchè è successo questo?
Secondo me dal momento che Francesco era molto popolare,il Papa non ha potuto condannarlo al rogo e così ha condannato solamente gli scritti che lo
riguardavano.
cool

Vedi il profilo dell'utente
13
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@cenere79 ha scritto:Io ho una bellissima lettura da consigliare su questo argomento:

Chiara Frugoni, Francesco e l'invenzione delle stimmate. Una storia per parole e immagini fino a Bonaventura e Giotto (1993)


Francesco d'Assisi fu il primo stimmatizzato della storia, ossia il primo per il quale si parlò di stimmate prodotte da un intervento soprannaturale: i casi precedenti, condannati dalla Chiesa, riguardavano persone che si erano inflitte o fatte infliggere le ferite di Gesù.



Certo, ma come si potrebbe parlare di evento soprannatuarale, o meglio chi avrebbe tale autorità? La Chiesa forse? Davvero comico

Vedi il profilo dell'utente
14
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@hakimsanai43 ha scritto:
Secondo me dal momento che Francesco era molto popolare,il Papa non ha potuto condannarlo al rogo e così ha condannato solamente gli scritti che lo
riguardavano.
cool


Di sicuro la Chiesa cattolica ha sottoposto la figura e l'opera di Francesco d'Assisi a un processo di "normalizzazione" per eliminare la parte più potenzialmente eversiva del messaggio francescano. Di fronte però alle strumentalizzazione di segno opposto della sua figura (Francesco dipinto come un rivoluzionario!), è il caso di ricordare che egli si mantenne sempre dentro i confini dell'ortodossia e affermò la necessità della più completa obbedienza alla Chiesa cattolica. L'unico gesto con il quale forse manifestò il suo disagio per l'evoluzione dell'Ordine fu la rinuncia al governo di quest'ultimo, nel 1220, e la nomina, al proprio posto, dell'amico Pietro Cattani.


P.S. Il capitolo di Parigi, durante il quale si decise di bruciare le Vite di Francesco per imporre quella di S. Bonaventura, che doveva essere la versione "ufficiale", è del 1266.

Vedi il profilo dell'utente
15
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
imbarazzo
Per capire chi era veramente S.Francesco, a me basta questo raro documento storico
dove si dice che:

"Il Padre Francesco usava viaggiare in groppa al suo asino strofinando a mò di violino due stecchi e cantando in lingua provenzale ma con moltissimi errori.
Un giorno un contadino gli disse:

"Padre Francesco,tu sai che noi crediamo in te vero?
Allora smettila per favore e fai un pò il serio!"

rotolarsi dal ridere

Vedi il profilo dell'utente
16
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Con queste "scemenze" potresti scriverci un libro, almeno alzeresti qualche euro
lascia stare i somari e le cose serie, non sai neppure di cosa stai parlando

Vedi il profilo dell'utente
17
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaStupore
Quella storiella proviene da: S Tommaso da Celano: "Vita di S.Francesco.".
rotolarsi dal ridere

Vedi il profilo dell'utente
18
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
che definire documento storico è quanto meno controverso.

Vedi il profilo dell'utente
19
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@hakimsanai43 ha scritto: KleanaStupore
Quella storiella proviene da: S Tommaso da Celano: "Vita di S.Francesco.".
rotolarsi dal ridere


Qui c'è la vita di Francesco secondo Tommaso da Celano:
http://www.francescani.marche.it/ofs/Preghiere/Fonti/VitaPrima.htm
Dimmi il punto in cui si troverebbe.

Vedi il profilo dell'utente
20
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum