Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Il Grunge non è morto...

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
rotolarsi dal ridere Dunque dicesi Grunge

Il grunge (chiamato anche Seattle sound) è il termine con cui si designa un genere di musica rock (in particolare alternative rock), prodotto principalmente nello Stato di Washington degli Stati Uniti d'America, in particolare nella città di Seattle, a partire dalla seconda metà degli anni ottanta


Così riporta Wikizzozza.

Allego un video informativo.
Fortemente consigliata la visione rotolarsi dal ridere



Per i "neo licenziati dal ventennio" è uno stadio evolutivo.. o meglio il ricordo di uno stadio evolutivo fatto di tante cose che a distanza di anni sembrano molto, molto ridicole.

Propongo di raccogliere qui qualsiasi riflessione che possa essere attinente al grunge o allo stadio grunge... insieme alle canzoni e ai gruppi che ricordiamo commosso




Ultima modifica di NinfaEco il Ven 27 Gen 2012 - 23:42, modificato 1 volta

Visualizza il profilo dell'utente
2
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
commosso Inizio io


Gesù non mi vuole per un raggio di sole
I raggi di sole non sono mai fatti come me
Non aspettarti che pianga
Per tutte le ragioni che hai avuto per morire
Non ti chiederò mai di amarmi
Non aspettarti che pianga
Non aspettarti che menta
Non aspettarti che muoia per me stesso



Visualizza il profilo dell'utente
3
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
e certo che me lo ricordo...ahhh che bei momenti. potevo mettere il cardigan di mio nonno e fingere di essere alla moda...ahaha!
il grunge ha segnato la mia adolescenza e me lo porto dentro.
beh che dire io do il mio contributo con un pezzo degli Alice in Chains.
(piccola considerazione. se cominci a digitare Alice...su youtube, ti viene prima fuori Alice in Chains e dopo Alice in wonderland...non l'avrei mai detto)

Visualizza il profilo dell'utente
4
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
questa mi fa ancora impazzire

Visualizza il profilo dell'utente
5
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Rupa Lauste ha scritto:questa mi fa ancora impazzire



E che dici di questa?




@Rupa Lauste ha scritto:e certo che me lo ricordo...ahhh che bei momenti. potevo mettere il cardigan di mio nonno e fingere di essere alla moda...ahaha!
il grunge ha segnato la mia adolescenza e me lo porto dentro.
beh che dire io do il mio contributo con un pezzo degli Alice in Chains.
(piccola considerazione. se cominci a digitare Alice...su youtube, ti viene prima fuori Alice in Chains e dopo Alice in wonderland...non l'avrei mai detto)


Anche la mia... per colpa della mia sempre adorata "compagna di sbronze" che avendo già macchina e patente imponeva la sua musica rotolarsi dal ridere
Con la canzone che ho postato sopra si faceva " il salto" in corrispondenza di un dosso che il comune aveva fatto da poco. Io tenevo tra le gambe le birre e la radio rotolarsi dal ridere
... l'autoradio chi ce l'aveva? E se la radio non la tenevi bene risucchiava i nastri delle cassette che io con la penna rimettevo dentro. Qualche tipo di matita l' avevo sempre con me perchè ero convinta che la mia vita fosse importante e scrivevo tutto... o disegnavo... mostri per lo più....

E' normale che esca Alice in Wonderland con tutti i siti in cui lo trovi in download gratuito

Visualizza il profilo dell'utente
6
purplebunny
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Secondome.

Sono profondamente convinta che il "grunge", traghettando la musica "alternativa" degli anni '80 (che pure esisteva, ma era benissimo nascosta nel mare di spazzatura che va sotto il nome di "musica anni '80") dall'underground all'overground, abbia spazzato via gli anni '80, e per questo abbia salvato l'umanità da derive piuttosto spiacevoli.

Detto questo, c'erano anche gruppi grunge italiani!
Io ricordo i Karma... (cercandoli su youtube ho scoperto che si sono riuniti nel 2010, ah!, ma quella che segue è una canzone dal loro primo album, 1994 o giùdilì):



pietra

Visualizza il profilo dell'utente
7
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@purplebunny ha scritto:Secondome.

Sono profondamente convinta che il "grunge", traghettando la musica "alternativa" degli anni '80 (che pure esisteva, ma era benissimo nascosta nel mare di spazzatura che va sotto il nome di "musica anni '80") dall'underground all'overground, abbia spazzato via gli anni '80, e per questo abbia salvato l'umanità da derive piuttosto spiacevoli.

Non so se è stato il grunge, ma qualsiasi cosa abbia spazzato via quelle musichette con la batteria elettronica ha la mia benedizione...
.... mi hanno devastato l'infanzia



Detto questo, c'erano anche gruppi grunge italiani!

Ma per te è credibile un gruppo italiano Grunge?
Sarà lo scarto linguistico ma certi generi fatti in italiano perdono....
io non riesco ad apprezzarli






P.s.

Bella questa discussione a colpi di musica

Visualizza il profilo dell'utente
8
purplebunny
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@NinfaEco ha scritto:Ma per te è credibile un gruppo italiano Grunge?

Mah non saprei.
All'epoca li ascoltavo, ma questo vuol dir poco (se non dimostrare la mia demenza).
Un altro gruppo, venuto dopo, ma sempre nato dalle ceneri del grunge sono i Verdena (anche se poi si sono fortunatamente evoluti).
E loro sono uno dei migliori gruppi mai esistiti e probabilmente esistenti in Italia.
Quindi la risposta credo sia: dipende dal gruppo.
Ma forse non vuol dire, perché non cantano propriamente in italiano, ma in una lingua tutta loro...





Quanto al grunge made in Usa, a parte i Nirvana, i Soundgarden non mi hanno mai coinvolta più di tanto, e i Pearl Jam erano troppo rock-classico per attrarmi.
I Mudhoney invece erano divertenti.


Però ascoltavo più spesso gruppi femminili (oltre alle Hole prima della conversione pop di Courtney) tipo L7 o Babes in Toyland o 7 Year Bitch.


Visualizza il profilo dell'utente
9
Lostboy
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
I miei capelli grunge invece si, sono tutti morti

Visualizza il profilo dell'utente
10
carnil_carani
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Il Grunge!!!

I bei tempi andati!!!

Il primo disco grunge della mia vita l'ho acquistato in un piovoso pomeriggio di ottobre del 1989 (!!!) in un negozio milanese che non c'è più, il "Transex". Lì vendevano solo abbigliamento in pelle e borchie, musica Metal di tutte le salse (le chicche che ci ho comprato!!!) e ogni tanto qualche disco "indie". E proprio tra quelli trovai una copertina che mi colpì, questa:


Lo acquistai senza nemmeno chiedere di ascoltarlo. Fu una specie di "rivelazione" per un metallaro "sfiduciato" come me. All'epoca il Metal era in fase a dir poco calante. Quei ritmi lentissimi, quella "collosità", quel minimalismo mi catturarono. Non sapevo chi fossero questi "Nirvana" ma mi piacevano. Quando un paio d'anni dopo esplosero io facevo il "grosso" con tutti, li conoscevo ed amavo prima che uscisse "Smell Like Teen Spirit"!

Le camicie di flanella le portavo già da prima e i jeans "consunti" li porto tutt'ora. il Grunge era il manifesto di una generazione "di mezzo", quelli che non sapevano dove andare e chi "essere", non eravamo sfiduciati come i ragazzi d'oggi ma eravamo forse "soffocati" dal "superfluo" in cui eravmo immersi. E come quelle canzoni così semplici e "dure" cercavamo un modo di ribellarci ai nostri genitori che appartenevano alla generazione "ribelle" per eccellenza.


Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum