Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Estinzione o Estinzioni? Il peso della responsabilità umana

Condividi 

Estinzione o Estinzioni?

100% 100% [ 1 ]
0% 0% [ 0 ]
0% 0% [ 0 ]
Totale dei voti : 1

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Fenhir
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
L'estinzione è una realtà biologica.
Da sempre le specie animali si estinguono e rinnovano in ragione del maggior o minor adattamento.
Ma con il crescere di peso della variabile umana la parola estinzione ha assunto anche un altro significato.
L'estinzione è divenuta il risultato di alterazioni dell'ambiente, provocate essenzialmente dall'intervento dell'uomo (inquinamento, disboscamento, caccia, urbanizzazione), che non permettono l'adattamento e la sopravvivenza di molti organismi e causano una rottura dell'equilibrio ecologico.
Ma è giusto intenderla così?
Il peso dell'uomo in questi processi va inteso come quello di ogni altra specie che compete?
C'è differenza a livello naturalistico fra il primo tipo di estinzione e quella causata dall'uomo?
E' giusto interferire in questi meccanismi? E' giusto sempre o solo quando ne siamo responsabili?
Qual'è la responsabilità umana di fronte alle estinzioni causate da noi?

Visualizza il profilo dell'utente
2
Fenhir
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Animali Estinti


Dodo 1755



Le cause primarie della loro estinzione furono la distruzione della foresta ,gli animali che i marinai hanno portato con loro e gli stessi marinai. Questo uccello viveva alle Mauritius.


Quagga 1883




Come altri mammiferi di pascolo, i quaggas erano stati cacciati ruthlessly e sono stati visti dai settlers come competitori per il pascolo del loro bestiame. Dato che era una sottospecie di zebra, ora stanno tentando di ricrearla in laboratorio.



Piccione del passeggero 1914



Era una volta probabilmente l'uccello più comune nel mondo. Il loro uso alimentare nell'800 ha danneggito la specie, che faceva solo un uovo per volta .Quasi tutti i piccioni restanti sono stati uccisi in un singolo giorno in 1896 dai cacciatori di sport.




Lupo della Tasmania o Tilacino 1936



Era più grande animale marsupiale carnivoro dei tempi moderni, nativo dell’Australia e della Nuova Guinea. Anche in questo caso si sta tentando di riprodurlo in laboratorio.
La sua completa estinzione fu causata dalla spietata caccia messa in atto dagli allevatori, dalle taglie messe dal governo locale e, negli ultimi anni, dall'avidità dei giardini zoologici d'oltremare e in Australia dalla competizione con il dingo, introdotto dagli uomini.



Tigre Persiana



Era la terza più grande. Il corpo di questa sottospecie era abbastanza tarchiato e prolungato con zampe larghe e grandi e gli artigli insolitamente lunghi. Le orecchie erano corte e piccole ed hanno dato l'apparenza di essere senza peli sulle punte. Intorno alle guance la tigre del Caspio era molto pelosa ed il resto della relativa pelliccia era lungo ed a strati. Ritenendo che la diffusione dell'animale non fosse compatibile con lo sviluppo delle attività umane, le autorità russe all'inizio del '900 ordinarono all'esercito di sterminare le tigri, cosa che accadde nel giro di poco tempo. Inoltre, i coloni delle terre del Caspio cominciarono a sfruttare intensivamente la terra per coltivarvi cotone e riso, disboscando aree molto estese e distruggendo così l'habitat della tigre. A ciò, infine, si aggiunse la caccia delle prede abituali della tigre.





Fonte: http://www.sma.unibo.it/zoologia/animaliestinti.html



Ultima modifica di Fenhir il Dom 18 Dic 2011 - 9:21, modificato 1 volta

Visualizza il profilo dell'utente
3
Fenhir
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Animali in via di estinzione


Leopardo Amur




Abita nel nord-est della Cina e nella penisola coreana, ma oggi è solo in una piccola zona orientale della Russia, e (forse) nella provincia cinese del Jilin. La causa principale della sua scomparsa è la caccia per la sua pregiata pelliccia .



Axolotl




E' spesso chiamato “il pesce camminatore del Messico” ed è simile alla salamandra e vive negli antichi canali d’acqua di Città del Messico. Le minacce all’Axolotl risalgono al 17 ° secolo, quando il sistema idrico della città ha cominciato ad essere trascurato, dato che venivano scaricate le acque reflue. La minaccia principale è oggi l’ulteriore degrado di questo condotto.


Il Rinoceronte Nero


Tra il 1970 ed il 1992, il 96% della popolazione del rinoceronte nero è stata uccisa per le pregiate corna, utilizzate nella medicina tradizionale cinese e per i pugnali nello Yemen.


Alligatore cinese



E' una delle razze più piccole di coccodrilli, ed ora grazie alla distruzione del suo habitat dovuta alla conversione delle zone umide per l’agricoltura, è una delle più piccole popolazioni tra le specie selvatiche.




Fonte:http://www.wwf.it/client/render.aspx?root=668

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum