Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Nuovo assioma: che cosa è la fede?

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La fede è "credere in Dio"?
NO.
La fede è "indagare su Dio".

Questa è solo per i cervelli più fini.
Gli altri non potranno mai capire un simile concetto. ....
...e per fortuna, aggiungo io.

Vedi il profilo dell'utente
2
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Oh, Man, ma come.... quella non è fede, chi ha fede non si pone domande, crede e basta proprio perché ha fede, anzi, non può porsi domande...!
Chi indaga lo fa perché non crede, perciò non ha fede, i due concetti sono incompatibili.

Vedi il profilo dell'utente
3
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Io ho fede nella STRADA da percorrere per un obiettivo che confusamente avverto nelle mie viscere. Non posso avere fede nel raggiungimento dell'obiettivo né sulla verità dell'obiettivo stesso. E poi, secondo me chi ha fede NON crede. La fede è pervasa dal dubbio, giustamente, altrimenti non si chiamerebbe "fede", non avrebbe semplicemente senso darle un nome. Sarebbe un fatto assodato e basta. Voi avete FEDE sul fatto che bevendo dell'acqua vi passerà la sete?

Vedi il profilo dell'utente
4
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Cleden
carissimo/a..."credere in dio" vuol dire, in qualche modo - averlo definito...codificato. Avere stabilito cos'è. Averne definito le caratteristiche.
Infatti...credere in qualcosa di indefinito..o di non-definito, è impossibile.
Per credere in qualcosa o qualcuno occorre necessariamente "definirlo".
Se credo in qualcosa è perchè sono in grado di dire: è questo, è quello...credo in questo o quello.

In sostanza...."credere in dio" significa intrappolarlo all'interno di definizioni che - appunto - lo definiscono. Ma se lo definiscono ne delineano anche i confini. Cioè lo intrappolano all'interno di limiti concettuali.

Ma, per definizione, Dio è infinito. "I miei pensieri NON SONO i vostri pensieri. Le mie vie NON SONO le vostre vie. Prima che Abramo fosse, IO SONO."
Quindi "credere in Dio" è una contraddizione di termini. E chiunque dica: "Dio è questo e quello..e se vuoi credere in Dio devi credere in questo e quello"....è un impostore. Ma è un impostore SOLO nella misura in cui le persone sono così poco intelligenti o interessate a indagare la Verità, da lasciarsi raggirare da un impostore.

La fede E' UN ATTEGGIAMENTO. Cioè...è ESSERE PERENNEMENTE IN CAMMINO E PERENNEMENTE ALLA RICERCA...E PERENNEMENTE ALLA RICERCA DELLA "COMPRENSIONE DI DIO"....che - per sua natura - NON potremo MAI comprendere. Proprio perchè lui è infinito...mentre la nostra mente è finita.
E quindi: come potrà mai un recipiente "finito" COMPRENDERE/CONTENERE una entità INFINITA?

Quella che tu comunemente chiami "fede", cara/o Cleden, è accettare ACRITICAMENTE una serie di definizioni e precetti e regole che qualche impostore - che si è autonominato intermediario di dio - ti offre a scatola chiusa.
Ma...se ci pensi bene...e in virtù di quello che ho detto prima (e cioè che credere in una serie di definizioni significa intrappolare dio dentro una definizione), avere "fede", inteso in questo modo, è esattamente la NEGAZIONE di dio.
Si dice cioè :"io credo in dio"...e dicendolo e credendolo, in realtà si sta negando l'essenza stessa di dio.
Quindi non si crede realmente in dio...ma si crede, in realtà, ad una proiezione mentale...ad una immagine...ad un ologramma...partorito dalla mente di quealcuno. In sostanza non si crede realmente in dio...ma si crede alla definizione che una mente limitata ne ha dato.

E' una questione di logica.
E dalla logica, grazie a Dio, non si sfugge.

P.S. Esempio. Un tizio ti dice: il sole è luminoso, i suoi raggi sono caldi, si leva al mattino e cala la sera.
In questa semplice frase ho elenca una serie di definizioni. Ho intrappolato la realtà "Sole" dentro a una serie di definizioni.
Il giochetto sta nel dire: il Sole E' quella roba lì. Se tu ci credi...allora crederai che il sole è la definzione che ne ho dato.
Ma in realtà il sole NON E' la definzione che ne ho dato. La definizione che ne ho dato è solo una descrizione assolutamente arbitraria e parziale.

Un conto è la definizione di una entità.....ALTRO CONTO è l'entità stessa, nella sua effettiva realtà.
Scambiare la "definizione di una entità" per l' "entità nella sua effettiva realtà" è un errore che una persona appena appena scafata NON commetterebbe mai.

Per comprendere cosa è effettivamente il Sole, è necessario che tu ne abbia una esperienza diretta...e nemmeno quello basterebbe. Perchè i nostri sensi sono essi stessi limitati.

Vedi il profilo dell'utente
5
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
*

Certo che questi fasciocomunisti allignano dappertutto. Abbi pazienza.


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
6
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@xmanx ha scritto:@Cleden
carissimo/a..."credere in berlusconi" vuol dire, in qualche modo - averlo definito...codificato. Avere stabilito cos'è. Averne definito le caratteristiche.
Infatti...credere in qualcosa di indefinito..o di non-definito, è impossibile.
Per credere in qualcosa o qualcuno occorre necessariamente "definirlo".
Se credo in qualcosa è perchè sono in grado di dire: è questo, è quello...credo in questo o quello.

In sostanza...."credere in berlusconi" significa intrappolarlo all'interno di definizioni che - appunto - lo definiscono. Ma se lo definiscono ne delineano anche i confini. Cioè lo intrappolano all'interno di limiti concettuali.

Ma, per definizione, berlusconi è infinito. "I miei pensieri NON SONO i vostri pensieri. Le mie vie NON SONO le vostre vie. Prima che Abramo fosse, IO SONO."
Quindi "credere in berlusconi" è una contraddizione di termini. E chiunque dica: "berlusconi è questo e quello..e se vuoi credere in berlusconi devi credere in questo e quello"....è un impostore. Ma è un impostore SOLO nella misura in cui le persone sono così poco intelligenti o interessate a indagare la Verità, da lasciarsi raggirare da un impostore.

La fede E' UN ATTEGGIAMENTO. Cioè...è ESSERE PERENNEMENTE IN CAMMINO E PERENNEMENTE ALLA RICERCA...E PERENNEMENTE ALLA RICERCA DELLA "COMPRENSIONE DI berlusconi"....che - per sua natura - NON potremo MAI comprendere. Proprio perchè lui è infinito...mentre la nostra mente è finita.
E quindi: come potrà mai un recipiente "finito" COMPRENDERE/CONTENERE una entità INFINITA?

Quella che tu comunemente chiami "fede", cara/o Cleden, è accettare ACRITICAMENTE una serie di definizioni e precetti e regole che qualche impostore - che si è autonominato intermediario di berlusconi - ti offre a scatola chiusa.
Ma...se ci pensi bene...e in virtù di quello che ho detto prima (e cioè che credere in una serie di definizioni significa intrappolare berlusconi dentro una definizione), avere "fede", inteso in questo modo, è esattamente la NEGAZIONE di berlusconi.
Si dice cioè :"io credo in berlusconi"...e dicendolo e credendolo, in realtà si sta negando l'essenza stessa di berlusconi.
Quindi non si crede realmente in berlusconi...ma si crede, in realtà, ad una proiezione mentale...ad una immagine...ad un ologramma...partorito dalla mente di quealcuno. In sostanza non si crede realmente in berlusconi...ma si crede alla definizione che una mente limitata ne ha dato.

E' una questione di logica.
E dalla logica, grazie a berlusconi, non si sfugge.

P.S. Esempio. Un tizio ti dice: il sole è luminoso, i suoi raggi sono caldi, si leva al mattino e cala la sera.
In questa semplice frase ho elenca una serie di definizioni. Ho intrappolato la realtà "Sole" dentro a una serie di definizioni.
Il giochetto sta nel dire: il Sole E' quella roba lì. Se tu ci credi...allora crederai che il sole è la definzione che ne ho dato.
Ma in realtà il sole NON E' la definzione che ne ho dato. La definizione che ne ho dato è solo una descrizione assolutamente arbitraria e parziale.

Un conto è la definizione di una entità.....ALTRO CONTO è l'entità stessa, nella sua effettiva realtà.
Scambiare la "definizione di una entità" per l' "entità nella sua effettiva realtà" è un errore che una persona appena appena scafata NON commetterebbe mai.

Per comprendere cosa è effettivamente il Sole, è necessario che tu ne abbia una esperienza diretta...e nemmeno quello basterebbe. Perchè i nostri sensi sono essi stessi limitati.

Vedi il profilo dell'utente
7
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
BOSSSSSS!!!!! hissfit
Avevo scritto un lungo e seriamente riflettuto post in risposta a Man, poi ho letto il tuo quotato e mi sono detta:"Orpo, ma com'è che non mi ero accorta che stesse parlando di Berlusconi?" e l'ho cancellato!

Aho!!!!
Non scrivere in quotaaaa!!!
C'è troppo poco ossigeno e il mio cervello non metabolizzaaa!!!!
sad

Vedi il profilo dell'utente
8
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Man, carissimo, capisco quel che intendi dimostrare e secondo logica hai perfettamente ragione, tuttavia anche a noi tocca parlare in Italiano, non credi?
E in Italiano un fedele è colui che crede, non ci si scappa. Parlando dei cattolici, per comodità, diciamo, visto che qui essi sono la maggioranza, si tratta di persone che abbracciano, per fede/fiducia, cose che sono inspiegabili: i misteri della fede, e che credono, senza metterli in discussione, ai dogmi che la Chiesa promulga come Verità di Fede. (Più o meno dovrebbe essere così, giusto?)

Quel che tu dici è che questo stato di fede è presunta, irreale, surreale, impossibile, perché riguarda ipotesi, idee, fantasie umane.
E io sono d'accordo, in parte, ossia, dalla parte di chi non crede è così, ma per loro che vi sono immersi questo E' reale.

Tuttavia, a mio parere, tu stesso cadi in errore affermando che Dio sia infinito poiché in questo modo ne dai già una definizione, ma è una definizione umana, perciò proiettiva.

Ma posto che Dio esista e che quello cattolico sia il vero Dio, allora anche la tua affermazione sulla mente umana, che sarebbe finita, cade, infatti noi, per i testi sacri, siamo fatti ad immagine e somiglianza di Dio: come potremmo essere finiti se Dio è infinito?

Perciò o Dio è infinito e lo siamo anche noi, oppure Dio è finito .... (!)
e lo siamo anche noi.
E sul fatto che siamo finiti... male.... penso siamo d'accordo entrambi, che dici?

Vabbè, non volevo buttarla sul ridere, ma mi è venuto proprio spontaneo :ç-*:

Comunque io ho chiesto a tanti credenti se avessero paura della morte e tutti mi hanno risposto di sì. Tanti non sono tutti, è un piccolo campione, ovviamente,
ma perché, mi domando, la temono, se credono in Dio?
Bho.

Man, mi piace parlare con te quando non parli di B., però se ora ricominci pure qua.... Mè, non so che ti combino!!!!

Vedi il profilo dell'utente
9
purplebunny
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@xmanx ha scritto:La fede è "credere in Dio"?
NO.
La fede è "indagare su Dio".

Poco male, basta passare dal "non credo, grazie tante" al "non ho tempo da perdere a indagare il nulla". Linguino

Vedi il profilo dell'utente
10
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ah ha ah ha

Vedi il profilo dell'utente
11
lisandro
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Con questo mio, siamo a quota 100.001 messaggi nel forum.

Volevo anch'io lasciare un intervento pregnante.

Vedi il profilo dell'utente
12
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@marimba ha scritto:*

Certo che questi fasciocomunisti allignano dappertutto. Abbi pazienza.
hissfit
Non si dice "Fasciocomunisti" !

Si dice cattorincopsiconeuroplutonarcopornocomunisti !

Vedi il profilo dell'utente
13
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@purplebunny ha scritto:
@xmanx ha scritto:La fede è "credere in Dio"?
NO.
La fede è "indagare su Dio".

Poco male, basta passare dal "non credo, grazie tante" al "non ho tempo da perdere a indagare il nulla". Linguino

Ma quel Nulla è Dio !!

Firmato:

Siddharta Gautama detto il Buddha.
Swami Shamkara detto :Acharya.
Il monaco cristiano detto:"Anonimo della Nube"
Tao-Chang.
Lin-Chi.
Fa-jen.
Chuang-Tzu.
Lao-Tzu.
Thomas Merton.
Meister Eckhart.
San Dionigi Aeropagita ecc.ecc.

Tutta gente di serie AAA.

cool



Vedi il profilo dell'utente
14
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@purple
ovviamente, cara Purple.
Ciascuno impiega il proprio tempo ad indagare ciò che più lo incuriosisce.
E tuttavia...."dimmi ciò che ti incuriosisce e ti dirò chi sei".

@cleden
E' ovvio che chi dice di credere in "a,b,c,d,e" è convinto che "a,b,c,d,e" siano REALI. Fa parte del meccanismo di autoinganno.
In realtà...credere in "a,b,c,d,e" NON significa "credere in dio"...ma significa il suo esatto contrario. Perchè "a,b,c,d,e" NON sono la reale essenza di dio...ma sono quello che a noi fa comodo pensare che dio sia.

Se una persona è davvero interessata a "credere in dio"....beh...non può prescindere dal mettersi in cammino per cercarne le tracce. Cioè, indaga. Si fa delle domande...e fa delle domande. Non si limita ad accettare una formula preconfezionata da altri che dice che dio è "a,b,c,d,e".
Ed è proprio per questo che per una persona che REALMENTE è alla ricerca di dio, NON ESITE...NE' POTREBBE ESISTERE, alcun contrasto tra scienza e fede. Tra metodo scientifico e fede. Tutt'altro. La scienza e il metodo scientifico sono gli strumenti indispensabili nella "ricerca di dio".


Accettare che dio sia "a,b,c,d,e"...e dire di credere in dio perchè si crede che sia "a,b,c,d,e" è solo un inganno e un autoinganno. NON HA NULLA A CHE FARE CON LA REALTA'. Ma è semplicemente un autoinganno.
Ed esiste un sacco di gente che ama vivere circondadosi di finzioni e di inganni...circondandosi di una realtà che è essa stessa finzione. Per cui...non mi meraviglio proprio.

Vedi il profilo dell'utente
15
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
non esiste alcun contrasto tra scienza e fede, infatti i dinosauri convivevano con l'homo sapiens come dicono i mormoni!

Vedi il profilo dell'utente
16
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
eddai big...fai il bravo.
vai a fare...i compiti

e torna quando sarai preparato per discutere di cose...che attualmente...appaiono al di fuori della tua portata.

Vedi il profilo dell'utente
17
purplebunny
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@hakimsanai43 ha scritto:Ma quel Nulla è Dio !!

Per una volta siamo d'accordo. "Nulla" e "dio" sono sinonimi. Peccato solo la parola "dio" susciti sempre più dibattiti rispetto alla parola "nulla".

@xmanx ha scritto:Ciascuno impiega il proprio tempo ad indagare ciò che più lo incuriosisce.
E tuttavia...."dimmi ciò che ti incuriosisce e ti dirò chi sei".

Difatti...

E' ovvio che chi dice di credere in "a,b,c,d,e" è convinto che "a,b,c,d,e" siano REALI. Fa parte del meccanismo di autoinganno.
In realtà...credere in "a,b,c,d,e" NON significa "credere in dio"...ma significa il suo esatto contrario. Perchè "a,b,c,d,e" NON sono la reale essenza di dio...ma sono quello che a noi fa comodo pensare che dio sia.

[b]Se una persona è davvero interessata a "credere in dio"....beh...non può prescindere dal mettersi in cammino per cercarne le tracce. Cioè, indaga. Si fa delle domande...e fa delle domande. Non si limita ad accettare una formula preconfezionata da altri che dice che dio è "a,b,c,d,e".

Quel che non si riesce mai a capire è chi fornisca le risposte, a queste presenute domande. In genere è chi pone le domande stesso, che si costruisce le risposte (a lui) più soddisfacenti. Esito consimile all'"accettare una formula preconfezionata da altri", solo che ce la si costruisce da soli.

La scienza e il metodo scientifico sono gli strumenti indispensabili nella "ricerca di dio".

Lo sostenevano anche i Ghostbusters a proposito dei fantasmi, in effetti.

Vedi il profilo dell'utente
18
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
[quote="purplebunny"]
@hakimsanai43 ha scritto:Ma quel Nulla è Dio !!

Per una volta siamo d'accordo. "Nulla" e "dio" sono sinonimi. Peccato solo la parola "dio" susciti sempre più dibattiti rispetto alla parola "nulla".


Nel Taoismo e nel Buddhismo,con la parola "Nulla" (sunyata)non si
indica "Nessuna cosa",ma nessuna cosa CONOSCIUTA,oppure :nessuna parte del Tutto.
Dato e non concesso che tu sia il corpo,
Una tua gamba sei tu?
Un orecchio sei TU ?
Il fegato sei TU?
I capelli sei TU ?

Dunque tu sei NULLA di tutte queste cose ma solo TUTTE le cose messe
insieme formano il tuo corpo.
Stessa cosa vale per Dio:
il Dio Italiano non è Dio perchè è particolare e non universale.
Il Dio Sovietico (Serbo-ortodosso) non è Dio perchè non è universale.
Il Dio Indiano non è Dio perchè ne è una parte e non il Tutto.
Così come TUTTO il tuo corpo forma Purplebunny e non solo un piede,
così TUTTO ciò che esiste forma Dio.
Ma ,in tal caso Dio può essere detto:il Tutto oppure il Nulla,nel
senso di"nessuna cosa in particolare".

E così,paradossalmente,i veri religiosi sono ptoprio gli ATEI !
Gli Atei come Buddha,Mahavir ,Lin-Chi ecc.

Il mio Maestro ha scritto un libro intero su questo argomento

dal titolo:"The Path of Paradox" (Il sentiero del paradosso)

scratch

Vedi il profilo dell'utente
19
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum