Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Tutti i modi di raccontare i Savoia: riflessioni sulla monarchia e sulla democrazia in Italia

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
IlDucaBianco
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
La dinastia dei Savoia è un eccezionale caso storico perchè riesce a tenere Stato e territorio per dieci secoli e questo periodo ha la particolarità di essere denso non soltanto di strategie per la scalata al potere fino alla conquista del titolo regale, ma anche una costante azione di propaganda e pubblicità storie per una dinastia.
Anche per questo, la dinastia Savoia non ha una storia, ma almeno quattro, se si differenzia nel loro millenario regno realtà e retorica o se se ne considerano i vari momenti.

La prima è quella fondativa. Siamo nel Mille, quando Umberto Biancamano intesse rapporti parentali e diplomatici che trasformano una piccola contea alpina retta grazie ad una politica di equilibrio fra potere centrale e decentramento amministrativo.
La seconda è quella giustificatoria. Racconta della costruzione dello Stato. Qui il segreto è la riforma dell'esercito, che diventa il luogo di elezione di una aristocrazia che ne trae privilegi (dal diritto di portare armi all'immunità per vari delitti), mentre la borghesia paga. Le basi dello Stato diventano le basi dell'intera società piemontese e l'assetto militare prepara quello industriale.
La terza storia è quella risorgimentale. Nonostante il make up retorico in questa storia spiccano altri personaggi, ed il re appare solo come un loro agevolatore.
La quarta storia è quella della decadenza. Racconta della la grande guerra e del compromesso con il fascismo, rispecchiati nella personalità meschina e scontrosa di Vittorio Emanuele III.

In che rapporto sono l'instaurarsi di questa dinastia e la storia del nostro paese?
E con la sua decadenza?
Quanto ci interessa e sentiamo in noi come parte del nostro passato la storia giustificatoria e quella risorgimentale?
Se confrontiamo questa dinastia con l'attuale esercizio del potere in Italia, che riflessioni possiamo fare?
L'Italia è destinata a tradurre ogni governo che si instaura sul suo suolo in un'oligarchia non illuminata?
Cosa pensate della monarchia e della democrazia in Italia?


Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum