Libero forum di discussione, attualità e dibattiti, cultura, sentimenti, arte, psicologia, giochi, hobbies e tanto spazio per i tuoi pensieri


bookmark, favorite, folder, star iconLe Iniziative in corso nella Valle dell'Eco forumbookmark, favorite, folder, star icon


I° Video Contest della Valle dell'Eco
Crea tu la Video Presentazione del forum La Valle dell'Eco
Per partecipare clicca Qui


Contest di Poesia "La Paura"
Tema proposto da Biba e Candido, vincitori del Contest di poesia "La Gioia"
Per partecipare cliccate Qui


Nella Valle dell'Eco nasce Fake Collettivo, figlio di un audace esperimento di procreazione virtuale.
Per informazioni cliccate Qui


È in corso il I° Gioco di Ruolo della Valle Dell'Eco
Iniziativa proposta da Diego
Ambientazione: Il Medioevo - Narratore: Zievatron
Per partecipare clicca Qui



Babel's Land opened.
Click here to visit it.
To register, please use the button "Registrati".
"Nome utente" means user name and "parola chiave" means password.


L'idea di Lucio Musto diventa ebook !
Se vuoi contribuire ad illustrarlo posta Qui la tua creazione grafica.

A quanti anni si diventa adulti?

Condividere

A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da blasel il 18.08.10 18:45

Per la legge italiana il diritto al voto e ad ottenere la patente di guida per le auto si consegue al 18à anno di eta'.

Esistono dei divieti per censurare ai minori di 12, 14, 16 anni la lettura e la visione di opere giudicate non idonne.

Ma la cronaca ci riferisce, quotidianamente, di episodi che vedono i giovanissimi comportarsi come adulti e commettere reati anche molto gravi, ma non possono esser giudicati come adulti.

Eclatante, per il risalto dato dalla stampa, il caso della Escort 17enne francese che ha avuto rapporti con due calciatori della nazionale di calcio che assicurano di non aver conosciuto in anticipo l'eta' anagrafica.

Molti anni fa, negli U.S.A. ci fu un caso similare, una porno-star, divenuta in breve tempo famosa (oggi fa la generica nei films 'normali') aveva solo 16 anni quando inizio' la sua carriera, ovviamente falsificando i suoi documenti.

Lolita e' cresciuta molto tempo prima del periodo previsto da Nabokov e cosi i suoi fratellini.

La domanda, provocatoria, ovviamente senza la possibilita' d'una risposta precisa che vi pongo e' :

a quanti anni si dovrebbe diventare adulti?

Silentio
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Silentio il 18.08.10 19:05

Se dovesi rifarmi alla mia persona, dovrei risponderti che quando lo diventerò potrò citare un età.
Se dovessi rifarmi a quel rivenditore di ieri, ti direi che lo è gia da un pò, peccato abbia meno anni di me.

Ovviamente la legge non può creare fasce, data anche l'enorme diversità, ma (entro limiti ovviamete biologici) la realtà è quella che ho esposto sopra.

Alan Turing
Viandante Residente
Viandante Residente

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Alan Turing il 18.08.10 21:27

Ognuno ha i suoi tempi, per tutto e quindi anche per crescere (basta pensare a quante persone non sono mai cresciute).

Penso che i 18 anni siano un'età in cui si è pronti ad affrontare il mondo per quello che è, biologicamente parlando. Ma penso che anche un 14enne può leggere un'opera erotica senza che rimanga traumatizzato :D

Bumble-bee
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Bumble-bee il 18.08.10 21:42

Alan Turing ha scritto:Ma penso che anche un 14enne può leggere un'opera erotica senza che rimanga traumatizzato :D

Quand'ero quattordicenne compravo "blitz" il settimanale erotico per adolescenti. In ogni giornale c'era un poster di un'attrice o soubrette dell'epoca :

Marina Suma, Stefania Sandrelli (era il tempo del film "la Chiave"), Cicciolina, Moana Pozzi, Gloria Guida, Lilly Carati, Barbara Bouchet, Edvige Fenech, Tini Cansino, Paola Senatore, Carmen Russo, ecc. ecc.

Tutte in pose provocatorie e seminude. Ebbene ogni poster veniva appeso nella mia stanza e se ne potevano contare una ventina come minimo.

Fin qui, tutto normale. I miei genitori non mi dissero mai nulla... fino a quando un giorno...

venne un prete con un chirichetto a benedire la casa. Io ero assente perchè a scuola e quel giorno il caso volle che mia madre fosse in casa. Il prete non si limitò a benedire la casa, ma volle benedire ogni singola stanza...

Mia madre non potè fare a meno di farlo entrare anche nella mia.

Ebbene... quando tornai ed andai nella mia stanza... rimasi traumatizzato!

Dove c'erano i miei poster... NULLA! VUOTO! DESERTO!

Ma chi?, ma come?, e soprattutto.... ma chi cacchio? (per dirla alla alex drastico)


Mia madre per l'imbarazzo provato davanti al prete (ed il ragazzino al suo seguito), per rabbia stracciò i miei poster in mille pezzi! testata contro il mu

Mai fare benedire la casa dai preti






Ultima modifica di Bumble-bee il 18.08.10 22:11, modificato 2 volte

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da blasel il 18.08.10 21:55

Il mio 'diventare adulto' puo' esser frainteso con il diventare 'maturo'.

Infatti, non a caso il ciclo di studi si conclude con un esame che viene chiamato di 'maturita' ', sia che esso sia un diploma, da molti chiamato 'finito', sia che esso apra la porta agli studi universitari superiori.

In realta', lo sappiamo benissimo, non c'e' un'eta' definibile per diventare maturi. Conosco casi che anche prima dei 12 anni, la vita, con le sue vicissitudini li ha maturati e conosco persone che anche oltre i 60anni sono ancora immaturi, credo che anche a voi sia capitato d'incontrare queste persone.

Lo sviluppo fisico, nel nostro continente, avviene molto prima di quanto avvenisse mezzo secolo fa. Potrei cominciare col dire che i neonati nascono gia' con i capelli e con gli occhi aperti, tanto per cominciare, ed iniziano a parlare molti mesi prima di quanto accadesse 50 anni or sono.

Prendendo sempre come esempio il 1960, le 'ninfette' avevano intorno ai 16 anni ed il film "La voglia matta" di Luciano Salce, con Ugo Tognazzi e Catherine Spaak ne e' un fulgido esempio (la Spaak sposo' in prime nozze Fabrizio Cappucci che non aveva ancora 18 anni).
Difficilmente le ragazze d'eta' inferiore avevano completato lo sviluppo fisico, cio' che oggi, normalmente, avviene intorno ai 14 anni.

Sarei lieto di leggere i vostri pensieri ed esperienze in proposito.

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da blasel il 18.08.10 21:59

Bumble-bee ha scritto:





Mia madre per l'imbarazzo provato davanti al prete (ed il ragazzino al suo seguito), per rabbia stracciò i miei poster in mille pezzi! testata contro il mu

Mai fare benedire la casa dai preti







Mi e' piaciuto il tuo racconto, ma di piu' mi ha colpito il finale a 'sorpresa'.... ero quasi convinto che fosse stato il prete a strappare i poster (magari per incollarli nella sua di stanza)...


ah, le mamme!

The Royal
Viandante Storico
Viandante Storico

Si',confermo.

Messaggio Da The Royal il 18.08.10 22:13

blasel ha scritto:

conosco persone che anche oltre i 60anni sono ancora immaturi, credo che anche a voi sia capitato d'incontrare queste persone.


Si, Blasel, confermo.

Intanto, sotto la mia finestra, proprio in questo momento c'e' un tizio che sta' parlando a pappagallo senza nemmeno riflettere su quello che dice e senza pensare che ci sono altre finestre aperte.

Vedute limitate.
E non e' un sessantenne, ma nemmeno un bambino.

Sulla questione poi che tu dici, degli ulltrasessantenni, convengo di nuovo.

A me' e' capitato, anni addietro di essere fermato per la strada da un ultrasessantenne appena conoscente, che pretendeva tante spiegazioni sulla mia vita privata.

Poca maturita'.

BeautyfulSuina

Ospite
Ospite

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Ospite il 18.08.10 23:24

Si presume che le esperienze formino la persona, ma "presumere" penso sia proprio il termine adatto, perchè a quaranta o cinquant'anni si può non essere ancora maturi. Tendenzialmente è appunto l'esperienza a formarti, oltre alle persone che hai accanto, quindi a 20anni si può avere un vissuto già molto intenso ed essere anche molto più maturi di un quarantenne che ha sempre vissuto con mamma e papà col piattino pronto ed il bucato fatto senza mai guadagnarsi niente.

The Royal
Viandante Storico
Viandante Storico

Ne conosco uno cosi',ma desso anche lui.......

Messaggio Da The Royal il 18.08.10 23:33

CignoNero ha scritto:

che ha sempre vissuto con mamma e papà col piattino pronto ed il bucato fatto senza mai guadagnarsi niente.


Condivido in pieno, e quel tizio di cui nel titolo, adesso sta incominciando ad essere un'po' meno agevolato, ma ce ne vuole, prima che abbia passato cio' che altri da tempo hanno dovuto sopportare. BeautyfulSuina

Lucio Musto
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Lucio Musto il 19.08.10 8:06

Bumble-bee ha scritto:[quote="Alan Turing"...
...


Mia madre per l'imbarazzo provato davanti al prete (ed il ragazzino al suo seguito), per rabbia stracciò i miei poster in mille pezzi! testata contro il mu

Mai fare benedire la casa dai preti





Beh!... a seguire il tuo discorso si dovrebbe dire "mai far entrare tua madre nella tua stanza!...".
Fu lei infatti (dici) a rimanere imbarazzata.
Magari il prete ed il ragazzino si rammaricarono di tanto ben di Dio sprecato e stracciato

Lucio Musto
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Lucio Musto il 19.08.10 8:24

Ottimo quesito, Blasel, e decisamente provocatorio,
infatti qualsiasi risposta potrebbe essere confutata.
Darò quindi il mio pensiero, assolutamente gratuito.

Secondi me la legge ci vuole, magari da aggiornare periodicamente secondo il variare dell'evoluzione (o involuzione)
delle caratteristiche medie della popolazione. Giustamente tu rilevi un precoce sviluppo fisico dei nostri ragazzi
ovviamente dovuto a migliore alimentazione e stile di vita, ma anche sviluppo psicologico dovuto ai mutati e più
intensi input culturali, all'effetto dei media, della via di relazione eccetera.

Un attento monitoraggio della popolazione giovanile renderebbe "la legge" più credibile ed utile.

Ma la legge è fatta per la massa, e va interpretata. C'è il genio ed il deficiente, il precoce ed il ritardato...
Per cui, con lo spannometro (strumento che misura a spanne), direi che certe azioni, o certe realtà dovrebbero poter modificare
i limiti della legge.
Di quanto e con quali meccanismi di garanzia, sarebbe tutto da studiare, ma è grottesco che un Valentino Rossi debba aspettare diciott'anni
per poter girare per strada con la moto o il dodicenne che stupra o uccide debba essere detto "non imputabile" perché bambino.

E via discorrendo... Ti ricordi quando dalle nostre parti si diceva: " 'A vi' a chella?.... chella fra diecie anni... è bbona pure mo' "

Ecco, cose così, io penso...

Ospite
Ospite

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Ospite il 19.08.10 8:35

Lucio Musto ha scritto: ma è grottesco che un Valentino Rossi debba aspettare diciott'anni
per poter girare per strada con la moto o il dodicenne che stupra o uccide debba essere detto "non imputabile" perché bambino.


Pienamente d'accordo.

herbaemme
Viandante Residente
Viandante Residente

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da herbaemme il 19.08.10 13:23

Bisognerebbe chiedersi cosa vuol dire essere adulto.
La cosiddetta "maggiore età" viene fatta coincidere con il presunto completo sviluppo psico-fisico, che avviene intorno ai 20 anni, più o meno, secondo le teorie classiche. Ma la giurisprudenza ha bisogno di termini esatti. E qui sta il punto, secondo me...

Fino a quando il senso di colpa costituirà la spina dorsale del nostro sistema penale (il quale vuole che si venga imprigionati e che si sia vessati per il male commesso) continueremo a scandalizzarci degli stupratori 14-enni e ad imprecare contro i molestatori 50-enni.

Nessun individuo potrà mai essere considerato adulto se prima non diventa adulta la giurisprudenza.
Stare in prigione a soffrire per quello che si è commesso, è una politica talmente dannosa e inutile da sfidare ogni spiegazione logica.
E le prigioni, per di più, non sono luoghi dove si apprenda a compiere scelte che di fronte alla legge siano differenti da quelle compiute.

Compito della giurisprudenza non dovrebbe essere quello di operare la raccolta differenziata dei criminali (a te do tanto perché sei minorenne, a te un po' di più perché sei un bambagione), ma strutturare dei percorsi di recupero per ogni genere di devianza.
Non lo dice forse, fra l'altro, anche la Costituzione?
Ecco, quando il rispetto della Costituzione verrà garantito, saremo una società adulta nel suo complesso, dove la minore età non sarà un attenuante più di tanto né la maggiore età un aggravante sproporzionata al fatto.

Se ci attenessimo ai fatti, e fossimo meno moralisti, tante complicazioni sarebbero evitate.

Jester
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Jester il 19.08.10 14:45

dipende dal vissuto...Pascoli, rifacendosi ad un mito platonico, diceva : "È dentro noi un fanciullino che non solo ha brividi , ma lagrime ancora e tripudi suoi"....secondo me l'essere umano conserva sempre dentro se', un angolino di immaturità...e io qui non la intendo negativamente, bensi' la considero la capacità di porsi in contatto con il mondo attraverso l'immaginazione e la sensibilità. In tal modo, l'essere umano scopre aspetti nuovi e misteriosi dell'esistenza, che sfuggono ai nostri sensi e alla nostra ragione quando rivestiamo il ruolo di "adulto", preso nella morsa del raziocinio.

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da blasel il 19.08.10 14:56

@ Jester : mi "hai" piaciuto!

Jester
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Jester il 19.08.10 15:10

grassie Signor Blasel, il Giullare é sempre desto per intrattenerVi e cantarVi le mille e mille note di questa fantastica melodia ch'é la Vita party2

Lucio Musto
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Lucio Musto il 19.08.10 16:16

herbaemme ha scritto:...

Compito della giurisprudenza non dovrebbe essere quello di operare la raccolta differenziata dei criminali (a te do tanto perché sei minorenne, a te un po' di più perché sei un bambagione), ma strutturare dei percorsi di recupero per ogni genere di devianza.
....
....

A me piacciono le prese di posizione chiare, ma purtroppo sono duro di comprendonio.
Ti dispiacerebbe farmi capire meglio con un esempio concreto?...

Diciamo: "Se putacaso un giovanotto molto ubriaco ed eccitato dovesse entrarmi in casa, stuprare mia figlia ed ammazzare mio figlio che cerca di difendere la sorella, quale "percorso strutturale di recupero" ritieni sarebbe opportuno che la giurisprudenza prevedesse per lui?...
e se per caso io rientro in quel momento e col coltello del pane taglio le orecchie e i testicoli al giovanotto ubriaco, anche per me ci sarebbe un opportuno percorso di recupero?... e quale, per esempio?

Grazie della delucidazione che vorrai darmi.

herbaemme
Viandante Residente
Viandante Residente

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da herbaemme il 19.08.10 16:46

Lucio Musto ha scritto:
herbaemme ha scritto:...

Compito della giurisprudenza non dovrebbe essere quello di operare la raccolta differenziata dei criminali (a te do tanto perché sei minorenne, a te un po' di più perché sei un bambagione), ma strutturare dei percorsi di recupero per ogni genere di devianza.
....
....

A me piacciono le prese di posizione chiare, ma purtroppo sono duro di comprendonio.
Ti dispiacerebbe farmi capire meglio con un esempio concreto?...

Diciamo: "Se putacaso un giovanotto molto ubriaco ed eccitato dovesse entrarmi in casa, stuprare mia figlia ed ammazzare mio figlio che cerca di difendere la sorella, quale "percorso strutturale di recupero" ritieni sarebbe opportuno che la giurisprudenza prevedesse per lui?...
e se per caso io rientro in quel momento e col coltello del pane taglio le orecchie e i testicoli al giovanotto ubriaco, anche per me ci sarebbe un opportuno percorso di recupero?... e quale, per esempio?

Grazie della delucidazione che vorrai darmi.

Non delucidazioni, solo le mie opinioni.

Nel tuo esempio, ci sono situazioni estreme che non possono essere risolte con la pena, in ogni caso.

Se vogliamo rinchiudere la bestia e gettare via le chiavi, è una soluzione, che pesa comunque sulla società (e sulle coscienze).

Se invece la giurisprudenza volesse prendersi il fastidio di essere meno populista e più realista, potrebbe legiferare in modo proattivo.
Non per punire (che non porta ad alcun risultato) ma per guarire.

Quali siano gli opportuni percorsi di recupero, non ho la competenza per delinearli. C'è gente che dovrebbe farlo per mestiere.

Comunque, penso che i medici non siano gli unici depositari della "salute". Intesa come salute pubblica


Lucio Musto
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Lucio Musto il 19.08.10 21:37

herbaemme ha scritto:Non delucidazioni, solo le mie opinioni.

Nel tuo esempio, ci sono situazioni estreme che non possono essere risolte con la pena, in ogni caso.

Se vogliamo rinchiudere la bestia e gettare via le chiavi, è una soluzione, che pesa comunque sulla società (e sulle coscienze).

Se invece la giurisprudenza volesse prendersi il fastidio di essere meno populista e più realista, potrebbe legiferare in modo proattivo.
Non per punire (che non porta ad alcun risultato) ma per guarire.

Quali siano gli opportuni percorsi di recupero, non ho la competenza per delinearli. C'è gente che dovrebbe farlo per mestiere.

Comunque, penso che i medici non siano gli unici depositari della "salute". Intesa come salute pubblica


Capito, grazie. Questioni di opinioni.

Prima di ricorrere alle cure mediche (mi riferisco all'esempio che io ho fatto ed alla tua risposta) credo mi convenga andare al mercato delle pulci
e comprare di contrabbando due calibro 9.
Così può essere che mio figlio (sempre quello dell'esempio, s'intende!) possa difendersi e non ci rimetta la pelle.
L'altra calibro 9, la darei alla bambina; così ce lo manda direttamente lei, il giovanotto ubriaco dal "depositario della salute" che dici tu.

E... mi permetti?... ti consiglierei di fare altrettanto con i tuoi figli, se li hai, o quando li avrai.
Francamente non credo (scusami l'ardire!) che tu faresti questi stessi discorsi di "giurisprudenza che si prende il fastidio... del meno populista e più realista... modo proattivo" se ti trovassi davvero fra le braccia un figlio morto ed una figlia violentata!

Comunque grazie di nuovo. Come affermazione di principi (teorici) sei stato assolutamente inappuntabile.

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da blasel il 21.08.10 20:50

Zahia, la 17enne che ha coinvolto i calciatori nazionali francesi nello scandalo per aver fatto sesso a pagamento con una escort, si ma minorenne...

Ecco le foto della 'minorenne - maggioratenne'

http://www.corriere.it/gallery/sport/04-2010/zaia/1/zahia-dehar_e500ebc8-4e18-11df-b72f-00144f02aabe.shtml#8









Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Il_Soldatino_di_Stagno il 31.08.10 17:52

Anche mai.

E ci vuole del talento.

Jacques Brel docet.

PorceDi
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da PorceDi il 31.08.10 18:58

blasel ha scritto:Eclatante, per il risalto dato dalla stampa, il caso della Escort 17enne francese che ha avuto rapporti con due calciatori della nazionale di calcio che assicurano di non aver conosciuto in anticipo l'eta' anagrafica.

Molti anni fa, negli U.S.A. ci fu un caso similare, una porno-star, divenuta in breve tempo famosa (oggi fa la generica nei films 'normali') aveva solo 16 anni quando inizio' la sua carriera, ovviamente falsificando i suoi documenti.
Era Traci Lords.
Non so se avesse falsificato i suoi documenti, so però che molto tempo dopo aveva tentato di denunciare qualcuno dei produttori dei suoi film porno per sfruttamento del lavoro minorile.
Intanto la forza di gravità aveva prodotto i suoi effetti, convincendola a darsi una ripulita.

blasel ha scritto:Zahia, la 17enne che ha coinvolto i calciatori nazionali francesi nello scandalo per aver fatto sesso a pagamento con una escort, si ma minorenne...

Ecco le foto della 'minorenne - maggioratenne'

http://www.corriere.it/gallery/sport/04-2010/zaia/1/zahia-dehar_e500ebc8-4e18-11df-b72f-00144f02aabe.shtml#8









Io metterei in gattabuia i suoi genitori, se non altro per averla mandata dal chirurgo estetico.
Già che ci siamo ci metterei anche lei, dopo averle sequestrato il maltolto.
Poi chiederei che sia affidata a un tutore, per manifesta incapacità mentale.

Se sei minorenne non puoi fare la escort.
Se lo fai è tutto a tuo rischio e pericolo, nessuno ti obbliga.
Ma soprattutto tienti i soldi e zitta, sei più che pagata anche per tenere la bocca chiusa, perlomeno fuori dal lavoro.
Sempre ammesso e non concesso che tu abbia qualcosa da dire.

Non è giusto che chi va in cerca di notorietà in questo modo la faccia franca.
A questo punto meglio Marco Ahmetovic, almeno era ubriaco.


Ultima modifica di PorceDi il 31.08.10 18:59, modificato 1 volta (Ragione : ogni tanto perfino io ho qualcosa da aggiungere.)

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da blasel il 31.08.10 20:18

Traci Lords falsifico' la patente di guida quando aveva 16 anni... i suoi films sono di 'cult' in Japan...

Sogno_infranto
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da Sogno_infranto il 02.09.10 3:45

Tralasciando la questione sesso,che non interessa.
Si diventa adulti nel momento in cui ti fai carico di responsabilità e doveri e abbandoni la spensieratezza,la voglia di divertimento,d`avventura. Quando il mondo ti lega nella morsa delle sue catene e diventi uno inquadrato,che pensa solo a come ottimizzare il capitale e mantenersi l'amante allora sei proprio fregato,perchè la tua parte migliore non è più verde e sei solo un volto qualunque tra i tanti in giro.

NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem


Gioco di Ruolo - MEDIOEVO
NOME:: Ermengarda (Femina Stressa Catzum)
SQUADRA:: Maleficiorum Maleficiensis

Re: A quanti anni si diventa adulti?

Messaggio Da NinfaEco il 02.09.10 8:33

Sogno_infranto ha scritto:Tralasciando la questione sesso,che non interessa.
Si diventa adulti nel momento in cui ti fai carico di responsabilità e doveri e abbandoni la spensieratezza,la voglia di divertimento,d`avventura. Quando il mondo ti lega nella morsa delle sue catene e diventi uno inquadrato,che pensa solo a come ottimizzare il capitale e mantenersi l'amante allora sei proprio fregato,perchè la tua parte migliore non è più verde e sei solo un volto qualunque tra i tanti in giro.

arrabbiato vero?

    La data/ora di oggi è 23.04.14 12:54