Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Paul Gauguin: rovina, creatività, rottura, evasione e rinascita

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Paul Gauguin nasce nel 1848 a Parigi, trascorre la sua infanzia in Perù per ritornare in patria nel 1855. Studia, partecipa allaa guerra franco- prussiana e trova lavoro come agente di cambio. Inizia a dipingere da autodidatta. L’agiatezza economica raggiunta permette a Gauguin di acquistare diversi quadri di artisti impressionisti. S’iscrive, nel 1874, all'Accademia Colarossi. Si sposa ma a causa di un crollo finanziario, nel 1883, Gauguin conosce la miseria che lo porta a vendere parte della sua collezione ed a svolgere i più umili mestieri. Nello stesso periodo si separa dalla moglie. Egli viaggia molto lascia la Francia per recarsi in Bretagna a Pont-Aven, parte poi per la Martinica e infine si stabilisce, nel 1895, a Tahiti, dove vivrà fino alla morte nel 1903.



In quest’angolo della terra, lontano dalla civiltà industriale, Gauguin ricerca un mondo incontaminato.
E' proprio da questa esperienza, che forse mai ci sarebbe stata se la sua vita non fosse andata in pezzi, che nasce il Gauguin che più tutti apprezziamo.
Paul Gauguin, che da sempre rifiuta i modelli artistici tradizionali incontra il calore delle origini e del primitivo.
Gauguin usa colori primari, molto accesi e innaturali, non fa uso d’ombre, i soggetti sono bidimensionali e piatti. A proposito della sua nuova vita, in Polinesia, nel libro “Noa Noa” scrive: “Sono fuggito da tutto ciò che è artificio e convenzione. Qui entro nella Verità, divento tutt’uno con la natura”.




Ogni arte cela in se una meta, che è la meta esistenziale di chi la pone in essere.
Per Gauguin questa forse fu la riscoperta delle origini, della natura e del semplice, dell'emotività e dell'istinto.
In pochi casi è così evidente come vi si quanta più arte quanto più la convenzione è rotta.
Perchè?
Perchè l'arte pone un problema di contatto con noi stessi?
E perchè il massimo fervore creativo nasce sempre da un momento di rovina?

Visualizza il profilo dell'utente
2
daniel
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@victorinox ha scritto:
E perchè il massimo fervore creativo nasce sempre da un momento di rovina?

Rispondo solo a quest'ultima frase ch'è può essere la risposta ad un'altra altrettanto famosa :"O bere o affogare".

Allorquando ci troviamo in situazioni anomale rispetto al nostro abitudinario, maggiormente se in gioco c'è la nostra esistenza terrena, prevale, con l'istinto di sopravvivenza, la ricerca delle nostre recondite capacità per superare questi momenti e ciò attiva maggiormante la nostra creatività artistica che si estrinseca nei modi e nelle maniere da noi sottaciute

Visualizza il profilo dell'utente
3
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@daniel ha scritto:
@victorinox ha scritto:
E perchè il massimo fervore creativo nasce sempre da un momento di rovina?

Rispondo solo a quest'ultima frase ch'è può essere la risposta ad un'altra altrettanto famosa :"O bere o affogare".

Allorquando ci troviamo in situazioni anomale rispetto al nostro abitudinario, maggiormente se in gioco c'è la nostra esistenza terrena, prevale, con l'istinto di sopravvivenza, la ricerca delle nostre recondite capacità per superare questi momenti e ciò attiva maggiormante la nostra creatività artistica che si estrinseca nei modi e nelle maniere da noi sottaciute


Lo penso anche io.
Mai come nell'immediato post tragico ho dato il meglio di me.
Mi fa rabbia che non continui .

Visualizza il profilo dell'utente
4
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@victorinox ha scritto:
E perchè il massimo fervore creativo nasce sempre da un momento di rovina?

non capisco, è una semplice opinione o una considerazione maturata in base a dati ben precisi. perchè a me non pare.
comunque su gauguin consiglio il libro "la luna e sei soldi" di W.S. Maughman.
Veramente bello

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum