Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Mente, sesso e identità di genere oltre gli stereotipi

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
La maschilità e la femminilità sono due archetipi fondamentali della mente umana ma non per questo si tratta di idee chiare. Gli stereotipi si sprecano e sono tutti incentrati sulla contrapposizione dei due elementi: il maschile è tutto ciò che dà impulso, femminile è ciò che riceve l’impulso, e il femminile, ovvero ciò che si lascia attivare e fecondare, porta in gestazione, fa nascere ed alimenta. In realtà non soltanto, pur essendo certe caratteristiche associate in genere al sesso biologico, l’energia psichica è unica, ma soprattutto ogni essere umano, nel suo cammino evolutivo, deve tendere a sviluppare in sé, in modo armonico sia le qualità maschili che quelle femminili. E’ importante osservare che l’embrione umano, nelle prime dieci settimane di vita, è sessualmente indifferenziato. Gli apparati sessuali si sviluppano e si differenziano dopo di allora. Ma ogni individuo conserva anche nell’età adulta tracce anatomiche dell’altro sesso.
Quanto influiscono gli aspetti “biologici”sullo sviluppo psico-sessuale e quanto possono interferire le influenze socio-ambientali?
E’ evidente che la cultura influisce in modo incisivo sui comportamenti umani. La nostra cultura ha impresso, fino a non molto tempo addietro, una tendenza a trasferire alla sfera psichica le differenze biologiche fra i sessi, identificando il maschile con gli uomini ed il femminile con le donne.
Infondo, solo sul piano fisico il sesso è, in genere, ben definito; invece sul piano emotivo e su quelli mentale e spirituale c’è una grande varietà di sfumature. Il sesso psichico può essere quindi diverso da quello fisico. Ed il fine di ogni persona, maschio o femmina che sia, dovrebbe essere quello di sviluppare armonicamente tutte le potenzialità psichiche, sia di tipo maschile che femminile.
Cosa ne pensate?
Davvero maschilità e femminilità sono così tipizzabili?
Dove sta l’origine della dicotomia tra maschilità e femminilità?
Essa è naturale o piuttosto indotta?
In che modo identità sessuale e sesso biologico si collegano?
Davvero la mente umana armonica è un androgino?

Vedi il profilo dell'utente
2
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Eh sì! Un androgino come la"Gioconda"di leonardo.

imbarazzo

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum