Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Andy Warhol e la Pop Art

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
galadriel
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Andy Warhol preleva l’immagine dai circuiti dell’informazione di massa. La presenta logora, sfatta, consumata dalla violenza dell'ostensione continua e spersonalizzante. Ritragga essa una sedia elettrica su cui è morto il famoso assassino o Marilyn Monroe, essa appare ormai incapace di generare coinvolgimento, avendo perso del tutto la sua unicità.
Sono immagini che ci parlano di un' intimità "sputtanata", divenuta interamente pubblica e priva di spessore. Sono immagini che ci parlano di miti di massa, che come tutti i miti, trapassano nell’inconscio senza essere passata per la coscienza. Finiamo per riconoscerla senza osservarla e senza trattenerla. Così è nella società di massa, così vuole il sistema del consumo illimitato: infatti il giudizio stabilisce il valore, il valore ferma il consumo.
Anche per questo Warhol è geniale, e resta particolare anche all'interno della stessa pop art.4

Cosa pensate delle sue opere?
e della sua vita?
E del rapporto tra la pop art e la società in cui è nata?
Quali sono le vostre opere preferite ?




Visualizza il profilo dell'utente
2
Unachi
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Perdonami se non mi dedico a Warhol in particolare.

Resto ammiratissima quando leggo riflessioni e parole del tenore e dello spessore delle tue.
Ma ho maturato una diffidenza enorme nei confronti del mondo dell'arte, così come concepito ai nostri giorni.
Sino al punto che mi indigna il brain-storimg raffinatissimo (e che apprezzo da matti) che persone come Te riescono a costruire (ed è prova di loro grandissima sensibilità e del loro grandissimo desiderio di Ricerca) su forme d'arte verso le quali , in me, decade e poi si frantuma e poi naufraga defintivamente ogni desiderio di approfondimento, al solo considerare che l'arte di cui si tratta non avrebbe mai avuto alcuna forza (non avendola intrinsecamente) se non avesse beneficiato della intellettualizzazione mercenaria della "critica" con pedigree.

Considero l'attuale "mercato dell'arte" come la più Gigantesca e Geniale e Mefistofelica ...trufa ai danni dell'Umanità. E, anche parlando di Warhol....: cosa sarebbe stato, ove fosse rimasto privo di sopraffine intellettualizzazioni NON sue?

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum