Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Fantapolitica 2 (Anzi fantapolitica 1800)

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Herr Gespenst

Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ispirandomi a un tema di bigblosssticazzi apro un tema simile.

Se vi foste trovati nel 1815 a Vienna al famoso congresso post guerre napoleoniche, avendo l'onore di trovarvi al cospetto dei vari ministri che rappresentano l'Imperatore, lo Zar, il Re di Francia di inghilterra di Prussia e tutti i vari duchi e granduchini dei vari staterelli tedeschi e italiani. Con Tutta questa gente illustre che per un qualche caso è interesata a sentire quello che avete da dire al riguardo del nuovo assetto politico ed economico da dare all'Europa e sulla sorte dei vari stati minori che la compongono. Quali programmi e assetti politici avreste proposto? sbizzarritevi pure anche qui.

Vedi il profilo dell'utente
2
Bumble-bee
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Esattamente niente di diverso da ciò che decisero i restauratori, poichè il "seme" era già stato diffuso in tutta Europa, sia dalla rivoluzione francese, sia da Napoleone e le sue campagne militari. I moti che scoppiarono nel 1848 a Napoli e in altre città, non furono altro che il frutto di quanto seminato prima. E alla fine, la "mera questione geografica", diventò una nazione alla faccia di qualcuno di mia conoscenza. Tschüß!!


Gli abusi del potere generano le rivoluzioni; le rivoluzioni sono peggio di qualsiasi abuso. La prima frase va detta ai sovrani, la seconda ai popoli. » (Klemens von Metternich)


Vedi il profilo dell'utente
3
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ai nobili avrei da dire solo "vammorìammazzato" non c'è giustizia sociale nel nostro passato, riusciremo a realizzarla in futuro?

Vedi il profilo dell'utente
4
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Herr Gespenst ha scritto:Ispirandomi a un tema di bigblosssticazzi apro un tema simile.

Se vi foste trovati nel 1815 a Vienna al famoso congresso post guerre napoleoniche, avendo l'onore di trovarvi al cospetto dei vari ministri che rappresentano l'Imperatore, lo Zar, il Re di Francia di inghilterra di Prussia e tutti i vari duchi e granduchini dei vari staterelli tedeschi e italiani. Con Tutta questa gente illustre che per un qualche caso è interesata a sentire quello che avete da dire al riguardo del nuovo assetto politico ed economico da dare all'Europa e sulla sorte dei vari stati minori che la compongono. Quali programmi e assetti politici avreste proposto? sbizzarritevi pure anche qui.
cool
Avrei fatto lo stesso discorso che ha fatto il Metternich:

"Signori,come è stato possibile per il popolo francese ghigliottinare Re e Principi?
Potevano farlo perchè tali re e pricipi erano REALMENTE coloro che comandavano e il popolo sapeva chi erano e dove abitavano.
D'ora in poi nessuno dovrà sapere chi sono veramente coloro che comandano e perciò potranno agire indisturbati...."

E così è stato fatto :negli Stati Uniti tutti sono convinti che Obama sia quello che comanda Sorriso Scemo e in Italia sono tutti convinti che al di sopra di Berlusconi non c'è nessuno rotolarsi dal ridere

rotolarsi dal ridere

Vedi il profilo dell'utente
5
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
sono preoccupato ho appena apprezzato un topic di automaalox ed ora apprezzo un intervento di hakim: cazzo stò male, adesso vado a misurarmi la febbre!

Vedi il profilo dell'utente
6
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
:_-_:

Sai chi ha avuto l'idea di provocare l'attuale crisi economica?

La Commissione Trilaterale .

Sai cos'è?

Certamente no.

E se i cittadini non sanno che cos'è,loro possono fare ciò che vogliono.

Realizzato il sogno di Metternich !

nascondersi

Vedi il profilo dell'utente
7
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
il punto non è chi pensa di manovrare la crisi, il punto è che la popolazione mondiale si appoggia sul sistema che viene propagandato, adottano uno stile di vita malsano e distruttivo, il cambiamento verrà dal basso, o in meglio o in peggio, ma sono le masse di schiavi sfruttati che si ribellano non quegli schiavi che credono di comandare.

Vedi il profilo dell'utente
8
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Herr Gespenst ha scritto: Quali programmi e assetti politici avreste proposto? sbizzarritevi pure anche qui.

Ok... io o faccio... ma poi mi spiegherai anche cosa ti eri bevuto per concepire questa domanda. rotolarsi dal ridere

Riguardo all'Italia, mettendomi dal punto di vista dell'Austria, avrei diviso il paese in molti stati ma avrei fatto in modo di estendere su di essi la mia influenza in modo omogeneo. Se lo scopo era gestire un territori la presenza di stati autonomi poteva solo creare problemi. Magari avrei creato un sistema di amministrazione che delegava molto all'autogoverno a livello locale ma controllando il tutto attraverso organismi collegati alle autorità centrali. Avrei rinunciato sia a manovre repressive che a sancire un ritorno al passato. Anzi, avrei fatto il contrario: una dominazione che sembra sinonimo di crescita e libertà risulta ben accetta. In questo senso avrei lavorato per ottenere l'appoggio dell'opinione pubblica liberale europea.

Non so, se ricordo bene ciò che è stato fatto e ciò che non è stato fatto però imbarazzo nascondersi

Vedi il profilo dell'utente
9
Blasel
avatar
Banned
Banned
@NinfaEco ha scritto:



Riguardo all'Italia, mettendomi dal punto di vista dell'Austria, avrei diviso il paese in molti stati ma avrei fatto in modo di estendere su di essi la mia influenza in modo omogeneo. Se lo scopo era gestire un territori la presenza di stati autonomi poteva solo creare problemi. Magari avrei creato un sistema di amministrazione che delegava molto all'autogoverno a livello locale ma controllando il tutto attraverso organismi collegati alle autorità centrali. Avrei rinunciato sia a manovre repressive che a sancire un ritorno al passato. Anzi, avrei fatto il contrario: una dominazione che sembra sinonimo di crescita e libertà risulta ben accetta. In questo senso avrei lavorato per ottenere l'appoggio dell'opinione pubblica liberale europea.

Cara Ninfa, vediamo di analizzare il tuo post che tanto 'fantapolitica' non e'... anzi, mi sembra che quanto hai detto ed ho messo in grassetto, corrisponda molto alla realta'.

Il Duicato di Parma & Piacenza, nel 1815, era gia', da un anno, affidato a Maria Luigia, ex moglie di Napoleone e figlia dell'imperatore Francesco I. La 'provincia veneta, comprendente, oltre al vento, l'Istria e la Dalmazia, era parte integrante dell'impero austro-ungarico. Con la morte di Gioacchino Murat, nel 1815, il regno di Napoli ritorno' ai Borbone con Ferdinando ch'era il marito di Maria Carolina d'Austria, sorella di Maria Antonietta di Francia e figlia dell'imperatrice Maria Teresa. Fino alla rivoluzione francese, i rapporti fra Napoli e Parigi erano idilliaci, mentre quelli con l'Inghilterra che voleva espandere i suoi protettorat di Malta e Gibilterra anche alla Sicilia, erano ostili. Ovviamente questi rapporti cambiarono con la morte di Maria Antonietta e l'avvento dell'ambasciatore Hamilton e dell'ammiraglio Horatio Nelson, con la sua flotta, a Napoli. Quando, poi, nel dicembre 1816 Ferdinando riuni' il regno di Napoli alla Sicilia, divenendo Ferdinando I delle due Sicilie, e nel 1820, dopo i moti rivoluzionari, il re fu convocato a Lubiana, dove ricevette le direttive dal suocero, a conferma che era l'impero, e per esso l'imperatore austro-ungarico, a controllare anche il sud dell' "espressione geografica".

Diversa e' la situazione dello Stato Pontificio, restituito nel 1814 alla santa sede (Pio VII), protetto dai Savoia (fino al 1855), dai Borbone e dagli Asburgo, dove ad un'efficienza amministrativa non corrispose analoga efficienza organizzativa e programmatica di sviluppo, determinando il malcontento che produsse, anche cola', moti rivoluzionari.

Quindi : l'Austria, con il suo impero, controllava, in pratica, tutta l'Italia, gia' nel 1815.

Vedi il profilo dell'utente
10
Herr Gespenst

Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@NinfaEco ha scritto:
@Herr Gespenst ha scritto: Quali programmi e assetti politici avreste proposto? sbizzarritevi pure anche qui.

Ok... io o faccio... ma poi mi spiegherai anche cosa ti eri bevuto per concepire questa domanda. rotolarsi dal ridere

Riguardo all'Italia, mettendomi dal punto di vista dell'Austria, avrei diviso il paese in molti stati ma avrei fatto in modo di estendere su di essi la mia influenza in modo omogeneo. Se lo scopo era gestire un territori la presenza di stati autonomi poteva solo creare problemi. Magari avrei creato un sistema di amministrazione che delegava molto all'autogoverno a livello locale ma controllando il tutto attraverso organismi collegati alle autorità centrali. Avrei rinunciato sia a manovre repressive che a sancire un ritorno al passato. Anzi, avrei fatto il contrario: una dominazione che sembra sinonimo di crescita e libertà risulta ben accetta. In questo senso avrei lavorato per ottenere l'appoggio dell'opinione pubblica liberale europea.

Non so, se ricordo bene ciò che è stato fatto e ciò che non è stato fatto però imbarazzo nascondersi

Avevo preparato un mix di jack 3D e di amminoacidi il pomeriggio prima di andare in palestra.

Vedi il profilo dell'utente
11
Bumble-bee
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
-°-°-


E per concludere... a noi Strauss ci fa una pippa!!!! lui e la marcia di quel rincoglionito di Radetzky!!



Molto meglio Giaocchino... con il suo estro e la sua fantasia... tipicamente italiana!!! rolleyss

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum