Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Psicologia e Sociologia dell' Eroismo: interrogativi

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Chi è l’eroe? Quali sono le sue qualità?

L’eroe è una figura che appartiene all’immaginario di tutti noi. Ne parla il mito, ne parla la storia. All’interno del mito l’eroe ha la funzione di fornire un modello di comportamento. Nella storia è il personaggio più rappresentativo rispetto alle azioni che pongono in essere un insieme di fatti che si tramandano come positivi, oppure come coraggioso protagonista di un insieme di fatti che si tramandano come negativi.
E così, anche nella vita di ogni giorno l’eroe è colui che riesce ad agire comportamenti che contribuiscono al bene comune, anche se rischiosi. Non solo. Eroe è anche chi pospone il suo interesse a quello altri, e tra tali interessi accantonati in favore degli altri l’autoconservazione è forse il più qualificante. L’eroe rischia tutto se stesso, compresa la vita.

Ma cosa rende certe persone eroiche?

Alcune recenti ricerche individuano nell’influenza ambiente famigliare un fattore fondamentale. Gli eroi proverrebbero da famiglie che educano con l’esempio i figli a comportamenti etici, alla solidarietà e all’empatia.
Eppure, spesso gli eroi dichiarano di aver agito per istinto.

Cos’è dunque questo istinto?
Da cosa proviene davvero?
Perché alcuni agiscono da eroi ed altri no?
Si può davvero educare all’eroismo?
E ancora, che valore ha la presenza di atti eroici nella società?
Che valore ha l’esistenza dell’eroe per gli altri?
E la sua assenza?
Esiste una società senza eroi?
Se per voi esiste, di che tipo di società si tratta?
Cosa può averla resa priva di eroi?
In cosa differisce da una società che ha eroi da ricordare?


Vedi il profilo dell'utente
2
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
chi è l'eroe? È un mostro sotto mentite spoglie, o un mostro inconsapevole di esserlo.

Vedi il profilo dell'utente
3
Rupa Lauste
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
L'eroe é una delle figure peggiori nella nostra civiltá. Concetto travisato, frainteso, pericoloso e strumentalizzato.
O perlomeno l'eroe della societá dello spettacolo, quello celebrato dalla massa e presentato alla massa come "eroe" appunto.
Se ci sono eroi, sono invisibili, in silenzio portano avanti il mondo.
L'operaio, l'impiegato ,la mamma, il papá, il postino.

"Tali persone,che si ignorano, stanno salvando il mondo" JLB

e comunque non li chiamerei mai eroi.

Vedi il profilo dell'utente
4
Unachi
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
L'eroe ...mi ha sempre fatto un effetto strano (non piacevole).
Riesco a vederlo solo come uno trascinato da proprie compulsioni emotive, e con scarso senso di realtà, anche (ma non solo) in rapporto alla drasticità irreversibile del concetto di morte.

Vedi il profilo dell'utente
5
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Rupa Lauste ha scritto:L'eroe é una delle figure peggiori nella nostra civiltá. Concetto travisato, frainteso, pericoloso e strumentalizzato.
O perlomeno l'eroe della societá dello spettacolo, quello celebrato dalla massa e presentato alla massa come "eroe" appunto.
Se ci sono eroi, sono invisibili, in silenzio portano avanti il mondo.
L'operaio, l'impiegato ,la mamma, il papá, il postino.

"Tali persone,che si ignorano, stanno salvando il mondo" JLB

e comunque non li chiamerei mai eroi.

cool
In questi tempi è facile definirlo:un eroe è un computer con due braccia
e due gambe e telecamera.
Gli Israeliani hanno inventato un serpente di acciaio ripieno di esplosivo, con 16 gambe in grado di introdursi in tutti i buchi e nascondigli segreti.
Se nella tana dove si introduce vede dei terroristi,esplode.

Fra alcuni anni gli Israeliani depositeranno una corona d'alloro
al serpente Ignoto.

Parlando seriamente diciamo che un eroe è uno schiavo tutto dedito
a proteggere i soldi del suo padrone.

cool

Vedi il profilo dell'utente
6
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
allora ero partito per parlare male degli eroi ma se tutti ne dite male allora i sostengo gli eroi, forza eroi! Ma quali eroi?

Quelli in guerra? No non mi piace la guerra!

Quelli tipo sandokan e zorro? Già di più ma sono personaggi!

Allora eroi veri che non uccidono... quelli che fanno la propria vita senza rompere il cazzo agli altri????

Sì per me son questi e sono pochissimi!

Vedi il profilo dell'utente
7
RevolutionHope

Viandante Residente
Viandante Residente
Secondo me si nasce leoni oppure pecore.

Vedi il profilo dell'utente
8
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum