Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Noi, la Superstizione e la Fede

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 4]

26
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@marimba ha scritto:
@Candido ha scritto:Se credi sinceramente in un Dio stai meglio, non è superstizione. Vivendoti meglio puoi meglio evitare anche le malattie del fisico e guarire più facilmente da quelle che sopravvengono. Non si tratta di miracoli. La superstizione consiste invece nel dare un valore arbitrario a oggetti, eventi e persone determinate. Valore negativo o positivo, a seconda...
La tesi (indimostrata) è completamente reversibile in una controtesi (altrettanto indimostrata):
Se non credi in un Dio, sarai portato a contare solo sulle tue forze, curerai meglio le malattie fisiche perchè sai che la Provvidenza non interverrà, rinforzerai la tua fiducia in te stesso afrontando meglio anche le malattie della psiche.

In totale, uno pari. E quindi zero. In realtà si può stare bene o male con o senza Dio.
cool
Il dott.Wilhelm Reich ha voluto fare la prova:ha chiesto a centinaia dei suoi clienti se erano credenti oppure no nella religione cristiana e loro erano liberissimi anche di non rispondere.
Dall'elaborazione dei dati statistici è risultato che l'80% dei malati di
XXXXXX YYYYYYYY erano credenti.

NB:la malattìa XY è una rara ma lievissima malattìa che nessuno di voi forse conosce e che
non si deve comunque nominare perchè potrebbe influenzare i credenti.
Deve rispettare la deontologia medica anche la ricerca individuale.

KleanaSaputello

Vedi il profilo dell'utente
27
Edmond_Dantes89
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@marimba ha scritto:La tesi (indimostrata) è completamente reversibile in una controtesi (altrettanto indimostrata):
Se non credi in un Dio, sarai portato a contare solo sulle tue forze, curerai meglio le malattie fisiche perchè sai che la Provvidenza non interverrà, rinforzerai la tua fiducia in te stesso afrontando meglio anche le malattie della psiche.

Parlando di superstizione, ti direi che questo è valido anche per qualunque credente non superstizioso: chiunque abbia del buonsenso sa già che nè Dio nè la provvidenza sono lì per vivere al posto tuo..io pur essendo credente, penso "aiutati che Dio ti aiuta", anche perchè nessuno crescerebbe mai, senza delle sfide da affrontare e superare da solo..

P.S. Riguardatevi "Una settimana da Dio", vedrete che è illuminante

Vedi il profilo dell'utente
28
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
io l'ho visto, e di illuminante c'è solo che fa leva su quelle cose (che io ritengo minchiate) su cui si basa la fede, tra cui la rinuncia a pensare con la propria testa (ma mantenendo l'illusione di farlo) anche davanti ai fatti che dio è solo un'invenzione di comodo. E della stessa risma lo sono anche le altre religioni, o le varie sette religiose.

Vedi il profilo dell'utente
29
Edmond_Dantes89
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Ma no dai..a me è piaciuto il messaggio di un Dio che c'è, ma che non è al tuo servizio, se ne lava le mani e lascia che sia tu a risolverti i tuoi problemi..tanta gente ad esempio dice "Dio non esiste altrimenti non permetterebbe fame, guerre e malattie", dimenticando che ognuna di queste cose sono conseguenze dirette dell'uomo, e non di chissà quale volontà soprannaturale.

Vedi il profilo dell'utente
30
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
@Edmond_Dantes89 ha scritto:Ma no dai..a me è piaciuto il messaggio di un Dio che c'è, ma che non è al tuo servizio, se ne lava le mani e lascia che sia tu a risolverti i tuoi problemi..tanta gente ad esempio dice "Dio non esiste altrimenti non permetterebbe fame, guerre e malattie", dimenticando che ognuna di queste cose sono conseguenze dirette dell'uomo, e non di chissà quale volontà soprannaturale.
Fame e guerre avvengono per colpa dell'uomo, ma malattie e terremoti no. Da cui si deduce che o queste calamità avvengono contro la volontà di Dio, e quindi Dio non è onnipotente, o che avvengono per volontà di Dio, e quindi Dio è un sadico.
Tertium non datur.

(Anzi, datur ma non rientra nelle ipotesi di partenza... )


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
31
^Sick_Boy
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
"Forse è vero, forse dio ha lanciato i dadi una volta di troppo... e ci ha fregati tutti" (Al Pacino, nei panni di John Milton ne "L'Avvocato del Diavolo"").

O più semplicemente, potremmo accettare l'idea che vivendo dobbiamo fare i conti con un "Mondo" (di possibilità) infinitamente più grande di noi e regolato dalle "incomprensibili leggi del Caso" (e del Caos [e del Caz...]) e che l'unica, realistica, forma di "divinità" esiste dentro di noi (è un nostro "prodotto") e non fuori. Da cui ne consegue che gli unici possibili dei di noi stessi siamo noi medesimi.

Vedi il profilo dell'utente
32
Edmond_Dantes89
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@marimba ha scritto:Fame e guerre avvengono per colpa dell'uomo, ma malattie e terremoti no. Da cui si deduce che o queste calamità avvengono contro la volontà di Dio, e quindi Dio non è onnipotente, o che avvengono per volontà di Dio, e quindi Dio è un sadico. Tertium non datur. (Anzi, datur ma non rientra nelle ipotesi di partenza... )

Io in realtà penso che anche le malattie siano colpa dell'uomo..non conosciamo ancora le cause di molte malattie gravi, quindi possono anche essere dovute al nostro stile di vita (es. probabilità di avere cancro ai polmoni fumando)..per quanto riguarda le catastrofi naturali quelle sono ovviamente imprevedibili, ma i danni che ne derivano possono comunque essere evitati: io per esempio non andrei mai a vivere vicino al Vesuvio, ma c'è gente che invece lo fa..

Vedi il profilo dell'utente
33
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Edmond_Dantes89 ha scritto:Ma no dai..a me è piaciuto il messaggio di un Dio che c'è, ma che non è al tuo servizio, se ne lava le mani e lascia che sia tu a risolverti i tuoi problemi..tanta gente ad esempio dice "Dio non esiste altrimenti non permetterebbe fame, guerre e malattie", dimenticando che ognuna di queste cose sono conseguenze dirette dell'uomo, e non di chissà quale volontà soprannaturale.
cool
Da come parli si evince che anche tu come tutti,credi che Dio sia un uomo.
Ma il Dio/uomo non esiste.
Neppure Berlusconi è Dio.

Vedi il profilo dell'utente
34
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@^Sick_Boy ha scritto:"Forse è vero, forse dio ha lanciato i dadi una volta di troppo... e ci ha fregati tutti" (Al Pacino, nei panni di John Milton ne "L'Avvocato del Diavolo"").

O più semplicemente, potremmo accettare l'idea che vivendo dobbiamo fare i conti con un "Mondo" (di possibilità) infinitamente più grande di noi e regolato dalle "incomprensibili leggi del Caso" (e del Caos [e del Caz...]) e che l'unica, realistica, forma di "divinità" esiste dentro di noi (è un nostro "prodotto") e non fuori. Da cui ne consegue che gli unici possibili dei di noi stessi siamo noi medesimi.
cool
Sì ma... non è un nostro prodotto.
Io sono Dio già dalla nascita e non serve che produca nulla:
Prima di nascere come corpo ero Dio,dopo che il corpo sarà morto ,continuerò a essere Dio.
Ma se credo nel Dio delle religioni organizzate,la coscienza di essere Dio si offusca fino a scomparire.

Yogi Hakim .

scratch

Vedi il profilo dell'utente
35
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
@Edmond_Dantes89 ha scritto:
@marimba ha scritto:Fame e guerre avvengono per colpa dell'uomo, ma malattie e terremoti no. Da cui si deduce che o queste calamità avvengono contro la volontà di Dio, e quindi Dio non è onnipotente, o che avvengono per volontà di Dio, e quindi Dio è un sadico. Tertium non datur. (Anzi, datur ma non rientra nelle ipotesi di partenza... )

Io in realtà penso che anche le malattie siano colpa dell'uomo..non conosciamo ancora le cause di molte malattie gravi, quindi possono anche essere dovute al nostro stile di vita (es. probabilità di avere cancro ai polmoni fumando)..per quanto riguarda le catastrofi naturali quelle sono ovviamente imprevedibili, ma i danni che ne derivano possono comunque essere evitati: io per esempio non andrei mai a vivere vicino al Vesuvio, ma c'è gente che invece lo fa..
Scommetto dunque che consideri gli abitanti di Haiti degli imbecilli, perchè invece di allontanarsi dalla propria isola situata in zona sismica sono rimasti lì a beccarsi il terremoto che ha fatto mezzo milione di morti. Diciamo che ben gli sta.
Ma Dio, nel frattempo, dov'era?


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
36
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@marimba ha scritto:

Io in realtà penso che anche le malattie siano colpa dell'uomo..non conosciamo ancora le cause di molte malattie gravi, quindi possono anche essere dovute al nostro stile di vita (es. probabilità di avere cancro ai polmoni fumando)..per quanto riguarda le catastrofi naturali quelle sono ovviamente imprevedibili, ma i danni che ne derivano possono comunque essere evitati: io per esempio non andrei mai a vivere vicino al Vesuvio, ma c'è gente che invece lo fa..
Scommetto dunque che consideri gli abitanti di Haiti degli imbecilli, perchè invece di allontanarsi dalla propria isola situata in zona sismica sono rimasti lì a beccarsi il terremoto che ha fatto mezzo milione di morti. Diciamo che ben gli sta.
Ma Dio, nel frattempo, dov'era?[/quote]
ma perdonami...che tu creda o no in Dio...(e credere non è la parola giusta ) e che creda o no nella creazione (e neanche creazione è una parola giusta) cosa ti fa pensare che un Creatore debba sorvegliare la propria creazione?
Un ingegnere che costruisce un ponte non rimane mica sulle sponde a controllare pioggia vento e passanti
in effetti la visione cattolica è un tantinello carente ma loro si son fatti un dio ad immagine e somilianza....infatti un tempo Dio creò l'uomo ma ora l'uomo crea dio

Vedi il profilo dell'utente
37
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
@euvitt ha scritto:ma perdonami...che tu creda o no in Dio...(e credere non è la parola giusta ) e che creda o no nella creazione (e neanche creazione è una parola giusta) cosa ti fa pensare che un Creatore debba sorvegliare la propria creazione?
Un ingegnere che costruisce un ponte non rimane mica sulle sponde a controllare pioggia vento e passanti
Me lo fa pensare il fatto che l'idea di Dio che viene fatta passare non è quella di un ingegnere che una volta intascata la parcella si disinteressa del proprio lavoro, ma quella di un essere pieno di amore, onnisciente, onnipotente ed onnipresente. Se questo è vero, rimangono in piedi le mie obiezioni di cui sopra: se Dio assiste indifferente allo sterminio di milioni di sue creature innocenti, o non è onnipotente o ne è responsabile. La terza ipotesi, per ragioni di accademia, la teniamo da parte.


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
38
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
scusa euvitt potrei bella-mente continuare a farmi i cazzi miei, anche perchè mari non ha bisogno di difensori, comunque dire "non andrei a vivere in una situazione di possibile pericolo" e dire "nato e cresciuto in una situazione di possibile pericolo sono imbecille se non me ne vado" non è la stessa cosa, quindi il paragone vesuvio-haiti è forzato, fine dell'intervento.

Vedi il profilo dell'utente
39
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Le teologie, le teodicee, i "pro" o "contro" Dio sono paradossalmente accomunate dal pensarlo come oggetto, come Altro ( e dunque fonte di alienazione), come ente (fosse pure il sommo). E si sprecano gli antropomorfismi su un Dio che fa o non fa, interviene o si assenta, compassionevole o irato etc.etc..Un dio oggetto che sta in relazione con la volontà propria del soggetto e delle sue proiezioni, dei suoi legami (religio appunto). Anche lo strombazzato tetralemma epicureo (può ma non vuole, vuole ma non può, nè può nè vuole, può e vuole ma dunque?) non sfugge dall'antropomorfismo, dimenticando che in Dio, assoluta semplicità, volere e potere sono la stessa cosa. E sono il suo stesso essere. La volontà di Dio è la bontà di Dio e la bontà di Dio è la volontà di Dio e sono l'essere di Dio. Se dunque io attribuisco una buona volontà e una impotenza o una onnipotenza e una cattiva volontà a Dio, sto interpretando Dio con caratteristiche umane. Meister Eckhart affermava che "Dio è un ente per i peccatori" e pregava Dio di liberarlo da Dio. Consapevole che la radice del male risiede nella volontà appropriativa dell'ego, del soggetto che si pensa altro dalla comprensione del tutto e della sua unità. "Pensare il male è pensare male" è l'assunto che percorre la grande mistica speculativa da Eraclito attraverso Eckhart sino a Spinoza ed Hegel.

Vedi il profilo dell'utente
40
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
la gente come te mi fa sorridere, tu non parli di dio, poi ne parli, dici non dovete rendere cosa dio e lo rendi cosa, sei la contraddizione del tuo non essere e non sai neppure riderne a sufficenza, povero aleister condannato a capire le cose Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
41
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:la gente come te mi fa sorridere, tu non parli di dio, poi ne parli, dici non dovete rendere cosa dio e lo rendi cosa, sei la contraddizione del tuo non essere e non sai neppure riderne a sufficenza, povero aleister condannato a capire le cose Sorriso Scemo

party party party
non per quel che hai scritto ma perché è il tuo messaggio N° 5000

Vedi il profilo dell'utente
42
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@marimba ha scritto:
@euvitt ha scritto:ma perdonami...che tu creda o no in Dio...(e credere non è la parola giusta ) e che creda o no nella creazione (e neanche creazione è una parola giusta) cosa ti fa pensare che un Creatore debba sorvegliare la propria creazione?
Un ingegnere che costruisce un ponte non rimane mica sulle sponde a controllare pioggia vento e passanti
Me lo fa pensare il fatto che l'idea di Dio che viene fatta passare non è quella di un ingegnere che una volta intascata la parcella si disinteressa del proprio lavoro, ma quella di un essere pieno di amore, onnisciente, onnipotente ed onnipresente. Se questo è vero, rimangono in piedi le mie obiezioni di cui sopra: se Dio assiste indifferente allo sterminio di milioni di sue creature innocenti, o non è onnipotente o ne è responsabile. La terza ipotesi, per ragioni di accademia, la teniamo da parte.

l'universo...anzi gli infiniti universi (già...non c'è un solo universo con un solo mondo abitato con un solo Papa unico rappresentante di Dio)...sono luoghi di Libertà
Qualunque idea venga fatta passare (compresa la mia) è limitata ma l'idea che Dio stia lì con ansia a controllare che le cose vadano secondo il suo volere (ma quale volere????? tutti parlano della volontà di Dio ma a me sembra che parlino di loro stessi) è una boiata pazzesca
nell'universo Dio non entra ...consideralo un parco giochi per bambini coi papà fuori

Vedi il profilo dell'utente
43
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
@euvitt ha scritto:nell'universo Dio non entra ...consideralo un parco giochi per bambini coi papà fuori
Un papà che, se il bambino si spacca la testa con l'altalena, fa un sorrisino indifferente e si rimette a leggere il giornale.


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
44
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:la gente come te mi fa sorridere, tu non parli di dio, poi ne parli, dici non dovete rendere cosa dio e lo rendi cosa, sei la contraddizione del tuo non essere e non sai neppure riderne a sufficenza, povero aleister condannato a capire le cose Sorriso Scemo

Felicissimo di regalarti un sorriso. Purtroppo hai sbagliato referente, (io) non ho mai parlato di nulla, sono stato (dis)abitato da Eraclito, Eckhart, Spinoza o Hegel, oltre la presunzione di essere autore di alcunchè, questo sì davvero ridicolo, come chi sia persuaso di rivolgersi ad un "me". Ri-ferisciti (fatti nuovamente del male)ai sopracitati, magari ti rispondono. Poi fatemi sapere, al limite.... cool

Vedi il profilo dell'utente
45
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@marimba ha scritto:
@euvitt ha scritto:nell'universo Dio non entra ...consideralo un parco giochi per bambini coi papà fuori
Un papà che, se il bambino si spacca la testa con l'altalena, fa un sorrisino indifferente e si rimette a leggere il giornale.

la premessa sta nell'illusorietà della manifestazione...in realtà nessuno muore
capisco i tuoi dubbi...il Dio cattolico è un dio con volontà e intenzioni...un dio che vuole che i figli lo adorino strisciando e che, dopo aver lasciato una buona scia di bava potranno essere accolti in un paradiso dove ci si spaccano i coglioni a cantare lodi a dio tutti vestiti con tuniche bianche e senza trombare che quello si fa all'inferno
quel dio, avendo volontà ed obiettivi, ogni tanto si distrae e lascia che avvengano orrori e catastrofi...e se quel dio fosse veramente così io gli urlerei di cancellarmi immediatamente da 'sto schifo de mondo

...se non togli tutto questo parliamo di cose differenti e non ci capiamo


Vedi il profilo dell'utente
46
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@marimba ha scritto:
@Edmond_Dantes89 ha scritto:
@marimba ha scritto:Fame e guerre avvengono per colpa dell'uomo, ma malattie e terremoti no. Da cui si deduce che o queste calamità avvengono contro la volontà di Dio, e quindi Dio non è onnipotente, o che avvengono per volontà di Dio, e quindi Dio è un sadico. Tertium non datur. (Anzi, datur ma non rientra nelle ipotesi di partenza... )

Io in realtà penso che anche le malattie siano colpa dell'uomo..non conosciamo ancora le cause di molte malattie gravi, quindi possono anche essere dovute al nostro stile di vita (es. probabilità di avere cancro ai polmoni fumando)..per quanto riguarda le catastrofi naturali quelle sono ovviamente imprevedibili, ma i danni che ne derivano possono comunque essere evitati: io per esempio non andrei mai a vivere vicino al Vesuvio, ma c'è gente che invece lo fa..
Scommetto dunque che consideri gli abitanti di Haiti degli imbecilli, perchè invece di allontanarsi dalla propria isola situata in zona sismica sono rimasti lì a beccarsi il terremoto che ha fatto mezzo milione di morti. Diciamo che ben gli sta.
Ma Dio, nel frattempo, dov'era?
scratch
Era lì, perchè Dio E' il terremoto.
E quel Dio che è un uomo non era lì perchè non esiste.
scratch

Vedi il profilo dell'utente
47
Finalitario
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Questo topic ha ripreso la piega del Dio si, Dio no, ma perché non interviene o tanto altro. Ricordo soltanto un passo, per chi crede alla verità di certi scritti e anche a quell storica. Sembra che l'intervento di Dio non avvenne neppure in occasione della crocifissione di Gesù. Questo dovrebbe farci riflettere su di una cosa, l'uomo, nella sua volontà è lasciato libero di decidere. Le decisioni che prendiamo hanno un valore persino superiore alla volontà di Dio. Ma se questo è vero (e sembra di si)allora ogni decisione ha un valore estremamente importante. Stesso discorso per chi ha detto che non si muore, secondo me questo non potrebbe essere vero. Nel momento in cui ogni nostra decisione viene attuata è logico che ci sia anche una contropartita in tutto questo, una responsabilità. Quindi è anche logico pensare che ogni nostra decisione venga sottoposta a giudizio.

Per quanto riguarda la natura, anche qui sembra logico pensare che gli accadimenti che avvengono in natura non sono impediti, non ci sono miracoli, tutto avviene secondo una logica naturale. E poi del resto quello che conta risiderebbe in altri elementi che non il corpo fisico. Quindi secondo questa ipotesi non conta la durata della vita ma i valori

Vedi il profilo dell'utente
48
Edmond_Dantes89
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@marimba ha scritto:Scommetto dunque che consideri gli abitanti di Haiti degli imbecilli, perchè invece di allontanarsi dalla propria isola situata in zona sismica sono rimasti lì a beccarsi il terremoto che ha fatto mezzo milione di morti. Diciamo che ben gli sta.
Ma Dio, nel frattempo, dov'era?


Io non ho insultato nessuno, dico solo che sulla Terra ci sono zone a rischio, e se queste zone fossero disabitate anche il terremoto peggiore del mondo causerebbe zero vittime. Nessuno dice "ben gli sta", ma non si può dire "è colpa di Dio" se c'è stata una catastrofe naturale in un luogo notoriamente sismico..

Vedi il profilo dell'utente
49
Edmond_Dantes89
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@Finalitario ha scritto:Sembra che l'intervento di Dio non avvenne neppure in occasione della crocifissione di Gesù. Questo dovrebbe farci riflettere su di una cosa, l'uomo, nella sua volontà è lasciato libero di decidere. Le decisioni che prendiamo hanno un valore persino superiore alla volontà di Dio.

Ed è per questo motivo che non si può dare la colpa a Dio, il destino o qualsivoglia volontà soprannaturale..i soli responsabili dei nostri mali siamo noi, e dobbiamo biasimare solo noi stessi..

Vedi il profilo dell'utente
50
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La presenza dell'ego, la volontà propria, è ciò che fa soffrire, il dolore che ci accompagna sempre. E' il male, sia come cattiveria che come dolore. Ma nessun dolore affligge chi ha rinunciato a se stesso: egli accoglie con animo uguale il bene ed il male, amandoli entrambi allo stesso modo - anche se il bene in quanto bene, il male in quanto male..

Vedi il profilo dell'utente
51
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 4]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum