Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Le 5 più grandi paranoie dell'umanità

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
galadriel
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

Visualizza il profilo
2
Automaalox
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Grazie per la dedica.

Però questa classifica fa rècere. Il Mostro di Loch Ness? L'Area 51? Che paranoie sarebbero??? Al limite sono credenze popolari, roba da believer. La paranoia complottista ha origini diverse e si basa SEMPRE su l'unico grande dogma: da qualche parte un qualche gruppo di persone forma una qualche organizzazione con fondi illimitati, mezzi fantascientifici e omertà assoluta per ordire macchinazioni che hanno l'unico scopo di danneggiare la popolazione inerme e ignara. Perché? Perché sono persone cattive.

Al posto del Mostro di Loch Ness e dell' Area 51 ci avrei messo i Massoni o Big Pharma, molto più coerenti col senso della classifica.

Visualizza il profilo
3
^Sick_Boy
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
É già qualche tempo che mi diletto con l'idea di aprire un thread per dimostrare ad automaalox come il complottismo -quello cui fa riferimento lui solitamente, non quello del mostro di Loch Ness- sia, in realtà, un processo del tutto scientifico.

Purtroppo, fino ad ora, mi sono sempre ritrovato ad avere cose più importanti da fare (ad esempio, contarmi le dita dei piedi), tuttavia vedo che questa simpatica classifica è stata l'occasione per una ulteriore precisazione, da parte sua, di cosa intenda quando parla di "complottismo", offrendo lo spunto per un'interessante riflessione sul complottismo in generale. La definizione del buon AM è questa

@automaalox ha scritto:La paranoia complottista ha origini diverse e si basa SEMPRE su l'unico grande dogma: da qualche parte un qualche gruppo di persone forma una qualche organizzazione con fondi illimitati, mezzi fantascientifici e omertà assoluta per ordire macchinazioni che hanno l'unico scopo di danneggiare la popolazione inerme e ignara. Perché? Perché sono persone cattive.

Ora, sostituendo a "mezzi fantascientifici" la più credibile definizione di "tecnologicamente avanzati", quella di automaalox è una fotografia quasi perfetta della realtà delle cose.

Il quasi dipende, in sostanza, da due errori. Il primo è nella risposta "Perché sono persone cattive", il secondo nel fatto che, per come è formulata la frase, da l'impressione che ci si dia per scontato un secondo fine, una sorta di "ambizione a dominare il mondo", dietro a queste "riunioni segrete" di "oscure organizzazioni"

In realtà, non ci sono "Uomini Malvagi che Vogliono Dominare il Mondo". Quello che c'è è un sistema economico, politico e sociale che, una volta spogliato di tutti gli orpelli, funziona, si regge ed ha al centro una cosa sola e molto semplice: il denaro. Per l'esattezza, l'aumento del capitale (personale, societario, aziendale, di gruppo).

Alle cosìddette "Big Pharma", alle compagnie petrolifere, agli organisimi finanziari sovranazionali (FMI/Banca Mondiale/WTO) o ai grandi gruppi finanziari (Carlyle, Bildeberg ecc.) o ai governi dei singoli Stati (meglio, alle persone che amministrano tutte queste realtà) non gliene può fregare di meno, di "ciò che fanno". Che si produrre farmaci o estrarre petrolio, che sia gestire operazioni finanziare di portata mondiale o governare popolazioni, il fine ultimo è sempre lo stesso: fare più soldi (per loro medesimi).

Capito questo semplicissimo concetto, non c'è bisogno di immaginare nessun "gruppo segreto" che opera dietro le quinte. In un certo senso è "fisica meccanica": tanto è ovvio che se lascio la presa sull'accendino quello cade a terra, tanto è inevitabile che -in ambito economico, politico e sociale- entità (più o meno omogenee/eterogenee tra di loro, a seconda dei casi) che hanno interessi comuni si attivino di concerto per quegli interessi difendere.

Non c'è nulla di strano o di incomprensibile: ci siamo evoluti facendo questa cosa qui. Non c'è, di fatto, nessuna differenza tra i due villaggi vicini che si odiano profondamente ma che uniscono le forze quando un'alluvione minaccia di devastare le terre circostanti e le industrie farmaceutiche che "fanno quadrato" quando qualcosa (che sia una proposta di legge, un'inchiesta giornalistica o una ricerca innovativa sulle proprietà di una pianta) rischia di danneggiarle tutte.

Questo è in linea generale. É chiaro che poi, nella maggior parte dei casi in cui si analizzino i singoli episodi (ad esempio, l'11 settembre) ci lancia, in gran parte, in speculazioni. Ma ci si lancia in speculazioni su entrambi i "fronti", tanto su quello complottista quanto su quello di chi accetta la "versione ufficiale".

Bush dice che è stato Bin Laden ad organizzare l'attentato. Da qui in poi ci si basa su informazioni che non sono di prima mano, inclusa questa di partenza, ma che sono solo più o meno verificabili. Che gli attentatori siano tutti collegabili ad Al Qaeda, che curiosamente Bush padre faccia parte di un gruppo finanziario (Carlyle) che ha largamente beneficiato della politica guerrafondaia post-11 settembre e di cui facevano parte alcuni membri della famiglia Bin Laden e tutto il resto che è stato detto, sui due fronti, per sostenere le proprie opinioni.

L'unica possibilità per "fare un po' di luce" nel bordello di informazioni contrastanti che inevitabilmente seguono episodi di questo genere, l'unico "rasoio di Occam" applicabile, è la semplicità. In un sistema che si regge, interamente, sul denaro e sul potere che ne deriva, chi ha beneficiato di più dall'evento in questione? Berlusconi è entrato in politica perché era sinceramente preoccupato che il Paese venisse "governato da forze immature" o per pararsi il culo da una sfilza di processi?

Semplicità. Il resto, vedere il mondo popolato in gran parte da "complottisti", da gente che sarebbe sinceramente convinta dell'esistenza di un "Sinistro Sindacato" di Meganoidi Malvagi che Vogliono Dominare il Mondo, be'...quella sì, che è roba da Complottisti.

Visualizza il profilo
4
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaStupore
l'80% dei complottisti sono di centro-sinistra.
L'80% degli anticomplottisti sono di centro-destra.
E 5 milioni di anni fa?
I complottisti votavano per il capo dei Guerrieri,gli anticomplottisti per lo stregone.
E ai tempi di Dante? I complottisti erano tutti ghibellini e gli anticomplottisti Guelfi.
E negli anni 60 del .900? I complottisti erano comunisti,gli anticomplottisti
erano democristiani.

Morale della favola?

scratch

Visualizza il profilo
5
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La morale della favole è che a pranzo lei dovrebbe bere meno.

Visualizza il profilo
6
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
KleanaStupore
Tu sei democristiana(oggi PDL)o comunista(oggi PD)?
Cioè voti per lo stregone (oggi: sua Santità ecc.ecc.") o per il capo guerriero(oggi:presidente del Consiglio)?
E nel caso delle Torri Gemelle?
Se sei democristiana non puoi pensare che Mamma America e Papà Obama siano bugiardi
e pertanto saresti anticomplottista.
scratch

Visualizza il profilo
7
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
purtroppo appena c'è qualcuno che fa un discorso sensato (sick) arriva il solito impiastro (i soliti) che riduce il tutto alle due cazzate che ha in testa, invece la disamina sul fumogeno dei complottisti ed anticomplottisti (di cui auto e hakim fate parte) è puntuale e condivido il fatto che da una parte o dall'altra non ci si spenda per fare chiarezza o informazione, ma solo per portare l'acqua al proprio mulino che non è l'area 51 o la versione ufficiale, ma gettare fumo: state facendo bene il vostro lavoro, spero che siate pagati e non sia tutto volontariato. e sticazzi

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum