Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Archivio Ricette - I Primi ( Pasta, Riso, Zuppe, Focacce e affini) : classici, etnici e Inventati dai Viandanti

Condividere 

Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 3]

1
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Bucatini alla Lucio

Cuocere 500 g. di bucatini al dente e, nel frattempo, tagliare a pezzettini 70 g. di pancetta COPPATA . Mettere in 1 padella 4 cucchiai di olio con il peperoncino e l'aglio; far dorare quest'ultimo poi toglierlo e unire la pancetta, facendola tostare, e aggiungere 6 acciughe sott'olio a pezzetti.
Mescolare e unire un ciuffo di prezzemolo e un rametto di basilico appena tritati, far cuocere qualche minuto e poi condire la pasta con il sugo.


Pazza_di_Acerra

Nov 04, 2011



Ultima modifica di Admin@ il Dom 12 Feb 2012 - 22:04, modificato 1 volta


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
2
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Pasta e ceci della Pazza

Tenete 200 g. ceci a bagno per 12 ore in acqua quindi sgocciolateli.
Metteteli in una casseruola con 2 litri di acqua fredda, cuoceteli per circa 2 ore poi sgocciolatene una parte (circa metà) e frullate i restanti con il loro liquido di cottura.
Radunate tutto nuovamente nella casseruola unite un dado, regolate di sale e cuocete per un'altra ora circa.
Rosolate un cipollotto affettato sottilmente, 1 spicchio di aglio e un peperoncino in un pentolino con 40 g di olio; appena iniziano a prendere colore eliminate l'aglio e il peperoncino e incorporate alla minestra.
Rosolate in una padella uno spicco d'aglio e 40 g. di olio, versate 400 gr. di scampi, scottateli bene, bagnate con 1 dl. di vino bianco di buona qualità e cuocete per circa 2 minuti, poi levate dal fuoco, private gli scampi dei gusci e rimetteteli nel loro condimento.
Aggiungere ai ceci 100 gr. di ditalini rigati e cuocete per circa 10 minuti; tritate finemente il prezzemolo, unitelo agli scampi sgusciati, incorporate gli scampi e il loro fondo di cottura alla minestra e servite.


Pazza_di_Acerra

7 Nov 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
3
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Minestra di Riso all’Indivia

Lavare 600 gr. di indivia e tagliarla a pezzi.
Tritare mezzo etto scarso di pancetta dolce.
Scaldare 3 cucchiai di olio e farvi rosolare la pancetta, unire l'indivia e farla insaporire per 5 minuti.
Versarvi 1 litro di brodo vegetale, salarlo, peparlo e portarlo ad ebollizione.
Buttare nel brodo 200 gr di riso.
A cottura ultimata servire la minestra cosparsa di grana.


Pazza_di_Acerra

19 Nov 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
4
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Risotto al Cavolfiore

Preparare un litro di brodo vegetale e aggiungerci le foglie del cavolfiore. Sbucciare e tritare lo scalogno, e farlo appassire insieme al timo nella metà di un cucchiaio di burro a fuoco medio-basso. Nel mentre dividere il cavolfiore a cimette picoline, della grandezza di una nocciola. Far saltare le cimette in padella con un filo d’olio finché non saranno leggermente dorate. Aggiungere il riso allo scalogno, alzare la fiamma e farlo tostare. Sfumare con il brodo caldo (o con del vino bianco), poi portare il riso a cottura aggiungendo man mano il brodo. In una padella antiaderente far tostare le scaglie di mandorle e tenerle da parte. Quando il riso arriva a cottura, agiungere le cimette di cavolfiore saltate. Spegnere, aggiungere il brie (eliminate le croste e tagliatelo a pezzettini), il parmigiano (o il grana) e il burro rimanente, mescolare bene e lasciar riposare per 5 minuti.Decorare i piatti con le scaglie di mandorla e una generosa macinata di pepe nero.


Jester

20 Nov 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
5
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Pennette alla Papermoon


Sciogliere 30 gr. di burro in una casseruola, unire 3 cucchiai di passato di pomodoro, 2 cucchiaini di Tabasco, 300 gr.di gamberetti scongelati e sgusciati, e cuocere per 5 minuti a fuoco vivo.
Versarvi 1 bicchiere di panna e far addensare, mescolando per 2 minuti.
Cuocere 400 gr. di pennette in abbondante acqua salata, scolarle al dente, condirle con la salsa di gamberetti e servire.


Pazza_di_Acerra

21 Nov 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
6
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Spaghetti Sottili all’Olio Nuovo

Spaghetti sottili a lessare, e mentre stanno già in pentola:
due o tre pomodori rossi ma sodi a pezzi nel mixer con un aglio a pezzetti
un pizzico di sale ed un'ombra di peperoncino rosso secco
Padella antiaderente bianca sul fuoco e dentro il frullato.
Gli spaghetti sono al dente: su dall'acqua con la manina per spaghetti e giù nella padella.
alcune foglie di basilico spezzate a mano... e giù l'olio.
Mantecare al salto per mescolare spaghetti e sugo .
Un minuto e mezzo, quanto basta per riassorbire l'acqua di troppo....


Lucio Musto

9 Nov 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
7
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Orecchiette della Pazza


Ho aperto 200 gr. di vongole mettendole in padella con poco olio, aglio e acqua.

In un altro padellino ho sciolto un etto di stracchino con un po' di latte

Ho cotto le orecchiette e le ho mantecate con la salsa di stracchino.

Ci ho buttato sopra le vongole e del basilico frullato con 50 gr. di burro fresco nonché il brodetto delle vongole


Pazza_di_Acerra

28 Nov 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
8
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Termosifoni sfaticati


In una padella bianca ho affettato a velo, con quell'attrezzino apposito che serve per l'aglio,
Circa 6 centimetri di porro
Uno spicchio d'aglio
Una carota piccola
Un peperone giallo

ho messo al fuoco con l'olio per condire la pasta ed un goccio di verdicchio - coperto.
Dopo un pò mi sembrava troppo giallo ed ho aggiunto un cucciaino di doppio concentrato di pomodoro ed un pizzico di verdurine liofilizzate Moggi (un mezzo dado vegetale va bene uguale)... ed un altro goccio di verdicchio.
Nel frattempo ho messo a lessare la pasta. Mi hanno ispirato i termosifoni, per questo sugo.
Tempo un quarto d'ora ed ancora verdicchio (in tutto ce n'è voluto quasi mezzo bicchiere) ed il sugo era sfatto e pronto.
Manciata di prezzemolo tritato, una saltatina tanto per amalgamare bene e fare il velo cremoso ed in tavola.


Lucio Musto

17 Dic 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
9
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


RISOTTO ALLE MELE


Ingredienti (per 4 persone)

320g di riso
2 mele piccole
30g di burro
1 l. di brodo di carne
1 dl. di vino bianco
1 cipolla
cannella in polvere



Sbucciate le mele e tagliatele a dadini.
Fatele cuocere in pochissima acqua per 5 minuti.
Sbucciate la cipolla e tritatela finemente.
Fate fondere il burro in una casseruola e fatevi
appassire la cipolla a fuoco basso. Alzate quindi
la fiamma e aggiungete il riso facendolo tostare
per 2 minuti, mescolando con un cucchiaio di legno.
Aggiungete quindi il vino e, quando questo sarà evaporato,
fate cuocere il risotto aggiungendo il brodo bollente
(un mestolo alla volta).
Un minuto prima della fine della cottura, insaporite
con un pizzico di cannella e incorporate alla preparazione
le mele con la loro acqua. Mescolare bene.
Servire ben caldo.


cenere79

Ago 25, 2011




_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
10
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Risotto al Melograno


Ingredienti per 2 persone:
- 180 gr. di riso
- 1 melograno non troppo dolce
- 1/2 cipolla
- brodo vegetale (o di dado)
- sale


Fate scaldare un po’ di olio in una padella quindi aggiungete la cipolla a pezzetti. Fatela rosolare nell’olio aggiungendo, se necessario, un filo di acqua per farla appassire senza bruciare.Aggiungete quindi il riso.Quando il riso è tostato aggiungete un po’ di brodo vegetale. Proseguite la cottura aggiungendo il brodo via via che si ritira. Nel frattempo aprite il melograno. Mettete da parte un po’ di chicchi per la guarnizione. Spremete il melograno rimanente con uno spremi-agrumi o uno schiaccia-patate. Tenete da parte il succo di melograno. Quando il riso è quasi cotto aggiungete il succo di melograno e regolate di sale se necessario. Mescolate bene per far amalgamare il succo al risotto



ReLear

Gen 09, 2012


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
11
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Torte Salate Liguri


Pasta:

farina
acqua
olio
acqua
sale


Non ponetevi il problema delle quantità.
L'importante è che l'impasto risulti elastico e liscio in una misura sufficienmte da venir agevolmente steso.
Dopo averlo lavorato fino ad ottenere questo risultato, dovrete infatti tirarlo fine fine con un mattarello.
Deve essere sottile come una lasagna, per intenderci.
Con questo imparto fodererete la teglia e poi coprirete il ripieno, arrotolandone insieme le estremita in modo da creare un bel bordo succulento.


Ripieno:
ce ne sono vari.

Per la torta di spinaci ad esempio vi serviranno 250 gr di ricotta e 500gr di spinaci freschi a cui aggiungerete un uovo e del parmigiano.
Gli spinaci vanno fatti saltare in padella con olio e aglio.
Poi si amalgamano al resto in una bacinella.
Infine si mettono nella tortiera foderata dalla pasta e si ricopre con l'altra pasta.

Per la torta Pasqualina invece vi occorrono 250 gr di ricotta e 500gr di carciofi, sedano carota, cipolla e aglio, parmigiano e 4 uova.
Tagliate il soffritto e con i carciofi a pezzettini piccoli li fate cuocere in padella.
Il tutto poi si mescola come prima e si sistema come prima.
L'unica differenza è che 3 delle 4 uova devono restare intere e in bella vista.


Tutte e due le ricette indicativamente cuociono in forno a 150 gradi per 20 minuti.

Torta di bietole
La pasta è come la solita.
Procuratevi 500 gr di bietole e fatele saltare in olio e aglio.
Disponetele poi sulla teglia foderata dalla pasta.
Ricoprite di 250 gr prescinsua e parmigiano (per gli esilati il sapore lo imitano bene crescenza e yogurt mescolati). Chiudete con la pasta.

Tempo di cottura come sopra.


Torta di riso
Lessate il riso. Mescolatelo a 2 uova, parmigiano, aglio schiacciato, maggiorana, noce moscata, pepe e sale. Mettetelo nella teglia foderata dalla pasta e chiudete.

Cottura come prima.

Torta di zucca 1
Cucete in forno la zucca così non è bagnate e togliete da cotta la buccia, così non diventate deficienti.
Amalgamate 250 gr di zucca a 250 gr di ricotta, parmigiano,aglio schiacciato. pepe, noce moscata, sale e un uovo. Piazzate il tutto nella tortiera foderata dalla pasta e chiudete.

Torta di zucca 2
Fate saltare la zucca con la cipolla dopo averla cotta come sopra.
Al posto della ricotta mettete un po' di patate.
Il resto è uguale.



NinfaEco

30 Mar 2011

1 Aprile 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
12
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Farinata

Acqua 900 ml
Ceci farina 300 gr
Olio di oliva extravergine 1/2 bicchiere
Sale
Pepe

Gli ingredienti della farinata sono pochi e semplici: farina di ceci, olio, sale e acqua.
Mettete in una terrina la farina nella classica forma a fontana e versate al centro, un pò alla volta, l'acqua. Mescolate il tutto per bene facendo attenzione ai grumi, fino ad ottenere un composto liquido e omogeneo, che lascerete riposare, mescolando di tanto in tanto, per 10 ore, coperto con un coperchio e fuori dal frigorifero. Trascorso il tempo necessario, è probabile che si sarà formata della schiuma in superficie: toglietela con un mestolo forato. Aggiungete al composto il sale e mezzo bicchiere di olio; versate il restante olio in una teglia antiaderente coprendone tutto il fondo.Versate dentro la teglia il composto di ceci che farete cuocere in forno preriscaldato a 220° per circa mezz'ora fino a quando la farinata non risulti di un bel colore dorato ; dopo, spegnete il forno e accendete il grill fino a quando la superficie della farinata non risulti di un bel colore nocciola (circa 15 minuti).
Ottima cosparsa di stracchino e/o pesto.


ReLear

9 Gen 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
13
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Taragna Modello Base

Acqua 2 lt
Burro 150 gr
Farina polenta taragna 400 gr
Fontina
Casera
e
Branzi 600 gr
Sale

Mettere in un paiolo di rame l’acqua e portatela ad ebollizione, poi salatela e versatevi la farina a pioggia, mescolando di continuo con un mestolo affinchè non si formino grumi.
Nel frattempo tagliare il burro e il formaggio a pezzetti, poi uniteli alla polenta ormai cotta, abbassando il fuoco al minimo; amalgamare bene gli ingredienti fino al loro completo scioglimento e assorbimento (5-6 minuti).


NinfaEco

11 Gen 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
14
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Variante agli Spaghetti Aglio, Olio e Peperoncino.

La variante consiste nel far soffriggere , insieme all'aglio ed al peperoncino anche
qualche oleva nera snocciolata
una manciata di pinoli (oppure nocciole o noci)
un'acciuga ( o anche della pasta di acciughe)
Quando saltate gli spaghetti aggiungete un paio di cucchiai di acqua di cottura e poi una manciata di pane grattugiato.
Servite al piatto con del prezzemolo tritato finemente.


jonnyamerica

22 Feb 2011




_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
15
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Miglior risotto del 2011 ( Premio Auto conferito e quindi Validissimo)


Si procede come da copione.
Soffrittino con mezza cipolla bianca, aggiunta di una zucchina tagliata fine e poi 80 grammi di riso.
Il vino non c'era quindi ho direttamente aggiunto il brodo di verdura, piano piano per avere un rilascio graduale dell'amido.
Intanto ho aggiunto 4 pomodori secchi ammollati e 10 olive taggiasche.
Infine due capperi, peperoncino, maggiorani e una spolverata quasi impercettibile di curry madras.
Poi ho mantecato con burro e pochissimo parmigiano.


Le dosi sono per una persona.



NinfaEco

Apr 30, 2011




_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
16
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder



Gnocchi di patate al pesto

Si inizia con il mettere a bollire le patate: per quattro persone, ne sono sufficienti 600 gr. La farina deve sempre essere un terzo rispetto alle patate.
Si amalgama alle patate schiacciate quando sono fredde sennò non smettono mai di ingoiare farina e preparate dei sassi, e non dei gnocchi. Si aggiunge al tutto un uovo.
Poi quando la pasta ha raggiunto un aspetto abbastanza compatto, si infarina bene il piano di lavoro e si inizia a stendere dei "salsicciotti" spessi più o meno un centimetro da tagliare in pezzetti il piu' possibile della stessa lunghezza. Con la forchetta o con il dito si schiacciano al centro.

Si lessano il acqua calda. Quando vengono su sono cotti.

Pesto:
basilico, parmigiano, pinoli, aglio e olio tritati insieme.
Più pinoli ci sono, più è buono.
Si allunga con acqua di cottura o prescinsua.

Nell'amalgamarlo ai gnocchi si possono aggiungere fagiolini e patate lessati


NinfaEco

Apr 10, 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
17
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Acqua Cotta

INGREDIENTI (per 4 persone)

100 g di carote
100 g di sedano
100 g di cipolla

(tutto sbucciato e pulito)

100 g di porcini secchi (o 500 di porcini freschi)
2 spicchi di aglio
1 peperoncino
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 litro di acqua
1 sorso di olio di oliva
4 tuorli d'uovo
sale e pepe.
Pane abbrustolito in olio e aglio.

PREPARAZIONE

Sminuzzare carota, cipolla e sedano.
Farli bollire nell'acqua con il peperoncino
e poco sale per mezzora.
Nel frattempo pulire i purcini se sono freschi,
tagliarli a fettine. Se sono secchi, farli rinvenire
in poca acqua fredda per 10 minuti. Quindi strizzarli
e tritarli, insieme a 2 spicchi d'aglio.
Lasciare riposare l'acqua dei funghi secchi e filtrarla
per aggiungerla al brodo vegetale. Saltare i porcini
in padella con poco olio, salare, pepare e finire di cuocere
con mezzo cucchiaio di prezzemolo tritato. A questo punto
aggiungere i porcini al brodo, aggiustare di sale, e versarlo
bollente nelle scodelle, dove si metteranno i tuorli d'uovo,
il rimanente prezzemolo tritato e il pane abbrustolito.


Cenere79

Ott 07, 2011



_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
18
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


La Cianfotta


Prepariamoci prima le altre cose che serviranno, sennò ce le scordiamo o, per andarle a prendere faremo bruciare la cianfotta.

Un pomodoro rosso a palla (io lo spello, ma se non vi da fastidio la pellicina tagliatelo pure così a cubetti microscopici)
Il basilico (si potrebbe anche farne a meno… ma viene una cianfotta di serie B)
L’origano (poco perché è indigesto)
Vino bianco (mezzo bicchiere oltre quello da bere durante la preparazione del piatto)
Un poco di aceto bianco
Sale e peperoncino forte possibilmente verde (quello da pesce) se gradito.

Nota Bene: ulive di Gaeta e capperi non sono indispensabili, ma se piacciono vanno messi insieme ai cubetti di verdura, per far si che scarichino il loro sapore forte nell’amalgama.

Cominciamo la cottura a fuoco bassissimo: aglio e cipolla dovranno ammosciarsi senza imbiondire;
se vi pare troppo difficile, è lecito aggiungere qualche goccia di vino… con parsimonia!
E la padella può restare coperta. Ma per poco.
Ammosciatosi l’aglio e la cipolla, dentro le verdure che abbiamo tagliato a cubetti, capperi ed olive di Gaeta se abbiamo deciso che questa volta ci piacciono ed il peperoncino… intero se si decide di toglierlo dopo un poco, finemente affettato se si decide ci lasciarlo nella pietanza.

E comincia la danza. Perché di questo si tratta. Ogni pochi minuti all’inizio della cottura, poi sempre più spesso i cubetti di verdura vanno fatti saltare nella padella.
Il coperchio non serve più.
Io la spatola di legno la uso solo una volta, quando metto giù i cubetti di verdura, per la prima mescolata… comunque cercate di usarla il meno possibile, perché schiaccia inevitabilmente qualche pezzetto, per delicatamente che sia manovrata.
Facendo saltare spesso la verdura, come si fa nella mantecazione della pasta, il mescolamento avviene perfettamente

Capiterà, più di una volta, che il liquido di cottura si assorba (o evapori) completamente. Riducete il fuoco e, non potendone proprio fare a meno aggiungete un poco di vino… con mano sparagnina mi raccomando! … le verdure calde quello vanno trovando, di ubriacarsi!... e poi si ammosciano…

Il sale io cerco di metterlo verso metà cottura, per evitare troppa fuoriuscita di liquido dalle verdure.
L’obiettivo è che i pezzzetti risultino alquanto rosolati fuori ma morbidi dentro.
Col sale, metto anche il pizzico di origano.

Dopo un poco di pazienza, venti minuti?... press’a poco, comincerete a pensare che la cianfotta sia quasi cotta. Assaggiate. Se praticamente fatta è il momento cruciale.
Si aggiunge il pomodoro tagliato a cubetti ed il basilico tagliuzzato insieme a quel fiore di zucchina che abbiamo conservato e su la fiamma del gas!... il pomodoro dovrebbe amalgamarsi in brevissimo tempo sotto una solerte mantecatura (sempre al salto mi raccomando!...) e siamo pronti per spegnere il fuoco.
Un minuto prima di quest’ultima operazione la spruzzata di aceto e l’ultima ballata!


Lucio Musto

Ott 05, 2011



_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
19
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Zuppa di Zucca

Frullare cipolla rossa(1) porro (1) e aglio (2 spicchi). Farli soffriggere in un cucchiaio di olio ( un'impresa... vi giuro).
Aggiungere zucca frullata (500 gr) e acqua ( a occhio). Aggiungere curry, salvia, rosmarino, basilico, noce moscata e peperoncino. Fare cuocere per 30 minuti e poi aggiungere dell'orzo ( un pugno) e fare cuocere per altri trenta minuti se non è precotto.
Mangiarsela.


Ninfaeco

Ott 09, 2011




_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
20
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Zuppa "quello che avevo in casa"

Frullare cipolla, carota, sedano e aglio e farli soffriggere. Poi aggiungere brodo di verdura e gettarci farro, orzo, miglio, lenticchie normali, lenticchie rosse e piselli ( queste ultime un po dopo). Gettarci anche delle zucchine frullate (4). Aggiungere rosmarino, basilico, peperoncino, curry, curcuma e un po' di gram masala. Cuocere per 30 minuti circa.
Mangiarsela


Ninfaeco

Ott 09, 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
21
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Zuppa di Tbilisi

Tagliate 400 gr. di carne di manzo a dadini, mettetela in una casseruola, copritela con 2 litri d'acqua e fatela cuocere per circa un ora e mezzo piano e a recipiente coperto, schiumando di tanto in tanto.
Poi unite due cipolle sbucciate e affettate al velo, due spicchi d'aglio sbucciati e schiacciati, un peperoncino, otto prugne un po' acerbe, lavate, snocciolate e fatte a pezzettini, un etto di riso e una grossa presa di sale.
Fate bollire per 30 minuti.
Intanto spezzettate 150 gr di pomodori spellati e fateli insaporire in una padella con una noce di burro, poi uniteli alla zuppa 5 minuti prima di toglierla dal fuoco.
Cospargete con il prezzemolo tritato e con un po' di finocchio selvatico e la menta e gnam gnam... (se volete il piatto piccantissimo, mettete due peperomcini invece di uno)


Pazza_di_Acerra

Ott 21, 2011



_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
22
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Caserecce piccanti ai funghi porcini


Fate dorare l’aglio in un tegame con un po’ d’olio. Unite i funghi, dopo averli puliti e tagliati a pezzi. Mescolate per far insaporire ed eliminate l’aglio. Versare il vino bianco e portate avanti la cottura fino a che il vino non evapora.

Nel frattempo, fate sciogliere il burro in un altro tegame capiente e rosolatevi la pancetta. Unite il peperoncino calabrese tagliato a pezzetti, i pomodori pelati, il basilico spezzato grossolanamente. Mescolate e fate cuocere per 10 minuti, aggiungendo un pizzico di sale. Trascorso questo tempo, unite i funghi e fate cuocere per altri 10 minuti.

Lessate la pasta, scolatela al dente e versatela nel tegame col condimento. Fate mantecare per qualche minuto, cospargendo di prezzemolo tritato e parmigiano.


Jester

Ott 22, 2011



_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
23
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Pasta e ceci


ricetta per 4 persone

350gr ceci (nn precotti)
spicchio di aglio
mezzo cucchiaino di bicarbonato
sale e pepe
prezzemolo (tanto)
2 giri olio di oliva
400 gr pasta mista corta
acqua

Preparazione:
la sera prima, preparate i ceci perchè durante la notte si ammollano nell'acqua, (NN SI DEVE ACCENDERE IL FUOCO) quindi in una pentola di media dimenzioni mettete i ceci versate l'acqua in più della metà della pentola e mettete il bicarbonato, un coperchio e lasciate tranquillamente riposare.
l'indomani noterete che i ceci si sono gonfiati e si sarà assororbita l'acqua, quindi di nuovo aggiungete l´acqua deve esssere più della metà della pentola.... adesso accendete ma lasciate un cucchiaio di legno tra il coperchio e la pentola abbassate la fiamma noterete che fa della schiuma nn vi preoccupate è il bicarbonato, state attenti a non avere la fiamma alta altrimenti esce tutto fuori, quindi lasciate cuocere ogni tanto, girate, dopo un´ora vedrete che la schiuma e andata via alzate la fiamma mettete 2 giri di olio e salate, continuate per un' altra ora. A questo punto mettete lo spicchio di aglio e il prezzemolo, quindi con il cucchiaio di legno schiacciate un pò di ceci ma non tutti e poi versate la pasta. Se l´acqua è evaporata rimettetene altra, attenzione che il risultato non deve essere ne brodoso ne secco ma cremoso quindi aspettate gli 8 min della cottura della pasta mettete nei piatti pepate e servite caldo.


Kleana

Ott 09, 2011


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
24
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Pasta alla BioDeista

Trito una cipolla (se siamo in quattro a tavola, altrimenti fatevi la proporzione da soli) tra pianto e stridor di denti, un etto di speck rigorosamente dei lochi di Bio-deista o paraggi finitimi, e del prezzemolo (a occhio, mica posso dirvi tutto io!). Rosolo la cipolla e lo speck (il prezzemolo no!) in 20 g. di burro, e cuocio 350 gr. di fettuccine o pasta simile. Scolo la pasta, la rovescio nella padella con lo speck, poi sciolgo una bustina di zafferano in 20 cl. di panna e unisco il prezzemolo, faccio una bella rigirata del tutto e faccio saltare a fuoco medio per un minuto.


Pazza_di_Acerra

Set 14, 2010



Ultima modifica di Admin@ il Dom 12 Feb 2012 - 21:51, modificato 1 volta


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
25
Admin@
avatar
Admin Founder
Admin Founder


Zuppa Holodnaja

Cuocio 400 gr. di spinaci tritati, poi li condisco con 1 tazza di panno acida (in mancanza, 1 tazza di panna da cucina + il succo di un limone). Unisco una manciata di foglie di crescione, 1 mazzo di ravanelli, una barbabietola rossa affettata, un cetriolo, una tazza di vino bianco secco, due cucchiai di aceto, e dieci cubetti di ghiacccio. Passo tutto nel frullatore, aggiusto di sale e di pepe e metto in frigorifero per almeno due ore.
E' una zuppa fredda DIVINA, Altro che gazpacho!


Pazza_di_Acerra

Set 17, 2010


_________________
Quanto più già si sa,
tanto più bisogna ancora imparare.
Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere,
o meglio il sapere del non sapere
Vedi il profilo dell'utente
26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 3]

Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum