Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

La stella di mare

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La stella di mare


da un racconto
di P. Savio Corinaldesi


Sulle lunghe spiagge bianche del Brasile, dove l'oceano Atlantico viene a raccontare le storie che ha raccolto qua e là, tra l'Europa e l'Africa, qualche volta c'é bufera.

Irato per chissà quale motivo il grande mare innalza cavalloni paurosi, marosi e frangenti giganti coronati di schiume e di spruzzi.

Urlando, di quell'urlo profondo e tremendo che solo l'abisso sa fare, a volte per ore, per tutta la notte, mostri immensi di acqua salata erodono il fondo di sabbia e di ghiaia portando scompiglio.
E strappano ciottoli e piante, e animali, e tutto trascinano e lasciano a terra a mostrare la rabbia e la forza tremenda di potenze sconvolte.
Poi passa. E d'incanto, al mattino, piccole dolci onde sornione si ricorrono baciando la riva; a vederle diresti che scherzano fra loro.

Di tanto recente furore rimangono le tracce. Migliaia, milioni di piccole cose strappate dal mare e gettate a seccare all'asciutto.

Un bimbo cammina. Percorre la riva seguendo le curve disegnate stanotte coi corpi di tanti esserini rubati ai fondali Conchiglie, granchietti, ed alghe di tutti i colori. Va il bambino, ma non passeggia, guarda vigile il suolo. E ad ogni passo si china, raccoglie una stella marina che ancora resiste, che agonizza ma ancor non è morta nel sole che s’alza, e con rapido gesto la lancia nell'acqua. E procede, cercando di fare più in fretta che può.

L’Uomo saggio lo ferma:
«Bambino, - gli fa - ma non vedi quant’é mutile e vuoto il tuo gesto?... Gentile è senz'altro, ché è triste la morte di ogni creatura, per quanto misera e piccola sia... Ma cosa vuoi farci? è nell'ordine di tutte le cose che accada anche questo, come il caldo del sole e la tempesta di ieri… E poi,... ragiona!... guarda bene la spiaggia: é lunga, lunghissima, immensa!... il Sole é già alto e rapido sale. Le piccole stelle marine son tante, milioni, miliardi... quante potrai salvarne tu, raccogliendole una ad una e ributtandole in mare? qualche dozzina? due o tre manciate? sono nulla, nulla... che differenza vuoi che faccia il tuo piccolo impegno? eh? che differenza?...»

Il bimbetto, con fra le dita la piccola nera stellina fremente ancora di un soffio di vita rimane interdetto. Guarda l'Uomo saggio, e non sa bene che dire, non sa cosa capire. Ma è un attimo, poi con rapido gesto della mano lancia la stellina nel mare:
«Per lei, per lei almeno, la differenza la fa, eccome!».


Lucio Musto data incerta parole 416

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum