Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

L'arte del Presepe, il Folklore e la Fede: da San Francesco al Presepe Napoletano

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ritengo che il presepe possa essere una forma d'arte, ma le sue origini affondano anche nella fede.
quando a Greccio, nei pressi di Rieti, nel Natale del 1223 San Francesco d’Assisi allestì il primo presepe, era sua volontà umanizzare la fede ed avvicinarla alla gente. Non a caso era un presepe vivente, fatto di poche cose.
Sull'onda del successo di questo primo presepe vivente poi cominciò a nascere una vera e propria iconografia del genere pittorica e scultorea, e nel Quattrocento a Napoli nacque la vera e propria arte presepiale che dopo il Concilio di Trento questo tipo di rappresentazione iniziò a diffondersi in tutta Italia. E, quasi senza essere toccato dalla lotta della Controriforma alle immagini, il presepe continuò crescere: a Napoli si consolida il mestiere dello scultore presepiale e nelle botteghe artigianali bolognesi si sviluppa un tipo di ricostruzione plastica della Natività, con statuette in ceramica, ispirata alla pittura di quegli anni.
Da allora, accanto ai presepi più classici se ne sono sviluppati moltissimi.
Tra i classici, il presepe napoletano è il più famoso.
Nel Seicento, sotto la spinta del movimento Barocco, il presepe napoletano acquisisce la sua “spettacolarità”. Prendendo spunto dai quadri dei grandi maestri della pittura barocca partenopea, i presepisti daranno vita a veri e propri capolavori d’arte traducendo plasticamente le due correnti principali del tempo. E questa tendenza ad ispirarsi a contemporanei continua ancora oggi ( quest'anno ci sono ad esempio Berlusconi, Monti, Simoncelli, De Magistris, Obama con sotto braccio la testa di Bin Laden, Nicolas SarKozy con Carlà, Alberto di Monaco e consorte, William e Kate).

L'elemento popolare insomma è divenuto dominante, insieme a quello artistico.
Che ne è rimasto dell'antico substrato devozionale?
Qual'è oggi il significato del presepe?
Un momento di folklore? Una tradizione italiana da tutelare? una forma d'arte?
O un espressione di fede?

Vedi il profilo dell'utente
2
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
sadness

S.Francesco?
Alcuni anni fa hanno trasmesso al Telegiornale di Canale 5 la notizia che durante gli scavi a Pompei hanno trovato statuine del prespio e tavolette con gli auguri di buon Natale,risalenti al III sec.A.C.

Vedi:

Francesco Saba Sardi: "Il Natale ha 5000 anni"

commosso

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum