Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Un forum differenziato

Condividere 

Andare alla pagina : 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 2]

1
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La prima volta che ho messo piede in questo forum mi sono trovato a vivere sensazioni analoghe a quelle di un maestro delle scuole elementari, appena entrato in una classe differenziata di un malfamato quartiere di periferia. Lo scoraggiamento non aveva ancora finito il suo sporco lavorio di consunzione delle mie buone intenzioni che, a una conoscenza della classe più approfondita, si è trasformato in pura disperazione. Il compito di portare un pochino di ordine in quel coacervo di intelligenze assenti è apparso subito improbo, ed è stato opportunamente sostituito da un fine senz'altro meno elegante, ma più consono alla disperata situazione: sopravvivere almeno una giornata per guadagnare il tempo di presentare le mie dimissioni al provveditorato. Alla fine della prima giornata da incubo ho avuto sentore di un miracolo imminente: in quella nefasta e indimenticabile giornata avrei persino potuto evitare di uccidere qualcuno.
Il tempo poi ha continuato a fluire col suo insensato procedere stando fermo, e io mi sono rassegnato al destino inglorioso del parlare per niente a menti così trasandate da non sentire neppure il bisogno di sapere che la loro potenzialità consisteva nel non volersi porre questioni di alcun genere.
Oggi continuo a parlare al vento dell'impostura elevata ad arte eccelsa, e mi diverto a osservare i creativi modi nei quali il mio dire non è compreso. Ho scoperto di essere io l'allievo e loro i maestri; sì, perché sono tre le vie del conoscere: c'è quella che attraversa lande sconosciute guardandosi intorno; quell'altra che sa già tutto, ma in modo sbagliato e si occupa di buttare a mare gli errori; e infine l'ultima, la mia, quella data dal considerare la disperazione degli altri come fosse la mia, alla quale, però, partecipo come uditore senza soffrire alcuna pena, come quando si va all'acquario a osservare i colori dei pesci valutandoli non per la loro bellezza, ma per i cambiamenti che il friggere imprimerà loro...

Vedi il profilo dell'utente
2
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
attento alle lische, Massimino miooooooo!

Vedi il profilo dell'utente
3
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Quindi continui a leggere e scrivere nel forum per pura carità ...
Volevo fare un appunto, forse le menti trasandate di cui parli non hanno semplicemnte voglia di leggere ciò che scrivi e per questo ti sembra di parlare con nessuno

Vedi il profilo dell'utente
4
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Mai detto di avere la sensazione di parlare con nessuno. Piuttosto mi lamento di farlo con un sacco di menti inadeguate alla comprensione della purezza cristallina che sgorga parole impregnate di puro intento altruista. D'altra parte come potrebbero essere interessate a ciò che scrivo due gambe che indossano tacchi così vertiginosi da costringere a essere indossati stando sedute, ché se quelle gambe si alzassero il resto del corpo pendolerebbe in avanti, mettendo in serio e meritato pericolo la testa che ha comprato delle scarpe da manicomio.

Vedi il profilo dell'utente
5
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ho deciso che d'ora in poi quando mi viene voglia di dare dell'imbecille a qualcuno non lo farò più nè commenterò ma esporrò solo una faccina ridente sdentata per ogni grado di imbecillità come si danno le stellette ai film direi che tu hai guadagnato tre sdentati!

Vedi il profilo dell'utente
6
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
L'hai pensata giusta. Perché privarti di una cosa della quale detieni il copyright? Molto meno dispendioso demandare il compito del comunicare ai simboli, con la sola limitazione data dal dover utilizzare quelli coi quali hai dimestichezza e affinità.
Potrei giurare che non hai mai cercato su un vocabolario il significato del termine "imbecille". Fallo, avrai una sorpresa nel constatare che ti si attaglia come fosse fatto da Armani nude.

Vedi il profilo dell'utente
7
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
bah sai io non sono senza bastone, nè somiglio ad un batterio al massimo ad uno strepto-cocco che come sai è sferico o ovoidale, non sono debole nè languido,

Vedi il profilo dell'utente
8
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Massimo Vaj ha scritto:Mai detto di avere la sensazione di parlare con nessuno. Piuttosto mi lamento di farlo con un sacco di menti inadeguate alla comprensione della purezza cristallina che sgorga parole impregnate di puro intento altruista. D'altra parte come potrebbero essere interessate a ciò che scrivo due gambe che indossano tacchi così vertiginosi da costringere a essere indossati stando sedute, ché se quelle gambe si alzassero il resto del corpo pendolerebbe in avanti, mettendo in serio e meritato pericolo la testa che ha comprato delle scarpe da manicomio.
Si la penso come te, in effetti la signorina della foto avrà sicuramente problemi di sbilanciamento , ma i suoi problemi non mi riguardano e spero neanche a te, seppure tu abbia osservato con molta attenzione le sue gambe e i suoi tacchi da fare un'analisi dettagliata della sua ipotetica condizione di salute mentale .

Riguardo alle menti inadeguate credo che potrai trovare menti adeguate alla tua in altri luoghi che sicuramente tu conosci già , ma evidentemente ti diverte stare qua.

Vedi il profilo dell'utente
9
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Non è così. Almeno in occidente saranno qualche decina le persone che vedono ciò che vedo, e non hanno un sito sul quale masturbarsi inutilmente, perché quando due persone vedono la stessa identica cosa non hanno la necessità di dirselo.

Vedi il profilo dell'utente
10
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Massimo Vaj ha scritto:Non è così. Almeno in occidente saranno qualche decina le persone che vedono ciò che vedo, e non hanno un sito sul quale masturbarsi inutilmente, perché quando due persone vedono la stessa identica cosa non hanno la necessità di dirselo.


Cosa saresti ? una specie di santone, un unto , che deve raccontare agli altri delle verità che non possono conoscere perchè è dato solo a lui di conoscerle?

Vedi il profilo dell'utente
11
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Per essere unto sono unto, ma per una deprecabile inclinazione a lavarmi sporadicamente e solo quando tutti, nell'ascensore, topi compresi, si precipitano fuori al mio entrare.
La verità è dato a tutti conoscerla, perché la verità è la realtà, incluse le menzogne che devono dirsi vere menzogne.
È naturale che ognuno poi interpreti nella misura resa possibile dal suo grado intellettivo, ma anche nei casi da ritenersi pregevoli resta sempre una distanza tra il vero e la sua interpretazione individuale. Il vero conoscere deve, necessariamente, essere identificativo, quando considerato dal punto di vista dell'essere che conosce, o assimilativo se la visuale è quella della realtà conosciuta nei confronti di chi a essa si è identificato. È vero che a questo ultimo modo di conoscere, immediato e diretto, solo in pochi hanno accesso e, a peggiorare le cose, questo è un vedere incomunicabile nella sua essenza. Io, infatti, non comunico un bel niente, mi limito a discutere opinioni che non sono sovrapponibili alla verità che vedo.
Questo farebbe di me un unto? Non è, questo, il mio modo d'intendere la cosa. Io sono, come voi tutti, un essere e, a differenza di voi tutti, non lo do semplicemente a vedere...

Vedi il profilo dell'utente
12
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Quindi la verità è soggettiva , per cui esistono milioni di verità , tu però hai stabilito che la tua verità è quella vera perchè tu vedi e conosci in modo immediato e diretto . Trovo che le tue idee siano soggettive ma è difficile che chi sta dentro ad un cervello, un essere, possa capire totalmente quanto sia soggettivo il proprio punto di vista.

Non dai a vedere di essere un essere...e ma credo che noi in qualche modo lo abbiamo percepito malgrado tu facessi di tutto per non darlo a vedere

Vedi il profilo dell'utente
13
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
na vaj è un avere...anzi un ebbe

Vedi il profilo dell'utente
14
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La verità, quando è relativa e dunque conseguenza di divisioni molteplici, è soggettiva o oggettiva in dipendenza del punto di vista dal quale è considerata nei confronti della sua possibilità di applicazione. Quando la Verità è considerata nella sua totalità è corrispondente alla totalità universale della realtà manifestata. Il Centro dal quale la realtà origina è Verità assoluta e, di conseguenza, oltre l'oggettività e la soggettività. L'Assoluto è Verità assoluta, unica, non divisa, non estesa, non durevole, che non può contraddire se stessa.
Sai tulip... tu non dai a vedere il colore delle tue mutande, e nonostante tutto tutti se ne fregano se le porti o ti fai portare da loro. L'importante non è ciò che si vede immaginando, ma è quello che non si può ancora vedere perché non si è capaci di vedere.
Stavolta non ci ho capito un cavolo nemmeno io, e sì che sono un sant'uomo con tanto di attestato.

Vedi il profilo dell'utente
15
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
L'Assoluto è Verità ma noi non lo conosciamo , intravediamo qualcosa per quel tanto che la nostra mente riesce a comprendere, credo che conoscere la Verità assoluta sarebbe troppo pesante per noi piccoli esseri umani, quindi è giusto che si scopra piano piano e forse neanche nei secoli riusciremo mai a conoscerla per intero.

Tu affermi di essere un sant'uomo e di conoscere la verità così come io adesso affermo di possedere qualche milione di euro ed essere Monica Bellucci...ma così non è

Ognuno è libero di affermare ciò che vuole ed è anche libero di desiderare di essere preso sul serio oppure no

Vedi il profilo dell'utente
16
Jester

Viandante Storico
Viandante Storico
non toccatemi quelle scarpette deliziose! hissfit
ziovaj, che te ne frega a te, se quella quando si alza, é sbilanciata in avanti o cammina male!!??! hissfit
tu sei un essere superiore..questi dettagli, lasciali a chi se ne intende
la tua MISSIONE é un'altra, é altrove...i dettagli materiali non ti devono interessare...tu ci devi ILLUMINARE il cammino...la via SPIRITUALE...

Vedi il profilo dell'utente
17
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Io non ho detto di vedere la Verità assoluta, la quale, essendo pura Essenza infinita e senza forma, è inconoscibile. Ma conosco, in modo assoluto, i princìpi universali e ordinatori dell'esistenza, dunque da quelli ogni mio ragionare procede e con quelli deve fare i conti. Naturalmente mi affatico per applicare le conseguenze di un conoscere attraverso il vedere; un conoscere che non appartiene all'uomo, ma che l'uomo può considerare quando qualificato per farlo. Questo non rende perfetti, ma consente di conoscere, in modo privo di dubbi, cos'è la perfezione e come può essere raggiunta.

Vedi il profilo dell'utente
18
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Io sono del parere che i principi universali e ordinatori a cui ti riferisci sono dentro ogni uomo, laddove nascono i dubbi e i problemi ci sono anche le risposte e le soluzioni, basta saper cercare e non è semplice. In ogni caso non sei detentore di nulla di quanto non lo sia io o tutti gli altri

Vedi il profilo dell'utente
19
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Sai cosa si deve intendere per princìpi universali? Io non sono detentore di nulla, sono solo un espositore. Nessuno può dirsi di possedere la verità, perché la verità può essere guardata, vista, considerata, ma mai inventata e nel caso lo fosse si dovrebbe dire che è una vera invenzione o una vera ipotesi.

Vedi il profilo dell'utente
20
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Qui non si tratta di avere pareri. O i princìpi li conosci in modo assolutamente certo, di una Certezza assoluta quindi, o non sai cosa essi siano e che valore abbiano nella gerarchia che ne ordina l'approssimazione al Centro dal quale originano.
Lo so che possono sembrare parole, ma io sono in grado di mettere in croce chiunque su ciò che vedo, perché la vista interiore, finché resta priva di valenza interpretativa, non è suscettibile d'errore, e io non interpreto, ma espongo senza che di mio ci sia nulla. Non è una conoscenza che mi appartiene.

Vedi il profilo dell'utente
21
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Se sei convinto che sia così qualsiasi cosa possa scrivere non serve a nulla.
Tu continua pure a fare quello che credi sia giusto, io continuo per la mia strada. Pensavo ci fosse qualcosa da capire e di cui discutere ma mi sono sbagliata, chiedo venia

Vedi il profilo dell'utente
22
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La conoscenza, quella identificativa, non può essere trasferita, proprio perché è identificativa e anche perché l'Assoluto è libertà assoluta, e mai potrebbe contraddirsi lasciando che qualcuno possa fare per altri ciò che spetta ad altri compiere. Tuttavia si può discutere di ciò che è discutibile. Se qualcuno avesse fatto a me la domanda che io ti ho posto lo avrei messo in croce.

Vedi il profilo dell'utente
23
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Evidentemente mi sono persa..qual'era la domanda?

Vedi il profilo dell'utente
24
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La domanda è stata se sapevi cosa di dovrebbe intendere per "princìpi universali".
Ora devo andare a nanna altrimenti mia moglie mi spezza qualcosa a cui tengo, tipo il dito mignolo che utilizzo per respirare meglio. Leggerò ciò che scriverai domani, se sarò ancora in vita. Ora cercherò di convincerla che anche se lei sarà l'ultima a guadagnarci forse ne potrebbe valere la pena...

Vedi il profilo dell'utente
25
tulip
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
I principi universali credo siano l'amore, la verità e tutti quei valori assoluti e incorruttibili

Vedi il profilo dell'utente
26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 2]

Andare alla pagina : 1, 2  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum