Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Spirito, Materia, Energia e Atomi...e poi?

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
FeniceArcana
avatar
Viandante Forestiero
Viandante Forestiero
Secondo moltissimi insegnamenti empirici, l'uomo è energia.
Secondo la moderna scienza, ogni cosa (materiale) esistente nell'universo, è composta dallo stesso "mattoncino elementale".
Neutroni, Positroni ed Elettroni, configurati in diverse aggregazioni, formano tutti i materiali che esistono.
Sappiamo inoltre che esiste un ciclo continuo di riciclo, tanto sul nostro pianeta quanto [possiamo ipotizzare] ovunque nell'universo.
Nasce la piantina, se la mangia la mucchina, arriva il pastore e si divora la mucca. muore il pastore e il suo corpo viene assimilato dal terreno e produce piante...e si ricomincia...un riciclo costante e continuativo di materia organica e non. Eppure alla base, tutto è composto da quei 3 minuscoli corpuscoli dell'atomo che, a seconda dell'aggregazione delle sue singole parti, diviene ferro, carbonio o qualsiasi altro elemento.
Onde elettromagnetiche ed energia, secondo lo stesso concetto, sono sempre quindi un elemento "materiale" per quanto intangibile, come l'aria e i gas.
L'universo è regolato da leggi perfette, come fosse un gigantesco orologio, e la sua complessità non meraviglia quanto la semplicità della sua stessa composizione basilare.
Come in alto, così in basso.
Come non immaginare la semplice relazione tra elettroni che girano attorno al proprio nucleo, e i corpi celesti che ruotano attorno ai propri soli o assi galattici?
Che cos'è, allora, lo spirito?

Quando giriamo la chiave nel quadro della nostra auto, la mettiamo in moto. Quando mangiamo, diamo carburante al fisico. E quando pensiamo, onde elettriche partono dal nostro cervello e raggiungono attraverso i nervi, la zona che abbiamo deciso di muovere. Ma questi sono tutti processi meccanici, fisici, e ben conosciuti.

Dov'è, invece, che si nasconde la "forza pensante" che spinge il nostro corpo a muoversi e a fare o pensare? Sappiamo che il nostro cervello è uno strumento eccezionale, eppure non riesco a concepire la "mente" come un qualcosa che risieda all'interno del cervello fisico. La coscienza di "sè", è un qualcosa che non riesco a spiegarmi con molecole o atomi.

Se dal big bang iniziale, emanò tutto ciò che esiste, è persino possibile che lo spirito sia, in una certa misura, una particella di materia che le nostre conoscenze scientifiche non sono ancora in grado di rivelare.
Sappiamo che esiste un campo elettromagnetico che irradia, pur debolissimo, da ogni singola particella di materia, animata e non, persino dall'uomo. I mistici di ogni tempo la chiamarono "aura" mentre gli scienziati la chiamano "campo elettromagnetico".

Se non ci fosse distinzione tra spirito e materia, ma solo diverse gradazioni di materia, tutto sarebbe molto più semplice da spiegare, anche nelle religioni, oltre che nella scienza. Se prendiamo per buona l'idea che l'essere umano sia costituito da un corpo fisico "e" da altri corpi sottili che sembrano "avviluppare" quello fisico come se ne fossero una sagoma invisibile più ampia, ecco che potremmo arrivare alla speculazione che anche quei corpi siano composto "non di già" da "spirito", ma da una materia talmente rarefatta e diversa da quella che conosciamo, che per comodità la si continua a definire spirito, ma di fatto è solo un diverso stato della materia.
non solido, non gel, non liquido, non gas, non plasma...ma qualcosa di ancora più rarefatto, pur composto sempre da quei medesimi mattoncini elementali dell'atomo...

Voi cosa ne pensate? E' chiaro che si va per speculazione empirica, ma mi piacerebbe comunque sentire le vostre teorie ^^

Vedi il profilo dell'utente
2
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
cool
Dalle sedi della Rai,Mediaset tv private ecc,partono delle onde elettromagnetiche
invisibili che si irradiano nello spazio.Ma,appena incontrano una antenna televisiva e un televisore adatto,trasformano quelle onde in immagini visibili :
Il Grande Fratello,l'Isola dei famosi,Telegiornale,Meteo ecc.

E la stessa identica cosa esiste fra le onde cosmiche e il cervello umano :le onde cosmiche invisibili, attraversano tutto l'universo e se trovano un cervello libero,
cioè un cervello che non sta pensando al sesso,ai debiti,alla salute,alle salsicce e alla birra,se incontrano cioè un cervello libero e non pensante,si trasformano in immagini di cose che NON ESISTONO nel mondo visibile.
E in queste immagini c'è la suprema Saggezza e la scienza infusa.

scratch

Vedi il profilo dell'utente
3
^Sick_Boy
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@FeniceArcana: quella di cui parli qui

@FeniceArcana ha scritto:Dov'è, invece, che si nasconde la "forza pensante" che spinge il nostro corpo a muoversi e a fare o pensare? Sappiamo che il nostro cervello è uno strumento eccezionale, eppure non riesco a concepire la "mente" come un qualcosa che risieda all'interno del cervello fisico. La coscienza di "sè", è un qualcosa che non riesco a spiegarmi con molecole o atomi.

e a cui ti riferisci in termini di "coscienza di sè", è percezione. Percepiamo noi stessi, di conseguenza abbiamo coscienza di noi medesimi.

Ora, nel mondo che consideriamo "reale", sappiamo che questa percezione di noi può essere modificata, alterata o annientata a seconda che certe aree del cervello vengano stimolate o danneggiate. É tutto lì dentro: ciò che, di volta in volta, viene chiamato spirito, anima, psiche, coscienza di sè, è un prodotto di quei processi chimici e bioelettrici, ovvero di quell'interazione tra atomi, ovvero di quelle configurazioni di neutroni, positroni, elettroni.

Detto questo, rimane una questione, che a che fare tanto con la visione "freddamente scientifica" che con quella spirituale di tutta la dannata faccenda (non solo dell'uomo, quindi, ma di dio, l'universo, le onde cosmiche di cui parla hakim -e sulle quali tornerò più tardi-, di tutto insomma).

La questione è la seguente: mi percepisco, dunque ho coscienza di me. Penso, dunque esisto, il buon vecchio cogito ergo sum. Fine.
Il problema sta in quell'ultima parola: fine. Perchè, a parte dire "penso dunque sono", non abbiamo in mano nient'altro. Sappiamo che esiste il nostro pensiero e dunque sappiamo che esiste la nostra mente, sappiamo di esistere. Tutto il resto, ciò che tocchiamo, mangiamo, annusiamo, ascoltiamo e vediamo, tutto ciò che proviamo in senso emotivo o sentiamo in senso spirituale, è tutta percezione e, dunque, è completamente un prodotto della nostra mente.

Non possiamo dimostrare a noi stessi l'esistenza di dio, del paradiso, degli angeli, delle onde cosmiche o di Babbo Natale più di quanto possiamo dimostrarci che la tastiera su cui scriviamo, il tavolo su cui mangiamo ed il cibo che inghiottiamo siano reali.

L'unica cosa di cui possiamo essere certi è che TUTTO quello che possiamo percepire, immaginare, sentire, tutte le situazioni e le reazioni, tutti gli atomi, tutte le divintà, le anime, le onde cosmiche di questo mondo, sono in un certo senso già dentro di noi. É tutta roba prodotta da noi.
Questa è l'UNICA certezza.

Poi, cosa farne di questa certezza lo decide ciascuno a modo suo. La maggior parte delle persone sceglie di ignorarla e di darsi un numero di altre spiegazioni fantasiose circa l'esistenza.


[EDIT]Dimenticavo...
@hakim: quante bustine ci vogliono, per fare un'infuso di scienza? E che dolcificante dovrei metterci, l'aspartame, il miele d'acero, lo zucchero di canna o, direttamente, le canne senza zucchero?

Vedi il profilo dell'utente
4
Finalitario
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@FeniceArcana ha scritto:
Voi cosa ne pensate? E' chiaro che si va per speculazione empirica, ma mi piacerebbe comunque sentire le vostre teorie ^^

Sostanzialmente ci dovremmo chiedere cosa è che fa la differenza tra gli animali e gli uomini e le donne. Ecco, la parte che differisce è certamente di altra natura. Ora se questa parte fosse della stessa sostanza della materia non si capirebbe perché gli animali non ne siano provvisti.
In effetti le parti materiali più "sottili" come la mente e la coscienza le abbiamo in comune con gli animali, anzi sembra che gli animali siano in questo a noi superiori, dotati di una mente collettiva, che gli umani chiamerebbero "istinto", un istinto che guarda caso è molto più preciso della mente umana......

Vedi il profilo dell'utente
5
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Tutto è energia, questo è chiaro ma ci sono energie e energie.
Il corpo, la mente e la coscienza sono energie finite, quindi prima o poi tutto finirà, hanno un tempo per svilupparsi ma di solito servono come contenitore di memoria per altre energie, quelle infinite o sistemi spirituali.

Vedi il profilo dell'utente
6
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Finalitario ha scritto:
@FeniceArcana ha scritto:
Voi cosa ne pensate? E' chiaro che si va per speculazione empirica, ma mi piacerebbe comunque sentire le vostre teorie ^^

Sostanzialmente ci dovremmo chiedere cosa è che fa la differenza tra gli animali e gli uomini e le donne. Ecco, la parte che differisce è certamente di altra natura. Ora se questa parte fosse della stessa sostanza della materia non si capirebbe perché gli animali non ne siano provvisti.
In effetti le parti materiali più "sottili" come la mente e la coscienza le abbiamo in comune con gli animali, anzi sembra che gli animali siano in questo a noi superiori, dotati di una mente collettiva, che gli umani chiamerebbero "istinto", un istinto che guarda caso è molto più preciso della mente umana......
cool
Allo zoo di Berlino,il gorilla Max ha imparato a scrivere a macchina
con simboli al posto delle lettere,già 20 anni fa.
Il giorno prima del suo compleanno la scienziata che lo alleva gli ha
chiesto cosa desidera per il suo compleanno e Max ha detto che desidera
un gatto rosso.
Ultima cosa:nessun essere umano è stato in grado di superare in velocità
il nostro Max davanti a una macchina distributrice di banane ma solo
se viene digitata una speciale password.
scratch

Vedi il profilo dell'utente
7
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Max, (6 marzo 1971-5 maggio 2004) è stato un Gorilla di pianura occidentale presso la Zoo di Johannesburg , che è diventato famoso nel 1997 dopo essere stato colpito e ferito da Isaac Mofokeng , un criminale che entrò nel suo recinto allo zoo durante il tentativo di eludere la polizia.

Max è nato il 6 marzo 1971 , in Germania, il famoso Zoo di Francoforte ed è morto 5 maggio 2004 , alla zoo di Johannesburg .

Una statua di bronzo di Max è stato eretto nei pressi del recinto gorilla nello zoo.

Makoko, un gorilla da Zoo Munster in Germania, ha sostituito Max come partner di Lisa.

Vedi il profilo dell'utente
8
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum